Piccola introduzione alla poesia di Beppe Salvia

Cuore

Beppe Salvia opera, nella seconda metà degli anni settanta, un rinnovamento della nostra poesia, un cambiamento di rotta che sarà poi gravido di conseguenze.  Vorrei partire da una breve prosa poetica uscita nel primo numero di Braci, del 1980, intitolata Il lume accanto allo scrittoio, dove nella forma apparentemente banale di un editoriale, è annunciata questa rivoluzione:

Noi proviamo in questa notte a scrivere della vita e della morte. La letteratura ufficiale ancora adombra con grave e dimessa incuria la volontà di lenire (sorridere è uno stile come tacere) e ispira, subìto pentita, nuove rinnovate schiere di verseggiatori sentimentali e scolari giustamente beffardi. In queste nostre pagine dunque noi proviamo a far vivere ogni nostro dolore o limite o sofferenza o gioia poiché vogliamo ridare allo scritto, un pensiero vergato perché rimanga, il suo più immediato valore che è quello di partecipare esso stesso del vivere, e far vivere anche noi che fuggiamo altrimenti, nel suo duplice calore di ricordo e d’attesa. Poiché del presente il pensare è fuggiasco.

E noi, noi moderni, costretti a sperare o dimenticare, riviviamo ogni giorno un giorno troppo uguale. Si perde così ogni passione.

Anche perché le passioni non più scritte o coltivate in una scrittura interiore son tutte eguali.

E il piacere è gioia e la gioia è dolore.

E il ricordo felicità e la felicità dimenticanza.

Allora non più i nostri versi si ingannano se appaiono confusi, ma ben più grato è il nostro amore per essi se un disteso piacere li rende aggraziati e al contempo un rigore di pensiero li provi al diffuso dolore.

Per non rischiare di contemplare i nostri volti abbiano scritto di essi. Poiché un volto pur bello, e se bello ancor più, ha la virtù di sparire rimediarsi allontanare il suo più profondo rilievo.

Altrimenti in quelle parole a fatica tratte a descrivere passioni e orrori la bellezza è seconda. Il favore che ad esse parole scrivendo chiediamo è di rifletterci il volto mille volte lo stesso le mille volte che esso, è mutevole il tempo, s’acciglia e si trasforma.

Non è semplice chiedere questo; è come sedurre il destino, ma nell’opera è l’opera. Il merito e il valore ce ne disinteressiamo.

“Scrivere della vita e della morte”, eccola qui la “vita nuda”, intera, integrale, con la sua morte accanto. Scrivere perché la vita resti, togliersi dal flusso postmoderno dell’usa e getta, della deperibilità, dall’ideologia del gioco e della vergogna, scrivere per davvero e non per finta, con uno scrittoio vero, e un lume vero, nella notte in cui siamo tutti. Scrivere perché siamo veri, e non fantasmi, e la nostra vita ci chiede di essere scritta, fermata nelle sue infinite immagini che sono la nostra carne il nostro cuore la nostra anima.

Scrivere con un “lume” (parola un po’ desueta, ma breve, splendida, che Salvia rimette al centro) e uno “scrittoio”. Scrivere non solo con lo scrittoio, come s’usa, ma con “lume”, anche. Scrivere con una lingua vera, che si raccolga tutta, che chiami all’appello se stessa, che si confronti con tutta la lingua di tutta la poesia. Che chiami la poesia come nella nostra lingua è suonata, e ancora suona, è chiamata. Scrivere con una lingua che parli non solo ai contemporanei, ma anche agli antichi, e ai posteri. Una lingua per tutti i tempi, come è stato sempre dell’arte.

braci1

C’è in Salvia, in un momento di grande stanchezza e nichilismo della nostra cultura, in un momento di pensiero e di letteratura debole, una reazione assolutamente forte di arte, una fede nuova nella poesia, e nella sua possibilità di dire noi e le nostre cose, noi tutti interi, che “altrimenti” fuggiamo.

Sillabe è il titolo di una delle ultime sezioni di Cuore, sono cinque poesie (tutti sonetti non rimati), tra le ultime scritte da Salvia (uscirono postume nel numero 16 di Nuovi Argomenti nell’85), e le riportiamo tutte di seguito in questa antologia. La parola  “sillabe” potrebbe far pensare a qualcosa di minimalistico, o di ermetico addirittura. Ma le parole che si compongono sono piene e intere, nitide e semplici come negli abbecedari dell’infanzia, piene di colore e di vita, di dolore e di disperazione, e di speranza.

C’è una nuova casa e una nuova vita, fatta di sola anima, di sola ombra. La casa è rotta, fradicia, ma guarda dal terrazzo su una visione bella, una città pacificata. Guarda dal suo cuore indistruttibile interno dentro la beatitudine, come un soldato ferito morente guarda finalmente il cielo e non vuole che il cielo.

Adesso io ho una nuova casa, bella

anche adesso che non v’ho messo mano

ancora. Tutta grigia e malandata,

con tutte le finestre rotte, i vetri

infranti, il legno fradicio. Ma bella

per il sole che prende ed il terrazzo

ch’è ancora tutto ingombro di ferraglia,

e perché da qui si può vedere quasi

tutta la città. E la sera al tramonto

sembra una battaglia lontana la città.

Io amo la mia casa perché è bella

e silenziosa e forte. Sembra d’aver

qui nella casa un’altra casa, d’ombra,

e nella vita un’altra vita, eterna.[1]

E’ questa casa il sogno di un riposo, di una quiete, di una vita nuova, e al tempo stesso un ritorno all’infanzia, alle parole semplici e povere di un abbecedario (anticipate già in Cieli celesti e Primavera, precedenti sezioni di Cuore), a quelle case che si disegnano da bambini, con la finestra, la porta, il sole. Come averla conclusa, già salutata la vita, battaglia che s’allontana dalla nostra vista, e s’avvicina una nuova vita, e una nuova casa, eterna.

il mare è vasto e azzurro come il cielo,

e di questa ritmica melodia

vibrano foglie e fiori e le chiome

ampie dei pini. La malinconia

un tempo m’afferrava quando, vecchio

calligrafo di grigi fogli, ferro

e fuoco sono i versi, della casa

mia infinita, le persiane verdi

e il rosa scialbo e l’edera già grigia,

io sognavo inutilmente. Adesso

io amo questa nostra vita mite

e quei colori e quei versi, e tutta

infinita grandezza e la pazienza

del nulla attorno a queste sillabe.[2]

“Ferro e fuoco sono i versi”, altro che la “leggerezza” di cui si parlava tanto in quegli anni! E “portatore di fuoco” è per Salvia il poeta (lo splendido poemetto Il portatore di fuoco, uscito nell’’82 in una pubblicazione collettiva introvabile, è fortunatamente riapparso tra le Poesie disperse di Un solitario amore[3]), e questo è il senso più vero di Braci, corpi accesi, pura vita che brucia nelle mani del poeta.

braci0

Nel terzo sonetto è spiegata la semplificazione della parola e della lingua, come illimpidimento e chiarificazione, sogno di quiete e di bellezza in “prigioni” necessarie (come prigione necessaria è la casa, la nuova casa della prima delle Sillabe) dopo oasi di ambiguità e di errore, “mari d’assenza e di dolore”:

in cielo i nuvoli son grandi vele

bianche, velieri. Io voglio per mare

un fondo di bottiglia e davvero

esitare a scrivere, non vere

le parole han bisogno di severe

prigioni dove snebbiare; più terse

allora seguiranno il verso giusto,

più vere eviteranno le maldestre

oasi d’ambiguità che son rare

ai deserti e frequentissime dove

il deserto è la folla delli errori,

e degli uomini incerti qui nei mari

d’assenza e di dolore. Come fiori

di mandorlo e di pesco le parole.[4]

Torna nel quarto la prigione e la solitudine. Il desiderio irrefrenabile di uscire fuori e l’impossibilità. L’essere tutti noi come cani solitari vagabondi, con dentro un cuore infinito, e negli occhi il cielo, essere la nostra vita solo sogno, “e nulla più”:

Abbiamo nel cuore un solitario

amore, nostra vita infinita,

e negli occhi il cielo per nostro vario

cammino. Le spiagge i cieli, la riva

su cui sassi e rovi e il solitario

equisèto, e colli erbosi grassi

rioni, città dispiegate come

belle bandiere, e nude prigioni.

Questa è la nostra vita. Questi nostri

volti vagabondi come musi

di cani ci somigliano. Il vento

il sole le corolle rosse e blu,

i sogni mai sognati i nostri sogni.

Questa è la nostra vita e nulla più.[5]

Negli occhi il cielo, e il cielo fuori, lo stesso cielo. E tutte le cose nel nostro vagare ai nostri occhi, come di cani rasoterra vaganti qua e là tra spiagge, cielo, sassi, rovi, e insieme anche dall’alto, come occhi celesti, fino a vedere dall’alto anche le città degli umani, con le loro bandiere e le loro prigioni. E come al nostro vagare ci viene incontro il mondo, con spiagge, cielo, sassi, rovi, e il solitario equiseto, e poi colli, rioni, città. Vedete: tutte parole ferme e piene, luminose e intere, interamente dette e suonate, calme e tutt’uno con la cosa, come negli abbecedari dell’infanzia, nuove e antiche, capaci di attraversare il tempo, come in Petrarca, in Pascoli. Parole generalmente brevi, e piane, a parte il “solitario equiseto”, la cui lunghezza e tortuosità sottolinea la sua solitudine e diversità, ma anche eleganza, fragilità,  bellezza.

Ed ecco, alla fine, l’arte che ritrae in sé tutta la bellezza del mondo, che coniuga il nostro terrazzo con gli odori di mari lontani, e quegli odori con “queste vicine piante di odori” (si sente L’infinito di Leopardi). Ma i colori son pochi e la tela è “bianco nulla”, e la città brucia come un inferno lontano, e all’alba “già nulla è la vita”:

È quasi primavera, io dipingo

già fuori sul terrazzo, tra odori

di mari lontani e queste vicine

piante di odori. La salvia la menta

il basilico e i sedani dipingo

su tele bianche con pochi colori.

Il verde perché son verdi le piante,

e bianco il bianco nulla della tela,

e il rosso dei tramonti su la vela

del cielo che apre un teatro vero

e questi miei pensieri. Io dipingo

la sera quando i tormenti più vivi

accendono il cielo e bruciano il cuore,

e all’alba quando già nulla è la vita.[6]

Chiudo questa breve antologia salviana  con un testo che, in Cuore, segue le Sillabe e è tra le ultime poesie del libro, e tra le ultime scritte da Beppe

. C’è anche qui la sera della Sillabe, quel tramonto sulla città che sembra un incendio lontano, ma più dolce e silenziosa. E’ una lettera a una donna dal nome mite, Serena, e insieme un testo estremamente complesso, una grande sintesi, un testamento.

Torna la sapienza delle Sillabe, “una più vasta scienza”, agognata come un frutto infantile; è l’arte delle Sillabe, il mondo vasto colorato e libero visto dal terrazzo della nuova casa. E torna l’impossibilità di vivere, che chiude (ma anche apre) le Sillabe, l’impossibilità di contenere tutto questo vasto mondo nella solitudine, “in questi tempi segnati dal segreto di cui s’invade la nostra intimità”. La nostra intimità, il nostro cuore, è invaso da un segreto, una segregazione che l’uccide:

Lettera

 

Viene la sera, è vero, silenziosa

piove una luce d’ombra e come

fossero i nostri sensi inevitabili

improvvisi, noi lamentiamo

una più vasta scienza.

Aver di quella il frutto

appariscente, la bella brama,

e l’ombra perfino, di sussurri

e di giochi, come bimbi.

Ma io lo so Serena io non posso,

in questi tempi segnati dal segreto

di cui s’invade

la nostra intimità,

vivere adesso se non con tale affanno

e così lieve.

Di questo amaro stento già si fa più vero

un sentimento pago di letizia, al modo

che alla sera insieme

andando per le strade

chiare, l’ho visto, d’ombra

e di segreto,

noi siamo tra i perduti lumi

esseri più miti di chi

venuto prima di noi

ebbe solo a soffrire

salvi quasi per caso, e in questo prodighi.

I baci sono bellissimi doni.[7]

C’è in Salvia sempre la visione di qualcosa di molto bello che vorremmo prendere ma non possiamo prendere, come un bambino davanti a una vetrina di meravigliosi, intoccabili balocchi. E quindi, come in questa poesia, la consapevolezza di una “più vasta scienza”, di un tempo nuovo di pace e bellezza che forse sta per arrivare, ma non è ancora venuto. Sentiamo di questo tempo di gioia la musica, mentre ci allontaniamo nella sera, “perduti lumi” di consapevolezza, “salvi quasi per caso”.

Claudio Damiani

——————————

Beppe-Salvia

Beppe Salvia (Potenza, 1954 – Roma, 1985), dalla nativa Lucania a Roma nel ‘71, comincia a pubblicare testi poetici dal ‘76 su varie riviste (tra cui Nuovi Argomenti), nell’’80 fonda la rivista Braci con Claudio Damiani, Arnaldo Colasanti, Gino Scartaghiande e Giuseppe Salvatori. Collabora intensamente a Prato Pagano, prima almanacco e poi rivista. Muore suicida a Roma nel 1985. Tutti postumi i suoi libri: Elisa Sansovino, Estate, Quaderni di Prato pagano, Il Melograno-Abete Edizioni, 1985; Cuore (cieli celesti), Rotundo, 1988; Elemosine Eleusine, a cura di Arnaldo Colasanti, Edizioni della Cometa, 1989. Suoi testi di poesia e di prosa sono raccolti nell’antologia I begli occhi del ladro, a cura di Pasquale Di Palmo, Il Ponte del Sale, 2004, mentre Un solitario amore (a cura di Emanuele Trevi e Flavia Giacomozzi, Fandango, 2006) raccoglie integralmente i primi due libri del 1985 e del 1988, insieme a una scelta da Elemosine Eleusine e ad alcune poesie disperse.

[1] Cuore, op. cit, p. 115.

[2] Cuore, op. cit, p. 116.

[3] Un solitario amore, op. cit., pp. 220-3, dove è riportata anche, in calce, la data di composizione, 1980. Il poemetto uscì nell’82 in Poesia verso…, C.C.R-S., BNL, a cura di Luigi Amendola e Francesco D’Alessandro, poi in Istmi – Tracce di vita letteraria, n.1, a cura di Eugenio De Signoribus, dicembre 1996.

[4] Cuore, op. cit, p. 117.

[5] Cuore, op. cit, p. 118.

[6] Cuore, op. cit, p. 119.

[7] Cuore, op. cit, p. 124.

Un pensiero su “Piccola introduzione alla poesia di Beppe Salvia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...