40. Fare con l’anima

da qui

Il tema della verità non è presente nei vangeli in modo esplicito, a eccezione del testo di Giovanni, già esposto all’influenza della filosofia ellenistica. E’ Paolo di Tarso che arriva a farne un cavallo di battaglia, costretto com’è a difendere l’autentica dottrina da ogni inquinamento. In lui si trova il filone più evidente del Primo Testamento ebraico, in cui la verità coincide con la fedeltà di un Dio che si lega al popolo con un Patto irreversibile. Non parliamo di teorie, o della conoscenza ambigua della Gnosi, ma di un’esperienza vitale di salvezza, la condizione che il credente sperimenta nell’incontro incandescente col Signore. La verità, dunque, del roveto ardente, della via di Damasco, della chiamata di Levi-Matteo, immortalata – da par suo – dal Caravaggio. La parola greca alètheia – etimologicamente: uscita dal nascondimento – è in sintonia col messaggio del Cristo giovanneo, l’esegeta del Padre, colui che lo ha sottratto al nascondimento di millenni. Dio si rivela in Gesù, al punto che questi dice d’essere la stessa verità (Gv 14,6). Il portato di questa affermazione è che solo in Cristo si va oltre le apparenze e i pregiudizi, e che ogni tentativo umano – filosofico o politico, psicologico o sociale – di mostrare la realtà per ciò che è, rimane destinato al fallimento. Solo lui denuncia mezzi e metodi di venerazione degli idoli prescelti, volta a volta, per appagare la sete d’infinito delle masse: “i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità” (Gv 4,23). Per la scuola giovannea, è da questa verità che scaturisce l’azione cosiddetta giusta. “Operari sequitur esse”, scriveva San Tommaso: il soggetto è attratto dal bene-verità, e agisce secondo questa logica. Una lezione importante, in tempi di prassi senza spirito, di mistica del fare.

8 pensieri su “40. Fare con l’anima

  1. Mi ha fatto sempre pensare il perchè Gesù’ non risponde a Pilato che gli domanda: ” cos’è la verità?” .La risposta è Lui stesso :Egli è la verità.! quindi la verità non è un trattato ,una poliedricità di cose da conoscere, che non si finisce mai di ricercare, un “che cosa ” ma un “chi” una persona , un incontro , . Me lo auguro (e lo auguro a tutti questo incontro nel tempo di Natale) perchè mi aiuti ad avere più fede , a sentirmi amato e ad i ad amare senza condizioni ,la cosa più difficile per me: l’azione cosiddetta giusta .
    Un modo per rendere grazie , per prolungare il circolo virtuoso che Dio, in Cristo, ha verso di noi tutti e sempre anche se , singolarmente e lo dico soprattutto per me , non siamo migliori di nessuno.

    Mi piace

  2. “L’INCONTRO INCANDESCENTE”
    Tanta Bellezza, Santità, nascosta per secoli, infinita unità d’Amore a se stessa beata, doveva uscire e fare diluvio di Sè nell’entusiasmo creativo: avvicinare miriadi d’angeli nel paradiso contemplativo e rispecchiarsi in una umanità scolpita a sua immagine per rallegrarsi e innamorarsi oltremodo di sè, Carità inesausta, inestinguibile, doveva farlo perchè si dilatasse, se possibile, il suo universo d’amore in nuove dimore da abitare, in “incontri incandescenti” con i figli dell’uomo e solo il Figlio, “l’esegeta del Padre, è Colui che lo ha sottratto al nascondimento di millenni”.
    Ed ancora verrà:
    “..deve venire,
    verrà se resisto
    a sbocciare non visto..
    verrà quasi perdono
    di quanto fa morire..
    verrà, forse già viene..
    (C. Rebora)

    Mi piace

  3. “Esperienza vitale di salvezza”

    Tutto arde in Te che sei fuoco, Amore, arde dalle origini per farsi divino incendio al vertice del tuo “incontro incandescente”.

    Mi piace

  4. un’esperienza vitale di salvezza è sperimentare che l’amore può sgretolare la pietra.

    Un caro augurio di Buon Natale a tutti voi, a tutti noi.

    pam

    Mi piace

  5. Dici a me? Davanti alla luce della Verità anche “il passo felpato del timore che declina le cose”, abile nell’insinuarsi nelle vite chiuse con le chiavi del buio, indietreggia e lascia spazio al nuovo, al fascio di luce che si affaccia dalla finestra, mostrando il lato bello di ciò che non sempre si vede, perché spesso nascosto da inutili sovrastrutture.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...