46. Per sempre

da qui

Li guardi, a uno a uno. Provi per loro un amore senza limiti, perché sei tu che li hai chiamati, sei tu che li hai cacciati in questo guaio. A volte ti viene una specie di rimorso: e se li avessi lasciati alle loro attività? Se avessi preferito che le loro vite continuassero a scorrere tranquille, evitando le tempeste spaventose della conversione, che li costringe a guardarsi fino in fondo, a scontrarsi con la parte di loro che, da soli, non potrebbero correggere? Immagini la loro esistenza senza te: la pesca nel lago, l’esazione delle imposte, le scene quotidiane dei pasti, delle chiacchiere fuori, sulla porta di casa. Sarebbero invecchiati come gente normale, che si volta indietro e ringrazia l’Altissimo per un destino senza scosse, per gli anni di lavoro e di semplici affetti famigliari. E invece eccoli qui, alle prese con le tue esigenze, assurde e dure, con la paura di non farcela, con l’impressione, a volte, d’essere portati a spasso da un pazzo visionario che non raggiungerà mai i traguardi prefissati. Perché il Padre ha scelto proprio loro? Te lo chiedi spesso, ma non riesci a darti una risposta. L’unico motivo che ti viene in mente è che, nonostante tutto, sono ancora qui, docili come pecore che seguono il pastore, fiduciosi come bambini condotti per mano dalla mamma e dal papà. Saranno pronti per quello che adesso gli dirai?
Vi do autorità e potenza su tutti i demoni e di curare malattie.
Ti guardano spaesati, come sempre.
Andate a predicare il regno di Dio e a guarire gli infermi.
Un’espressione di terrore attraversa i loro volti: andare a predicare? Ma se ancora non hanno capito un accidente!
Non prendete nulla per la via, né bastone, né bisaccia, né pane, né monete d’argento. Non abbiate due tuniche. In qualunque casa entriate, mangiate quello che vi mettono davanti, anche se è cibo di pagani. Se non vi accolgono, scuotete la polvere dei piedi contro loro.
Il rimorso si riaffaccia all’improvviso, ma poi ricordi che è stato il Padre a sceglierli, a trovare, in quegli uomini modesti, qualcosa che lo ha fatto decidere, per sempre. Sì, perché Dio chiama per sempre, è inutile che torni a pensare alla tua casa, ai tuoi parenti, alla rete da pesca e al banco delle imposte. Lo capisci? Sempre e per sempre, oppure mai.

12 pensieri su “46. Per sempre

  1. Leggendo il post mi sono tornate alla mente le parole ascoltate nell’omelia di ieri: se la scelta è una scelta libera e fatta con amore anche se difficile è il Paradiso.

    "Mi piace"

  2. L’ amore di Dio è eterno. Quando ci chiama ci chiama per Sempre. Lui non si dimentica mai di noi, e anche se nistra madre si scordasse di noi ,Lui! Non ci abbandonerebbe mai.

    "Mi piace"

  3. Per esperienza credo che la chiamata di Dio sia sempre e per tutti (inutile accampare scuse del tipo: ” forse qui non c’è campo”).
    Il problema nasce sulla risposta dell’uomo a Dio…se c’è e soprattutto se è quella corretta nelle intenzioni e nei modi.
    Troppo spesso ci sentiamo discepoli di Gesù ed invece lo siamo solo di noi stessi e di chi ci è più gradito.

    "Mi piace"

  4. IL NOSTRO DIO È FEDELE PER SEMPRE!

    I. Il Dio della pace vi santifichi fino alla perfezione, e tutto quello che è vostro, spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo. Colui che vi chiama è fedele e farà tutto questo. (1 Ts 5,23-24)
    L. La sua fedeltà ti sarà scudo e corazza; non temerai i terrori della notte né la freccia che vola di giorno, la peste che vaga nelle tenebre, lo sterminio che devasta a mezzogiorno. (Sal 91,5-6)
    N. Non sono finite le misericordie del Signore, non è esaurita la sua compassione; esse son rinnovate ogni mattina, grande è la sua fedeltà. (Lam 3,22-23)
    O. O Signore, la tua grazia è nella tua fedeltà fino alle nubi! (Sal 36,6)
    S. Se noi manchiamo di fede, egli però rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso. (2Tim 2,13)
    T. Tu, nostro Dio, sei buono e fedele, sei paziente e tutto governi secondo misericordia. (Sap 15,1)
    R. Riconoscete dunque che il Signore vostro Dio è Dio, il Dio fedele, che mantiene la sua alleanza e benevolenza per mille generazioni, con coloro che l’amano e osservano i suoi comandamenti. (Dt 7,9)
    O. O Signore, sei potente e la tua fedeltà ti fa corona. (Sal 89, 9)
    D. Dio è fedele e non permetterà che siate tentati oltre le vostre forze, ma con la tentazione vi darà anche la via d’uscita e la forza per sopportarla. (1 Cor 10,13)
    I. Il Signore è fedele; egli vi confermerà e vi custodirà dal maligno. (2 Ts 3,3)
    O. O mio Dio, ti renderò grazie sull’arpa, per la tua fedeltà; ti canterò sulla cetra, o santo d’Israele. (Sal 71,22)
    È. È forte il suo amore per noi e la fedeltà del Signore dura in eterno. (Sal 117,2)
    F. Fedele è Dio, dal quale siete stati chiamati alla comunione del Figlio suo Gesù Cristo, Signore nostro! (1 Cor 1,9)
    E. Eterna la sua misericordia, la sua fedeltà per ogni generazione. (Sal 100,5)
    D. Diritto e giustizia sono la base del tuo trono, grazia e fedeltà precedono il tuo volto. (Sal 89,15)
    E. Egli si è ricordato del suo amore, della sua fedeltà alla casa di Israele. (Sal 98,3) L. La tua fedeltà dura per ogni generazione. (Sal 119,90)
    E. Egli è fedele per sempre. (Sal 146,6)
    P. Per fede Sara, sebbene fuori dell’età, ricevette la possibilità di diventare madre perché ritenne fedele colui che glielo aveva promesso. (Eb 11,11)
    È. È retta la parola del Signore e fedele ogni sua opera. (Sal 33,4)
    R. Rendo grazie al tuo nome per la tua fedeltà e la tua misericordia. (Sal 138,2)
    S. Se riconosciamo i nostri peccati, egli che è fedele e giusto ci perdonerà i peccati e ci purificherà da ogni colpa. (1Gv 1,9)
    E. È grande fino ai cieli la tua bontà, e la tua fedeltà fino alle nubi. (Sal 57,11)
    M. Manteniamo senza vacillare la professione della nostra speranza, perché è fedele colui che ha promesso. (Eb 10,23)
    P. Poi vidi il cielo aperto, ed ecco un cavallo bianco; colui che lo cavalcava si chiamava “Fedele” e “Verace”: egli giudica e combatte con giustizia. (Ap 19,11)
    R. Ricordati, Signore, del tuo amore, della tua fedeltà che è da sempre. (Sal 25,6)
    E. E alla mia fedeltà non verrò mai meno. (Sal 89,34)

    "Mi piace"

  5. Per sempre: due semplici parole che hanno il peso di un macigno. Ci vuole coraggio a pronunciarle, coerenza, responsabilità, altrimenti… meglio tacere. Ma siamo davvero capaci a valutare la giusta unità di misura per queste due parole? Come esseri umani, credo proprio di no! Siamo spesso sballottati qua e là da insani metri di giudizio, chiusi dentro una società che ci timbra con un numero, con una faccia di plastica, pronta a nascondere segni del peccato e cicatrici di dolore, ingranaggi sparsi di un meccanismo imperfetto che può arrendersi solo alle prime luci dell’alba, luce abbagliante di un sole in cui riusciremo finalmente a perdonarci e perdonare l’altro. Allora sarà per sempre, inevitabilmente.

    "Mi piace"

  6. Come sarebbe la mia vita senza Dio?
    Non lo so,mi viene difficile immaginarla. Ci sto provando farmi ricordare mia vita senza Dio,ma non lo trovo,perchè Dio sempre,di più o di meno, era presente nella mia vita,da sempre.
    Primo mio ricordo è quando ero ancora bambina.Era la notte,tutti stavano dormendo e io stavo piangendo perché genitori di nuovo mi hanno menato ingiusto.Stavo piangendo e improvvisamente ho sentito una mano che mi stava accarezzando la guancia e una voce che diceva: tutto andrà bene,tutto andrà bene.Ho aperto gli occhi,ho guardato intorno, non c’era nessuno,davanti a me solo una luce, e questa deliziosa mano che mi accarezzava la guancia.
    Per un periodo questo ricordo mi aiutava affrontare tutte le disgrazie.
    Anni di adolescenza, era un periodo che con tutto sforzo cercavo di ignorare la presenza di Dio,anche se sentivo la Sua presenza, che anche spesso mi tirava fuori da guai,però io,con lo stupore di maniaco, cercavo di ignorarla, perché io sono io e sono capace di camminare da sola. Andavo alla mesa in domenica e giorni festivi e tutto qui. Solo in momenti di disperazione mi inginocchiavo davanti a Lui e chiedevo aiuto o mi litigavo:perchè mi fai questo?!
    Poi era arrivato mi periodo di chiusura,era la mia morte.
    Ho conosciuto don Fabrizio e ho cominciato di risvegliarsi.
    E arrivato un periodo di litigi con Dio. Cioè, io di nuovo mi litigavo con Lui urlando: perché ti sei fissato a me?! Io non ho la voglia di diventare una santa!!! Volio avere una vita normale! Cosa vuoi da me?! Io non lo voglio!
    Ma Dio ci stava comunque con me, “con i calci” mi tirava fuori da guai, non mi voleva lasciare sola.
    E adesso? Adesso non so cosa farei senza di Dio. Perché ho scoperto che con Dio la vita è diventata facile e felice. E anche se mi troverei sdraiata per terra con la faccia nel fango,rimango tranquilla, perché lo so che probabilmente devo attraversare anche questa esperienza, però sono sicura che adesso viene mio Dio e mi tira fuori e mi mette sulla mia strada.
    Non so quale è mio destino,non so dove sta mia meta,pero come mi fido di Lui,perchè Lui è meglio di tutti migliori amici,allora lo so che quando non saprò più dove andare Lui viene,mi prende la mia mano e mi aiuta attraversare la strada.
    Come sarebbe la mia vita senza Dio?
    Non lo voglio neanche di immaginarla.

    "Mi piace"

  7. “Sì, perché Dio chiama per sempre” si, per sempre anche a nostra insaputa…
    Lo sperimento tutti i giorni quando mi sveglio, cammino, ma sento che mi ama solo quando mi guardo dentro e mi sento in pace… perché conosco il cammino: servire il fratello sempre e comunque.
    Solo lì c’è Dio, in quel piccolo posto chiamato cuore.

    ernestina.

    "Mi piace"

  8. Che sempre io abbia amato
    Te lo provo:
    Prima d’amare mai vissi – Abbastanza
    E che sempre amerò ti darò certezza:
    amore è vita e mai la vita muore.

    E. Dickinson

    "Mi piace"

  9. Dio conosce il tuo nome.
    Prima che tu nascessi, Dio ti conosceva: ti ha chiamato e sei venuto al mondo.
    Ti chiama per nome perchè ti ama da sempre!

    "Mi piace"

  10. – Lo capisci? Sempre e per sempre, oppure mai.

    “Mamma, tu hai capito che io devo vivere la mia vita e non la tua? Quando Dio chiama, le mezze misure non servono.” (dalla testimonianza di Fede di una consacrata dell’Ordo Virginorum)

    "Mi piace"

  11. ”Per sempre”

    Non riesco a pronunciare un ‘per sempre’ per dichiarazione. Credo più, o meglio, mi sento di sostenere, a una somma di quotidiani ‘si, lo voglio’, ‘lo desidero’ ad agganciarsi a quel filo eterno di energia che è l’incontro e la scoperta del bene.

    "Mi piace"

  12. PER SEMPRE
    Beati pescatori e gabellieri scelti e per sempre da Colui la cui
    carne, già pronta a morire, nasconde il Paradiso.
    Per loro, nel cuore del Maestro divino, quasi un rimorso per il
    domani nel sangue del martirio, ma uomini, come alberi radica-
    ti alla terra, chiamati a voli radenti le stelle.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.