Ingrid Bergman, una donna libera

Ingrid Bergman locandinaDa poco inaugurata una mostra dedicata alla grandissima attrice svedese, allestita al primo piano della Casa del Cinema di Roma, dove resterà aperta −con ingresso gratuito− fino al 23 maggio 2015. Due sale allestite in collaborazione con il Nordic Film Fest, che apre i battenti domani, dall’associazione Culturale Santa Marinella Viva, che ha curato una sala con 30 scatti di vita personale dell’attrice nella sua villa di Santa Marinella, e 62 immagini dei personaggi portati da lei al cinema o in teatro, a cura del giornalista Rosario Tronnolone.
Mi colpisce immensamente questa narrazione pubblica e privata, i suoi sguardi sempre così consapevoli, seri, professionali, quasi prestazionali, le sue sfumature limpide eppure così sapienti di attrice e di donna. Misteriosa suo malgrado, senza affettazione. Ho la sensazione che lei non volesse essere un personaggio di se stessa, ma che pretendesse di poter essere, fuori dal set, una persona. Certamente consapevole della sua bravura, del suo fascino e del suo potere, ma come se tutto per lei si esprimesse attraverso il voler essere soprattutto, prima di ogni cosa, una Grande Attrice. E che conquistato questo titolo per meriti, lei pretendesse di essere totalmente libera di scegliere come vivere la sua vita, non fare compromessi, di seguire il suo cuore, la sua volontà. C’è questa sfida nei suoi occhi: non volersi piegare a niente, al giudizio di nessuno, agire solo sulla base della sua coerenza interiore. Ingrid Bergman non può essere incapsulata, compressa, orientata. È la sua prestazione che conta, sul resto mai chiudersi in una parte, farsi mettere un’etichetta. Poche attrici di quei tempi sono così resilienti, e sfuggenti. Pochissime non sono inciampate nel binario di creare il mito di se stesse, un’immagine.
E mi ha colpito tremendamente, vedendo la mostra alla sua inaugurazione, quanto la sua bellezza a cinquant’anni, completa di rughe, splendesse come un faro a confronto della lucida, irreale, grottesca bruttezza di alcune delle donne presenti: rifatte, tutte uguali, inquietanti. Non so se lei sarebbe caduta nella trappola della chirurgia estetica, avesse vissuto oggi, ma prego di no, prego di questo viso dirompente e ammutinante con ogni sua caratteristica, che qualcuno chiama “imperfezione”. Molto da imparare, se alcune donne volessero guardare. Sull’essere se stesse in ogni declinazione. Grazie Ingrid.

2 pensieri su “Ingrid Bergman, una donna libera

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...