44. L’intelligenza

da qui

Una delle caratteristiche di don Mario Torregrossa era quella di tradurre le intuizioni su chi aveva davanti in consigli molto pratici, tendenti a incidere in modo reale sulla vita, nei campi problematici.
Uomo di elevata spiritualità, e al contempo concreto, sintetizzava il suo pensiero in una breve locuzione: materia spiritualizzata e spirito incarnato. Il suo sguardo coglieva la persona nella sua interezza, ma andando all’essenziale, al di là degli aspetti più epidermici.
E’ possibile fruire dei suoi insegnamenti per la nostra vita? Si potrebbe partire dalla triade intelligenza-libertà-volontà, così determinante nel mettere a fuoco i valori da cui ci facciamo governare, o gli elementi trascurati. A questo scopo, è necessario uno spazio di silenzio interiore, senza il quale perderemmo di vista la verità profonda, distratti come siamo dai rumori della vita quotidiana.
La conoscenza di sé, lo abbiamo visto, è imprescindibile, e si ottiene con l’intelligenza, termine mutuato dal latino
intus legere, che rinvia alla capacità di decifrare il proprio mondo interiore.
Può sembrare banale, ma dire che l’uomo è intelligente, dotato di ragionamento logico ed astratto, creatività e intuizione, non è affatto scontato. E’ solo partendo da questo presupposto che si arriva a cogliere la verità degli altri e di se stessi, non restando passivi ricettori di immagini e idee prefabbricate.
L’intelligenza permette di andare al di là dell’esperienza: non occorre sperimentare tutto, per conoscere: arriviamo a comprendere attraverso molte vie, e ciò consente, per esempio, di provare empatia per chi vive in contesti e situazioni differenti, o di chiarire aspetti di sé senza averli elaborati nella prassi. Le potenzialità dell’uomo sono sempre sorprendenti, e scoprirle è una ricerca senza fine.

6 pensieri su “44. L’intelligenza

  1. Se, “le potenzialità dell’uomo sono così sorprendenti , e scoprirle è una ricerca senza fine”, non basta una eternità per penetrare il tuo abisso, mirabile Amore!
    E questa creatura così somigliante a Te, è solo un punto nel tempo, quando Tu sei “Colui che è”: Paradiso nell’abbraccio del Figlio e dello Spirito, e anche il Padre nostro celeste:
    “Sei Tu che odori nella carne,
    Tu celato in ogni desiderio,
    o Infinito!..”
    E sei Amore beato che non puoi non amare, che ami chi non ama, che ti fai radice del nostro essere chiamandoci in Te, mentre ti fai in noi.
    Non ti si può scrutare,
    sublime pulcritudine,
    che vieni Sposo a questa umanità
    che non sa dare un nome all’infinitamente divino.

    Mi piace

  2. 1 Gennaio
    SOLENNITA’ DI MARIA SS. MADRE DI DIO

    ANTIFONA
    La donna ha generato l’eterno Re:
    onore alla Vergine! gloria alla Madre!
    Come lei non è stata e non sarà nessuna,
    alleluia.

    BUON ANNO 2015

    Mi piace

  3. Signore, tu mi scruti e mi conosci,
    tu conosci quando mi siedo e quando mi alzo,
    intendi da lontano i miei pensieri,

    osservi il mio cammino e il mio riposo,
    ti sono note tutte le mie vie.

    La mia parola non è ancora sulla lingua
    ed ecco, Signore, già la conosci tutta.

    Alle spalle e di fronte mi circondi
    e poni su di me la tua mano.

    Meravigliosa per me la tua conoscenza,
    troppo alta, per me inaccessibile.

    Dove andare lontano dal tuo spirito?
    Dove fuggire dalla tua presenza?

    Se salgo in cielo, là tu sei;
    se scendo negli inferi, eccoti.

    Se prendo le ali dell’aurora
    per abitare all’estremità del mare,

    anche là mi guida la tua mano
    e mi afferra la tua destra.

    Se dico: “Almeno le tenebre mi avvolgano
    e la luce intorno a me sia notte”,

    nemmeno le tenebre per te sono tenebre
    e la notte è luminosa come il giorno;
    per te le tenebre sono come luce.

    Sei tu che hai formato i miei reni
    e mi hai tessuto nel grembo di mia madre.

    Io ti rendo grazie:
    hai fatto di me una meraviglia stupenda;
    meravigliose sono le tue opere,
    le riconosce pienamente l’anima mia.

    Non ti erano nascoste le mie ossa
    quando venivo formato nel segreto,
    ricamato nelle profondità della terra.

    Ancora informe mi hanno visto i tuoi occhi;
    erano tutti scritti nel tuo libro i giorni che furono fissati
    quando ancora non ne esisteva uno.

    Quanto profondi per me i tuoi pensieri,
    quanto grande il loro numero, o Dio!

    Se volessi contarli, sono più della sabbia.
    Mi risveglio e sono ancora con te.

    Salmo 138

    Mi piace

  4. Tanti si credono intelligenti, perché si credono furbi. Ma furbizia non è l’intelligenza, anzi, contrario.
    L’intelligenza è il dono dello Spirito Santo, è la capacità di collaborare con lo Spirito.

    Mi piace

  5. Noi uomini sulla terra cerchiamo sempre “un sistema” per sopravvivere, analizziamo il mondo, le persone, cerchiamo punti deboli per andare avanti. Ma tutto questo in realtà è assurdo, perché non siamo mai soddisfatti. Abbiamo incredibile capacità di mettersi sempre in guai.
    Ma Dio ci ha lasciato le dieci parole, ben precise, semplici da seguire, per la nostra felicità e libertà.
    Ma noi, con un stupore di maniaco cerchiamo sempre di negare e ignorare le Sue indicazioni per la nostra felicità. Si crediamo più intelligenti da Dio.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...