Maria Allo, Al Dio dei ritorni

1512832_10201296045626365_821567899_n (1)
di Gloria Gaetano

Maria Allo è una delle voci più intense, vitali e addolorate del nostro sistema letterario, ma riesce anche a conservare una magia sottile, pensosa, a volte anche ironica.

“siamo terra ferita di uno stesso paese
unico e molteplice turbine
tra le rovine
decomposta polvere dentro
le parole”.

Tutte le sue pagine, il suo dolersi si compone in versi di musicalità rarefatta, col garbo e il passo lieve di chi sa la misura e ne rispetta l’interno suo farsi . E’ così che sa togliere pesantezza alla sostanza più cruda della vita, addolcendo i tratti della fatica, che pure avverte, e sorvegliando la pena perché non sconfini e si faccia affanno disordinato nelle mani che non saprebbero più governarlo.
“…le tempie del cielo come rogo
su fatti di ogni giorno”.
In questi versi racconta i frammenti misteriosi, le soglie invisibili che non sappiamo schiudere, che ci fanno avvertire la distanza – una certa negata libertà – e che ci costringono a fare i conti con ciò che ci è dato, negli elementi naturali, nelle sinestesie, nei suoni, nel silenzio che rinomina le cose-poco forse, certamente non l’eccesso , la sovrabbondanza che frena l’espansione del lettore che entra in sintonia con la sua sensibilità appassionata eppure controllata.
L’autrice racconta del nostro quotidiano districarsi tra limite e limite, del nostro essere immersi nella natura (dalla sua Sicilia ridondante), fatta anch’essa di epifanie e confini (e i limiti che pone sono i respiri sospesi più belli), un lieve contrappunto musicale che sa essere loquace per l’orecchio.
E riesce a cogliere echi e risonanze col proprio vivere di passi incerti nel tempo in cui sembra di sentire il contrappunto musicale, sovrimpresso nel silenzio di fondo.
E le parole e il mondo sono uguali, curate, levigate, dure alla ricerca della perfezione.
Maria sa trovare nella natura consiglio o coincidenza , che compare nella folata di vento di una serata di autunno, dove l’isola può nascere in ogni minuto dalla sua terra che muore di calura, mentre tutti i segreti tormenti si riducono a pietra porosa e scalfita.
La sua è una ricerca accurata di segni, di schiarite al turbamento, di fermi più clementi, nel suo intimo colloquio con il tempo che va si facendo ancora più limpido quando è dedicato a luoghi,persone care e vicine o a dipinti,foto che hanno colto bene squarci di stupore.
Non è poi così strano che la sua poesia mi ricordi molto il canto di un grande soprano.
Nelle voci che emergono dal profondo sè, qualsiasi aurora o durezza della vita si leva sempre come un soffio che sa accarezzare le parole addolorate, che consola con un lirismo naturale, liquido e spontaneo.
La conversazione di Maria con la vita può solo somigliare alle parole che vorrebbero per un po’ quietarla, o venir trasformate in “magie alchemiche leggere, se lo sguardo è felice e in stato di grazia.
In ognuno dei suoi ‘fragmenta’, il timbro è sempre nitido, elegante e concentrato in “grammi puri” di bellezza.
La costruzione e la concentrazione di questo io lirico vuole essere una personale e tenace risposta ai problemi fondamentali del fare poesia nel nostro tempo (la crisi intima dell’autore, del soggetto, della letteratura). Nell’epoca in cui il Soggetto ha perso la sua unità, in cui l’Autore e la Letteratura sono orfani del loro ruolo e dei loro modelli tradizionali, in cui la Forma cede al Magma, Maria sceglie di imprimere alla sua voce un timbro fermo, teso a contenere ogni febbre, ogni smarrimento e ogni delirio nella fortezza di una pace profonda, di una quiete solenne, nella sovrana distanza di uno sguardo siderale e in acuta sintesi di pensiero e intuizione profonda.

13 pensieri su “Maria Allo, Al Dio dei ritorni

  1. La prima volta che ho letto una poesia di Maria, sono rimasta colpita dalla sua voce di poeta consapevole, densa di emozioni e di pensieri. Ma è soprattutto la struttura compatta ,solida del tessuto verbale, la scelta delle parole, le immagini che mi hanno incantato.E’ un grande talento , che arricchisce l’ espressività femminile.

    Mi piace

  2. Pingback: Al dio dei ritorni su ” La poesia e lo spirito” | scritture

  3. La poesia di Maria esprime emozioni intense e nello stesso tempo delicate, arriva come comunicazione preziosa, da dirsi sottovoce, anche quando tratta del dolore.
    I suoi versi, forti e decisi quando occorre, in alcuni passaggi trasmettono un respiro di assoluto, un desiderio di porsi oltre le cose cui è impossibile sottrarsi.
    Leggere le sue poesie è immergersi nell’anima mundi, scandagliare con lei l’abisso, dove però il ricordo della riva è sempre presente per un possibile attracco.
    Il senso di smarrimento che a volte si percepisce, è comunque soffuso di una luce, e questa luce è la sua mente, il suo cuore.
    Molto bella questa “visione” proposta da Gloria, ne condivido pienamente il contenuto.
    cb

    Mi piace

  4. ho letto varie cose di Maria. Sono scritti di complessa profondità. Condivido molto quello che scrive Gloria.

    Mi piace

  5. Grazie per il dono graditissimo a Gloria e a questo meraviglioso spazio !
    Ringrazio Cristina e Manlio per la generosità
    insieme ad un grande augurio e ad un abbraccio
    Maria

    Mi piace

  6. Visito spesso il blog di Maria e ho letto e riletto la silloge . La sua poesia si affida a costruzioni vive di immediate intuizioni e di trame concettuali ordite con lucida intelligenza.La tensione lirica che sostiene la sua poetica
    non è mai fine a se stessa , ma viene più spesso piegata alle esigenze di un discorso altro. Scrive Cetta Petrollo Pagliarani nella prefazione alla silloge:
    “L’autrice non manca mai di dirsi e dire,come ,ad esempio,questa centrale per ogni esperienza di vissuto femminile e del suo porsi continuamente a rischio per risorgere:” non puoi fermarti/ per quelle voci sull’argine/ disfiora un morire sul nascere”.
    Complimenti a Gloria Gaetano e a Fabrizio Centofanti
    Un abbraccio a Maria
    a.bemporad

    Mi piace

  7. Maria! Sostanza divina d’eternità. Questo ho sempre sentito e pensato. E niente niente,neppure la sofferenza più cruda potrà offuscare la luce misteriosa che ogni parola lascia. Fosse anche l’improvviso repentino della notte.
    Mirka Bonomi

    Mi piace

  8. Pingback: La nostra cara Maria Allo… | l'unico Blog ufficiale di Gabriele La Porta

  9. Leggere i versi di questa Poetessa, introdotti da una Gloria Gaetano che ha saputo arricchire l’opera con la sua bella ed azzeccata presentazione particolarmente appassionata e partecipe, è veramente emozionante. Nelle poesie di questa autrice si percepisce lo sfogo dolente e indefinito, la natura di “DONNA” sofferta, con un carattere genuino, schivo, melanconico e fecondo, congiunto ad una profonda nobiltà d’animo. Con il suo grande talento, la sua arte poetica pulita ed efficace, questa straordinaria autrice sa trasmettere le sue autentiche, intense emozioni a tutti coloro che la amano e al vasto pubblico che ha la fortuna di leggerla. Per me, quando la leggo, è sempre un grandissimo dono. … Allo, la prego: continui a scrivere!

    Mi piace

  10. Conosco bene le poesie di questa grande donna, oltre che poetessa. Adoro la sua sensibilità e il suo modo di sentirsi “a suo agio” con le parole, come se “poetare” fosse per lei la cosa più naturale al mondo. Aspetto adesso di leggere questa nuova silloge, convinta che non ne rimarrò delusa!

    Mi piace

  11. Ho iniziato a leggere le poesie di Maria Allo esattamente due anni fa , ho avuto la possibilità di conoscerla e di apprezzarla come donna e soprattutto come POETESSA . Posso dire che grazie a questa grande donna ho iniziato ad apprezzare la poesia ,a capirla . Adesso sento il bisogno di leggere poesie, mi ha fatto apprezzare un modo per me sconosciuto !
    Non vedo l’ora di leggere questa nuova silloge !

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.