Gianluca D’Andrea – Inediti

Sul viso queste linee perfette
che la luce bagna appena
rendendo

linee dall’alto che sfaldano la luce
ricadendo sulla bambina che dorme,
sui lineamenti dritti, dolci, verticali

il viso della bambina è diverso
cambia come il giorno
come ogni giorno cambia
per assomigliare a se stessa, diversa,
al diverso che cederà nel nulla
che già l’accompagna, rendendo
possibile la sua presenza attuale,
eterna.

Sul viso quelle linee perfette
ogni giorno perfette nella loro incoerenza
col perfetto, che è sempre visione.

La mia visione è qualcosa che vuole arrendersi
e non celebrare.
Ancora, ogni tanto, combatto con la mia resa,
la lingua diventa l’eco di un campo,
una lancia sospesa nel lancio,
non cade, continua a saltare
da un obiettivo a un altro,
la mia resa non ha obiettivi,
non sa definirsi, si bagna appena
rendendo

***

ASPETTAVO LA STORIA DI UN QUADRO MILLENARIO

Vedevo lo spettro nell’immagine
lenta, che rallentava gradualmente
fino a bloccarsi; per un istante
le figure si muovono appena:
case sullo sfondo, dentro un parco
bambini e famiglie, madri per lo più,
compiono le loro azioni necessarie.
I colori vividi di un pomeriggio di aprile,
caldo – dentro il quadro mia figlia e mia moglie
nel loro angolo, sedute sulla ghiaia.
Aspetto ancora un po’ prima di entrare,
ho il tempo di sperare che qualcuno
colga da un altro spiraglio il quadro,
che il tempo senza tempo sia ricordato
in molti modi, senza nostalgia,
senza la mia stessa speranza,
nell’oblio di un ricordo che non può essere ricordato,
nella compassione lontana
di chi, alla deriva, non ne sa parlare.

5 pensieri su “Gianluca D’Andrea – Inediti

  1. Belli questi testi di Gianluca D’Andrea, autore già conosciuto ed apprezzato in altre occasioni per questa ieraticità minimale, per questi ritagli di tempo e spazio incollati al proprio repertorio.
    Prende forma e consistenza questo album netto e mai emotivo, con un’inquadratura che oggettiva la storia personale tentando di tradurla (di condurla) fuori dal contingente (utile l’uso delle nominazioni generiche, mia figlia, mia moglie, che non abbassano il dettato, bensì lo cristallizzano).
    Spero di leggere presto altri versi come questi,

    mdp

    "Mi piace"

  2. Pingback: Gianluca D’Andrea – Inediti su La Poesia e Lo Spirito | Gianluca D'Andrea

  3. Grazie ad Enrico per l’attenzione che dedica ai miei testi e grazie per il pensiero a Marco Di Pasquale che mi aiuta capire “l’inquadratura” con cui tento di conservare, comprendere.

    "Mi piace"

  4. Pingback: Gianluca D’Andrea – Inediti | lo Stretto (altri passaggi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.