Domande

da qui

In molti ci chiediamo cosa sia ciò che passa sotto il nome di Isis. Inorridiamo di fronte alle sue gesta, alla violenza esibita come fosse uno spettacolo horror, offerto in un cinema d’infimo livello. S’alza un coro di guai, gridolini paurosi o urla di sdegno, sospese tra la rabbia e l’impotenza. Sempre più, tuttavia, si fa largo una domanda: chi lascia scorrazzare indisturbata questa banda di crudeli tagliagole? Chi tra i potenti, che facilmente potrebbero annientarli, ha interesse che portino scompiglio in certe zone chiave del pianeta? Quanto dovrà nuocere la nuvola di gas velenosi prima di finire nel nulla da cui è uscita?

6 pensieri su “Domande

  1. Credo, caro Fabrizio, sia proprio arrivata la grande Occasione per tutti noi, inermi e lontani da ogni interesse che non sia quello del preservare la specie umana, per raccoglierci insieme, oltre ogni confine, in un grido planetario che superi egoismi e ideologie, in una resistenza ad oltranza contro ogni forma di sopraffazione e in concreto reclamando, per esempio, il boicottaggio dell’industria delle armi e dello sfruttamento iniquo delle risorse nei paesi sottosviluppati. Di fronte ad una volontà universale(non di greggi senza capacità critica) anche governi e istituzioni non potranno restare passivi. Nell’era della tecnologia e della grande comunicazione il tamtam dovrebbe funzionare. Ma bisogna far presto, non limitarsi a sperare prima che l’onda imbecille distruttiva esploda in una spirale irreversibile. Tutti, a cominciare dagli intellettuali che si dicono contro ogni violenza, inventiamo un’ultima catena potente di salvezza, anche utopica. Potremo dire almeno di aver contrastato la fine. Questa la mia consegna al mondo.
    Annamaria Ferramosca

    Liked by 2 people

  2. RISPOSTE

    “…serve affrontare i mostri che ogni giorno
    s’ingegnano a estirpare la speranza,
    urlare che no, io non m’arrendo,
    nemmeno in ginocchio sotto i colpi..”

    Fabrizio Centofanti

    Liked by 1 persona

  3. L’Isis- Stato Islamico dell’Iraq e della Siria. A guidarlo è il terrorista Abu Bakr al-Baghdadi che il 29 giugno dell 2014 ha proclamato la restaurazione del Califato (una particolare forma di governo tipico dellìIslam)

    Mi piace

  4. Cambiare il mondo al modo suo, con sua “visione”, ma quale dove ci porta? alla morte e rovina?
    Nella storia abbiamo passato già tanti fanatici con le sue idee. Anche Hitler voleva fare il mondo al modo suo.
    Però, io ci credo sempre, che il bene vince sempre, prima o poi; dispiace solo di questi innocenti morti e beni distrutti

    Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...