“BUONA LETTURA” 5. “MARGINI. STORIE DI DONNE E DI UOMINI SENZA STORIA”

di Mara Pardini

Buona lettura è una rubrica curata da Mara Pardini. Uno spazio per “assaggiare” libri buoni, ovvero utili, piacevoli, intelligenti, capaci di lasciare un segno nell’immaginazione di chi li sfoglia.
Un taccuino per catturare le impressioni, i messaggi e le parole che escono di pagina in pagina ma anche per incontrare scritture nuove e legate all’attualità.
Un angolo per parlare di libri e condividere il gusto di una buona lettura.

Zena RoncadaC’è il sapore intenso e partecipe delle “cose che tengono” e che regalano una quieta compagnia. E ci sono i colori che il Po rilascia verso sera, quando l’afa si allontana. E i lavori dell’orto, del frutteto, lo sfrigolio dei panni dimenticati ad asciugare, gli amori e la vita racchiusi nelle stanze senza umidità, nelle parole melodiche e parlate, quelle che “hanno il loro solco e sono belle chiare”.
Ecco gli attori silenziosi dei quarantasei racconti scritti da Zena Roncada dal 2003 al 2013, alcuni già apparsi in rete, altri inediti, che ora la casa editrice Pentàgora pubblica, a cura di Lucia Saetta, in Margini. Storie di donne e di uomini senza storia.

Una lettura delicata, dove Zena Roncada ci fa entrare in una dimensione particolare, riservata, in cui ci possiamo avvicinare al confine con un mondo capace di “aprire le porte che separano i tempi dai luoghi”.
Un mondo – quello dell’arte “del vivere con poco” – che viene raccontato in una dimensione intimistica e che fa irruzione nei riverberi più nascosti della vita, nei suoi rumori e odori, negli affetti e nelle sofferenze, mai riprodotti ma sempre rappresentati nella loro esistenza.
Gesti, movimenti, abitudini, attenzione ai dettagli di quella Bassa Padana che per un momento diventa la terra di tutti noi, sono episodi reali e universali, sbucciati dei contorni accessori.

Margini. Storie di donne e di uomini senza storia è un libro gremito di concretezza, di particolari quotidiani: il canto del gallo la mattina, il latte “che va giù di prezzo”, il cotone da filare, gli amori a forma di chianina, le calle che danno pace in una calda giornata d’estate.
Gioioso o amaro, il quotidiano impregna il racconto e il narrato è ritratto senza alcun distacco, tanto da raggiungere una piena consonanza con il lettore, chiamato a diventare complice di questo mondo fatto di sentieri lontani, di memorie, della liturgia silenziosa dei giorni che passano e che sanno suggerire l’autenticità del vivere.
E fatto di donne e di uomini che, per un momento, conquistano piccole, grandi storie in cui alita la pienezza dei sentimenti e delle cose.

La lingua di Zena Roncada partecipa direttamente gli avvenimenti, l’immediatezza delle circostanze e delle esperienze.
Le pennellate di polvere e di colori, le parole asciutte e lavorate creano una scrittura buona per parlare tanto del cuore che “frana” quanto della terra “grassa e nera” dietro il rosmarino, del letto che “tace” perchè non c’è più quel calore che sa dare il corpo addormentato e del freddo che batte sui vetri così da restarne impresso “con zampe di passero”.
Sentimenti e aneliti aggrappati alla campagna e alla riva del Po, che hanno la forza di consumarsi in minuti accenni, per ripresentarsi a noi con trepida dolcezza.

L’autrice

Zena Roncada (Borgofranco sul Po, 1950). Insegnante. Vive fra le nebbie e i pioppi della Bassa Padana, in uno degli ultimi paesi del mantovano, a ridosso del Po. È autrice di testi per la scuola. Si occupa di semiotica, linguistica e didattica dell’italiano, con scritti e interventi nell’ambito della formazione.
Ama scrivere storie che raccontano la sua terra e la sua gente, nel presente e nel passato.

La curatrice

Lucia Saetta (Vicenza, 1961). Attiva nella progettazione di modalità applicative per nuove tecnologie e nella redazione di articoli su temi economici, ha curato esperienze di comunicazione, anche attraverso il web. È stata co-ideatrice dell’iniziativa Blog&Nuvole per l’incontro tra scrittura della Rete e fumetto in collaborazione con La Triennale di Milano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...