Albertino

da qui

Difficile pensare ad una festa
in cui non risuonino la tua voce
gracchiante, le tue grida
felici. Ecco: sarà la passione
ingenua, pura, quella convinzione
della bontà dell’altro, la certezza
che poteva venirti solo il bene
da chi ti stava accanto. Ora è tutto
finito, anzi, comincia, come sempre:
da qui al paradiso sarà un passo
per te, che sei crollato all’improvviso
come le torri, l’undici settembre.

11 pensieri su “Albertino

  1. Ci sono persone che è impossibile non amare e dalle quali c’è sempre tanto da imparare.
    Albertino lo conoscevo poco, ma mi basta vedere quanto era grande il vostro amore per lui, gli occhi lucidi dei tanti che oggi mi hanno cercata per darmi questa triste notizia e per invitarmi a salutarlo l’ultima volta, per capire che Albertino era una di queste…

    "Mi piace"

  2. grazie Fabrizio,
    bella poesia! hai fatto una fotografia di lui, coi tuoi versi che.. chiunque la legga lo può vedere anche non conoscendolo, un modo davvero dolcissimo!!!
    E’ vero a lui basterà davvero un passo per arrivare in Paradiso.. anzi credo che quando era tra noi lui ci fosse già.

    Mi dispiace non aver potuto arrivare in tempo!
    caro Albertino prega per noi, tu che sei già un angelo.

    ernestina

    "Mi piace"

  3. ”quella convinzione
    della bontà dell’altro”
    Una lezione di fede, di buona fede, con il respiro pulito e semplice della vita. Sprigiona una grande tenerezza, che emerge anche nelle parole di questa poesia.
    Grazie, Albertino. E grazie Don.

    "Mi piace"

  4. E’ vero quanto dice F, caro Fabrizio. E questa poesia è un’espressione della tua grande anima, di quel tuo sguardo panoramico , affettuoso, tenerissimo , dolcemente ironico , a volte , che traguarda e tratteggia, colora , ma anche illumina, abbraccia e dà senso alle nostre povere esistenze. E’ quell’amore che aiuta a vivere , a durare, a sperare, sempre.
    Un abbraccio forte.
    Augusto

    "Mi piace"

  5. Nella lavanda dei piedi, il giovedì santo, si ricorda il momento in cui Gesù compì un atto di estrema umiltà, lavando i piedi ai Suoi discepoli e in questo modo Egli volle ribadire l’insegnamento per cui un uomo ha tanto più diritto d’entrare in Paradiso quanto è più umile verso il prossimo. Nella nostra parrocchia Albertino eri uno di loro, un degno discepolo !
    Ciao, Albertino, ti abbraccio forte come sapevi fare tu.
    Valeria

    "Mi piace"

  6. “Non dobbiamo avere paura della bontà, e neanche della tenerezza”, le parole di Papa Francesco nel suo discorso di intronizzazione.
    Albertino questa paura non l’aveva e questi versi, altrettanto ricchi di tenerezza, lo testimoniano appieno.

    "Mi piace"

  7. E’ poco che lo conoscevo, perchè è poco che sono con voi….il mio ricordo è il suo ripetere, un cantilenare avemarie la mattina prima della messa, quasi guida di un rosario, non potevi non seguire quel suo pregare, un passo prima degli altri, con la sua fede pura, semplice.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.