78. Per le loro strade

da qui

Ma forse non hai affrontato i nodi più difficili. C’è male e male, certi danni non sono riparabili e segneranno per sempre la carne delle vittime. Le parole, in certi casi, hanno il dovere di colpire duro.
Guai al mondo per gli scandali! E’ necessario che avvengano: tuttavia, guai agli uomini per mezzo dei quali avvengono gli scandali.
Sono nel panico, di nuovo: si sentono afferrati dalla solita domanda: sono forse io?
Ed egli rispose: colui che ha intinto con me la mano nel piatto, quello mi tradirà. Il Figlio dell’uomo se ne va, come è scritto di lui, ma guai a colui dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito; sarebbe meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!
Continuano a guardarsi attoniti, l’un l’altro.
Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui se gli legassero al collo una pietra da mulino e lo gettassero in mare.
Questo riescono a capirlo: si accorgono di quanto investi perché anche un uomo solo possa giungere alla fede; sanno quanto sia problematico cambiare vita. Ma li spiazzi un’altra volta.
Se tuo fratello pecca, va’ e riprendilo fra te e lui solo. Se ti ascolterà, avrai guadagnato tuo fratello.
Pietro è agitato da paure e resistenze, ed è troppo sincero per tenerle dentro.
Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello? Fino a sette volte?
Lamech disse alle mogli: Ada e Zilla, ascoltate la mia voce, porgete l’orecchio al mio dire: ho ucciso un uomo per una mia scalfittura, e un ragazzo per un mio livido. Sette volte sarà vendicato Caino, ma Lamech settanta volte sette.
Lo fissi come quando vuoi dire qualcosa d’importante.
Non ti dico fino a sette volte, ma settanta volte sette.
Ecco, li hai stesi: è impossibile venirti dietro. Qualcuno si volta verso il lago, per affogarci i dubbi, l’istinto incontenibile di fuga. Un altro respira profondo e poi ti sussurra, a voce bassa:
Signore, aumenta la nostra fede.
Ti chini a carezzare l’erba. Sono convinti che non possa accontentarli: voli troppo alto, per loro e per chiunque.
Se aveste fede come un granello di senape, potreste dire a questo gelso: sràdicati e piàntati nel mare, e lui vi obbedirebbe.
Come sarebbe un mondo senza cielo? Se lo chiedono spesso, da quando hai cominciato a camminare per le loro strade.

12 pensieri su “78. Per le loro strade

  1. Come sarebbe un mondo senza cielo?
    Come un mondo senza Dio sarebbe un mondo senza amore, senza colore ,senza una rosa che nasce dal deserto!

    "Mi piace"

  2. Settanta volte sette, cioè 490 (in ebraico tamim).
    Una parola che significa, perfetto, completo…come il perdono che vale solo se è all’infinito.

    "Mi piace"

  3. Quante volte debbo perdonare? A Te, Maestro, sale una implorazione sapendo quante volte si è stati perdonati, quanto si è desiderato essere perdonati, amati, ogni giorno, ogni momento, la misura del perdono è dettata dalla corruzione, figlioli prodighi l’uno dell’altro e tutti di Te, Signore” rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori”; nelle ferite si anela ad uno spirito nuovo, alla intimità col Padre, un ritorno alla veste originaria, preziosa, che avvolge di santità.
    E poi il timore di guardarci dentro:
    “la refurtiva,
    forse il delitto pensato,
    la fedeltà mai esistita”.
    Ogni volta si desidera essere perdonati, ogni volta si deve perdonare, una migrazione difficile dall’inferno al paradiso, una divina fatica che implora nella sua impotenza a Te:
    “Amore che sì teneramente
    mi ricomponesti dopo la rovina”.

    "Mi piace"

  4. Gesù ci accompagna e ci precede sulla strada, nel cammino di salvezza, e Maria, con il suo manto azzurro cielo di stelle, fa da bussola, da luce guida, e ci indica la direzione giusta dietro al Figlio, per non smarrirsi.

    "Mi piace"

  5. quella del perdono è una faccenda tosta: a Hitler e a Pinochet non vorrei perdonare nulla, ma neppure agli inglesi che pianificarono lo sterminio scientifico di Dresda o agli americani che ordirono i peggiori colpi di stato, dal Cile in poi. Mi pare che un conto sia il perdono pubblico di crimini commessi senza appello e comunque sempre da qualcuno in carne ed ossa, e un altro sia la storia personale del cuore di ognuno, che gli “altri” mai conoscono sufficientemente.

    "Mi piace"

  6. @Sparz
    scusa che mi permetto intervenire nel tuo commento
    lo so che a volte perdonare è molto difficile, si sembra impossibile, ma conosci Massimiliano Maria Kolbe? Lui è morto in Auschwitz, e ha perdonato a tutti loro,lo stesso.
    Perdonare a volte è difficile, ma è possibile.

    "Mi piace"

  7. “Ma forse non hai affrontato i nodi più difficili. C’è male e male…”
    come si dice-non è mai così male,perchè sempre può essere peggio.

    "Mi piace"

  8. “Come sarebbe un mondo senza cielo?”
    Vero. Come?
    Si vive meglio con la speranza che c’è Dio che ci aiuta; si vive megliosapendo che un giorno si finiscono tutti dolori; si vive meglio sapendo che un giorno arriviamo dove sta amore, dove sta solo bene.

    "Mi piace"

  9. Ascoltare la Parola per-donare il Suo messaggio, a noi stessi ed agli altri, quel messaggio che ci permette di guardare nel profondo della coscienza, di riconoscere i propri errori per i quali chiedere il perdono e, con il Suo aiuto, trasformare le offese ricevute in uno stato di liberazione che tolga ogni traccia di risentimento e di inutile orgoglio. Ancora una volta, un dono: ricambiare gli occhi, uno con l’altro.

    "Mi piace"

  10. Il cielo è il più grande dono di Dio, ci basta alzare gli occhi per ritrovare un punto di riferimento e la certezza di uno sguardo attento sulle nostre teste distratte.

    "Mi piace"

  11. Come sarebbe un mondo senza cielo?

    ..un cielo che a volte si incontra „ai confini del mondo“, quando arrivano toccare il proprio limite la volontà, persino la propria visione del credere, e diventano un avamposto in cui scoprire una forza che ci è data, come un regalo d‘amore.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.