Per Antonello

da qui

Mi domandi il perché di un Dio violento,
e di come possa accogliere l’alto
tradimento, palese violazione
del politically correct, del manto
steso sui conflitti forti, gli impicci
storti della vita vera, non l’altra,
fabbricata per compiacere tutti,
per sdoganare l’io coi suoi capricci.
Mi trovi incerto, amico, nel risponderti:
dovrei augurarti di scoprire dentro
i tuoi giorni quel male che è impossibile
strappare, la radice velenosa
scorrettamente immessa dal nemico
nella terra promessa: se qualcosa
riuscirà a sradicarla dovrà avere
la stessa potenza, scatenare
la stessa guerra. Perché te lo dico?
A rispondere è solo l’esperienza.

7 pensieri su “Per Antonello

  1. Gesu’ si e’ fatto uomo, si e’ fatto peccato, dimostrandoci che e’ dalla morte che si risorge, non dalla vita. Pertanto la “violenza” che ci porta alla vita e’ essa stessa dono.

    Mi piace

  2. Ogni giorno impariamo le cose nuove, per tutta la vita raccogliamo nostre esperienze. E così andiamo avanti…imparando, crescendo, migliorando.
    E penso che proprio i traumi fanno uscire fuori nostro vero io.

    Mi piace

  3. “”se qualcosa / riuscirà a sradicarla dovrà avere / la stessa potenza, scatenare / la stessa guerra””, io non credo in un Dio violento, non credo di voler mai, di fronte a nessuna offesa, scatenare la stessa guerra, la “stessa guerra”, capisci? No, no, credo che nessun Dio abbia mai scritto quegli ignobili capitoli dell’Antico Testamento nei quali si esalta lo sterminio di interi popoli, donne e bambini esemplarmente compresi; come mai quelle donne e quei bambini non erano compresi nell’amore divino? Dopodiché, le guerre che invece ognuno combatte dentro di sé per le proprie storture e per le sempre presenti piccole o grandi perversioni, sono ovviamente altra cosa, che non tocca il rispetto per l’altro.

    Mi piace

  4. Quanto è difficile scorgere, riconoscere il Dio di misericordia, dell’amore oltre ogni misura nelle storture, nelle mancanze, nelle ingiustizie che ricolmano la vita. Ma vorremmo vederlo lì, a tutti i costi, con quel volto che si specchia nel mondo, presente, anche , proprio nel nostro mondo violento e ingiusto. Lì accanto a noi, con quelle stesse dure e implacabili logiche. Per non rischiare di non trovarlo, o per non scoprirci soli……

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.