Perché di questo si tratta. 3.

Destini
B) C’è molta tenerezza nelle pagine in cui racconti momenti che risalgono all’infanzia, all’adolescenza. Sono pagine attraversate da un sentimento di presagio, stagioni della vita in cui tutto doveva ancora accadere ma al tempo stesso era come se fosse già tutto previsto. Risalta il contrasto con l’amarezza che stilla invece da altri frammenti di vita più legati all’attualità del momento.

F) C’è una continuità, nell’esistenza, dovuta al fatto che il Progetto di Dio è scritto dentro la persona. Fatti del passato sono comprensibili sola alla luce di un disegno intuito a poco a poco. Quando il presente è coinvolto nel processo di purificazione, di adeguamento alla volontà del Padre, è segnato dal dolore, spesso lancinante. È il momento dell’attesa paziente, dell’umile riconoscimento che alcuni aspetti della personalità vanno totalmente riveduti.

B) Attraverso le riflessioni che alcune storie suscitano, si scende ad esplorare anche il lato più oscuro dell’esistenza, dove si annidano sentimenti che ci rendono poco simpatici persino a noi stessi, quali l’insofferenza, la rabbia, l’invidia, la gelosia.

F) Nel libro di Italo Calvino Il castello dei destini incrociati, c’è un racconto in cui il protagonista – il tarocco dell’Appeso – conclude: “Ho fatto tutto il giro e ho capito, il mondo si legge all’incontrario”. È necessario fare tutto il giro per capire, scendere agli inferi, conoscere i limiti e le falle che si aprono nel conscio e nell’inconscio; solo allora torneremo alla realtà di tutti i giorni sapendo chi siamo e chi siano le persone che incontriamo. Il Vangelo è in grado di metterci davanti al nostro io profondo, purificando il nostro sguardo, perché solo i puri di cuore – come sostengono le beatitudini – vedranno Dio.

B) Come abbiamo già detto, sia in Prê(tre) á porter sia in Non superare le dosi consigliate, troviamo meditazioni frutto di suggestioni suscitate da fatti d’attualità, ricordi, impicci quotidiani, ma anche da un film, una canzone, dall’osservazione di un quadro. Pertanto possiamo dire che ogni cosa è illuminata. Ma per beneficiare di tale illuminazione è necessaria una cosa che è insieme molto semplice e molto difficile: l’attenzione. Cristina Campo scriveva: “L’attenzione è il solo cammino verso l’inesprimibile, la sola strada al mistero. Infatti è solidamente ancorata nel reale, e soltanto per allusioni celate nel reale si manifesta il mistero”.
Quindi attenzione come percezione, atto del predisporsi a, e non soltanto come applicazione volontaristica dello sguardo o dell’ascolto su qualcosa.

F) Sono d’accordo. Si tratta di apertura del cuore. È fondamentale la distinzione fra sensi esterni e interni: c’è un occhio esterno e uno interno, e questo vale per l’orecchio e per ogni altro senso umano. Finché non impariamo a vedere e sentire con i sensi interni, l’altro per noi sarà straniero, forse un nemico. Non per niente il giudizio universale, secondo Matteo, verterà sull’attenzione: avevo fame e mi avete dato da mangiare, avevo sete e mi avete dato bere, e via dicendo. Amare è accorgersi, è la folgorazione dell’incontro.

850 pensieri su “Perché di questo si tratta. 3.

  1. “L’incontro di due personalità è come il contatto tra due sostanze chimiche; se c’è una qualche reazione, entrambi ne vengono trasformati.”
    CARL GUSTAV JUNG

    Mi piace

  2. i miei amici se ne sono andati un’oretta fa.
    ho detto loro che da giorni mi addormento e mi sveglio con un GRAZIE
    e che è un miracolo
    e loro… figurati, anche noi lo facciamo sempre, sono anni che lo faccio.

    non sapevo se ridere o piangere
    stasera sono a cena da loro e poi in aereoporto ad attendere l’amore che mi è stato destinato.

    bacio

    Mi piace

  3. e ora “comprendo” “sento” questo

    …si sente un dolore grande che fa gemere
    seppure così piacevole
    che l’anima
    vorrebbe non cessasse mai

    Mi piace

  4. LUI dissemina indizi
    la nostra vita è fatta di indizi
    che non sappiamo ri conoscere che non vogliamo indagare
    ma LUI non è mai stanco
    lui C’ E’
    quando sei “graziata” gli indizi si illuminano e insieme fanno IL SENSO
    è meraviglioso

    Mi piace

  5. la mia gatta mi ha risposto che non le piace essere come un umano :))) preferisce essere animalo :))
    e se ne è andata altezzosa

    Mi piace

  6. la mia cara amica emili che ha Osato
    dice” Orgogliosamente” questo

    il cervello ha giusto il peso di Dio
    perchè – dividili – Libbra per Libbra
    differiranno – se lo fanno –
    come la Sillaba dal Suono

    che potenza! che Arroganza Divina!
    non capisco come la chiesa non l’abbia ancora beatificata!
    la chiesa non era la sua Chiesa

    Mi piace

  7. fra una “ispirata” e l’altra
    sono riuscira a mettermi lo smalto alle unghie
    un po’ di arricciante naturale per i capelli
    truccarmi
    e essere pronta per lo sposo che torna
    l’efficienza dell’amore
    incredibile!

    baci, vado

    Mi piace

  8. “AMARSI E’ ACCORGERSI, E’ LA FOLGORAZIONE DELL’INCONTRO”: quando accade è il rovesciamento del tempo fin’ora vissuto che diviene evangelico, è il sobbalzo dell’essere nella liturgia del riconoscimento, è toccarsi le anime denudate penetrandosi le profondità.
    Da quanto, Signore, nel cuore ramificava inavvertita la tua gioia in attesa del grande silenzio per l’ora d’amore, ferirci, e non guarirne più!

    Mi piace

  9. L’AMORE E’ UNA DROGA
    LIBERALIZZIAMO L’AMORE
    AMORE LIBERO

    il mio sposo dorme
    ci siamo ri trovati
    spero che abbia “capito”
    spero che si sia “sentito”
    come io ho “sentito lui”
    questo è un indizio forte, speriamo
    domani ,comunque, grazie

    Mi piace

  10. c’è un piano materiale
    e c’è un piano spirituale
    la “comprensione” può avvenire solo se questi due piani
    si intrecciano
    si aggrovigliano
    tanto da non distinguerli più perchè, una cosa sola
    il divino nell’umano
    se i due piani non si “amano”
    non si “incontrano”
    non si “sentono”
    non “fanno” l’amore
    la nostra vita non potrà essere “felice”
    la vita, sapete, è Molto esigente
    non deludiamola, non facciamole del male
    poverina

    Mi piace

  11. dobbiamo fare del romanzo, la nostra vita
    “il mondo si legge all’ incontrario”
    sarà per questo che da bambina
    mi piaceva guardare a testa in giù ?!
    l’indizio nel gioco
    LUI comincia molto presto a svezzarci
    La straziante struggente nostalgia per l’ “uno”
    prima della morte della vita dell ‘eden, il” caldo sicuro grembo materno”
    sarà la colonna sonora di tutta la nostra vita
    il ricordo del paradiso perduto,
    dopo la scacciata dall'”utero materno”
    è lì nel nostro picccolo cuoricino, appena “nato” “morto”
    per sempre
    nasciamo per morire!
    è il nostro peccato originale!
    morire di nuovo per ri nascere di nuovo così, per sempre
    per nascere dobbiamo morire e poi
    re imparare a ri nascere
    QUI ADESSO SUBITO
    la morte è un distacco”temporaneo”
    la vita è un “distacco temporaneo”
    sono davvero definitivamente fulminata?🙂 speriamo🙂

    baci, qui adesso subito

    la fu

    Mi piace

  12. il suo regno in due fragili, poveri ” bellissimi” corpi
    il suo regno che si Fa carne
    il suo regno è qui adesso subito
    LUI ha urgenza e pazienza infinita
    ed è anche di bocca buona!🙂

    Mi piace

  13. se l’Amore ha sempre fame
    dobbiamo diventare donne femmine dirovatrici di uomini
    e uomini divoratrici di donne
    non si dice all’amato ” ti divorerei”?
    il mondo è davvero all’incontario?
    mettiamoci tutti a testa in giù🙂

    Mi piace

  14. è per volere del Padre
    che il Figlio è nato
    la donna ha obbedito
    sapendo che glielo avrebbero messo in croce
    sarà per questo che i figli si “fidano” di più della “madre”
    e talvolta sono arrabbiati col Padre?
    ma la Madre dovrà guidare il Figlio a non odiare il padre

    insomma le donne ci hanno una marcia in più anche nel metafisico🙂
    è che non la sanno usare, o la usano male, ste foche!
    che Maria le per doni!

    Mi piace

  15. si è fatto davvero giorno, ma la mia amica molte volte bleffa! è uno spirito anche burlone e con lei a volte rido troppo di gusto!
    ha un senso dell’umorismo mooolto raffinato e un po’ criptico (la burlona!)
    ma a me mi fa impazzire questa donna!
    emili è stata un indizio che non so aggettivare
    perchè non esiste la “parola” per definirlo
    quindi dovete fare lo sforzo e “immaginare”
    lei mi ha dato la sua mano e mi ha sollevata tante volte
    anche lei, come l’Amore, è una stacanovista di primordine🙂
    in questo caso e solo in questo caso il “lavoro” “nobilita l’uomo”
    in altri infiniti casi, un po’ meno
    il mondo è davvero all’incontrario e quel calvino l’aveva proprio “intuito” alla grande !:)

    Mi piace

  16. io di indizi ve ne ho dati tanti
    aspetto e spero nei vostri
    se sarete così gentili da “indicarmeli”

    se nò, amici come prima🙂

    baci

    Mi piace

  17. anche questo è stato un inzio efficace potente (lLUI insomma,tira fuori l’artigleria,come diremmo noi… per quando siamo duri a capire)

    sentite
    bisogna perdonare
    per la semplice ragione che è difficile farlo
    tutti sono meschini
    e non pensano che alla vendetta
    “non vendicarsi” è l’unica impresa morale
    il gesto più bello che si possa fare
    ogni volta che si prova il desiderio di vendicarsi
    bisognerebbe pensare che questa è una
    prerogativa degi altri
    che è cosa facile
    perchè tutti vi riescono
    e che non vi è nobiltà
    se non nell’anomalia del perdono
    fosse anche impuro

    questa roba qui l’ha pensata un uomo molto cocciuto,”provato” dalla vita, che non è riuscito a “fidarsi” completamente non ostate il suo pensiero ferocemente cristallino, insomma se l’è passata davvero male.
    ma ha trovato beatitudine nelle sue parole e è stato trafitto da felicità indicibili
    ma è l’uomo più onesto che abbia mai incontrato, insieme a fabrizio🙂
    e provo nei suoi confronti una tenerezza infinita
    sono stata posseduta anche da lui, posseduta con la mia approvazione
    ora non più, mi ha lasciata andare, e io gli sono infinitamente grata
    spero che emili non mi lasci mai andare🙂

    Mi piace

  18. dalle ferita sgorgò sangue ed acqua
    dalle ferite sgorgano fiumi
    e il mal tempo
    fa bene ai fiumi

    il cattivo tempo
    condizione necessaria per la Vita

    Mi piace

  19. …è uan piena incontenibile
    è un ‘urgenza prepotente
    comunque, grazie
    il mio sposo “dormicchia”
    comunque , grazie
    LUI non si arrende, neanche all’evidenza
    a volte mi fa rabbia
    e dai, e ti ripeti, ti ripeti, e parli, e parli
    e dici sempre le stesse cose
    e cerchi mille e uno modi, mille e una figura, mille e una voce, mille e una notte
    per “siegarti”
    ma dai, riposati, fai fare qualcosa agli altri
    santo cielo, diventi quasi noioso e patetico
    elemonisini, elemonisi un po’ d’amore
    davanti a occhi che non ti “vedono”
    che non ti “guardano”
    che non ti “sentono”
    che non ti “amano”
    e falla finita, lo dico per te, fatti una canna, e “amati” se non ti “amano”
    “senti” se non ti “sentono”
    “baciati” se non ti baciano
    senti un po,’ se non vuole, non vogliono “schiodarsi”
    tu non ci puoi fare nula, nulla,
    lo capisci
    testardo, testardo, benedetto come un mulo!
    pausa, dai, fammi prendere una pausa di silenzio
    lasciami in pace, fammi “sognare”
    fammi “immaginare”
    perdonami se mi concedo un riposo
    Stacanovista del cazzo!

    Mi piace

  20. …e poi ascolta
    apri bene le orecchie
    e rassegnati, e spera
    che altro poi si può fare?
    …senti
    “si possono classsificare gli uomini secondo i criteri più fantasiosi: in base agli umori, alle inclinazioni, ai sogni o alle ghiandole.
    si cambia idea come si cambia cravatta; giacchè ogni idea, ogni criterio viene dall’esterno, dalle configurazioni e dagli accidenti del tempo.
    ma c’è qualcosa che viene da noi stessi, che “è” in noi stessi, una realtà invisibile ma interiormente verificabile, una presenza insolita e perenne, che si può concepire a ogni istante senza che mai si osi ammetterla, e che non ha attualità se non prima del suo compimento:
    è la morte il vero criterio…
    ed è lei la dimensione più intima di tutti i vivi, a separare l’umanità in due ordini così irriducibili, così lontani l’uno dall’altro che vi è più distanza fra loro che non fra un avvoltoio e una talpa, fra una stella e uno sputo.
    tra l’uomo che ha il sentimento della morte e quello che non lo ha si spalanca l’abisso fra due mondi non comunicanti;
    eppure entrambi muoiono;
    ma l’uno ignora la sua morte, l’altro la conosce;
    l’uno muore un solo istante, l’altro non cessa di morire…
    la loro condizione comune li colloca esattamente agli antipodi l’uno dall’altro; ai due etremi e all’interno di una stessa definizione;
    inconciliabili, essi subiscono il medesimo destino…
    l’uno vive come se fosse eterno; l’altro pensa continuamente la propria eternità e la nega in ogni pensiero”

    capisci testone, ed è lei la dimensione più intima di tutti i vivi, a separare l’umanità in due ordini così irriducibili, così lontani l’uno dall’altro che vi è più distanza fra loro che non fra un avvoltoio e una talpa, fra una stella e uno sputo.
    ho una cara amica credente
    a volte sono andata a messa con lei, per farle compagnia, per “osservare” quella umanità e per avere l’occasione di cantare a squarciagola una canzoncina che questi cristiani hanno inventato ed è davvero carinissima:)

    Quando busserò alla tua porta,
    avrò fatto tanta strada,
    avrò piedi stanchi e nudi,
    avrò mani bianche e pure,
    o mio Signore.
    Quando busserò alla tua porta
    avrò frutti da portare,
    avrò ceste di dolore,
    avrò grappoli d’amore,
    o mio Signore.
    Quando busserò alla tua porta
    avrò amato tanta gente,
    avrò amici da ritrovare
    e nemici per cui pregare.
    Avrò amato tanta gente,
    avrò amici da ritrovare,
    e nemici per cui pregare,
    o mio Signore

    insomma, una figata

    vado insomma alla sua messa come uno spettatore e perchè non ho di “meglio” da fare in quel momento.
    e allora, già che ci “sono”, presto “attenzioni” alle parole dei loro riti
    che sono potenti, rivoluzionarie, umili, strepitose, ironiche, eccitanti, divine, commoventi.
    e poi li guardo, e mi aspetto di vederli “trasformati” “trasfigurati” da tale potenza del verbo
    e non mi capacito che non ci si salti addossso l’un l’altro per riempirsi di baci, e di carezze e di lacrime beate.
    nulla, non succede nulla e io sento un disagio, un’ inquietudine, un po’ di rabbia, ma leggera🙂 e un po’ di male.
    non vado più alle sue messe ma non è detto che non farò eccezioni, in futuro.
    giusto per andare a farmi un po’ di male.

    grazie, comunque grazie
    baci, comunque baci

    Mi piace

  21. …e poi, questo tuo dire la Verità, in modo così chiaro, così disarmante, beh
    non è bau bau micio micio per orecchie fragili, malaticce, miserelle.
    me le impaurisci santiddio!🙂
    un po’ di Com passione suvvia
    è quello che vai Predicando no!
    ci è arrivata anche lei, col tuo aiuto Amore🙂 suvvia!
    Di’ tutta la verità ma dilla obliqua –
    Il successo sta in un Circuito
    Troppo brillante per la nostra malferma Delizia
    La superba sorpresa della Verità
    Come un Fulmine ai Bambini chiarito
    Con tenere spiegazioni
    La Verità deve abbagliare gradualmente
    O tutti sarebbero ciechi.
    ricorda , prudenti come serpenti, me lo hai detto tu
    prudenti, non scaltri,non furbi,non maliziosi
    prudenti

    Mi piace

  22. …però
    Cristo Santo! non è vero che “ho sognato di incendiare l’universo e non sono neanche riuscita a comunicare la mia fiamma alle parole, ad accdenderne una sola”
    non è vero
    Tu mi hai dato la forza di accenderne una sola
    AMORE
    e allora che cazzo vuoi di più!
    stai trasformando il tuo romanzo nella vita!
    che cazzo vuoi di più!
    certo, ci sarà ancora fatica e sudore e sangue e lacrime e solitudine e miseria.
    ma , madonnina santa, hai acceso una parola
    ti rendi conto? miscredente🙂
    e a ben” vedere ”
    è la sola parola che accende e spegne tutte le altre
    Questa è Magia
    ti basti!
    per la madonna!

    no Amore, no parola.

    Mi piace

  23. parlatevi
    mandatevi affanculo
    ma parlatevi
    nel silenzio parlatevi
    traformate il romazo nella vostra vita
    non fate della vostra vita un romanzo
    asinoni
    mettetevi a testa in giù
    ri tornate bambini
    con tutta la fatica della “consapevolezza” sulle spalle
    ritornate animali
    con tutta la “consapevolezza”
    dell'”esserci”
    non abbiate paura
    ci dovete passare , vi /ci tocca, non potete farvi sfuggire questa unica , irripetibile, tremenda, meravigliosa occasione
    se non ora quando?
    fatelo per voi, fatelo per me
    cosa posso fare di più
    pregarvi
    io vi prego
    è urgente

    sono piacevlmente posseduta🙂

    Mi piace

  24. questa è fondamentalmente la mia colonna sonora
    con questa in sottofondo o a palla
    mi scrivo

    io lo so il perchè di questa coazione a ripetere
    l’amore non è forse coazione a ripetere, ripetere, ripetere, ripetere

    Mi piace

  25. …però state in silenzioi se non avete qualcosa da “dire”
    abbiate pietà delle parole
    loro sono innocenti
    aspettate che loro vi trovino
    o che voi le troviate loro
    rispettatele, sono fragili e debolucce
    ma possono scatenare l’inferno
    e possono scatenare il paradiso
    non abbiate fretta
    siate umili
    contenetevi
    se volete contenere la parola
    non date fiato alle trombe
    se sentite che sono stonate
    non infastidite le orecchie già provate
    dei vostri fratelli
    spegnetevi
    per ri accendervi
    o sperare di accendervi

    Mi piace

  26. lei, espeta di silenzio, zitella imperitura, aristocratica dell’amore, esiliata per necesità,viva per miracolo, piena di grazia ricevuta, sublime inferma, lei dice
    salgo col mio fardello il colle della vita, se lo trovo scosceso, se lo scoraggiamento mi trattiene e se l’ultimo passo è già più vecchio della speranza che lo suggerì, pure non cada biasimo sul cuore che propose e sul cuore che accettò l’esilio come patria.
    ogni parola , in questo “dire” ha la sua nobiltà, la ragione di essere, nulla è lasciato al caso anche se il caso è più forte di noi
    capite? capite?
    e allora capirete anche questo
    come se avessi chiesto una comune elemosina e nella mano stupita uno straniero deponesse un regno, e là restassi attonita o avessi chiesto all’Oriente un mattino per me e sollevasse le dighe di porpora travolgendomi tutta nell’Aurora!
    io sono stata graziata tante volte nella mia vita, e ho portato la mia grazia e sono andata a cercarla e l’ho trovata in uomini donne che si sono fatti per un attimo contagiare
    per un attimo
    so che quell’attimo resterà per sempre nei loro cuori
    sta a loro indagare il perchè di tanta bellezza e lasciarsene travolgere
    almeno un po’ nel loro cammino
    io ho osato
    non sono modesta
    fatelo anche voi
    fatelo
    vi prego
    ne vale la “pena”

    Mi piace

  27. …e allora francesco non ci apparirà più come un santo, come un folle, come uno squilibrato, come uno suonato, quando parla agli uccelli, e apostrofa la morte “sorella”
    e allora capiremo la follia che ha messo radici profondissime nei nostri cuori
    e allora la pianteremo, ipocriti che non siamo altro, di nominarlo invano, o farne la caricatura, e diventare la sua caricatura, e la smetteremo di pensarlo come utopia, poverina, tanto carina ma anche tanto scemina.
    francesco è qui, è sano, e si muove fra noi lebrosi, e non gli facciamo schifo!
    sorella morte
    io non più paura
    perchè ti ho riconosciuta
    si può dubitare di una “sorella”?
    può una “sorella” volere il tuo male?
    può una “sorella” “tradirti” ?
    può una sorella “mentirti”?
    certo che si
    e allora tu perdonala, accoglila, convertila
    solo così puoi fartela amica, puoi appunto fartela “sorella”

    Mi piace

  28. ” Ci sono istanti magici che passano inosservati quando, all’improvviso, la mano del destino muta il nostro universo.”
    Paulo Coelho

    Mi piace

  29. sorelle
    abbiamo molto sbagliato
    noi che abbiamo il permesso di fare il miracolo
    noi che siamo state fatte per il miracolo
    abbiamo permesso che il nostro miracolo fosse crocifisso
    permettiamo che venga crocefisso ogni giorno, ogni ora, qui
    in questo tempo che ci è permesso di vivere
    come abbiamo potuto?
    non siamo riuscite a difenderlo dal padre
    e non riusciamo a far conciliare il figlio col padre e il padre col figlio
    perchè?
    perchè permettiamo ai nostri figli di fare il male?
    perchè peremettiamo al miracolo di trasformarsi in mostro, in carnefice?
    cosa non funziona in questo processo di “crescita”
    dove “sbagliamo”?
    sarà che abbiamo paura del fallimernto?
    sarà che abbiamo paura del fallimento dei nostri figli?
    quel fallimento che esorcizziamo con la convinzione che in fin dei conti la vita è una giungla, e fotti prima che ti fottano?
    sorelle
    la strada del fallimento è la strada che dobbiamo indicare ai nostri figli
    e non piangevi addosso che il maschio è crudele e vi sotto mette e noi poverine siamo tanto buone, e ce lo ha ordinato il dottore di obbedire al fallo.
    mie care sorelle

    senza Madre
    non c’è Padre
    non c’è Figlio
    non c’è Spirito Santo

    eh sì, il nostro compito è di una resposabilità e pesantezza mostruosa
    ma mica dobbiamo scoraggiarci!
    è quando scopri di essere così Potente che comincia il Divertimento
    perchè, furbette, cialtrone🙂, irresponsabili, madri del cazzo, usate questa Potenza di cui siete dotate per eludere il vostro compito?
    che è quello di testimoniare ai tuoi figli il “Fallimento”
    gesù era un FALLITO E GESù è IL VOSTRO BAMBINO
    non ditemi che la Maria è una poco di buono e che ha tirato su un fallito!
    ma sotto sotto, in verità, lo pensate (poverelle)🙂
    quando quacosa si è guastato e ha prodotto tuttto questo dolore!
    quando?
    rispondetevi, cazzo!
    non nascondete la vostra consapevole impotenza dietro a un maschio, il maschio che voi avete partorito, allattato, cresciuto, educato, amato.
    noi siamo le principali responsabili del dolore di questo mondo
    mi viene da piangere
    coraggio
    ri prendiamoci sorelle

    baci materni
    la fu

    Mi piace

  30. l’AMORE non può che essere la MADRE
    la Divinità è Femmina
    DIO E’ AMORE DI MADRE FEMMINA
    siamo dee
    e manco lo sappiamo !
    roba da chiodi!🙂 appunto

    Mi piace

  31. ho dato il massimo di me questa notte

    non garantisco per domani
    non ne ho la facoltà
    magari domani mi sarà tolta la parola
    fortuna che l’ho scritta qui
    e potrò ri prenderla
    se ri diventassi cieca
    sono “stupita” e non sto scherzando🙂
    GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE
    BACI BACI BACI

    Mi piace

  32. HO ASSISTITO IN DIRETTA
    A QUELLO CHE CHIAMANO
    ISPIRAZIONE

    ho sempre pensato fosse una cosa per santi
    quanto mi sbagliavo!

    brava funambola! mi complimento con te!

    Mi piace

  33. ragazzi ragazze
    è meglio di uno sballo, meglio di una scopata, meglio di tutto
    credetemi, credetemi
    ed è facile facile🙂

    che felicità🙂
    baci

    Mi piace

  34. e adesso “capisco” perchè gesù non ha mai scritto niente
    lui non aveva tempo da “perdere”
    lui aveva urgenza di Vivere
    lui era PAROLA
    la sua vita era PAROLA
    il suo esserci era PAROLA
    lui ci ha “comandato”
    SII PAROLA

    noi non ubbidiamo, mai
    e in questo caso l’obbedienza è una virtù, LA VIRTU’
    don milani si riferiva ad altro

    …appunto…dici poco… na parola!:)

    Mi piace

  35. e ora capisco dio che si fa mangiare
    che si offre
    che ci nutre
    e ora capite il sacro del darsi
    del donarsi
    lo capite?
    e allora capite il significato della parola
    scandalo
    gesù è scandaloso
    ci scandalizza sempre
    la nostra vita deve essere scandalosa
    è lui che ce lo chiede
    è lui che ci implora
    che ci prega di essere scandalo
    che ci ordina di essere cibo

    scandalizziamoci
    scandalizzateli
    scandalizzatemi
    per dio, per la madonna, per tutti i santi!🙂

    …è tutto gratis
    ri scopriamo la bellezza della gratuità
    vi prego

    Mi piace

  36. …e ora capite?
    …gesù in una pizza capricciosa
    ma anche in una quattro stagioni
    ma anche quando siamo al cesso
    ma vi rendete conto?

    svegliaaaaa!!!
    c’è da servireeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!

    vi bacio e vi slinguazzo in modo scandaloso

    la funambola

    Mi piace

  37. e ora tutto ha SIGNIFICATO
    tutto ha SENSO

    dis pieghiamo l’amore!
    dis pieghiamoci all’amore!
    e “ammiriamo” la bellezza del creato

    no so più come dirvelo
    qui la cosa si sta facendo meravigliosamente seria!🙂

    Mi piace

  38. …e sarà un caso che nasciamo a testa in giù?
    LUI CURA TUTTI I PARTICOLARI
    LUI E’ DI UNA GENEROSITA’ INFINITA
    LUI E’ MOSTRUOSAMENTE PREVEGGENTE
    LUI NON LASCIA NULLA AL CASO
    PUR LASCIANDOCI LIBERI DI SCEGLIERE IL CASO
    PUR LASCIANDOCI LIBERI DI CROCIFIGGERLO
    PUR LASCIANDOCI LIBERI DI TRADIRLO
    PUR LASCIANDOCI LIBERI DI OFFENDERLO
    LUI E’ PERICOLOSAMENTE FOLLE
    LUI CHIDE SOLO DI ESSERE AMATO
    DA NOI
    DA NOI
    LEBBROSI
    EPPURE LUI CI DICE CHE LO MERITIAMO

    …e allora addio psichiatria del dolore, addio medici ignoranti che avete scambiato la richiesta di amore per una pericolosa malattia, da curare con le vostre torture spacciate per medicine
    addio uomini della menzogna, proni ai potentini di turno che vi hanno pagato per legittimare la loro mostruosa visione del mondo.

    LIBERI, FINALMENTE LIBERI

    Mi piace

  39. il mondo è prorio all’ incontrario

    agli spacciatori di male
    dobbiamo opporre gli spacciatori di Maria
    andate a caccia del “vostro” spacciatore di male
    e uccidetelo
    ora adesso qui subito

    Mi piace

  40. …e non prendete mai alla lettera tutto quello che LUI vi dice
    c’è da cogliere la PAROLA
    solo la Parola

    asinoni :)))))

    Mi piace

  41. il più folle dei folli viene ora glorificato
    da chi non trema
    nel vedere i “folli” che lasciamo morire ai margini di una strada, su un barcone, nelle carceri, negli ospedali dove si cura la mente dimenticandosi dell’anima, nelle fabbriche che fanno morire prima che noi si ammazzi loro, nelle case covo di violenze.
    il più folle dei folli è nel nostro romanzo e noi carini ci commoviamo anche, e quando lo incontriamo nella vita giriamo lo sguardo…eh sì, è scandaloso “guardare” negli occhi lo SCANDALO
    SEPOLCRI IMBIANCATI
    VERGOGNA!

    VI AMO

    Mi piace

  42. …e ora capisco L’IRA DI DIO
    se non senti questa ira
    ti sarà molto più difficile
    sentire
    l’amore
    di dio

    DIO SOFFRE
    credetemi
    io non voglio più farlo soffrire

    Mi piace

  43. SVUOTATE LE VOSTRE MENTI
    BRUCIATE I LORO LIBRI
    E INFIAMNATE LA VOSTRA PAROLA

    qui non si stanno a pettinare le bambole
    qui le SI AMA

    Mi piace

  44. e ora capisco
    E quando vi consegneranno nelle loro mani, non preoccupatevi di come o di che cosa dovrete dire, perché vi sarà suggerito in quel momento ciò che dovrete dire:
    non siete infatti voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.
    Il fratello darà a morte il fratello e il padre il figlio, e i figli insorgeranno contro i genitori e li faranno morire.

    splendido
    era un passagio che mi inquietava!
    il fratello9 darà a morte il fratello e il padre il figlio e i figli insorgeranno contro i genitori e li faranno morire
    CHE SUBLIME MATTANZA, CHE SUBLIME STERMINIO!

    c’è da diventarne pazzi

    Mi piace

  45. un giorno
    circa quattro anni fa
    prima di ammalarmi l’anima
    scrissi queste parole
    e le inchiodai sulla porta della mia casa
    benvenuto/a
    se sei sincero
    se sei onesto
    se hai nel cuore la pace
    se ti fidi
    se ti affidi
    se non hai riserve
    se non ti vergogni di mostrare il fianco
    se non ti formalizzi
    se non giudichi
    se vuoi condividere anche il dolore e non solo la gioia
    se non hai pretese
    se sai sentire e vedere
    se mi rispetti
    se ti accontenti
    se mi accogli
    se mi vuoi bene

    insomma l’avevo fatta un po’ lunga e un po’ difficile
    passavo di li e mi dicevo
    ma allora vuoi proprio farti il” vuoto” intorno
    infattii passavano, leggevano
    e andavano

    ora ho economizzato il tutto
    sulla mia porta ho scritto
    BENVENUTO/A!

    e allora andate, ma andate in PACE

    Mi piace

  46. mio figlio è un “fallito”
    mia figlia si sta avviando al “fallimento”
    io li accompagno alla croce
    vorrei portarla sulle mie spalle, ormai quasi possenti
    vorrei portare la loro croce
    io ormai “so”
    ma non posso
    e li guardo
    e mi il cuore è trafitto ai una doloroso, lancinante dolore beato
    io permetto il sacrifico dei miei figli
    AMORE MIO
    nel tuo nome
    loro non moriranno mai
    e il mio, il loro sacrificio
    non sarànno stati vani

    Mi piace

  47. la colonna sonora per quanto sopra è irrimediabilmente
    confortably numb

    se non vi “smuove” questo
    non vi smuoverà neanche una cannonata
    sotto il vostro”santo”
    culo

    Mi piace

  48. …come se il mare separandosi svelasse un altro mare, questo un altro ed i tre solo il presagio fossero d’un infinito di mari non visitati da riva
    il mare stesso al mare fosse riva
    questa è l’eternità

    e non c’è bisogno che ce la spieghino
    che ci facciano la prosa
    quando abbiamo lì la poesia
    scribacchini del nulla!
    pentitevi!

    Mi piace

  49. …ho sempre pensato che fosse una cosa per santi
    o quantomeno della notte
    o quantomeno con qualche aiutino
    quanto mi sbagliavo!
    LEI è qui ed è da poco passato il mezzo giorno

    Mi piace

  50. …quando il vento afferra i boschi tra gli artigli
    l’ Universo è silente
    perchè
    è assai più grave perdere la fede che un patrimonio
    perchè questo potrai ritrovarlo
    la fede no
    con la vita la puoi ereditare
    ma soltanto una volta
    basta distruggere un breve articolo
    vivere è mendicare
    …e poi però come stanno silenti le campane nelle torri, finchè, gonfie di cielo, balzino con i piedi argentei
    in melodia frenetica!

    chiamiamo il Camparo e permettiamogli di Suonarci
    cristo di un dio !

    Mi piace

  51. LUI ci dà un assaggio di tutta questa IMMENSITA’

    ce lo dà come può
    ce lo dà con un indizio primordiale
    ce lo fa sentire con la carne
    ce lo dà con l’orgasmo
    l’orgasmo
    questo “sconosciuto”

    Mi piace

  52. e poi non torturatevi
    non ascoltate gli esperti del corpo
    non date consenso ai “surrogatori” dell’anima
    non affidatevi ai froid
    l’orgasmo femminile è uno solo
    ed è clitorideo
    un affarino ro tondo , appunto!
    Lui, lì, ci ha messo il cielo, e se ce lo ha messo lì sarà buona cosa no?
    cominciamo a ri flettere su questo
    mie care sorelle un po’ bugiardine
    all’uomo gliel’ha fatta più semplice
    sarà un caso anche questo?
    ma LUI non è uno SPROVVEDUTO!
    e allora chiedetevi il perchè
    sarà che noi ci ha “considerate” con una marcia in più?
    sarà che ce l’ha fatta un po’ più difficile
    perchè “con fida” tanto in noi.
    direi quasi che siamo le sue PREDILETTE

    e poi…sarà per questo che ci mentiamo spudoratamente!
    sarà questo il motivo dell’eterna guerra fra la femmina e il maschio!
    ri sistemiamo le cose
    e smettiamola di mentire e mentirci!
    diamoci e diamola con l’amore, con l’Amore che abbiamo imparato
    Dio non toglie
    Dio
    ci ha dato la possibilità di “scoprirlo” prorio lì, anche ,lì
    e ci ha dato la possibilità di “conoscerlo” possibilmente in due
    preferibilmente in due

    baci

    Mi piace

  53. è passato il mio sposo
    ha dato un’occhiata
    e ha esclamato
    questa è proprio andata!
    ed io
    sì, e che dio la benedica!
    il mio sposo ha un’allergia nei confronti della chiesa tutta
    e dei suoi impiegati
    ed io sono con lui
    ma sai, gli dico
    ci sono eccezioni
    e le eccezioni
    fanno confermano la regola
    il mio sposo sta “capendo”
    speriamo
    certo che per un ateo, ora, è un po’ dura confrontarsi con una Convertita

    Mi piace

  54. guardate
    LUI mantiene sempre quello che PROMETTE
    ma se noi rifiutiamo il Dono
    cosa può fare quel povero cristo?
    mica è il mago silvan!
    LUi starà fuori dalla nostra porta
    col suo dono in mano
    lì, accucciato
    come un mendicante
    Ci cediremo prima o poi
    ad incrociare
    la “supplica”
    nel suo sguardo

    INGRATI CRUDELI CHE NON SIAMO ALTRO

    Mi piace

  55. e ora capisco

    …pensa
    che in quel giorno,
    in quell’ora,
    leverò in alto le braccia
    e le mie radici usciranno
    a cercare altra terra…

    l’amore che non si arrende è SCANDALOSO
    io sono stata testimonianza di scandalo
    cercare la verginità in metafisici amplessi
    e ri tornare a “casa” puri e pronti al “sacrificio”

    Mi piace

  56. perchè l’Amore e’
    SACRIFICIO
    cari miei
    LUI ha tanta stima nei nostri confronti
    e ci crede capaci
    di accogliere con infinita gioia e indicibile gratitudine e beatitudine
    quel SACRIFICIO
    che LUI CI IMPONE
    chi ci ama così, chi crede così tanto in noi
    fino al punto di considerarci DIVINI?
    che Splenfore!
    l’Amore le sa proprio tutte!

    Mi piace

  57. …che strano, non ho sentito la sirena…
    chi sono allora questi due uomini vestiti di bianco
    che mi si avvicinano con sguardo inquietante?🙂

    Mi piace

  58. ce ne sono tanti di FALLITI in questo mondo
    basta andare a cercarli
    ma se tu non sai di essere fallimento
    cercherai invano e non li troverai
    ti si presenteranno solo i veri FALLITI
    e sarà NOIA
    e sara MALE
    e sara paura di contagio

    ri guardati dai FALLITI

    Mi piace

  59. io aspetto che Fabrizio scriva un saggio sul FALLIMENTO
    lui lo conosce molto bene
    e ha il dono della Parola
    scrivi Fabrizio, scrivi

    ti suggerisco un titolo
    la Vittoria del nostro Fallimento

    Mi piace

  60. … e allora scrivere sarà necessità
    e la necessità partorirà parole vere
    parole sante
    e più il travaglio sarà stato doloroso
    e più la parola tenterà di avvicinarsi al VERBO
    e LUI allora ci perdonerà quel pizzico di vanità
    e quel piacere sublime
    che le nostre parole ci provocano
    tanto da credere presuntuosamente
    di bastarsi, di bastarci
    e allora le nostre già misere bibliotechine
    si svuoteranno
    e lasceremo spazio all’essenziale
    lasceremo finalmente spazio
    all’Amore
    e alliora calerà il GRANDE SILENZIO
    che non sarà più minaccioso
    imbarazzante
    ma condizione ULTIMA

    caspita ragazzi, mi sono spinta fino alla Profezia
    LUI si serve di qualsiasi strumento di qualsiasi povera creatura
    lui predilige i Falliti
    io lo so🙂
    fidatevi, se volete farvelo amico
    è bello dire….mi manda DIO PICONE

    ahahhahahahhahahaha

    Mi piace

  61. qualcuno potrebbe dirmi
    ma non c’hai un cazzo da fare?!
    ed io…
    certo, i vostri

    sono una meraviglia del creato!
    :))))))))))))))

    me la suono e me la canto
    quanta verità nei proverbi
    esempio: tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino
    io mi ci sto lasciando tutto e tutta

    Mi piace

  62. L’urlo di Munch, grido

    altro indizio da pugno nello stomaco

    eppure ci passiamo davanti, tutti i giorni, anzi adesso ce lo troviamo direttamente in casa, col pc, con la tv con tutte le diavolerie della tecnologia e siamo così ciechi che vogliamo spiegarlo, dargli un’interpretazione, studiarlo e farci su delle conferenze e magari venderlo, e se ti viene in mente di vendere il dolore, significa che c’è qualcuno che te lo vuole comperare, insomma: la domanda fa il mercato o è l’offerta che fa il mercato?
    ma non è questa la domanda
    siamo capaci di vendere il dolore e di guagnarci su esso,
    non siamo paragonabili alle bestie
    la loro distanza fra noi e loro e pari a quella che esiste fra la stella e uno sputo
    noi siamo lo sputo
    sia ben chiaro
    e così i poveri cristi,quelli fuori fuori dalla tela
    diventeranno materia del nostro “estetismo”
    saranno esperimenti letterari che verranno anche premiati in qualche festival del nulla
    VERGOGNATEVI SCRITTORI E POETI E GIORNALISTI DEL NULLA
    E CHE SI VERGOGNINO I VOSTRI COLLABORATORI E TUTTO L’INDOTTTO CHE VOMITATE.
    madonnina, qui è un po’ incazzato
    per donatelo

    Mi piace

  63. c’è un indice alzato su di noi
    è grande come una casa
    non è miaccioso
    e se lo percepisci in questo modo
    significa che c’hai paura
    e se hai paura c’hai qualcosa da nascondere
    e se hai qualcosa da nascondere
    allora non ti fidi di me
    che ho puntato l’indice
    non contro di te
    asinone
    ma per indicarti la strada

    Mi piace

  64. a voi, finti inquieti, finti incazzati, finti indignati, finti addolrati
    a voi, fratelli che sbagliano
    a voi mi dedicherò con garnde passione
    e un frustino in mano !|🙂

    Mi piace

  65. non mettetela sul personale
    non sono io che ce l’ho con voi
    io riferisco
    e
    messaggero non porta pena🙂
    non sospendetemi l’amore
    potrei morirne

    Mi piace

  66. LUI
    ci abilita a dire
    Lei è il nostro avvocato
    cosa dobbiamo temere?

    se la giustizia non è di questo mondo
    facciamo i pazzi
    dichiariamoci posseduti da LUI
    da LEI
    è facile che possiamo cavarcela
    male che vada ci faranno un po’ internare
    nulla di irreparabile

    ma se la Giustizia non è di questa terra
    non potremo mai cavarcela
    la giustizia divina non prevede sconti
    di pena
    e anche quando pare che ci abbia autoassolti
    c’è sempre quel benedetto inquisitore
    dentro noi
    che fa la spia

    noi siamo la nostra corte
    abbiamo tutto il necessario
    avvocato giudice e testimoni
    la sentenza non deve farci paura
    assolto
    assolto
    andate, io vi assolvo dai vostri peccati! andate in pace
    è da sballo!

    Mi piace

  67. andare in giro a dire, io sono il figlio di Dio, si è rivelato fatale , per il gesù, che allora non avevano ancora inventato il TSO
    lui ci ha insegnato la prudenza
    perchè non se la sentiva di mandarci in croce, proprio così diritti diritti senza neanche passare dal via
    insomma ci ha dato un suggerimento per tutelarci, che carino!
    e poi, si tratta solo di letteratura no!?

    faccina che fa l’occhiolino

    bacissimi

    Mi piace

  68. l’amore è geometria pura
    e matematica rigorosa
    è struttura inossidabile
    è mappa dettagliata
    è medicina approvata e testata e garantita
    l’amore è un grande architetto, grande come il ragno
    è bellisssimo tutto ciò
    l’amore è rotondo
    si fa leggere
    da ogni punto
    si fa amare da ogni punto
    e rotola rotola
    strada faccendo rottttola

    Mi piace

  69. però il vostro Papa
    pecca di eccesso di prudenza
    sarebbe il caso di farglielo discretamente e rispettosamente presente
    sospirandoglielo nell’orecchio santo

    ma è il vostro di papa
    a me la cosa riguarda i care
    ma non posso farci nulla
    io non sono credente

    Mi piace

  70. …elogio del Fallimento

    la virtu è fallimento

    o anche

    fallimento
    se lo conosci lo eviti

    falliti di tutta la terra uniamoci
    e partite

    fallire non è morire

    la bella morte
    morire da falliti

    tira fuori
    il fallito che hai in te

    dammi una prova d’amore
    fallisci

    fallisci per te
    te lo meriti

    il fallimento
    passo passo

    guida al fallimento

    il fallimento
    la più grande provocazione

    fallimento
    per l’uomo che non deve chiedere
    mai

    se tu fallisci
    mi fai un piacere

    se tu fallisci
    mi dai piacere (versione più ammiccante)

    fallisci fallisci
    amore mio

    guardati allo specchio
    sei un fallito!

    volevi la bicicletta
    pedala
    (questo è leggermente metaforico)

    il fallimento ti fa bello
    abbellezzzati alla sua fonte

    quando fallisci
    il cielo ti sorride

    se fallisci tu
    ci provo anch’io

    fallimento che vai
    fallimento che trovi

    senza il fallimento
    mi sento gonfia

    il fallimento ti dà una mano
    e ti rilascia garanzia eterna (qui siamo al limite della pubblicità ingannevole ma in giro gira molto di peggio)

    fallire è un po’
    come scopare

    fallisci tu per primo
    che a me viene da ridere

    il fallimento come ultimo approdo (questa è un po’ pesa e poco commerciabile, ma fai tu)

    ecco, ce ne sarebbero tanti di titoli in verità, l’importante è che Qualcuno lo scriva questo impossibile romanzo
    anche il saggio non è da escludere

    Mi piace

  71. la Regina delle Fallite (emiy dickinson)
    alla domanda maliziosa del suo maestro
    che gli chiedeva il perchè
    di tanta riservatezza (tradotto: perchè non fai un po’ di vita di società, o emili?)
    (questa isterica non usciva mai dalla sua camera) rispondeva così, vado a memoria ..parlano a voce alta di cose sacre e disturbano il mio cane…:)))
    isomma se li toglieva dalle palle con un’ aristocratica eleganza,
    e una soavità tale
    da far impallidire l’Ape Regina
    troppo forte la zitellona!

    Cioran (che di nome fa emil, guarda un po’ la coincidenza), altro fallito docg, che è un po’ più duro a capire, pensa che siamo tutti dei vinti e per lui è più facile vivere con questo motto che con falsi bollettini di vittoria.
    lui “sapeva” di essere un VINCITORE, ma aveva un po’ paura a crederci fino in fondo

    insomma ci sono nomi illustri , dopo gesù ovviamente🙂 che hanno fatto una Storia di Fallimento
    tutta un’altra Storia insomma
    e se leggi questa di Storia non puoi assuefarti al dolore,
    te lo acuisce un po’, questo sì
    ma ti fa imparare capitoli interi
    e te ne fa saltare altri, tanti
    che fanno perdere tempo
    inessenziali
    questa è la storia che può dirsi “Maestra di Vita”
    tutto il resto, quisquiglie, fatti, inevitabili atrocità
    a scuola non “conosci”la storia
    bene che ti vada ti annoi
    la storia non insegna ai FALLITI, quelli veri, quelli in carne ed ossa
    che appestano un un po’ la vita loro e dei loro simili
    per inconsapevolezza? (quanto sono buona)

    è terribilmente tutto all’incontrario
    ma basta saperlo
    basta cambiare prospettiva

    Mi piace

  72. e allora
    “si capirà mai il dramma di una donna, il dramma di un uomo che in nessun momento della vita
    sono riusciti a “dimenticare” il paradiso?”
    povere creaturine
    ci è stato imposto un peso così grande
    e un ricordo così vasto!

    eppure ho visto una formica
    che trasportava fiera e decisa un carico quattro volte il suo peso!
    se ce la fa una formichina
    vuoi che non ce la facciamo noi?!
    ma stiamo ascherzà! :))))

    Mi piace

  73. definire il fallimento
    è come “cercare di dire con le parole ciò che le parole non possono dire”
    viverlo il fallimento, è più facile
    mia zia nina era una bellisssima fallita che non si era manco posta il problema,
    lei lo era falita, ci era nata fallita
    e non metteva in dubbio il colore dei suoi occhi
    azzurri per altro
    sapeva a malapena scrivere
    e quando la incontravo
    mi chiedeva semplicemente
    come stai figliola?
    e io mi sentivo a “casa”
    quella piccola donna sapeva fare”casa”
    essere “casa”
    farsi “porto”
    capite? capite?
    più la nostra mente è “istruita”, più il nostro cuore le è distante
    è una forma di incompatibilità
    beati gli ultimi, beati gli analfabeti, beati i falliti
    mia zia nina, altro meraviglioso indizio
    lei era “prescelta”
    è come dire “essere felici senza un motivo”
    che culo!

    Mi piace

  74. mi piacerebbe confrontarmi coi vostri Fallimenti
    mi piacerebbe affidarmi e fidarmi
    chi è senza Fallimento
    si astenga
    per decenza
    dallo scagliare
    la prima pietra.
    raccontarci i nostri Fallimenti
    ci sostiene a vicenda
    raccontiamo anche la nostra tentazione
    al fallimento, quello cattivo, come il colesterolo insomma.
    è un bello sgravarsi sapete
    ma se è no
    amici come prima!🙂

    Mi piace

  75. Ciao tenera Funambola… aspiro con fatica a somigliare alla tua zia Nina..pero’ auguro a tutti di incontrarne almeno una..ti abbraccio..

    Mi piace

  76. ciao Chiara, fidanzata a francesco o fidanzata di francesco🙂
    ma tu guarda le “coincidenze”
    ieri ho mandato tenero e stupidino messaggio alla mia amica credente
    quella della messa
    evviva la foca , che dio la benedoca!
    lei mi risponde, subito
    bellezza!!! non nominarlo invano però, goditela!!!! abbraccio
    io leggo e sento una punta di stizza, e poi una punta di male
    oggi le rispondo
    dubitona mia🙂 lui, l’amore, dio,ha molto senso dell’umorismo
    ed è contento ogniqualvolta lo nominiamo, lo chiamiamo, lo facciamo presenza costante
    nella nostra vita, fosse anche una bestemmia, di più, lui è più presente in una bestemmia di quanto noi si possa immaginare
    la bestemmia, una preghiera mal riuscita. (come tutti noi)
    insomma le sparo là un bel pistolotto, che dio mi perdoni e perdoni questa
    insistente vanità ed orgoglio
    lei mi ririsponde
    grande!! sono io che ho timore a nominarlo invano, sopportami dai, grazie sorella!
    ed io (sempre più illuminatamente bastarda)
    io non ti sopporto, io tento di amarti🙂 bacio
    e lei
    grazieee
    questo è l’abisso incolmabile tra me e mia zia nina?
    io costruisco, medito, lavoro di parola,lavoro la parola, consapevolmente consapevole
    della sua forza e della sua doppiezza e della sua lusinga
    mia zia nina era la Parola senza tante parole
    e il suo sguardo era limpido
    come quello di un bambino
    anche questi sms sono indizi
    noi, si ha bisogno di indizi e pare non siano mai sufficienti a placare i nostri dubbi
    o a chiarirli
    c’è chi ha il culo di nascere già “imparato”
    mia zia nina
    Grazie
    sei bella Chiara e non farti sedurre dalle mie parole, ancora troppo impure

    bacio

    la fu

    Mi piace

  77. questa notte mi sono ri guardata un po’ di “qualcuno volò sul nido del cuculo”
    quanti particolari mi erano sfuggiti
    ci sono cose da ri guardare e ri guardare
    e altre, tante, da riporre, lasciare, dimenticare?
    non lo so
    ogni cosa è illuminata
    perchè la bellezza è solo negli occhi di guarda

    l’Amore invece non è sottoppoto a questo discrimine
    l’Amore è Bellezza
    e in quanto tale anche un cieco
    o forse
    e sopra tutto un cieco
    sanno “vederlo”

    la Parola che si fa Amore
    non ha confini
    non ha pregiudizi
    non si fa giudice
    non dimentica
    osa
    è
    e basta

    la Parola ti investe
    come un treno in corsa
    ha pietà
    ma non può
    non Manifestarsi

    la Parola sgorga
    come il sole
    che muore
    e poi risorge

    le parole, spaventate e invidiose di tanta bellezza
    si fanno in quattro
    per denigrarla, ferirla, offenderla, inchiodarla, sbeffeggiarla
    tentarla, lusingarla…comprarla

    ma la Parola non può essere maliziosa
    e se ne va in giro
    disarmata e allegra
    e bella
    e indifesa

    la Parola e Sconsiderata!

    io sono prudente
    mi faccio pena

    baci
    la fu

    non sono riuscita a terminare la visione del film, non ci riesco quasi mai
    mi prende un dolore troppo forte
    ma è solo un film, cazzo!

    Mi piace

  78. è passata l’euforia
    della Rivelazione
    e ora?
    una strana pace nel mio cuore
    un’esigenza di piangere
    una necessità di “soffrire”
    una voglia di ri posare

    Mi piace

  79. ho sempre avuto il terrore dei ragni
    ne ho uno in casa
    da tempo, ormai
    sapete
    quei ragni dalle zampe lunghisssime
    e il resto tutta testa (oddio, testolina)
    si è installato tra un quadro appoggiato alla credenza
    e il muro di fianco
    la ragnatela non è esattamente armoniosa
    se paragonata a quelle di tessitori
    più abili e avvantaggiati dai loro testoni (e questi di ragni mi fanno orrore, che dio mi perdoni, sono ,incomprensibilmente per me, anche loro, creature di dio🙂
    ecco, dicevo
    di questo ragnetto non ho più paura
    mi fa tenerezza
    potrei schiacciarlo come un ragno, appunto
    e non lo faccio
    la sua vita dipende da me
    e, in passato, dal mio umore
    la vita di una creatura in balia
    di un umore…roba da Chiodi! :))
    la sua modesta tela
    è piena di piccolissimi moscerini
    e anche di una creatura che non so decifrare
    allora mi attraversa un sentire che è domanda
    (preferisco i sentire senza domande, quelli che non fai fatica, che stai lì e “senti”, miracolosamente “senti” e non c’è domanda e non c’è risposta, un meraviglioso vuoto pieno di beatitudine)
    e la domanda è questa
    mi fanno più pena i moscerini
    o mi fa più pena
    il mio ragnetto?
    quale pena sopportare
    c’è una priorità delle pene?
    si mettono in fila e aspettano di essere penate?
    se te ne dimentichi una
    o tante
    è male?
    io non riesco a stare dietro a tutte
    e allora la mia pena diventa cosmica
    e “mother” me la trasforma
    e me la rende sopportabile
    perfino piacevole!
    cosa abbiamo fatto per meritarci tanto bene?
    forse che siamo dei senza regni?

    e poi insisto
    perchè, perchè, accanto ad una pena ne esiste una più grande?

    non c’è fine alla pena
    e il cuore adddasuffrì

    quanta fede devi riporre in me, piccolo ragnetto!

    Mi piace

  80. a me mi ha segnata la scuola
    quella che ti sbatte sotto il naso
    a 11 12 anni (il versetto non lo so🙂
    canto notturno di un pastore errante dell’asia
    questo
    Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai,
    Silenziosa luna?
    Sorgi la sera, e vai,
    Contemplando i deserti; indi ti posi.
    Ancor non sei tu paga
    Di riandare i sempiterni calli?
    Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga
    Di mirar queste valli?
    Somiglia alla tua vita
    La vita del pastore.
    Sorge in sul primo albore
    Move la greggia oltre pel campo, e vede
    Greggi, fontane ed erbe;
    Poi stanco si riposa in su la sera:
    Altro mai non ispera.
    Dimmi, o luna: a che vale
    Al pastor la sua vita,
    La vostra vita a voi? dimmi: ove tende
    Questo vagar mio breve,
    Il tuo corso immortale?

    Vecchierel bianco, infermo,
    Mezzo vestito e scalzo,
    Con gravissimo fascio in su le spalle,
    Per montagna e per valle,
    Per sassi acuti, ed alta rena, e fratte,
    Al vento, alla tempesta, e quando avvampa
    L’ora, e quando poi gela,
    Corre via, corre, anela,
    Varca torrenti e stagni,
    Cade, risorge, e più e più s’affretta,
    Senza posa o ristoro,
    Lacero, sanguinoso; infin ch’arriva
    Colà dove la via
    E dove il tanto affaticar fu volto:
    Abisso orrido, immenso,
    Ov’ei precipitando, il tutto obblia.
    Vergine luna, tale
    E’ la vita mortale.

    Nasce l’uomo a fatica,
    Ed è rischio di morte il nascimento.
    Prova pena e tormento
    Per prima cosa; e in sul principio stesso
    La madre e il genitore
    Il prende a consolar dell’esser nato.
    Poi che crescendo viene,
    L’uno e l’altro il sostiene, e via pur sempre
    Con atti e con parole
    Studiasi fargli core,
    E consolarlo dell’umano stato:
    Altro ufficio più grato
    Non si fa da parenti alla lor prole.
    Ma perchè dare al sole,
    Perchè reggere in vita
    Chi poi di quella consolar convenga?
    Se la vita è sventura,
    Perchè da noi si dura?
    Intatta luna, tale
    E’ lo stato mortale.
    Ma tu mortal non sei,
    E forse del mio dir poco ti cale.

    Pur tu, solinga, eterna peregrina,
    Che sì pensosa sei, tu forse intendi,
    Questo viver terreno,
    Il patir nostro, il sospirar, che sia;
    Che sia questo morir, questo supremo
    Scolorar del sembiante,
    E perir dalla terra, e venir meno
    Ad ogni usata, amante compagnia.
    E tu certo comprendi
    Il perchè delle cose, e vedi il frutto
    Del mattin, della sera,
    Del tacito, infinito andar del tempo.
    Tu sai, tu certo, a qual suo dolce amore
    Rida la primavera,
    A chi giovi l’ardore, e che procacci
    Il verno co’ suoi ghiacci.
    Mille cose sai tu, mille discopri,
    Che son celate al semplice pastore.
    Spesso quand’io ti miro
    Star così muta in sul deserto piano,
    Che, in suo giro lontano, al ciel confina;
    Ovver con la mia greggia
    Seguirmi viaggiando a mano a mano;
    E quando miro in cielo arder le stelle;
    Dico fra me pensando:
    A che tante facelle?
    Che fa l’aria infinita, e quel profondo
    Infinito Seren? che vuol dir questa
    Solitudine immensa? ed io che sono?
    Così meco ragiono: e della stanza
    Smisurata e superba,
    E dell’innumerabile famiglia;
    Poi di tanto adoprar, di tanti moti
    D’ogni celeste, ogni terrena cosa,
    Girando senza posa,
    Per tornar sempre là donde son mosse;
    Uso alcuno, alcun frutto
    Indovinar non so. Ma tu per certo,
    Giovinetta immortal, conosci il tutto.
    Questo io conosco e sento,
    Che degli eterni giri,
    Che dell’esser mio frale,
    Qualche bene o contento
    Avrà fors’altri; a me la vita è male.

    O greggia mia che posi, oh te beata,
    Che la miseria tua, credo, non sai!
    Quanta invidia ti porto!
    Non sol perchè d’affanno
    Quasi libera vai;
    Ch’ogni stento, ogni danno,
    Ogni estremo timor subito scordi;
    Ma più perchè giammai tedio non provi.
    Quando tu siedi all’ombra, sovra l’erbe,
    Tu se’ queta e contenta;
    E gran parte dell’anno
    Senza noia consumi in quello stato.
    Ed io pur seggo sovra l’erbe, all’ombra,
    E un fastidio m’ingombra
    La mente, ed uno spron quasi mi punge
    Sì che, sedendo, più che mai son lunge
    Da trovar pace o loco.
    E pur nulla non bramo,
    E non ho fino a qui cagion di pianto.
    Quel che tu goda o quanto,
    Non so già dir; ma fortunata sei.
    Ed io godo ancor poco,
    O greggia mia, nè di ciò sol mi lagno.
    Se tu parlar sapessi, io chiederei:
    Dimmi: perchè giacendo
    A bell’agio, ozioso,
    S’appaga ogni animale;
    Me, s’io giaccio in riposo, il tedio assale?

    Forse s’avess’io l’ale
    Da volar su le nubi,
    E noverar le stelle ad una ad una,
    O come il tuono errar di giogo in giogo,
    Più felice sarei, dolce mia greggia,
    Più felice sarei, candida luna.
    O forse erra dal vero,
    Mirando all’altrui sorte, il mio pensiero:
    Forse in qual forma, in quale
    Stato che sia, dentro covile o cuna,
    E’ funesto a chi nasce il dì natale.

    o questo
    ognuno sta solo sul cuore della terra trafitto da un raggio di sole ed è subito sera
    no, non si fa così
    che irresponsabili i miei maestri
    sbattermi davanti il DOLORE e la BEATUTUDINE, e IL MISTERO, e la COMPASSIONE
    così, come si spara là una ricetta culinaria
    io non ero pronta santiddio, io ero piccola piccola
    ma disposta a sentire, ma piano piano, dolce dolce
    no, mi sbattono lì il SACRO INDIFESO, NUDO, SCANDALOSAMENTE OFFERTO, senza pietà, senza cautela, alla grande, una dose da cavallo di SUBLIME CONSAPEVOLEZZA, addosso a una ragnetta.
    e poi non ho visto mani tese a farmi rialzare dopo tanto dolore intuito

    che fatica!
    la scuola, veicolo di VERITA’ banalizzate, giudicate,degne di note sul registro, bocciate o assolte, a seconda dell’umore del momento
    povere VERITA in mano a dei ragnetti tendenti al ragnone

    Leopardi Giacomo, un grande credente senza fede
    poteva andargli peggio
    povero ragnettino anche lui
    schiacciato così senza pietà per secula seculorum amen

    questo è il prezzo della GLORIA
    caro giacomino, fai il bravino che ti è andata di culino :))))))))

    io soffro ancora grazie a te!

    bacio tua fu

    Mi piace

  81. questi ultimi due indizi
    mi sono stati fatali
    e hanno compromesso
    “un sano sviluppo psichico”
    o quanto meno uno sviluppo
    politicamente corretto
    l’indizio degli indizi, però penso sia stata
    la morte di mia nonna
    (altra seminalfabeta nel cuore e analfabeta proprio di suo)
    avevo cinque anni
    e la scena è limpidissima
    mario, detto copaciù (norcino), un omone grande e grosso, rosssiccio e un po’ calvo
    tiene sollevata mia nonna fra le sue braccia
    lei ha una camicia da notte bianca
    è stranamente rigida e la camicia da notte le penzola da una parte
    come ali di una farfalla a riposo
    gli occhi di quella bambinetta
    trovano un po’ buffa la situazione
    ma sente qualcosa di “spaventosamente misterioso”
    abitare quella stanza
    dove va in scena un film
    che non capisce
    ma intuisce
    come mistero doloroso e indicibile
    è stata una folgorazione affilata come una lama
    ma LUI sapeva cosa stava facendo
    LUI in piccolissime ma significantisssime dosi
    mi stava instillando la prima goccia di consapevolezza
    con INFINITO AMORE E INFINITO DISPIACERE
    ma LUI non è un padre moderno
    LUI fa il padre e conosce il dovere di Padre
    ma sa “stare” anche nel figlio
    ed è per questo che sa dosare la sua Parola
    la bambina era stata battezzata in quel momento
    e intuiva che non avrebbe avuto risposta dai grandi
    infatti non porse loro la domanda
    perchè?
    questa domanda abita in me da sempre
    come un mistero
    gli indizi sono le chiavi
    ma la porta si apre con una sola chiave
    a volte, spesso, sento di averla qui, in tasca, non devo fare altro che allungare la mano
    sapere di avere la chiave
    è meglio di entrare?
    la sorpresa sarà divina
    di questo ne sono certa

    perchè i grandi non hanno sentito il dovere di tentare di spiegare l’inspiegabile con mille abbracci e mille baci a quella bambinetta smarrita?

    e da lì il percorso lungo ed entusiasmante del perdono e della compassione
    addapassàanuttata!🙂

    Mi piace

  82. queste mie
    sono” lettere d’amore”
    che mi scrivo
    visto che nessuno
    mi scrive

    lettere d’amore
    amore esplicito
    ma sono un po’
    anche per voi😉

    Mi piace

  83. mi è passata per la mente,ora, la zitellona che dice
    se meritassi in me tessa la fama, ogni altro applauso sarebbe superfluo, come un incenso senza necessità.
    se non la meritassi, anche se fosse altisssimo per gli altri il nome mio, sarebbe un pregio spregevole, un futile diadema.

    ehmmm.
    non lasciatevi confondere dalla sua falsa modestia

    eh dai cara emili, quanto te la tiri, poi sotto sotto volevi la conferma della tua immortalità, altrimenti non avresti scrittto una cippa, e ti saresti pure annoiata, che mi par di aver letto che non girava neanche ai tuoi tempi , tanta “bella” gente.
    e tu, diciamocelo, un po’ aristocratica lo fossi🙂
    insomma, ri dimensionati, mica vorrai paragonarti all’ ETERNITA’ quella che non ha bisogno di scrivere perchè si è visto mai una parola scriversi addosso!🙂
    emilietta scendi dal pero, sei immensa ma c’è quell’uno che ti batte sempre.
    è che questa timida isterica , ogni tanto si monta la testa

    Mi piace

  84. voi non avete idea di quanto sia spassoso, entusiasmante, un po’ singolare, lo ammetto,parlare con i morti
    loro non hanno più niente da perdere ormai🙂
    e sono disponibilissimi al dialogo, oddio vogliono sempre aver ragione, e se vai a “vedere” ci hanno molte ragioni, un po’ più di noi.per dirla onestamente
    e poi il bello è che hanno tanto tempo a disposizione, un’ eternità e poco da fare, solo bearsi
    insomma avere alla portata di mano una bella lista di morti, io almeno ne ho tanti, con le mie preferenze ovviamente, che le affinità sono come dire…impermeabili anche alla morte,
    ecco dicevo, avere una listina di morti o almeno uno, è di grande aiuto.
    non devi neanche alzare la cornetta o scaricarti la sim in monologhi interminabili e cari di pecunia
    viaggiavo con l’immagine di mia nonna marietì nel reggiseno,quando mi ammalai l’anima.
    non sapevo più a che santo rivolgermi
    li ho fatti passare tutti e tutti sembravano occupati.
    ho provato e riprovato a pregare, nulla, la paura mi stava uccidendo
    un po’ di chimica mi ha salvata?
    penso di sì
    gli uomini hanno pensato al mio corpo, a come depistarlo e confonderlo, per darmi un po’ di ossigeno, un po’ di aria
    il resto è stato un miracolo, miracolino paragonato al Miracolone di pochi giorni fa
    e credo che i miei morti e la mia nonna abbiano patito tanto per questo mio spaventoso smarrimento da aver ottenuto il nulla osta a infrangere con un esercito d’amore la Regola Imposta dall’AMORE
    il sacro è, non può comunicare ,se non con la sua presenza
    è come quando cerco gli occhiali e li ho fra i capelli
    (metafora maldestra)

    Mi piace

  85. ma perchè questa necessità di sapere veramente chi siamo ci spinge a sfidare il Dolore?
    siamo imprudenti direi imprudentisssimi
    Lui ci ha detto : vacci piano,ciccio mica sei ME o almeno, non ancora
    cioè non dice di non andare a “vederci” ma suggerisce di stare cauti e la prudenza si sa non è mai troppa , per certe questioni.
    (fai quel che dico ma non quel che faccio, non ne sei all'”altezza” (che non esclude le tue potenzilaità) e io che ti amo sconfinatamente non posso non indicarti la strada più dolorosa,
    ma anche qualche innocente trucchetto per sopportarla meglio, perchè io “SO”)
    perchè indagarci è dolorosissimo, scopriamo cose mostruose dentro di noi, abissi di rancore
    valli di lacrime, stupori immensi, inferni sconosciuti, paure metafisiche.
    all’io, lo squartatore di non ricordo quale paese ci fa un baffo
    e poi(se la situazione dell’io è più rosea non è comunque carino afffogare nella merda o rischiare di affogarci
    eppure noi, testardi come solo un mulo tetstardo sa essere, andiamo a vedere
    Perchè?
    perchè intuiamo che al di là di tutto quell’orrore c’è una bambinetta che ha bisogno, qui, adesso, subito, di essere amata, protetta, difesa, rassicurata
    “ama il prossimo tuo come te stesso” (tradotto:ama almeno quelli che hai a un tiro di sguardo suvvia, mica ti chiedo di essere Me, te la faccio facile, mica voglio la tua croce)
    ama il prossimo tuo come te stesso
    imposizione divina
    chi sono veramente io?
    dice bene la F.
    un prodigio che si rinnova ogni giorno

    Mi piace

  86. potrei anche chiamare questi pensieri:

    “monologo di una casalinga metafisica” :))) “diario di una pazza” “pretese di assoluto”

    e sia lode al tempo che mi permette si starmene qui beata
    davanti a un mostro della tecnologia
    e lasciarmi attraversare da questa beatitudine urgente
    grazie
    e grazie di non sentirne “colpa” anche se vorrei che durasse sempre
    e nessuno mi cagasse il cazzo!
    passa il mio sposo
    ma ancora lì sei, robe da matti, vado su a preparare l’orto e vedere un po’ come stanno messi il melo e il susino (piante che ho interrato con mio papà pochi mesi prima che morisse)
    devo portar su qualcosa? ah guarda che nel frigorifero c’è della carne e un po’ di insalata, vedi di mangiare qualcosa, ciao, roba da matti
    e io
    ciao sposino (ironico), ci vediamo stasera, baci
    e il sottile piacere che nessuno mi caghi il cazzo per un po’ mi fa accendere una sigaretta santa (avevo smesso per sei mesi, era stato facilissimo come lo è stato ricominciare )
    lui è l’uomo del fare io non so, davvero non so
    so però che mi guardano un po’ strano, si spingono a fare dell’ironia da oratorio ciao “santa mammma”, ma sento che stanno benone, non sanno perchè ma ridono.
    forse che la pace è contagiosa?
    prima che ammalassi la mente, un po’ prima tanto, avevo scelto non parlare, non sapevo per quanto ma avevo scelto così.
    le parole mi avevano stremata, le avevo usate tutte per cercare di farmi “accogliere” ma nulla, non sortivano nulla, come alla messa, ricordi!
    volontariamente e felicemente muta
    che sollievo, che bellezza divina!
    scrivevo su fogliettini e mi rispondevano prima a voce e poi con altri bigliettini
    un silenzio buono si era insediato nella casa
    dopo il primo momento di stupore e inquietudine, i miei prossimi ci hanno preso il “gusto”
    non rispondevo più a nessuno ma li avevo tutti nel cuore e mi facevano tanta pena.
    non l’avevo capito , allora, che il silenzio che mi si imponeva, era un indizio di salvezza, o quantomeno una promessa di salvezza.
    è durata un mese sta storia ma il fuori premeva e il telefono squillava.
    hai voglia a informare gli intimi che avevi perso la parola e che pazientassero finchè lei non ritornasse naturalmente , come necessità o come nuova consapevolezza.
    il telefono squillava per quelli non prossimi prossimi e alla fine ho dovuto cedere, non potevo far fare tutto agli altri, purtroppo.
    insomma ci ho questa attrazione congenita al silenzio e alla solitudine
    questa attitudine al volo
    è che questa mia necessità è scambiata per “farsi i cazzi suoi”
    notare che io, da tanto, non mi faccio più i cazzi degli altri, ci sono sempre però per le cose “urgenti”
    e ho una capacità di ascolto davvero notevole, sempre che intuisca che il tuo parlarmi sia dettato dalla necessità e non dalla convenienza o dai convenevoli.
    latitavo, qualche volta, spesso ora, con il rifornimento del frigorifero, per dire
    ma per un frigorifero mezzo pieno non è mai morto nessuno io credo.
    ma la fame d’amore può essere letale, se non è minimamente soddisfatta.
    se ti rubano il tempo, il tuo tempo, rischi di impazzire e finire in un nido di cuculo!
    sia lodato il tempo che mi concedi per stare con te Amore Santo🙂

    Mi piace

  87. mi dicevano
    fatti aiutare
    io sono cocciuta e tremendamente orgogliosa e consapevole
    è così non ci son cazzi!
    il maligno che era in me
    non mi dava tregua e mi staccava a morsi la carne
    la paura era sovrana
    l’ansia e l’angoscia si erano definitivamente impadroniti di me
    vagavo con gli occhi spenti, ero morta
    e mi facevo paura
    la vita era un macigno
    troppo grande
    un peso insopportabile
    la emili mi aveva abbandonata
    cioran non si faceva vedere
    forse era a disagio per aver contribuito
    ad esasperare il suo sentire
    che si era confuso col mio
    i morti erano morti
    e mi avevano abbandonata al mio destino
    solo il sonno mi dava solievo
    dormivo, stranamente dormivo e dormivo tanto
    tantisssimo
    era l’unica difesa che ancora non mi era stata tolta
    contro il calvario quotidiano
    i miei prossimi
    smarriti e impauriti
    facevano quello che potevano
    il mio sposo mi accudiva e mi amava
    ma io ero morta
    morta
    morta
    in casa silenzio
    quello della morte
    la musica era rumore
    il fuori era spaventoso
    tanto quanto il dentro
    e poi il senso di colpa
    la trafiggente consapevolezza di non “sentire” più l’amore
    di non averne più, più
    da dare
    nè per me nè per gli altri
    vagavo chiedendo con un fio di voce
    perchè
    perchè mi hai abbandonata?
    cosa avevo fatto per meritare
    quelli’nferno
    pensavo alla morte
    la supplicavo di aver pietà
    di prendermi
    di darmi la pace
    desideravo morire con l’approvazione
    dei mie cari
    chiedevo loro senza chiedere
    che mi lasciassero andare
    come ultimo grande estremo atto di amore

    e poi la colpa, la colpa che mi trafiggeva
    stavo imponendo alle persone a me più care
    un dolore forte
    un dolore che non sapevo più contenere
    tutto il dolore e tutto il terrore del mondo
    su di me e sui miei cari
    come una marea nera
    che non voleva ritirarsi

    e allora la preghiera muta
    io vi chiedo perdono per non essere stata capace di accogliervi sempre e comunque
    io vi chiedo perdono per non essere stata capace di amarmi sempre e comunque io vi chiedo perdono per non essere stata capace di proteggervi dalle mie paure e dalle mie angosce io vi chiedo perdono per non essere stata capace di perdonare la mamma che non ho mai sentito di avere io vi chiedo perdono per non essere stata capace di amare la vita come voi avreste desiderato che io amassi io vi chiedo perdono per non essere stata capace di testimoniare una speranza di serenità io vi chiedo perdono per non essere stata capace alla vita io vi chiedo perdono per il male che non ho potuto evitarvi e per quello che non potrò evitarvi io vi chiedo perdono per non essere stata capace di infondervi il coraggio che non ho io vi chiedo perdono di non essere capace di trovare le parole per chiedervi perdono

    sono andata dal mio medico e gli ho detto
    sono alla frutta
    dammi la chimica
    cedo
    sono allo stremo
    ma ci provo
    non so se mi avrà
    se soccomberò
    ma ci provo cristo santo ci provo cristo santo

    mamma! dove sei?
    mamma aiutami!

    Mi piace

  88. colloco gli indizi della mia malattia alla fine del dicembre 2011
    guarda un po’ che coincidenza!
    il contesto che si stava delienando e chiarendo
    nel mio paese non era certo favorevole alla mia già fragile anima
    quell’uomo dalla voce metallica con la sua corte di psicopatici forbiti ,quei mostri travestiti da donne ,mi incutevano un disprezzo indicibile e uno stupore rabbioso per quello che si stava compiendo
    quell’uomo dalle mani inquietanti , presagi di saccheggi, presagi di razzie, mi faceva paura, ribrezzo, rabbia.
    quell’uomo benedetto dal papa e approvato da tutti i cortigiani nella corte e fuori corte e oltreoceano
    quel salvatore lì mi suscitava pensieri omicidi
    mi istigava alla violenza
    mi istigava al male

    Il13 novembre 2011
    il giornale di GRAMSCI
    titolava:

    LA LIBERAZIONE

    allora il mondo era tutto all’incontrario
    allora c’era da preoccuparsi
    allora c’era il rischio di ammalarsi
    e di morire
    io non sono morta
    tanti non ce l’hanno fatta
    maledetti assassini
    chi vi giudicherà?

    Mi piace

  89. gennaio 2013
    citalopran
    benedetto citalopran
    una goccia al giorno
    affinchè il mio povero corpo
    si abituasse sensa traumi
    alla droga necesssaria
    il mio corpo mai contaminato da farmaci
    dovevo arrivare a quindici venti gocce
    e poi stabilizzarmi
    ma il farmaco
    mi faceva stare peggio
    se c’è un peggio al terrore

    tre mesi di pensieri suicidi
    e poi un po’ di sollievo

    dalla mia agenda di pensieri

    27 MARZO 2015
    MORBIDO INARIDIMENTO!

    MAGGIO 2015
    IL MIRACOLO

    citalopran, grazie, mi hai dato una mano, è ora che ci salutiamo
    ciao, hai rischiato di darmi la mazzata finale
    ma ero io che non mi arrendevo alla vita
    perchè bramavo
    LA VITA

    a me era successo, a me, la forte, la consapevole, la grande, la più,
    a me, la funambola, era successo di perdere la fede
    e di smarrirmi nel buio più profondo
    a me!
    che lezione di umiltà!

    l’ultima mi era stata impartita un po’ prima
    ma non ne avevo fatto” tesoro”

    Arrogante ragnetta che non sei altro!

    Mi piace

  90. ecco un esempio di camuffamento del demonio🙂

    non ce l’abbia con me questo dottore signore Morin
    l’ho trovato per caso sull’web
    pensa che coincidenza :))))

    fiuuuuuuuu….
    l’ho scampata alla grande
    pensa te se gi dicevo che sono capace di sentire comfortably numb per ore e ore e ore e di farci la mattina
    pensa che caso esempleare di coazione a ripetere sarei per questa scienza, scienzina, scienzucola
    grazie mano destra che hai cercato la sinistra e non vi siete più mollate finchè la vostra Signora non si è ri presa:)
    GRAZIE

    http://www.morinilorenzo.it/?page_id=1146

    Mi piace

  91. dite la verità
    meglio che andare al cinema

    musica
    parole
    opere
    senza omissioni
    targate
    la fu

    perchè le opere appartengono di diritto a chi le ha “riconosciute”
    l’amore non si vende e non si compra
    l’amore si offre
    l’amore è di tutti

    avevo fame e mi avete dato da mangiare, avevo sete e mi avete dato da bere
    una volta offertasi, l’opera è tua, se la desideri fortemente
    niente copyright sull’amore

    estendiamo questa cristallina verità alla terra, all’acqua, all’aria, al creato tutto
    ma il creato è Amore
    e l’Amore non è negoziabile
    giù le mani dall’Amore!

    FARABUTTI che non siete altro!

    baci tranquilli, state sereni

    la funambola

    Mi piace

  92. credere in se
    me lo ha sbattuto in faccia una formica, una formichina
    questa non è una parabola
    questo è un fatto
    verificato di persona, su una formica vera
    non quelle delle favole o quelle dei cartoni animati
    che quelle sono formiche stucchevoli
    insomma, sto lì alla finestra e vedo stafila di formiche
    che mi si arrampica su
    lungo il muro, su su per andare
    a fare nido sottotetto
    di primo acchito mi infastidisco
    anche perchè
    queste sciagurate mi rivomitano, sotto forma di palline
    leggerissime, e perfettamente sferiche, per carità, diamo alle formiche quello che è delle formiche e non diamolo a cesare, dicevo mi TRITURANO il polistirolo (e anche altro , che in verità non ho)
    che il mio sposo ha piazzato così bene
    per fare da isolante.
    insomma penso al flit🙂
    poi presto un attimino di “attenzione” e mi si “illumina tutto un mondo”
    un via vai, disciplinato , infaticabile, inesauribile, di queste stupide celestiali creaturine
    che sembrano tutte uguali, ma poi se “guardi bene” sono differenti assai; nel carattere, nel comportamento e perfino nell’incedere.
    alcune vanno via come soldatini di piombo e non guardano in faccia, faccia?🙂 nessuno
    altre, poche in verità sembrano socievoli e si scontrano quasi con qualisiasi formica incrocino, e per un attimo si parlano
    loro insomma credono che ci si possa per un attimo fermare senza paura perdersi o perdere la propria identità, insomma
    SI CREDONO
    CREDONO A SE STESSE
    E COSTRIGONO L’ALTRO/A
    A FERMARSI
    SENZA IMPORRE ALT, SENZA ARMI
    MA SOLO CON LA FORZA DELLA LORO FIDUCIA NELL’ALTRO
    (mi è scappato il maiuscolo, anhe questo un caso?)
    ahhh… quanto mi piacerebbe sapere cosa si dicono!
    ma io lo so🙂
    insomma un’ organizzazione perfetta, efficiente, funzionale,dedita a un progetto, tramandare la vita, rendersi immortali col passaggio del testimone; magari circola poca empatia (ma chi sono io per giudicare le formichine,che di loro non so un cazzo e non sono neanche mie parenti dirette),
    ma quella, l’empatia è responsabilità di ogni formica
    insomma mica ci si può sempre nascondere dietro al sistema cattivone che ci ha tutte le colpe,echeccazzo, assumetevi formichine le vostre di responsabilità perchè tanti piccoli mali fanno mali spaventosi, lo sapete no, guardate la vostra storia!
    per gesu!
    tutti dovrebbero avercela l’empatia, ma bisogna vedere quanto l’hai coltivata e quanto la stai coltivando!
    insomma, fermarsi un po’ e costrigere chi incroci a fermarsi e dirsi “qualcosa”.
    magari si scambiano baci,quelle due, che ne sappiamo
    in quel fermarsi e quasi annusarsi,in quel fermarsi per ri conscersi
    in quel fermarsi c’è un bisogno primordiale di comunicare, di passarsi informazioni, di passarsi un po’ di attenzione fino ad osare passaggi d’amore?
    chissa chi lo sa?
    io lo so :)))
    non è propriamente un documentario alla pierini angela (altri ragnoni inconsapevoli?)
    io sono testimone diretta e posso confermare la veridicità scientifica di questo “fenomeno”(delle formiche, seguitemi, non perdetevi)
    fenomeno, altra parola neutrale, trasformata in tragedia, atta a sostituire,e annientare senza che ce ne accorgiamo, un mondo, un universo, un organismo, delle creature di dio

    aggiugiamo alla parola “fenomeno” un aggettivo …a caso…fenomeno bellico
    avete unito i puntini?
    il fenomeno bellico è sopportabile per i nostri occhi tanto sensibili e le nostre orecchie tanto delicate
    strazi di corpi che non avranno neanche il conforto della sepoltura, e di due mani pietose che li ricompongono

    sono…come dire…scandalosi?

    … passerà anche questa stazione senza far male…

    Mi piace

  93. insopportabile
    sorry
    il fenomeno bellico è insopportabile
    vedi che se ci fermiamo qui e non aggiungiamo l’essenziale
    il significato cambia
    e diventa quasi un mesaggio tranquillizzante!
    calma fratelli, tutti siamo contro la guerra
    ma alla bisogna e per principi nobili , vi ci mandiamo voi e i vostri figli
    e le vostre famiglie e i vostri amici e i vostri parenti e i vostri vicini
    al macello
    il fenomeno bellico è insopportabile fino a quando non convinci i ragnetti
    che nulla vi è di insopportabile
    basta cambiare prospettiva no?
    e quella degli storici che prospettiva è se non quella
    di trattare la tragedia umana come
    “fenomeno” da studiare e analizzare e guai ai negazionisti
    gente magari che vuole solo andare a vedere come stanno un po’ più veramente le cose,
    o solo per curiosità
    se a me un cattolico mi dice che crede in dio, io mica lo metto in carcere, perchè nega il primato della scienza sul bisogno di spiritualità no?

    mi pare tanto semplice da capire
    boh!
    i mondo è vergognosamente all’incontrario
    eppure riusciamo a non morirne
    ma non tutti ce la fanno
    per chi suona la campana?

    Mi piace

  94. …delle pene e del dolore
    quando le parole scatenano l’inferno o il paradiso

    chi arrivasse, grazie a un’immaginazione traboccante di pietà,
    a registrare tutte le sofferenze
    a essere contemporaneo di tutte le pene
    e di tutte le angosce di un istante qualsiasi
    -supponendo che un simile essere possa esistere-
    sarebbe un mostro d’amore e la più grande vittima
    nella storia del cuore.

    ma non occorre che ci figuriamo
    una simile impossibilità.
    basta soltanto procedere all’esame di noi stessi
    praticare l’archeologia dei nostri allarmi
    se andiamo avanti nel supplizio dei giorni
    è perchè niente ci può fermare all’infuori dei nostri dolori

    quelli altrui ci sembrano giustificabili
    e tali da poter essere superati
    noi crediamo che gli altri soffrano perchè non hanno abbastanza volontà
    coraggio o lucidità.
    ogni sofferenza che non sia la nostra ci pare legittima
    o ridicolmente intelleggibile

    se così non fosse, il lutto sarebbe la sola costante
    nella mutevolezza dei nostri sentimenti

    ma noi portiamo soltanto il lutto di noi stessi

    se potessimo comprendere e amare
    l’infinità delle agonie che si trascinano intorno a noi
    tutte le vite che sono morti dissimulate
    ci occorerebbero tanti cuori
    quanto sono gli esseri che soffronO

    e se avessimo una memoria miracolosamente attuale
    che mantenesse presenti tutte quante le nostre pene passate
    soccomberemmo sotto un tale fardello

    la vita non è possibile se non grazie alle deficienze
    della nostra immaginazione
    e della nostra memoria

    la forza che abbiamo ci viene dai nostri oblii
    e dalla nostra incapacità di rappresentarci
    la pluralità dei destini simultanei

    nessuno potrebbe sopravvivere
    alla comprensione istantanea del dolore universale
    dato che ogni cuore è fatto solo per una certa quantità di sofferenze

    vi sono come dei limiti materiali
    alla nostra sopportazione
    ciò nonostante
    l’espansione di ogni pena li raggiunge
    e a volte li travalica
    questa è troppo spesso l’origine della nostra rovina

    di qui deriva l’impressione che ogni dolore
    ogni pena
    siano infiniti

    lo sono in effetti
    ma soltanto per noi
    per i confini del nostro cuore
    e anche se queso raggiungesse le dimensioni del vasto spazio
    i nostri mali sarebbero più vasti ancora
    poichè ogni dolore si sostituisce al mondo
    e a ogni pena è necessario un altro universo

    la ragione si applica invano a mostrarci
    le proporzioni infinitesimali dei nostri accidenti
    essa fallisce davanti alla nosra proliferazione cosmogonica

    ecco perchè la vera follia non è mai dovuta agli estri
    o ai disastri del cervello
    bensì alla falsa concezione dello spazio
    che il cuore si crea

    questa cosa viene tradotta come “fenomeno psichico” , presagio di una importante e significativa de pressione

    buon giorno
    fratelli

    baci

    Mi piace

  95. LEI
    Coscienza del mondo, lei mia Guida, lei mia Madre, lei mia Sorella, lei mio Balsamo, lei mio Conforto, lei mio Dottore, lei mio Amore, lei mia Consolazione, lei mio Tormento, lei mio Desiderio

    LEI
    Lanciava le sue parolette come Lame –
    Con che luccichio brillavano –
    E ciascuna scopriva un Nervo
    O si divertiva con un Osso –
    Non avrebbe mai creduto – di ferire –
    Questo – non è un Problema dell’Acciaio –

    Io so guadare il Dolore –
    Interi Stagni di Dolore –
    Ci sono abituata –
    Ma il minimo impulso di Gioia
    Disorienta i miei passi –
    E m’impunto – ubriaca –
    Non rida – il Ciottolo –
    Era un Liquore Nuovo –
    Tutto qui!
    La forza è solo Pena –
    Imbrigliata, dalla
    Disciplina,
    Finché i Fardelli – saranno sospesi –
    Date Balsami – ai Giganti –
    E avvizziranno, come Uomini –
    Dategli l’Himalaya –
    Lo sorreggeranno!

    Mi piace

  96. lo so, ho fretta, sono noiosa come una mosca,e fasidiosa come una pigna nel culo
    è che il tempo stringe
    ora adesso subito mi

    Mi piace

  97. INDIZIO FOLGORANTE

    “Le realtà della vita sono fatte a modo loro: richiedono una lenta incubazione per venire alla luce.
    Per un bambino sono nove mesi, per noi ci vollero due anni, giorno più, giorno meno. Fu lei a pronunciare la parola che, per salire alle labbra come un fiore, deve a lungo macerare nella terra: stiamo bene. Ecco, la discesa agli inferi sortiva il suo effetto, provocava la svolta necessaria. L’uomo e la donna non possono vivere di sola sofferenza: per fare una scelta, consapevole e convinta, hanno bisogno di sperimentare la verità dell’essere; e la verità dell’essere fa bene. Il Signore ci aveva condotti per strade imprevedibili, con fermezza ed ironia. Con tenerezza. Lui sapeva tutto: nulla gli sfuggiva delle nostre paure e resistenze, delle strutture che, col tempo, avevano sommerso l’immagine bella del suo genio creatore. C’eravamo dibattuti, ribellati, almeno interiormente; avevamo discusso e litigato; mille volte eravamo fuggiti ed altre mille c’eravamo ritrovati. Ora, guardando il cielo azzurro, le due palme immobili dalla finestra della stanza, pensavo alle tempeste, ai nubifragi, al freddo che ci aveva assiderato, ai pianti nascosti che cercavano conforto senza mai trovarlo. Guardavo il crocifisso, dritto davanti a me, sentivo che da Lui proveniva questo fiume sgorgato all’improvviso, come per miracolo: anzi, ero convinto più che mai che tutta questa storia, questo assurdo e affascinante viaggio, non fosse nient’altro che un miracolo, il miracolo eterno dell’amore”.

    Mi piace

  98. indizio 2008

    dalla mia agenda di pensieri

    domenica di pasqua
    sono ancora qui, nulla è cambiato
    e non ho sottomano un ponte

    domenica di pasqua 2008
    sono evidentemente un po’ giù come si dice
    il giorno dopo mi rialzavo
    felice

    Mi piace

  99. indizio 2015
    ore 13,45 mercoledì 3 giugno

    (indizio in diretta)

    Agenda
    La parola è un latinismo puro (è il gerundivo del verbo latino àgere, cioè “agire”, “fare”) e letteralmente significa proprio “cose da fare”. Per estensione, il termine è passato poi a indicare il supporto su cui tali “faccende” sono scritte.

    fare pensieri, agire pensieri
    perchè ogni parola che pretende di essere al di sopra dei nostri fatti è una parola bugiarda

    Mi piace

  100. ho trovato adesso il titolo del
    mio romanzo

    storia di un fallimento

    sottotitoli
    (ti ri guarda)
    (ci ri guarda)
    ( ri guardiamoci)

    il mio sposo è un po’… come dire…insofferente
    lo capisco🙂

    Mi piace

  101. miracolino 2015
    0re 15 giù di li

    ho detto al mio sposo
    vieni, ti leggo una cosa
    mettiti lì un attimo
    e ascolta

    metto sottofondo bassissimo
    di comfortably
    e comincio a leggere
    mi dicevano
    fatti aiutare
    io sono cocciuta e tremendamente orgogliosa e consapevole
    è così non ci son cazzi!
    il maligno che era in me
    non mi dava tregua e mi staccava a morsi la carne
    la paura era sovrana
    l’ansia e l’angoscia si erano definitivamente impadroniti di me
    vagavo con gli occhi spenti, ero morta
    e mi facevo paura…

    mi fermo ogni tanto
    le lacrime mi scendono
    e le parole fluiscono
    in un singhiozzo leggero

    lui è dietro di me
    si e alzato
    e mi accarezza i capelli
    il dolore riemerge
    implacabilmente dolce e prepotente
    lui è lì
    e piange
    mi alzo
    lo abbraccio
    bene, ora sai cosa sto facendo qui
    rompicoglioni del cazzo!
    gli stampo un bacio
    e lo mando
    (affanculo)
    a invasarmi le bimbe

    Mi piace

  102. il romazo dovrebbe essere questo:

    “farsi” i “fatti” degli altri
    o meglio

    FARSI PROGETTO

    indizio 67
    Ciao Fabrizio
    è vero quello che hai scritto.
    io sono testimonianza, viva ,di quello che hai detto…
    (ri comincio a parlare)

    Mi piace

  103. ed io ti prenderò per mano
    e ti condurrò dove vorrai
    e visiteremo stanze piene di dolore
    e apriemo porte sul cielo
    e socchiuderemo verità
    con una mano ci ripareremo
    e non volteremo lo sguardo
    Amore

    Mi piace

  104. Siete Siamo dei Narratori potenzialmente eterni
    e manco lo sapete
    io, lo so🙂
    buffo eh?

    a chi, scrittore lo è di mestiere
    manca
    invece
    spesso
    la Parola

    Mi piace

  105. ARRENDETEVI!

    non avete scampo con l’Amore

    o mi costringerete
    a pregare
    mentre io voglio
    addirittura
    essere preghiera
    essere nella preghiera
    si sta più comodi e non si ha più da travaglià!

    però…non mi sono mai divertita tanto!
    :)))
    mi vengono via così, che è una bellezza divina

    (io esagero , ora lo saprete no? non prendetemi alla lettera, dai )

    Mi piace

  106. indizio 2010

    agenda dei pensieri

    “smarrirsi e lasciare che il testo sbocchi come in trance”
    24 novembre 23,40 am

    indizio 2015 fulmineo ore16,45 ora

    chiamiamo l’esorcista
    che ci liberi
    il bene

    indizio Don Fabrizio Centofanti

    …delle nostre azioni più grandi
    siamo all’oscuro…

    allora, me la date…la vostra mano? :)))

    Mi piace

  107. SEGRETO:
    BASTA RI CONOSCERSI
    POI BASTA UNO CHE TI RI CONOSCA
    TUTTI GLI ALTRI?…MA NON CI SONO GLI ALTRI

    questa è bella forte ragazzi
    spero che la capiate sino in fondo
    ma consolatevi
    l’ho capita bene bene anche io solo in questo preciso istante che chiamerò

    INDIZIO CHIAVE

    emili mi svolazza intorno (la stupidina) e mio marito si sta grattando un orecchio

    Mi piace

  108. emily dickinson
    è pornografica
    te lo fa rizzare
    che è una bellezza Divina

    (è stupidina, cosa vi avevo detto? o una gran Marpiona?)
    io lo so🙂

    Mi piace

  109. fede e sesso
    ( e roccherrrolll)

    la preghiera è fare sesso con se stessi
    la Preghiera è fare l’amore con se stessi

    ma tè vedi queste paroline che ti combinano!
    bastano una piccola modifica o due
    e ti si apre il PARADISO

    il sesso senza Parola
    è come un amante con l’amante
    (minuscolo)

    Mi piace

  110. meglio
    come una donna con l’amante
    o come un uomo con l’amante
    (minuscolo)
    urge un trattato sul VALORE
    del TRADIMENTO

    a testa in giù mi raccomando altrimenti non vedete e non capite namazza!🙂

    Mi piace

  111. se davvero il Fallimento è un Tesoro,
    di che si lamentano quei Falliti del cazzo?🙂

    infatti io non mi lamento
    grazie al cazzo!
    li conosci tutti uno a uno

    Mi piace

  112. ogni volta che assisto a una scena di dolore o di grande gioia
    mi chiedo come faccia quell’attore a recitare così bene?
    e rimango perfino stupe fatta
    si può simulare la gioia?
    si può simulare il dolore?
    ma quanti cazzo di attori ci sono nel mondo?
    a me sembrano tutti grandi piccoli artisti
    della menzogna
    si deve sempre contestualizzare il luogo dell’evento
    l’attore è l’attore
    ma recitare la vita è davvero triste
    e squallido!

    Mi piace

  113. infatti io non mi lamento
    grazie al cazzo!
    li conosci tutti uno a uno (i lamenti)

    scusate ma voglio farmi capire voglio capirmi
    l’amore non è ermetico
    a volte leggo leggo e non capisco nulla
    mi dico
    sarò io limitata
    mi rispondo
    limitato è chi non si “spiega” bene
    la Parola non abbisogna di postille o interpreti
    la Parola si rivela
    poi se uno è cecato, beh, mi spiace
    ma di più non si può fare

    Mi piace

  114. adesso devo fare una terribile scelta

    andare a stirare
    o aspirare ancora qualche tiro

    ahhhhh….non avere il dono dell’ubiquità!

    che poi per i non credenti in effetti è una prova inconfutabile dell’inesistenza di dio perchè esserci è un conto, ma esseci in ogni luogo è davvero troppo troppo (divino) per un ateo!
    io invece ci credo
    è per questo che anche i miei prossimi comiciano a com patirmi ormai?
    è incredibile cosa possa fare la consapevolezza inconsapevole.

    ho scelto
    vado e poi magari ritorno

    bacio

    p.s. ma come si fa a negare un mistero?
    anche questo è un bel mistero

    Mi piace

  115. indizio lontano ma non tanto
    lo chiamerò
    INDIZIO SOFFERTO

    e affanculo i panni!

    Spesso il male di vivere ho incontrato
    era il rivo strozzato che gorgoglia
    era l’incartocciarsi della foglia
    riarsa, era il cavallo stramazzato.

    Bene non seppi, fuori del prodigio
    che schiude la divina Indifferenza:
    era la statua nella sonnolenza
    del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato.

    quando mio figlio mi si è presentato davanti con questo, ho pensato: ci siamo e mi si sono piegate le gambe
    poi ho scoperto che se l’era trovata da sola quella poesia, non era un compitino della scuola.
    allora mi sono un po’ rincuorata.
    era andato lui a vedere era andato lui a cercare e quindi dovevo solo avere fiducia , ifucia in me che gli avevo stavo trasmettendo la fiducia in lui.
    bisogna aver fiducia quando si va a cercare il dolore

    dura essere Madre che accompagna al “calvario”

    Mi piace

  116. perchè non ci scappi
    c’è un cazzo da fare!
    se non vai a cercare il dolore
    il dolore verrà a cercare te
    e non avrai difese
    e sarai in sua balia
    e sarai perduto
    e non potrai dirgli
    ciao, come stai?
    è da un po’ che non ci vediamo!
    ben tornato
    siediti qui e raccontami
    raccontami dolore
    cosa ti fa male
    dove ti fa male
    poverino
    calmati
    (cingergli le spalle e mettere su un po’ di musica giusta)
    cercheremo una soluzione
    sai
    non me la passo bene
    neanche io

    comunque, grazie per la visita
    penso che ci si possa
    ri vedere
    se vuoi
    magari un po’ più in là
    no guarda
    sono tutti fuori
    mia figlia a scuola
    mio figlio nel mondo
    e mio marito nell’orto
    te li saluto io
    Grazie
    senti, prima che tu vada
    ti informo
    che sono tutti via
    ma proprio tutti
    quindi te li saluto tutti io
    va bene?
    ciao sorello
    baci
    e lui se ne va sereno per la sua strada
    e io
    tièèèèèèè

    Mi piace

  117. l’amore ci incalza
    e quando
    lo prendiamo
    troppo sul serio
    lui
    se ne esce
    con una risata

    hai voglia a seppellirli con una risata?

    Mi piace

  118. sto raggiungendo vette inesplorate
    del mio grande
    EGO

    Lui infatti si Chiama proprio così ha scelto un nome corto corto facile facile,
    come UGO

    è in quell’EGO che lo troviamo
    buon viaggio!
    che dio vi benedica

    anvedi a spostare anche solo una letterina, che spettacolo!

    Mi piace

  119. ALTRO TITOLO

    LA MAPPA DEL FALLIMENTO

    IL FALLIMENTO DELLA MAPPA

    CERCHI IL LAVORO GIUSTO PER TE?
    CORSO GRATUITO DI FALLIMENTO

    CERCHI LAVORO
    QUI NE ABBIAMO TANTO
    E SIAMO FELICEMENTE FALLITI

    AI FALLITI NESSUNO RESISTE

    FARSI PROGETTO
    E’ DA FALLITI

    FARSI I CAZZI SUOI
    E DA FALLITI

    insomma, per dire che le parole imbrogliano e ci confondono.
    e allora santo cielo, perchè Lui ci ha dato la parola?
    quel Furbetto
    sarà perchè è PREZIOSISSIMA!
    Un dio e immensamente ricco!

    ma se è così preziosa da costringerci gioco forza a proteggerla e lontano dai male intenzionati, com’è che il mondo è così cicaleccio.
    vuoi vedere che mi hanno clonato la PAROLA
    e adesso, come fare a trovare l’originale?

    ma cari tesori, ve lo sto spiegando da giorni ormai
    e vedo che avete capito fin troppo bene
    ma ci è concesso sprecarne qualcuna per salutare e confortare (chi)?
    (il complemento oggetto sono io)

    Mi piace

  120. io sono la vostra prova
    la prova insomma che l’Amore esiste
    che è possibile
    qui adesso subito
    perchè come è possibile che ci ho uno sposo che nel mentre io parlo di parole e amore e dolore e disperazione e sangue e lacrime e beatitudini e voli mistici e santi e isteriche
    lui sta comodamente sdraiato sul divano a guardarsi una trasmissione mi pare americana di uno che ti fa vedere come si sistema un’automobile con pezzi anche di ricambio e il risultato è ottimo e infatti devo dre che le nostre auto non sono mai state manomesse tranne che da lui.il mio sposo, che ha le madi davvero d’oro e sa fare tutto tutto alla grande🙂 ,che su un’ isola deserta io piangeri subito e mi lascerei morire di fame all’istante e lui invece andrebbe con passo tranquillo a cecare ricovero.
    e mi trascinerebbe per la capigliatura assai rigogliosa e forte
    insomma se questo Sposo il lo Amo
    allora l’amore esiste no!
    zucconi

    certo ci sono arrivata con un pochetto di dolore, ecchesaramai!
    ne abbiamo tanto di Tempo
    meglio tardi che mai
    ma guarda vè che questi proverbi sono stratosferici
    e io che non ci avevo mai prestato attenzione!
    poverina

    Mi piace

  121. voglio esagerare
    voglio stupirmi
    voglio scandalizzarmi

    …una strana pace nel mio cuore
    un’esigenza di piangere
    una necessità di “soffrire”
    una voglia di ri posare

    io penso che questo, o qualcosa di simile, sia passato nella testa della ragazzetta che era stata annunziata e si apprestava a partorire la PAROLA

    indizio

    Mi piace

  122. INDIZIONE

    …anche io ho sposato un artigiano, non nel campo della falegnameria
    però sempre di un campo prestigioso
    quello della luce

    vuoi vedere un po’ che tutte le madri si assomigliano e c’è qualcuna che le assomiglia più o meno delle altre!?

    c’è da divertirsi ragazzi
    e qui la festa?

    baci

    Mi piace

  123. ho provato lo stesso turbamento della Madonna
    quando mi è stato annunziato che avrei partorito un figlio?

    certo che sì

    il dolore è un’ intuizione
    seme
    che ha terra feconda
    nel nostro cuore

    separazione
    e stata
    la prima parola
    che abbiamo imparato
    quando abbiamo
    pianto il primo pianto

    Mi piace

  124. ..e poi non si dice
    turbamento della Madonna!

    es…ho provato un turbamento della madonna..e uno ti risponde ..elllamadonna!perlamadonnna!

    ma dove viene questa coscienza del mondo concentrata in ” un modo di dire”
    perchè? ce n’è un altro di modo? di dire, intendo

    sarà che certe parole Sacre si sono salvate e noi non le ri conosciamo più?

    sì è così, ci ho ragione io
    perchè io, quando parlo di Turbamento,
    so di cosa parlo
    essendo che sono nel campo dei lavoratori in proprio, come il marito di maria
    che dio li benedica!
    i lavoratori intendo

    TURBAMENTO
    che magnifica parola!
    in giro non circola roba così buona

    Mi piace

  125. a me pare che i cristiani sorridano
    ma non ridano

    perchè nelle vostre chiese
    non tirate fuori parabole, quelle da scompisciarsi dal ridere
    ne avrete tante spero, ma dove le nascondete?
    perchè gesù,
    fuori com’era,
    fuori come un balconcino fiorito
    dicevo gesù giocoforza rideva come un pazzo.
    insomma lui era estremo in tutto
    un po’ come tanti di noi
    qui, o si ride allo sfiancamento o si piange allo sfinimento

    lui non può fare le cose in piccolo, misurate, lui va via di genio che è una meraviglia
    guardatevi in giro
    roba STUPEFACENTE
    dimenticate sempre voi cristiani che dio ha fatto la formica e l’ha messa lì troppo precisa
    tanto da poterla paragonare all’uomo che gli è venuto più malino perchè in lui confidava forse più che nella formica)
    insomma poteva anche fare a meno di mortifarci facendo la formica!
    capite?
    insomma, per dire…
    ma perchè voi lo ricordate solo un po’ normale, e poi sofferente e poi morto e poi risorto e mai che si fa una porca risata?

    sarebbe blasfemo vedere un cristo in croce che se la spassa dal ridere?
    no, forse è eccessivo! e credo anche sconveniente e di cattivo gusto

    però anche voi, suvvia allenatevi alla risata magari anche un po’ grassa
    perchè poi in fin dei conti ce l’abbiamo tutte e tutti uguali
    garantito

    e poi si eviterebbe di farci del male per due vignette suvvia!

    Mi piace

  126. ecco ,
    le cose che vi dico
    cose banali stupendamente banali
    ecco io desiderereii sentirle dal macellaio dalla mia sorella dal mio fratello dal mio datore di lavoro dalla commessa del supemecato dall’imbiachino dal’eletricsta dall’avvocato dai magistrati ( e qui cominciamo a passaRE a categorie un po’ più difficili, i così detti casi difficili), dal medico, dall’infermiera e così via cantando.
    da mio figlio(se le sta scoprendo, con un po’ di inevitabile dolore )
    dicevo che vorrei sentirmele dire per strada e non solo da un libro, in una conferenza sul terzo e quarto mondo, in una messa,da uomini santi e sante di per loro
    capite?
    vorrei sentirmele dire dal papa santiddio che voi considerate Sconsiderato
    ma ditemi miei tesori CARI, cosa ha fatto di tanto Sconsiderato il vostro papà se non timidamente confermare l’Ovvio, la decenza?
    se il suo maestro è gesù cosa ha da spartire con lui;
    già il travestiemnto dei papi fa a pugni col genere casual di gesù.
    per non parlare della casa e degli averi. delle banche il demonio me ne liberi!
    insomma non fatemi dire l’ovvio e non voglio offendervi
    però però un minimo di decenza
    nel difendere l’indifendibile.
    e non che ce l’abbia con voi, per l’amor di dio , è che voi vi siete presi impegni divini, quando avete abbracciato la Parola.
    potevate fare gli atei e allora magari vi si giustificava un pelino di più!
    badate
    diffidate di chi vi dice che questi sono discorsi da bambino
    perchè in effetti sono discordi da bambino
    e precisamente del bambin gesù e di quelli “IDIOTA” che è diventato
    CONVERTITEVI
    INFEDELI

    Mi piace

  127. come ho conosciuto l’isterica?
    stavo nella redazione di un giornalino di un paesotto grandino
    un giornalino di sinistra ( mi fa perfino schifo usare, ora, questa parola, sinistra)
    presagio, indizio, sinistro

    insomma
    non facevo un cazzo, non ero capace, non sapevo scrivere quelle cose lì e neppure altre
    come ora d’altra parte.
    ma mi divertivo un sacco
    ci si trovava due volte la settimana
    dopo cena
    terminati i pipponi sulla classe operaia e le infinite frecciate e stilettate contro i diversi rappresentanti della sinistra (ridicolo), la redazione (parola grossa) si scioglieva e si andava a bere e a mangiare e a sparar finalmente un po’ di cazzate
    e lì concosco un ragazzo
    Vincenzo
    è molto fragile, è un fallito
    scrive bene, ha una cultura spaventosa
    io analfabeta, al confronto
    mi regala un libro
    con una dedica del tipo: io non ci capisco un cazzo forse a te piace, anche perchè è una donna e forse quando ha scritto aveva il ciclo o uno sbalzo umorale notevole, tu sicuramente la decifrerai perchè sei particolarmente intelligente (che caro, quanta fiducia riponeva in me)
    prendo sto libro, grata, lo porto a casa e comincio a leggere.
    era una raccolta di lettere della pazza con prefazione di una certa margherita guidacci che penso “parentisssima” della emily,visto come la traduce e visto che pure lei è donna meravigliosa.
    mi sembra che ci sia qualcosa di …come dire…straordinario dentro
    e sento che sono io che non capisco, che non sono pronta insomma,perchè in questo caso l’autrice ha tutte le carte in regola,sono io che non mi ci raccapezzo, e mi rimane questo indispettimento
    1) di sentire una forza della natura
    2) di non riuscirla ad afferrare

    (capisco, solo dopo l’Incontro, che la zitella aveva ridisegnato la mappa in modo tale che i sui indizi, chiari ma non convenzionali ,avevano bisogno di una chiave che io fino ad allora non possedevo.
    mettermi a testa in giù)
    lo lascio lì e lì ci sta per alcuni anni

    colloco l’incontro esattamente il 23 febbraio 2005
    era un mercoledi…

    Mi piace

  128. R.C.F.

    RIDERE
    CONDIVIDERE
    FARE L’AMORE

    QUESTI SONO I TRE COMANDAMENTI
    DEL MIO DIO

    IL MIO DIO E’ DI QUESTO MONDO

    IL MIO DIO MI COMANDA QUESTE TRE SEMPLICI PROVE
    IL MIO DIO MI CONDANNA ALLA FELICITA’

    DIO MIO!
    E IL VOSTRO?

    sono partita alla grande oggi

    buon giorno frateli e sorele

    Mi piace

  129. …non garantisco per domani

    “ho dato il massimo di me questa notte

    non garantisco per domani
    non ne ho la facoltà
    magari domani mi sarà tolta la parola”

    bellissimo indizio che si fa Rivelazione

    è dichiarazione, è confessione, è riconoscere umilmente il mio limite
    è abbassare la cresta, è volare alto, è promettere di non tradirti, è Amore

    …ma il mondo è tutto all’incontrario
    e se tutta questa bellezza travolge un ‘anima che non ha trovato la giusta collocazione per guardare il mondo e guardarsi
    allora questa “confessione”
    assumerà un significato opposto al suo Significato “Originale”
    e l’ “Incontro” sarà estemporaneo e non produrrà il Cambiamento
    Sara solo un INDIZIO

    il significato allora sarà questo,
    suonerà su per giù così: anvedi questa,se la canta e se la suona, me la canta e me la suona per giustificare tradimenti

    URGE TRATTATO SUL TRADIMENTO
    quello SANTO
    quello che ci comanda dio
    quello che mi comanda il mio dio ( il mio di io)

    cioè lei lui dicono
    guarda quanto amore abbiamo sentito e ci siamo dati
    amore
    non so se domani sarò capace di Amarti ancora così
    perdonami
    ma io non dimentico, e confido che nella tua Memoria
    alla quale potrai attingere
    quando crederai che l’Amore non esiste
    avrai un tesoro , dentro te, un solco
    che niente e nessuno potrà portarti più via
    o cancellare
    lui, l’Amore, ha abitato in te per una notte,
    lui ormai ti abita
    dipende da te
    Farlo prigioniero
    o non temere
    e lasciare che
    Dispieghi

    gelosoni che non siete altro !

    Mi piace

  130. indizio 2012

    Leggi queste righe, amica: soltanto
    per capire se ancora
    c’è un filo che ci unisce,
    se non tutto è andato perso di noi due,
    per la smania inspiegabile di evadere
    proprio nel momento in cui
    qualcosa sta per accadere, un gesto
    è sul punto d’infrangere la scorza
    dell’abitudine, del sogno insano
    di desiderare l’altro così
    come lo vuoi, senza lasciargli dire
    la parola che ti spiazza, compiere l’azione
    che ti strappa alle certezze, rompere
    il muro che s’alza quando il bozzolo
    sta per cedere, la faccia nascosta
    del tuo io apparire in piena luce.
    No, non ci stai, ti sembra molto meglio
    sbattere la porta senza rumore,
    far credere di non aver sentito
    il vento che passava, il passo lento
    del nuovo, che ti abbraccia troppo forte,
    come il grido di un bambino, il riso
    sguaiato del demente. Se sei triste,
    posso mandarti un fiore da quaggiù,
    una lacrima scaduta da tempo.
    25 dicembre

    potente!

    Mi piace

  131. indizio 2013

    Come dirti che tutto questo gelo
    e il vento che schiaffeggia la mia vita
    e l’entusiasmo che, seppure a stento,
    abbatte il muro dell’indifferenza,
    la diffidenza, figlia del dolore,
    è il filo che ci lega in questo inverno
    del cuore, l’arma del Nemico. Muore
    il grido lancinante del violino
    nell’orchestra di fiati e percussioni,
    il rumore che s’alza dalla gola
    ancora più arrochita dal sospetto,
    il tarlo che sia inutile cambiare,
    che tutto sia soltanto un’illusione,
    la favola sentita da bambino.
    Ascolta: se l’inferno è ricordare
    soltanto le ferite, oppure il pianto
    di una sera davanti alla finestra,
    scommetti sulla mano che ora bussa
    alla porta: sarà la primavera?

    11 febbraio

    potente!

    Mi piace

  132. indizio 2013

    Non riesci a stare dietro a tutti quanti:
    la lista dei messaggi non ha fine,
    un fiume in piena supera le sponde,
    tracìma nelle notti, dentro i sogni,
    mentre i tuoi occhi fissano il soffitto
    bianco come un foglio che non sei in grado
    di riempire, tu, che hai fatto del mondo
    un’unica pagina da scrivere,
    mentre adesso qualcuno ti ha chiamato
    al silenzio, per riuscire a condurti
    nel deserto e parlare finalmente
    lui: come un ruscello silenzioso
    che s’inalvea negli angoli del cuore
    senza far male, senza pretendere di dare
    o di ricevere, soltanto – vedi? –
    restituendoti a te stesso, amore.

    18 febbraio

    come dire: sto dando il massimo per farti capire, zuccona chenon sei altro
    ti invio idizi a tutto spiano, ti voglio mettere alle corde
    ARRENDITI donna di poca FEDE

    ahòò…anche io vi sto indiziando mica male, vi sto pressando, magari vi confondo un po’
    va bene, avete ragione, vi do un po’ di tempo per riflettere, per ri leggere
    fate con calma, fatevi un tiro
    ma sempre cauti,prudenti, mi raccomando
    mai vili

    baci, a presto?🙂
    io non vi prometto niente🙂
    può essere che mi sentiate fra pochi minuti, adesso, o mai, o mia più

    L’Amore è Sconsiderato
    l’Amore
    questo
    STRANIERO

    Mi piace

  133. 🙂
    visto, non rieco neanche a trattenere la pipì

    il nostro romanzo non può dispiegarsi se non in “compagnia” del romanzo di chi ti è a un tiro di sguardo, a un tiro di tecno, a un tiro di mondo

    IL PROGETTO
    scivere un Romanzo Metafisico
    un romanzo che è un intorcigliamneto di tutti i romanzi degli uomini e delle donne di buona volontà

    avete presente quando due lumache si accoppiano
    ecco, così

    ri sveglia la lumaca che è in te
    ri sveglia il lumacone che è in te
    ri svegliamoci lumaconi
    e scriviamo
    il Romanzo Impossibile
    è un progetto facile

    chiedete alle lumache
    loro vi guarderanno ed esclameranno
    ma sei matto dovi ti pettini?
    ci vuole tanto sacrificio secondo te a godere?
    anvedi questo idiota!

    Mi piace

  134. mi è venuta in mente una parola

    traduzione
    il traduttore è uno che cerca di interpretare
    il pensiero di un altro
    perchè, come vi avevo detto
    spiegato
    illustrato
    basta un’ apparente
    insignificante modifica
    dell’originale
    a far cambiare
    Senso

    per dire
    ognuno riempie di sè
    il Senso dell’altro
    ciò che tratteniamo
    siamo noi
    tratteniamo il nostro senso
    che non sempre
    corrispone
    al Senso
    ORIGINARIO

    mi state a seguire zucconi?
    sono passaggi difficili
    ma indispensabili
    per una
    Lettura Onesta
    del
    Significato

    Mi piace

  135. urge trattato sulla malizia
    non so che posto occupi nell’elenco dei vizi capitali
    ma è molto subdola

    Malizia, sua sorella, è una carezza, non ostante la malizia
    è un bacio senza malizia
    è un messaggio senza malizia

    capite che anche una maiuscolata cambia radicalmente la prospettiva?!
    la Malizia è Divina

    unite i puntini?
    il Sacro che si fa Profano

    Mi piace

  136. vi sto dando il meglio di me ?

    cosa volete di più
    cialtroni🙂

    psicopatici distratti che calpestate il Divino così come si calpesterebbe una merda!

    ehi, questa è pura licenza poetica!
    non fatene un dramma mi raccomando
    qui, tutti esclusi
    esclusi i presenti
    come ci piace rassicurarci!
    lumaconi e lumacone che non siete altro

    Mi piace

  137. se volete la vostra razione d’Amore
    Fallite!
    io non vi faccio fare la fila
    io vi
    accontento
    tutti insieme
    tutti in una volta sola
    io ci ho il dono
    dell’ubiquità

    teste di cazzo che non siete altro🙂

    -dio mio che caratterino!-

    Mi piace

  138. se non capisci che io sono te e tu sei me
    non capisci un cazzo
    E NON CAPIRAI MAI UN CAZZO
    IN SECULA SECULORUM AMEN
    ogni cosa che ti sfiorerà o ti travolgerà nel bene e nel male, non la saprai decifrare,e tutto ti sembrerà spaventoso
    il mostro che hai dentro ha sempre fame
    una fame cattiva
    la fame della paura
    spero che a voi bastino dose di dolori più compassionevoli rispetto alle razioni a me destinate
    vorrà dire che siete più santi di me
    e non avete necessità di cure
    da cavallo
    ma ci credo poco anzi non ci credo affatto
    è purtroppo la pena cosmica, la più terribile,
    quella che ci può salvare o ci può condannare
    all’inferno
    qui
    adesso
    subito
    su questa terra

    IO SONO TE TU SEI ME
    TATUATEVELO SUL CUORE

    Mi piace

  139. quando parliamo
    del nostro Amore
    quando parliamo
    al nostro Amore
    stiamo parlando
    a tutti
    nessuno escluso
    anche se non “sente”
    parliamo
    parlo
    proprio a te
    chiara
    parlo del mio amore per te
    perchè
    tu
    sei
    me

    Mi piace

  140. dico al mio sposo
    che è tornato dal dottore
    e gli ha detto
    quello che gli ho detto
    di dirgli
    ha detto la mia sposa
    che ha smesso
    la medicina
    e mi ha detto di ri ferirti che ti è molto grata
    per avergliela indicata
    ora si sente
    guarita
    dico al mio sposo
    dai raccontamelo bene
    quello che gli hai detto
    le parole che hai usato
    le sue risposte
    la sua faccia
    se hai aspettato
    se c’era qualcuno
    nella sala d’attesa
    insomma
    fammi immaginare
    la scena
    dammi indizi
    affinchè veda
    dammi un po di tempo, il tuo
    fammi
    ri vivere
    il tuo
    presente
    testa di cazzo che non sei altro
    infedele
    è possibile
    che la tua narrazione
    sia così posticcia
    così povera di elementi
    chenoia!
    ri cominciamo dai
    soddisfa la mia curiosità
    e fammi ridere

    tutto per dire che ho mandato lo sposo a fare una sviolinata, al mio medico, per dirgli, si, ci hai avuto ragione,era la chimica che mi mancava, e tu mi hai salvata, somministrandomela.
    me lo avevi gia detto tempo fa, zuccona che non sono altro
    insomma una leccatina di culo, si sa mai, il dottore ti può sempre servire, e gratificarlo non costa nulla
    oggi due piccioni con una fava

    ma cosa ho fatto per meritarmi tano riso?

    baci
    ridanciosi

    giovedi 4 giugno 2015

    p.s il mio medico vive da anni con questa medicina che ha con diviso un po’ con me
    lui non l’ha ancora abbandonata
    io spero per lui

    Mi piace

  141. il mo,sposo mi ha portato un tost e un bicchiere di vino rosso
    bravo, molto bene!🙂
    è il mio ringraziamento mentre vi scrivo

    13,11 ore

    Mi piace

  142. ohi!….
    (epressione usata da mio figlio quando mi contatta su skipe da non so ancora quale posto nel mondo)

    ohi!… è calato il GRANDE SILENZIO sulla poesia e sullo spirito? :)))))

    MI STO A PREOCCUPARE
    O FACCIO I SALTI DI GIOIA?
    IO FACCIO I SALTI
    MI PORTO AVANTI
    SI SA MAI
    FAI ORA
    QUELLO
    CHE POTRESTI
    FARE DOMANI
    SE URGE
    FARLO
    ORA

    Mi piace

  143. urge definizione di rotondo
    urge definizione di parola rotonda
    urge definizione di romanzo rotondo
    urge definizione di vita rotonda

    il rotondo lo puoi prendere e ri prendere da qualsiasi punto,
    e ogni punto è indispesabile a tutti gli altri punti
    puoi partire dalla fine
    puoi partire dal principio
    ma nel tondo
    non c’è fine
    non c’è principio
    i pensieri di emili sono rotondi
    li puoi prendere da dove cazzo ti pare
    ti ri conducono tutti al tondo
    li puoi leggere dalla fine
    o dal principio
    puoi fermarti sul puntino
    nel puntino
    e scoprire puntini
    e puntini
    e puntini
    milioni di altri
    piccolissimi
    puntini
    nel puntino
    da cui sei partita
    allora sosti
    in quei puntini
    e ti “Perdi”
    beata in quei puntini
    e allora
    capisci
    che ti ci vorrebbe
    un’eternità
    per leggerli tutti

    eternità, appunto, ETERNITA’
    a portata umana

    capite infami traditori che non siete altro🙂

    Mi piace

  144. colui
    che è consapevole
    della propria
    Grandezza
    e non la
    Manifesta
    è modesto
    stupido
    arrogante?

    stupido ,secondo me, (il versetto lo’ho scordato e anche la pagina e comunque è forse apocrifo) è colui che non crede in sè

    STUPIDONI MIEI
    alzate le chiappe
    e camminate
    con le vostre
    sante gambe

    perdinci!

    Mi piace

  145. e poi c’è un conforto
    quale cantautore
    diceva
    chiedi e ti sarà dato
    bussa e ti sarà aperto
    aiutoooooo
    chiamate l’ambulanza
    qui c’è un pazzo
    che pretende di entrare nella mia casa
    e sedersi alla mia mensa
    aiuto
    polizia
    medici
    psichiatri
    giudici
    maestri
    mariti
    mogli fratelli
    sorelle
    papa
    suora
    aiuto
    prendiamolo
    immobilizziamolo
    inniettamogli la medicina
    teniamolo calmo
    e
    affidiamolo
    alle nostre
    cure
    alla nostra medicia
    che è progressista
    e
    di sinistra
    aiutoooooooooooooooooooo

    mi vogliono portare via per il mio bene
    ma loro non sanno quello che fanno
    loro mi portano via
    il mio
    BENE

    colonna sonora

    comfortably numb
    provate zucconi
    si sta da DIO

    Mi piace

  146. donne
    madri
    noi siamo state fatte
    per partorie
    la Parola
    se non lo sapevate
    ve lo comunico
    ora
    io
    qui
    Donne
    non basta partorie
    occorre
    educare
    la parola che si è partorita
    a diventare
    Parola
    Donne
    non c’è tempo da perdere
    avete frainteso
    avete svicolato
    avete dubitato
    avete partorito
    una parola
    che si è fatta
    romanzo criminale
    Donne
    ho perso la pazienza
    ma vi aspetto
    al valico :)))))
    come diceva il ragazzo
    che lavorava da noi
    donne
    piantatela di fare le donnette
    e tirate fuori
    la Fallita che è in voi
    donne
    siate
    SANTE TROIE

    Mi piace

  147. come da prescrizione per il CITALOPRAN
    da assumere gradualmente una goccia la dì
    fino ad arrivare
    se necessario
    a 20 gocce
    ognuno
    deve dosarsele
    su misura
    ma
    si va da un minimo di 10 gocce
    a un massimo di 20 gocce
    sotto la prescrizione indicata
    non fanno l’effetto desiderato
    anzi
    possono
    peggiorare i sintomi
    della de pressione
    sopra
    provocano
    miraggi
    deliri
    visioni
    perdita di coscienza
    e in soli
    sporadici casi
    rari
    la morte
    pochi possono
    sopra vivere

    Mi piace

  148. …il maligno che era in me
    non mi dava tregua e mi staccava a morsi la carne
    la paura era sovrana
    l’ansia e l’angoscia si erano definitivamente impadroniti di me
    vagavo con gli occhi spenti, ero morta
    e mi facevo paura…

    dobbiamo ri cominciare da qui
    sorelle
    dobbiamo ri conoscere il boia
    che abbiamo dentro noi
    sorelle
    io vi prego
    se non lo ammazzate voi
    nessun uomo
    potrà farlo
    impugnate
    il coltello
    dalla lama affilata
    e daceci dentro
    col
    MASSACRO
    con lo STERMINIO
    DIVINO

    BENEDETTE ASSASSINE!
    dove cazzo siete?
    dall’ estetista?

    si scherza neè…)

    Mi piace

  149. oggi torna mia figlia
    quella che mi dice
    anche lei su skipe (miracolo della tecnologia)
    mamma, mi fai paura
    mamma, ma ti sei impazzazzita?
    mamma, hai fumato?
    mamma, ma quanta bellezza
    mamma, ma come si fa
    mamma, ma di chi ti sei innamorata
    mammma, l’importante è che non ci hai fatto sesso
    mamma, sai, per il babbo
    mamma, ma allora chi cazzo è senon è un uomo (in particolare)
    mamma, sono preoccupata
    mamma, che meraviglia
    mamma, mi commuovo
    mamma, accendi sta cazzo di telecamera
    è possibile che sei così imbranata
    mamma, io sto male
    lui è buono
    e non mi merita
    ma mi ha telefonato stefano
    sai , quello che mi ha fatto tanto male
    poverino
    e io ho sentito
    dentro ancora le farfalle
    e non so cosa fare
    mamma, sto un po’ inguaiata
    mamma, glielo ho detto
    mamma, l’ha presa bene ma soffre
    mamma, perchè ho fatto male a dirglielo
    mamma, hai ragione

    mamma,questa qui a londra e una bella esperienza
    mamma ho incontrato una cifra di falliti
    mamma, provengono da tutto il mondo
    mamma, ho fatto interviste
    mamma, saranno materiale per lamia tesi
    mamma, quanto ho imparato qui
    e sono contenta di tornare a casa
    mamma, la pianti di ridere
    mamma, è bellissimo quello che mi hai mandato
    mamma, quando capirò
    mamma dimmi come hai fatto
    mamma, mi ricarichi per favore il cel che sono senza spiccioli
    ciao mami
    ti voglio benissimo
    cuoricino e bacino

    che caga cazzi sti figli!

    Mi piace

  150. …esempio di scrittura di romanzo scomposta, scrittura pietosamente deforme

    ….prologo
    QUI CI SONO I MIEI 5 GIORNI DI DOLORE E QUELLO CHE SONO ORA.
    NON POSSO FARE PIU’ NULLA, NON CI CREDO PIU’ E SONO STREMATA.
    SONO SENZA AMORE, NEL BUIO PIU COMPLETO.
    SONO ORFANA

    febbraio 2005 mercoledì 23

    MI SCOPRO, MOSTRO IL MIO BISOGNO, ASPETTO UN GESTO, UNA CAREZZA E TU MI TEMPESTI DI PUGNI L’ANIMA E POI MI LASCI LI’, PER TERRA, STREMATA E NON TI VOLTI NEPPURE.
    SEI PIENO DI RABBIA, SEI PIENO DI PAURA, NON Cè BONTA’ NEL TUO CUORE, DOVE ALBERGA L’INCONSAPEVOLEZZA.
    LA PAURA E’ LA SOLA RISPOSTA E LAPAURA E’ SOLO CATTIVA.
    SONO STANCA, SONO STREMATA, NON MI ACCOGLI, NON SEI PIU UN APPRODO SICURO, SEI UNAPRAPPOLA, NON HO AMORE, HO SETE E NON MI DAI ACQUA, MI CALPESTI, MI VUI DISTRUGGERE, MI VUOI “MORTA”, MORTA DENTRO…

    continua, sto strazio🙂
    ve lo riporto maiuscolato paro paro a come lo scrissi allora
    insomma è un po tanto urlato
    ma io ve lo traduco alla perfezione e non posso omettere cose o modificare anche solo un accento, una virgla fuori posto, uno sbrago, una dissonanza,
    insomma cerco di essere ONESTA e traduttrice FEDELE
    io non ho piu paura

    vi lascio uno stacchetto in tema
    per non appesantire il romanzo
    che sarà pur fallito
    ma ci tiene allo stile

    segue…per vostra grazia

    Mi piace

  151. io son qui a scrivervi, beata,col mio sottofondo che però sto migliorando, perchè lo alterno ad altre speranze
    lui, il mio sposo, è andato a prendere i pasticcini per la figliola e a procurarsi la griglia per fare il pesce che alla piccola piace tanto
    stasera si cena sotto le stelle, zanzare maledette permettendo
    gli ho detto
    scusa sposo ma sto scrivendo il mio romanzo
    e ci sei anche tu dentro
    è importante
    so che ti occore il pc
    devi mandare via quelle mail
    va bene
    ma ora il mio romanzo è più importante del tuo cazzo di mail
    scusa ma se mi va via l’ispirazione!? magari domani non mi viene più a trovare
    insomma è urgente, di più, necessario
    grazie amore
    ciao
    a dopo

    Mi piace

  152. se sei investito dalla Parola
    se la parola ti incrocia
    e tu l’hai RI CONOSCIUTA
    (FINALMENTE)
    e ti saluta
    tu non puoi
    rispoNderle
    ah ciao
    scusa ma sono di fretta
    c’ho da andare a fare la spesa
    che la mia figlia torna
    però magari ci si rivede eh
    pacca sulla spalla
    alla Parola
    che ci rimane male
    anche perchè
    la figlia è la figlia
    ma in quel momento
    ci sta pensando il padre
    che non ha incrociato
    la Parola
    e ci ha un po’
    più
    di tempo
    per sè e per sua figlia
    madonnina santa
    sti parolai del cazzo
    sembra che ti riconoscano
    e poi ti mollano
    senza pudore
    va bene
    ma io sono
    la Parola
    e devo Bastarmi
    speriamo nel prossimo incontro
    speriamo che mi ritrovi
    speriamo che mi riconosca
    io non passo
    io aspetto
    e poi
    ci ho gli occhi belli
    e naturalmente supplichevoli

    se il tempo è per la Parola
    si può chiamare egoismo
    o si definira
    EGOISMO
    Egoismo Benedetto

    vedete quanto sono brava a girarmela e a pirlarmela
    solo che adesso sono in Buona Fede
    e non trovo altre parole
    che non siano anche le parole
    dei tradimenti, dell’egoismo, del farsi insomma i cazzi tuoii perchè c’è una cosa importante per te che ti da piacere e affanculo tutti
    questo si chiama “volersi bene” alla new age
    alla choelo, (piano un po’ più altino) tanto per fare un esempio

    stesso ramanzo
    diversa la musica

    la Parola, questa Divina Arroganza, ce ne ha per tutti

    Mi piace

  153. in verità io vi dico::::)))))))

    essere nel vangelo
    farsi vangelo
    essere vangelo

    esattamente in questa sequenza

    prima di questi passaggi ci sono tutta una serie di prove

    queste sono le prove finali

    ma già essere anche solo al primo posto
    della sequenza
    che corrisponde al terzo posto sul podio
    (medaglia di bronzo insomma)
    è già un bel traguardo

    perchè è proprio vero il detto
    che l’importante è partecipare

    anvedi sti proverbietti
    o
    verità metafisiche!?

    Mi piace

  154. è dolorosa lasciare la Parola
    cazzo cazzo
    ma sono solo le 16,45
    e la figliola
    atterra alle 19
    c’ho ancora un po’ di tempo
    vado a farmi un caffè o un bicchiere di vino o del latte di soia
    ho sete

    Mi piace

  155. se c’è un arrogante su questa terra è gesù
    sta sulla croce e tu implori che si penta, che rinneghi il padre, perdio, ne va della tua vita,
    e poi non pensi al dolore che dai alla madre, disgraziato!
    digli che non sei il figlio di quel dio (cane) che ti fa morire così e non viene in tuo aiuto, non vedi che lui pure ti ha tradito, figlio filetto, figlio benedetto, perchè mi fai questo, fallo per la tua mamma.
    scendi e se proprio non vuoi scatenare l’ira di dio, su questi poverini che ti deridono, che ti torturano, che ti sbeffeggiano, facciamo così, ce ne andiamo via io e te, la mamma ti saprà proteggere, ti conforterà, guarda c’è anche un’altra donna che ti sta aspettando, e capirà che non ce l’ hai fatta ad essere un eroe fino in fondo, io non voglio il tuo martirio cristo santo, ascoltami, zucccone zuccone che non sei altro.
    ma lui niente, questo arrogante, questo supponente, lui sta lì, a fare la volontà del padre suo che io manco l’ho mai visto di persona, ragazza madre che non sono altro.
    perchè, perchè mi fai questo

    per amore
    è l’ultima sua risposta
    che sarà

    subito dopo
    tempo qualche giorno
    per ri prendersi santiddio
    diciamo 3 giorni

    la prima parola da cui ri cominciare

    Mi piace

  156. la potenza della madre
    è terribile
    può uccidere

    uccidi la madre che è in te
    e accendi
    la MADRE

    forse siamo ancora in tempo

    Mi piace

  157. indizio 2010

    Si parlava di chi ci insegnerà, o chi ci ha insegnato. L’eredità, la tradizione, la consegna di una saggezza, il dono di una chiave per capire, cogliere, apprezzare. Non si vive a caso, vogliamo dirlo? Non si può andare avanti cancellando la sensazione che sto dimenticando qualcosa di essenziale, che sto anestetizzando la sensibilità, ignorando un potenziale di acume, delicatezza, disponibilità a incontrare la realtà, combatterla o abbracciarla, rifiutarla, amarla, bestemmiarla. Chi ci insegnerà a coinvolgerci nell’esistenza, a non risparmiarci, a lasciare le sicurezze e le comodità per condividere i cinque pani e i due pesci e raccogliere dodici ceste piene di avanzi da distribuire ancora, in un dare instancabile e infinito, perché cosa sono questi anni che ci sono stati affidati se non un ricevere e restituire, cos’è questa cosa strana fatta di respiri e tensioni ed estasi e conflitti, questo sangue e questa carne se non un mettersi nelle mani degli altri, rischiando di non prendersi più indietro? Se mi conservo, mi difendo, se rimando a un domani indefinito la mia consegna, dimmi, cosa ne sarà di me?

    9 aprile

    Mi piace

  158. cazzo d’un cazzo
    chi mi ha toccato sul comodino?
    cera Padre Turoldo
    e adesso come faccio
    l’avrò forse prestato a mia sorella
    cazzo
    è che dovevo trascrivervi
    un indizio dolorosissimo
    e straziantissimo
    e pesisssimo
    di un amore di Padre
    identico
    a quello
    della
    Madre
    Madre, Padre, Figlio
    nella stessa persona

    ed ecco rivelato il mistero della santa trinità

    noi siamo questo trio lescano qui
    oddio dobbiamo aspirare ad esserlo

    basta anche solo specializzarsi
    in un solo di questi 3 ruoli
    che sono
    invidiabilmente
    interscanbiabili

    potenza della Magia!

    (silvan, mortificati!)

    accorrete accorrete
    non ci sono madoninne di gesso che piangono
    c’è una casalinga
    quasi
    santa

    lo cerco e intanto recito una formula che mi ha portato sempre bene
    santantonio dalla barba bianca fammi trovare Turoldo, che mi manca

    Mi piace

  159. incredibile
    alzo lo sguardo ed è li , sopra la mensola,che corre sopra lo schermo sul quale mi sto confessando

    DAVID MARIA TUROLDO
    CANTI ULTIMI
    GARZANTI
    € 8,00

    DIO MIO
    CHE MERAVIGLIA
    e sono seria e lietissima anche se mi è venuta una leggera palpitazione e un turbamento

    (da prendere tutto alla lettera)

    Mi piace

  160. e pure il tuo figlio
    il divino tuo figlio, il figlio
    che ti incarna, l’amato
    unico figlio uguale
    a nessuno:
    “perchè…?”

    era l’urlo degli oceani
    l’urlo dell’animale ferito
    l’urlo del ventre squarciato
    della partoriente
    urlo della stessa morte
    ” perchè?”

    e tu non puoi rispodere
    non puoi…

    Condizionata onnipotenza sei!

    Pretendere altro è vano

    …….

    Mi piace

  161. t’invocava con tenerissimo nome:

    la faccia a terra
    e sassi e terrabagnati
    da gocce di sangue:

    le mani stringevano zolle
    di erba e fango:

    ripeteva la preghiera del mondo:
    “Padre, abbà, se possibile” …

    solo un ramoscello d’olivo
    dondolava sopra il suo capo
    a un silenzioso vento…

    Mi piace

  162. Ma non una spina Tu
    gli levasti dalla corona.

    Trafitto anche nel pensiero:
    non può, non può lassù
    il pensiero non sanguinare!

    Oh, le ferite della mente!

    Mi piace

  163. E non una mano
    gli schiodasti dal legno:

    che si tergesse
    dagli occhi il sangue

    e gli fosse dato
    di vedere
    almeno la Madre

    là,

    sola…

    Mi piace

  164. Perfino potenti
    e maestri di ferocia
    e gente, al vederlo
    si coprivan la faccia

    E lui a fluttuare
    dentro una nuvola:

    dentro
    la nuvola del divino
    Nulla!

    E dopo

    solo dopo
    Tu e noi
    a ridargli la vita

    Mi piace

  165. No, credere a Pasqua non è
    giusta fede:
    troppo bello sei a Pasqua!

    Fede vera
    è al venerdì santo
    quando Tu non c’eri
    lassù!

    Quando non una eco
    risponde
    al suo alto grido

    e a stento il Nulla
    dà forma

    alla tua assenza

    dedico questo sentire al mio caro amico Valter Binaghi
    della cui “scomparsa” ho saputo da poco
    lui era ammalato nel corpo ed io nell’anima
    nello stesso tempo
    ma quando ha esalato l’ultimo respiro
    io ero là a tenergli la mano
    in mezzo ai suoi cari
    straziati dal dolore
    e so
    che lui ci sarà
    a tenermi la mano
    quando morirà
    il mio corpo
    ne sono certa

    CIAO VALTERONE , quante risate e quante sublimi discussioni ci siamo fatti, ricordi?
    io per sempre

    bacio

    Mi piace

  166. il mio sposo mi passa davanti e ha quell’aria che io con0sco bene
    e che mi ha fatto inviperire e soffrire e dare i numeri da sempre:

    (oggi sono guarita dal suo giudizio)
    (sono però ancora un po’ convalecente, nonostante tutta la baldanza che mostro qui)

    quell’aria di rimprovero muto

    gli dico con voce un po’ alterata

    ehi , sposino mio, sto scrivendo il mio romanzo, cazzo!
    e lui
    ehi bellina ,sei diventata un po’ arrogantina
    io non ti ho detto niente
    che cazzo c’hai?
    ed io
    è
    L’IRA DI DIO CHE SI MANIFESTA
    e giù a ridere

    e poi

    ABBI PAZIENZA
    mi pari il padre di amdeus , quello del film, e di cui mozart era terrorizzato!
    vade retro satana :))))

    Mi piace

  167. ho…come dire…ho un po’ di fretta perchè ho paura che da un momento all’altro vada a farsi fottere la santa ispirazione.
    i miei forse sotto sottto sperano che scompaia definitivamente
    insomma ho paura di svegliarmi domattina e non saper più che dire
    mi sembra mi manchi poco alla fine, quello che c’era da dire l’ho detto quasi tutto mi pare e ce l’ho messa tutta per spiegarmi e spiegarvi (anche se a voi interessa una mazza, ma io so che queste perline vi saranno utili nel vostro cammino, e insieme potremmo fare una collana) ma magari manca un’eternità
    chi lo sa
    mia figlia è tornata ci siamo abbracciate lei mi ha detto, cazzo mamma hai messo le mie infradito, toglile subito
    e poi ci siamo troppo “sentite”
    veramente ci siamo sentite già tanto su skipe e ci siamo sentite intensamente per cui sapevamo già tutto e sappiamo tutto.
    ora stanno preparando il pesce e mi hanno dato il permesso di assentarmi un attimo visto che gli ho spiegato che era cosa abbastanza urgente.
    iacopo, il “fidanzato” di mia figlia è qui con noi a festeggiare
    speriamo

    indizio bacchettata sulle mani
    ontanuccio nel tempo

    sai potrei scrivere un libro
    ho disseminato qua e di là i miei pensierini, magari li metto insieme, gli dò un ordine, e mi salta fuori qualcosa di carino o carinissimo.
    lui il mio sposo mi dice
    e perchè non lo fai
    e io
    guarda che stavo facendo dell’ironia stupidotto!
    io non sono capace a scrivere
    e lui
    perchè, per me invece potresti farlo

    per farla corta. lui il mio sposo, croce e delizia,più croce in verità,mi stava dicendo che credeva in me anche se io non credevo in me e quindi non credevo in lui
    (ho pensato a mia zia nina, ecco il mio sposo una zia nina un po’ segnata dal fallo)

    che bacchettata dolorosa sulla mano!
    saccentucola che non sei altro!

    Mi piace

  168. umili come mucche
    fiere come aquile
    pazienti come cagne
    generose come agnelli
    leggere come libellule
    forti come elefanti
    piantate come querce
    canterine come cicale
    belle come il sole
    tristi come la luna
    maliziose come l’acqua
    tenere come prugne
    accessibili come dune
    grate come mendicanti
    libere come randagie
    indispensabili come la malattia
    coraggiose come LEI
    atttraenti come miele
    volubili come camaleonti
    sagge come i sassi
    buone come la nutella
    scaltre come delfini
    ammiccanti come la volpe
    misteriose come le stelle
    misteriose come un fiore
    misteriose q.b.(quanto basta)

    …..
    e potrei andare avanti all’infinito
    così vi voglio sorelle
    belle pimpanti
    sarete irresistibili
    e il mondo vi/ci/mi sorriderà


    povere loredane!

    ri cominciamo

    recitate insieme a me
    sono bellissima
    sono bellissima
    sono bellissima
    sono bellissima
    sono bellissima
    ……
    e qui ” andare avanti all’infinito non è licenza poetica”

    Mi piace

  169. il parto travagliato del Fallimento

    Donna
    Partorisci un Fallito

    partorire
    è un po’
    come morire

    partoriamo l’amore
    abortiamo il male

    madri
    di aborti di vita

    padri partoriti
    da madri ditratte

    fai attenzione
    quando partorisci
    potresti
    partorire
    male

    il parto
    della Parola

    la Parola
    che si fa Parto

    parlami di Parto
    è necessario

    il parto
    non è una passeggiata
    tra l’erbetta
    trullallero trullallà
    il parto è di più
    è
    un Dolore infinito avvinghiato a un Amore infinito

    perchè mamma
    mi hai partorita?

    perchè babbo
    hai fatto questo?

    PERCHE?

    rispondete
    SMEMORATI

    che Dio
    vi perdoni
    Io l’ho fatto da tempo
    ora ancora di più
    se il perdono
    può dirsi
    ormai
    puro

    Mi piace

  170. urge un trattato sul Perdono
    chi me lo indica
    titolo
    autore
    casa editrice
    costo
    (speriamo in lire)

    grazie per l’eventuale aiuto e sotegno
    alla ricerca
    del
    Perdono

    Mi piace

  171. anch’io faccio il tifo per lo sposo
    è il personaggio più
    bersagliato in questa storia
    poverino
    ed è per questo
    che mi accanisco sul suo personaggio
    perchè a lui
    ci tengo in particolar modo
    gli altri sono cari
    ma meno bisognosi
    meno spaventati
    più allegri
    più leggeri nella loro pesantezza
    conosciuta
    o quantomeno abbozzata
    mi pare
    lo sposo è più tosto

    comunque lo sposo
    sta migliorando
    a sprazzi
    a spizzichi
    e bocconi
    spero
    che
    quando
    farà allarme
    alla casetta sua e mia
    prenda
    una
    scossa!
    LA SCOSSA
    mi auguro la sua “morte”
    infedele che non è altro
    il mio Amato sposo
    IO LO AMO

    Mi piace

  172. se sai riconocere la Bellezza
    lei si lascerà mangiare
    e tu sarai bellezza

    noi siamo indegni della Bellezza
    eppure
    lei si offe

    è questo
    che pensate
    quando vi avvicinate al Mistero
    e lo ingoiate

    è questo?

    e allora
    perchè non siete
    raggianti
    dopo
    che
    il sacrificio
    si è compiuto
    per Amor vostro
    per Amor mio

    Mi piace

  173. la Parola
    veglia su di voi
    persi
    in un sonno profondo
    veglia sui buoi
    e sulle mucche
    e le pecore
    e gli agnelli
    il bue e l’asinello
    la chioccia col pulcino
    a ognuno il suo bambino
    ognuno ha la sua mamma
    e tutti fan la nanna.🙂
    la Parola
    vi parla anche nei sogni
    forse più nei sogni
    LEI
    è ovunque voi siate
    e comunque
    voi siate

    la Parola
    non dorme mai
    io sì e anche parecchio, prima!🙂

    sogni d’oro

    la fu

    (anvedi ste frasette, che potenza!)
    anche buona notte è un augurio Potente

    Mi piace

  174. coazione a ripetere
    caso sempre più interessante per i dottor morini
    che abitano questa terra!
    oggi ho ricevuto un Regalo
    Sperato
    LUI mi ha proprio RICONOSCIUTA
    e me lo ha fatto sapere
    LUI è un Traduttore e un Messaggero
    BUONO E SANTO
    COME IL PANE
    GRAZIE

    se conoscete versioni più stupefacenti di questa qui sopra
    fatemelo sapere
    la mia coazione a ripetere per i pink
    si è rivelata proprio
    UNA MALATTIA
    dalla quale non voglio guarire
    MAI

    ho una smiliardata di cose da dirvi
    e di indizi
    da sotto porvi
    ma giuro
    non sono io che vi scartavetro i coglioni
    eppure sono proprio io

    la fede ha dunque poteri lisergici?
    per non saper nè leggere nè scrivere
    io rispondo SI?
    EVVIVA LA CccccTTTTTROGA

    i DESIDERI SI AVVERANO SEMPRE
    IO NE SONO TESTIMONE VIVA

    buon giorno
    frateli tutti

    la funambola

    Mi piace

  175. La Parola
    si fa il vuoto intorno
    e aspetta, paziente
    che questo vuoto
    si riempia di
    SENSO

    direi così a occhio che si riferisca a voi
    il senso siete voi
    siamo noi
    Facciamoci SENSO

    Mi piace

  176. oggi la colonna sonora
    scelta dalla Parola
    è quella che vi ho gentilmente postata
    pochi minuti fa
    lo è stata
    per me
    in tutta questa
    lunga
    notte
    Magica

    tutti i miei morticini
    ballavano
    ed
    esultavano
    insieme a me

    questa mattina
    sono suonata come un pugile
    ma sveglia come un grillo

    Mi piace

  177. Quando il mio Amore
    ha bussato
    io ero in “casa”
    ma non ancora
    Presentabile
    per
    l’ospite Prezioso

    LUI
    ha aspettato
    paziente
    fuori
    al freddo e al gelo

    poi ho osato
    ho aperto
    e l’ho “Guardato”

    COLPO DI FULMINE

    fatevi sempre trovare
    “in casa”
    anche se non vi “vedete”
    belli
    come desiderereste

    LUI non ci fa caso
    lui è di Bocca Buona

    Mi piace

  178. indizio recentissimo

    …ed io son qui, come uno scemo
    e voi forse non capite nulla
    di quello che vi dico
    …ma io sono scemo…

    Mi piace

  179. c’è qualcuno
    che parla per Me?
    c’è qualcuno che parla
    di Me?
    ne sarei piacevolmente Ammutolita/o
    e Divinamnete grata(o

    Mi piace

  180. c’è qualcuno
    tanti
    che vogliono
    insegnarci
    a piangere?

    ma le lacrime
    non si
    imparano
    le lacrime
    sgorgano

    c’è qualcuno
    tanti
    che vogliono
    insegnarci
    ad amare

    ma l’amore
    non si impara
    l’amore si vive
    Vivendo

    c’è qualcuno
    tanti
    che vogliono
    insegnarci
    il sorriso
    ed il riso

    ma il sorriso
    il riso
    non si imparano
    esplodono
    a volte
    senza un Motivo

    c’è qualcuno
    tanti
    che vogliono
    insegnarci
    la bontà

    ma la bontà
    non si impara
    la bontà
    si esprime
    si di spiega

    c’è qualcuno
    tanti
    che vogliono
    insegnarci
    il male

    ma il male abita tutti i qualcuno
    e non lo impari
    lo senti
    sulla tua pelle
    e nelle
    tue ossa
    e fa male!

    C’ E’ Qualcuno

    CHE CI AMA
    E NON SI SPARA
    SEGHE METAFISICHE
    LUI LEI
    SI OFFRONO

    è tutto
    così semplice
    frateli e sorele
    FIDATEVI
    della Parola

    questa sconosciuta
    questo mistero
    di pulcinella

    Mi piace

  181. esempio di comunicazioni
    su due piani
    che tentano
    di avviticchiarsi
    maldestramente
    anche se la premessa
    è Divina
    per il Comunicante
    che chiamerò
    1

    1 ciao
    sto scrivendo
    il mio romanzo
    e ci sei anche tu
    parla di te
    parla di me
    parla di Noi

    mi raccomando
    fammi fare bella figura

    1 sei una meravigli anche lì🙂
    (nel romanzo, testone, o testosterone?)

    urge scrivere
    nuovo capitolo!

    1 Urge?
    ma allora tu sai!
    sei santo pure tu
    e i santi
    non hanno bisogno di vedesi
    Loro
    non si sono mai lasciati

    a mme
    dde quello che fanno i santi
    num me ne po’ fregà dde meno…
    io sono terreno
    e vojo i piaceri della carne…la tua

    1 Birichino infedele!
    Convertiti!
    ne va della tua salvezza🙂

    …una messa
    a B…?

    1 Sei splendido!
    un profano Metafisico

    …c’è una cosa di te
    che mi ha fatto sempre impazzire
    e non ho mai potuto godere
    come avrei voluto…

    1 Ci hai la fissa eh!
    Questo non posso metterlo
    nel mio romanzo
    sai
    è pubblico
    e potrebbe provocare
    dolore
    bacio

    Se mi chiami
    ti racconto
    la mia fantasia su di te
    …credo impazziresti

    1 Impegnata
    bacio

    cosa ne pensate?
    ha fatto e fa una figura
    bella
    nel mio romanzo?
    io credo di sì
    comunque
    SI

    Mi piace

  182. indizio

    Sono un guardiano del gregge
    Il gregge sono i miei pensieri
    E i miei pensieri sono tutti sensazioni.
    Penso con gli occhi e con le orecchie
    E con le mani e coi piedi
    E con il naso e con la bocca.
    Pensare un fiore, è vederlo e respirarlo.
    E mangiare un frutto è saperne il senso.
    Ecco perché quando un giorno di caldo
    Mi sento triste di goderne tanto,
    E mi stendo completamente nell’erba,
    E chiudo gli occhi che bruciano,
    Sento che tutto il corpo è steso nella realtà,
    So la verità e sono felice.
    Tu dici, vivi nel presente;
    Vivi solo nel presente.
    Ma io non voglio il presente, voglio la realtà:
    Voglio le cose che esistono, non il tempo
    Che le misura.
    Cos’è il presente?
    È qualcosa di relativo al passato e al futuro.
    È una cosa che esiste in funzione dell’esistenza
    Di altre cose.
    Ma io voglio la sola realtà, le cose senza presente.
    Non voglio includere il tempo nel mio schema.
    Non voglio pensare le cose in quanto presenti:
    Le voglio pensare in quanto a cose.
    Non le voglio separare da esse stesse,
    Trattandole come presenti.
    Non dovrei nemmeno trattarle come reali.
    Non dovrei trattarle affatto.
    Dovrei solo vederle, semplicemente vederle;
    Vederle fino al punto di non poterle pensare,
    Vederle fuori dal tempo, fuori dallo spazio,
    Vederle con la facoltà di toglier tutto tranne il visibile.
    Ecco la scienza del vedere, che non è scienza.

    anche questo uomo mi ha posseduta
    e anche lui mi ha lasciata andare
    GRAZIE

    Mi piace

  183. indizio 2005

    SMISURATA PREGHIERA

    Due corpi riflessi negli specchi di una stanza degli amori sospesi, degli amori colpevoli, degli amori nascosti, degli amori impossibili, dell’amore Possibile
    Specchi, specchi che han visto,specchi che trattengno un po’ di vero, un po’ di luce, un po’ di eternità, un po’ di bellezza.
    Le tue mani, la tua bocca, il tuo seso, i tuoi gemiti, la mia preghiera, parole oscene, melodie angeliche, i miei orgasmi, cuori impazziti, respiri affannosi, l’onda sublime in mezzo alle gambe, la corsa folle, gli occhi tuoi verdi, precipitare, precipitare, salvi, salvi, finalmente salvi.
    Prendimi, prendimi, portami con te, fatti acqua e dissetami, fatti luce e illuminami, fatti aria e respirami, fatti tempo e nasconditi, fatti madre e accoglimi, quietami, dammi pace, saziami, saziami.
    Precipitare, precipitare, persi ,soli, disperati e salvi e poi giacere, immobili, sfiniti, stupiti, storditi e per un attimo paghi e poi ancora ancora e ancora e ancora, divorarsi, assaggiarsi, mordersi, accarezzarsi, farsi male, stringersi, implorare, piangere.
    Fatti tempo e nascondimi, fatti tempo e risparmiami, prendimi, cancellami, inventami, salvami, fa che non resti per sempre miserabile, resa incapace, da un istante di grazia, di riprendere quel volto di quieta mendicante che avevo un’ora fa.
    Fatti tempo e risparmiami.
    Io con te non ho paura

    traduzione maldestrissima: una storia di banali corna
    traduzione corretta :ammazzaoh che corna Sublimi

    Mi piace

  184. perchè la nostra vita
    è un di spiegarsi
    di tradimenti
    piccoli meschini miserabili tristi poveri pietosi…

    ma
    se
    Osi
    il TRADIMENTO
    tutto
    ti sarà
    perdonato

    bona vado ammagnà! che anche le sante vivono di pane

    Mi piace

  185. questo nonnulla fu amato dall’ape,
    desiderato da farfalle,
    da una celeste, disperata distanza
    ebbe l’approvazione degli uccelli,

    ed abbellì di se stesso il meriggio,
    e fu ‘estate per un gruppo d’esseri
    per cui la sua esistenza era la sola
    Prova che avessero di un Universo

    DIO, garanzia di successo con le DONNE
    e con glu Uomini

    sto facendo pubblicità gratis al vostro dio
    perchè è anche il mio di DIO
    solo una cosa
    io CREDO (ne ho le prove)
    voi siete credenti (posso mostrarvi le mie prove e poi amici come prima)
    insomma
    passi lunghi
    e ben distesi
    e via
    andare

    si parla sempre in generale, nè
    figuriamoci

    SE LUI dovesse interpellare questa smiliardata di esseri che ci sono sulla terra
    sai che fatica
    LUI allora ha pensato di installarsi
    comodo comodo
    dentro ciascuno di noi
    ed è inquilino
    molto rispettoso
    ma è pur sempre
    un moroso
    allora
    i morosi
    si vanno a trovare
    anche una sola volta la settimana
    ma che quella volta
    sia UNICA
    lui è un po’ stanco
    di aspettarvi
    ma
    RESISTE

    Lei
    tiene un profilo
    più basso
    educarne 1
    per battezzarne 100

    Mi piace

  186. ah….i “numeri” che dò potete giocarveli
    o giocarli al lotto
    io non voglio
    nessuna percentuale
    io
    sono
    ormai
    Ricca
    di mio

    Mi piace

  187. senza
    TRADIMENTO
    NON
    PUO’
    esserci
    REDENZIONE

    TRADIMENTO
    e’
    annuncio
    di
    RESURREZIONE

    IL TRADIMENTO
    E’
    NECESSARIO

    giuda non ha tradito gesù
    giuda ha tradito sè stesso (e gesù lo sapeva, se lo aspettava, e l’aveva perdonato ancor prima che lui, l’infame formichina, lo vendesse per 30 denari)
    e questo è il motivo
    della sua tragica morte
    la vergogna di essersi sputato nell’anima
    ( io,a giuda,voglio un bene dell’anima)

    chi mi tradisce
    si tradisce

    avrei la forza di perdonare
    questo tradimento?
    ora sì

    MA FAMMI PIU’
    FELICE
    TRADISCIMI

    sembra una follia, infatti il mondo è folle
    perchè ci si tradisce ogni giorno, ogni momento, con stupidi tradimenti che hanno la forza bruta delle tragedie, quando sono praticati dalla folla, dal popolo, dalla gggente)
    giuda, che non siete altro!

    e mai nessuno che tenti il vero
    TRADIMENTO
    solo gesù, solo lui
    non ha mai tradito se stesso

    rispondo io di quello che penso
    TRADITEMI con AMORE PER L’AMORE
    io sono qui e vi aspetto
    perchè voi tornerete
    e
    allora
    CI AMEREMO VERAMENTE

    se volete vi lascio il mio cell.

    Mi piace

  188. per farla breve, che capisco sia un sentire un po’ difficile
    ma bisogna provare a ribaltare il mondo, sempre…
    …insomma, sopporto solo il tradimento che fai a me
    ma non tollero il TRADIMENTO che fai a te, quello può farmi morire di dolore

    perchè io dove ero quando mi tradivi?

    magari mi ero un po’ distratta/o
    perlammordiddo, ci mancherebbe

    però se tu sei me e io sono te,(ce lo siamo detti, ricordi?) (ma tu ci Credevi?)
    come ho fatto a non accorgermi che tu stavi andandotene via🙂 è ridicolo

    ma se siamo un NOI ,come fai ad andare via da me, senza che io me ne accorga? è ridicolissimo

    e perchè non mi accorgo che mi sto perdendo un pezzetto per strada? da piegarsi dalla risate

    mistero misterioso!?

    ma non tanto sai, sapete, sappiamo

    se, io, non lavorato bene con te, con passione
    se ti ho fatto mancare, quello che tu desideravi, e che desiderano tutti:
    l’Amore (belle lumachine e lumaconi)
    allora magari posso, “capire” che per salvarti hai dovuto NON TRADIRTI
    e per farlo,DOVEVI, TRADIRMI

    per non fare la fine
    di giuda (poverino, quanta pena!)

    è vero!

    scusa, scusa se mi hai tradito/a, perdonami
    ora
    ho capito

    NOI

    qui ci ho meso un po’ di fatica perchè
    ridare Dignità
    a Parole
    logore e imbrattate di merda
    per secoli e secoli
    è compito solo degli
    INNAMORATI DELL’ AMORE
    tranquilli
    LEI perdona a prescindere

    baci

    Mi piace

  189. piccolo manuale
    per decifrare il Divino

    UN DIO
    FAI DA TE

    suggerimenti
    di Restauro Demolitivo

    TUTTO per la “CASA”!

    il tradimento
    ti prende per mano
    seguilo

    IL TRADIMENTO
    TI PRENDE PER MANO
    SEGUILO

    EHI GIUDA MIO
    PRESENTAMI IL TUO AMICO
    GESU’

    giuda non perdona
    giuda ti omicida

    Mi piace

  190. IL TRADIMENTO
    TI SALVA LA VITA

    DALLA CROCE
    AL TRADIMETO
    ALL’ AMORE

    IL TRADIMENTO NECESSARIO

    EVVIVA I TRADITORI

    TRADISCI
    per
    non tradire
    mai più

    TRADISCI TRADISCI
    TANTO
    TI MANDA
    DIO PICONE

    TRADITE BASTARDI! :)))

    Mi piace

  191. PROSEGUO

    Indizio 2005 23 mercoledì

    …OGGI NON CE LA FACCIO PIU’, OGGI VOGLIO SOLO STARE BUIO CON LA MIA SOLITUDINE, OGGI NON VOGLIO PIU’ CREDERE, NON VOGLIO PIU’ VIVERE, NON VOGLIO PIU ILLUDERMI, NON VOGLIO PIU ELEMOSINARE UN PO’ D’AMORE.OGGI NON VOGLIO PIU’ ASPETTARMI NULLA, OGGI HO SOLO DOLORE DENTRO, UN DOLORE FORTE CHE MI PARALIZZA, UN DOLORE PIU’ FORTE DELLA MIA CONSAPEVOLEZZA, UN DOLORE DISUMANO.
    SONO ORFANA, SONO ORFANA, SONO ORFANA, SONO ORFANA…

    Mi piace

  192. …HO UN DOLORE FORTE DENTRO CHE MI PARALIZZA, L’HO COMBATTUTO TUTTA LA VITA, NON RIESCO PIU A COMPIACERE, AD ESSERE COME MI VOLETE, NON CE LA FACCIO PIU’, MI COSTA TROPPA FATICA. NON HO AMORE, NON MI SENTO AMATA, MI SENTO SOLA, MI SENTO ABBANDONATA, MI SENTO ORFANA. NON MI ALLIETA PIU NEANCHE LA MUSICA, NON MI STORDISCE PIU NENCHE LA MARIA. VORREI SOLO DORMIRE, PER SEMPRE.NESSUNO HA COLPA, OGNUNO AMA COME PUO’, COME NE E’ CAPACE. IO HO AMATO TANTO ORA NON RIESCO A FARLO NESSUNO MI AMA. NESSUNO MI AMA COME VORREI ESERE AMATA…

    il mio calvario, minuto per minuto🙂

    Mi piace

  193. con quante illusioni devo essere nato per poterne perdere una al giorno!

    …perchè il tuo viaggio verso la croce, è solo agli inizi e tu non sai ancora che questi 5 giorni di dolore approderanno su una Montagna Maestosa in un Porto straordinariamente Sicuro ma tu non sai che…

    ma strada facendo capirete…capirò

    benvenuti nel mio doloroso calvario, volete farmi compagnia, io sono buona compagna di viaggio
    PROSEGUO
    Indizio 2005 febbr
    …non sono vile, sono stanca, sono molto stanca. non potete fare nulla per me perche’ l’avreste gia fatto. non sono depressa, non voglio più “non vivere” e in questi ultimi anni la mia vita non “è” Vita”. ridere condividere fare l’amore. non ho più nessuna di queste 3 cose. allora scelgo di non vivere, lo scelgo io non e’ la vita mi sceglie. non posso più mentire a me stessa. non si può mentire all’infinito a sè stessi…

    scusate, lo riporto minuscolato anche se l’originale è tutto Maiuscolato
    ma non riesco neppure io a sopportare , ora, tutto sto urlo, e mi vergogno un po’ di questo dolore scomposto
    un po’ di contegno, un po’ di ri tegno

    Mi piace

  194. indizio 2005

    VADO AVANTI

    …ho un dolore grande disumano dentro,piu’ forte dell’istinto di vita, piu’ forte del bisogno e della compassione che ho per i miei figli. vorrei che tutto finisse qui, ora, senza drammi, senza dolore per voi. ci si accorge dell’altro solo nell’atto supremo, quello che non dà possibilità di riscatto e di ritorno. questo mi fa male, non voglio mettervi in questo stato,non vogio esere la causa di sensi di colpa e di dolore. non sono egoista, sono stremata, ho il cuore spento, non riesco più a dare. non c’è niente da capire, più niente in cui credere, nessuno ti può salvare e questa consapevolezza ora è spaventosa. SONO UN POVERO ESSERE IN CERCA D’AMORE

    ti offro la mia croce, non voglio che tu la porti, voglio che tu la “guardi”

    Mi piace

  195. VADO AVANTI

    Indizio 2005 febbraio

    Sorella, quanto ti ho Desiderata
    sorella di sangue
    grazie

    Misuro ogni Dolore che incontro
    Con acuti, Occhi, che indagano –
    Mi chiedo se pesa come il Mio –
    O ha una taglia più Leggera –
    Mi chiedo se l’abbiano portato a lungo –
    O sia appena iniziato –
    Non saprei dire la Data del Mio –
    Sembra così vecchia una pena –

    Mi chiedo se fa male al vivere –
    E se sono obbligati ad andare avanti –
    E se – potendo scegliere una via –
    Non preferirebbero – morire –

    Mi accorgo che Alcuni – a lungo pazienti –
    A un certo punto, ritrovano il sorriso –
    A somiglianza di un Lume
    Che abbia così poco Olio –

    Mi chiedo se quando si siano accumulati Anni –
    Qualche Migliaio – sul Male –
    Che li ferì Precocemente – un tale scorrere
    Potrebbe dar loro qualche Balsamo –

    Oppure continuerebbero dolenti ancora
    Attraverso Secoli di Resistenza –
    Addestrati a una più grande Pena –
    In Antitesi con l’Amore –

    Gli Afflitti – sono tanti – mi dicono –
    C’è una varietà di Cause –
    La morte – è solo una – e viene solo una volta –
    E si limita a inchiodare gli Occhi –

    C’è il Dolore della Mancanza – e il Dolore del Freddo –
    Una varietà chiamata “Disperazione” –
    C’è l’Esilio dagli Occhi natii –
    Pur all’interno dell’Aria Natia –

    E sebbene non possa indovinarne il genere –
    In modo corretto – tuttavia per me
    Un penetrante Conforto offre
    L’attraversamento del Calvario –

    Notare la foggia – delle Croci –
    E come sono di solito portate –
    Sempre affascinata dal presumere
    Che Qualcuna – sia come la Mia –

    Mi piace

  196. VADO AVANTI

    Indizio 2005

    …piango quando sono sveglia, non faccio altro da 3 giorni, non mi contengo più, è caduta anche l’ultima difesa, solo il dormire mi dà un po’ di requie, mi dà sosta. mi nutro a fatica, il corpo ancora esige. la mia anima è nel disincanto, quello cattivo. non so per quanto tempo, non so quanto l’istinto sarà più forte della mia lucidità mentale. forse la vita mi presenterà altri tranelli, una carezza, una parola, un abbraccio mi tradiranno ancora e mi lascerò tradire.
    ORA IO SONO PIU’ FORTE, voglio solo morire perchè questa non è vita, la vita che mi fa vivere…

    Mi piace

  197. VADO AVANTI

    Indizio 2005

    …basterebbe un abbraccio,basterebbe questo semplice gesto, non ne sei capace, non ne sei mai stao capace. ti ho aspettato una vita intera e non mi hai mai incontrata. non ci hai mai provato, basterebbe un abbraccio, sarebbe bastato soloun abbraccio .ora non c’è più tempo non ci credo più. vorrei ma non ho più amore. ne ho avuto tanto per te e per me. non l’hai riconsciuto, non mi hai mai abbracciata tu. non ho più amore neanche per me. aspetto la fine senza fare nulla
    non si può vivere senza amore

    Mi piace

  198. …la senti la mia sofferenza fratello
    lo senti come è dolce il dolore
    doveva compiersi per donartelo e piangere con te, sorella
    non sei più solo
    non sono più sola

    Mi piace

  199. è un calvario stare con un ateo
    è stata la mia croce

    ora , mio caro sposo
    che ti sto sputtanando alla grande,
    raccogli la tua e andiam, andiam , andiamo ad amar!🙂

    Mi piace

  200. è poca cosa il pianto, sono brevi i sospiri, pure, per fatti di questa misura uomini e donne muoiono

    prova a dire sta cosa ad una ateo :))))))
    ma che ti sei fumata oggi?
    sarebbe la sua risposta

    atei dimmerda!🙂

    Mi piace

  201. piccolo,pettegolezzo
    le mie sorelle
    che sono segretamente innamorate dell’ateo
    lo sostengono sempre
    perchè, poverino, è tanto bravo
    e a star con una “singolare” come te
    hai voglia ad avercene
    di pazienza
    se ti sospende un po’ l’affetto
    ecccheramai!

    sorelle
    gentimente e com passionevolmente
    vi affanculerei
    atteeedimmerda🙂

    Mi piace

  202. se cerchi Solidarietà è solo nella Donna che la puoi trovare
    ma ci sono sempre le gatte
    e la mia mi è stata sempre vicina

    nella buona e nella cattiva sorte

    cazzo di un cazzo
    ci facciamo battere il naso da una gatta

    umanitàdimmerda🙂

    Mi piace

  203. anche gli apostoli dovettero sentire IL Turbamento della Madonna
    quando finalmente “videro”
    e furono investiti di “Autorità”

    se chiedi ad un ateo cos’è un turbamento
    può benissimo risponderti che è una malattia

    Mi piace

  204. un’ora è un mare
    fra alcuni, e me-
    in loro compagnia sarebbe un porto

    il Dolore fattosi persona
    ha saputo AMARE
    a questo brutodidio!

    incredibile!

    andate a dire a un ateo questa cosa
    minimo che ti rispode è
    ma ti sei fatta un’altra canna?

    Mi piace

  205. meravigliarsi di tutto
    ridere per nulla
    ballare
    dar bacini
    dire spesso
    che bellezza divina
    che bontà divina

    sono per l’ateo come l’orticaria
    dopo un po’ ti dice
    ma ti sei fatta la terza canna
    l’ateo non concepisce la gratuità
    lui deve soffrire
    perchè il mondo soffre

    l’ateo cattocomunista
    poi
    è il top
    non ha il minimo senso dell’umorismo
    tre cose in una
    ateo cattolico comunista
    hai voglia acombinar danni

    conclusione:gli atei sono noiosi come i credenti

    Mi piace

  206. ma guardate quanta Santa Spocchia
    questa colombella (la schizzata)

    il deserto è nuovo-perlei
    Maestro mi permetta di guidarla…

    ma la senti amico mio quanta ironia, quanto orgoglio, quanta modestia,quanta quieta disperzione, quanta dolorosa consapevolezza, quanta carità, quanto Amore in questa Donna!
    lo senti?

    dilo ad un ateo
    la risposta minima sarebbe
    comincio a preocuparmi pe te
    non sarai mica passata a quelle pesanti

    dille a un credente queste cose
    minimo che ti risponde
    non toccarmi DIO, lui ò l’unico perfettissimocreatore e mantra cantando

    dille a uu letterato
    minimo
    ci fa su un libro di analisi e critica della parola che si fa verbo
    però vedi
    specialista dei libri
    vedi
    si può dire in quattro paroline
    senza sacrificare gli alberelli nostri belli

    mai nessuno ha detto che la emili era una che se la rideva tutti i giorni!
    perchè?

    Mi piace

  207. io ho sempre saputo di non aver attitudine alla vita
    come conciliarla col volo?

    ditelo in giro minimo che ti rimandano
    a laurà che ti passano i grilli🙂

    questi atei che appestano il globo intero🙂
    in buona e maggioritaria compagnia

    questo è un mondo schifosamente cattocomunista

    Mi piace

  208. la mia amica era ricca e colta
    la sua famiglia non se la passava male
    lei poteva permettersi la sua “pazzia”
    prendete la emili e sbattetela in mezzo ad anime “ignoranti” e poveri di pecunia
    sarebbe marcita su un lettto di catene
    la pazza!

    Mi piace

  209. questo per dire che i detti

    dio cantante
    dio cane
    dio porco
    madonna di un dio

    sono messaggi d’amore, timidi suppliche, amori immaturi
    ma sempre d ‘amore stiamo parlano

    Mi piace

  210. indizio 2012

    Si è svegliata. Non ricorda nulla del pullman, del viaggio a Parigi, del vicino che ha cercato di non far rumore, di muoversi il meno possibile per consentirle di dormire. Resta in silenzio per un’eternità, poi dice all’improvviso: ho fatto un sogno. Racconta di una ragazza col cappello di lana e la sciarpa color latte, del suo impegno nel volontariato, di un prefabbricato dove si faceva tutto, messe e riunioni, pranzi, presepi e molto altro. Come può essere al corrente? Come sa di te, conteso da tutte le ragazze, degli occhi azzurri che tenevi nascosti ma che appena brillavano nel buio ti tiravano addosso l’orda delle femmine, e un giorno vi ritrovaste insieme, tu e Mattea, e sostenevi lo sguardo per la prima volta, e lei dimenticava l’impegno col tipo dagli occhiali spessi, come fosse tutto cancellato, come se il passato non contasse e rimanesse soltanto un’estate senza fine, la spiaggia crivellata di cespugli, il desiderio che consumava il cielo, gli occhi dell’agosto torrido all’orizzonte opaco di Anzio e Torvaianica, la fila di paesi che somiglia tanto alla città che sognavi da bambino, fatta di baci e carezze, dove il dolore non esiste e il vuoto che ti prende in certi giorni è un’eco lontana cui nessuno fa più caso. Racconta di lei che scrive su un quaderno i pezzi dei tuoi cantautori preferiti, di quando riuscite a rintanarvi nella mansarda da cui si vede il mare: cantate e fate l’amore col sottofondo di Suzanne, Bellamore, Firenze di Graziani, finché non c’è distanza tra la musica e il cuore, anzi, il cuore è la musica, un accordo perfettamente in sintonia col passero che becca in cima alla grondaia, il sole che tramonta dietro le tende a righe dei vicini, e lei dice devo andare e infila il cappello di lana e la sciarpa color latte, la ricordi così da quella volta che ti ha detto vado via, e sei rimasto a guardare il mare pieno di schiuma, le coppie che si baciano accanto ai cespugli di lentisco, e avverti in lontananza la voce di Dalla mentre canta Futura e ti coglie una specie di presentimento, come se alla fine di ogni sogno ci fosse una domanda sulla vita e la morte, come se il domani si rivelasse solo nell’eco di uno sparo, un uomo che si piega in due, una donna che fugge portandosi via le ragioni per resistere e per vivere, il cappello di lana, la sciarpa bianca, il passerotto che becca l’ultima mollica e vola via.

    Mi piace

  211. indizio 2012

    si approda all’amore per sottrazione
    non sono più innamorata della vita
    ora, io, sto tentando di amarla, la vita
    e l’amore è com passione, accoglienza, perdono
    e l’innamoramento è slancio, passione, capriccio, egoismo, vendetta, estasi, azione
    si approda all’essenziale per sottrazione a scapito del desiderio che somiglia ad una malattia dalla quale non si vorrebbe mai guarire
    e quando guarisci rimane la nostalgia e la malinconia e…l’amore

    Mi piace

  212. indizio 2010

    non abbiamo nulla
    contro la ragione
    purchè si sappia
    che è una conoscenza
    dell’insolubile
    e un’organizzazione
    dell’atroce

    Mi piace

  213. io son sicura che
    non passeremo mai l’esame
    agli occhi dell’altro
    rimandato
    bocciato

    io son sicura che
    il Padre mio
    mi ha Promossa
    per sempre

    Mi piace

  214. ohiiii
    c’è da andare in montagna
    scusa, ma questa qua fa gli straordinari
    ci ha tanto bisogno
    io le faccio compagnia
    ciao
    bacio
    ricordati di bagnare il gelsolmino
    hai visto come ha attecchito bene
    in quella poca terra
    in cui l’hai piantato
    e quanti fiori
    quest’anno

    Mi piace

  215. forse dobbiamo solo Maiuscolare la prima lettera di ogni Parola che usiamo
    fosse anche solo
    un
    Vaffanculo

    vestite a Festa
    le parole
    vi ri parleranno
    incazzate come erano
    del loro sarto maldestro
    e incompetente
    e supponente

    Mi piace

  216. e mi viene da dirgli ma lascia stare dai, ma non vedi che non ti ascoltano e se ti ascoltano “capiscono” la metà, ma dai davvero, guarda che ti ammali, guarda che se ti scappa la divina pazienza magari mi fai una strage degli “innocenti”, stasi più nel tuo, e stroncali con una barzelletta oscena
    e Lui,e Lei ma guarda che stiamo benissimo, noi ci Divertiamo, più di questo cosa dobbiamo fare
    morire
    ma tu sei malato/a dove ti pettini!

    Mi piace

  217. noi
    infami
    traditori di Dio
    noi
    infami traditori
    del Fratello
    noi
    infami traditori
    della Sorella
    noi
    infami traditori
    dello Sposo
    noi
    infami traditori
    della Sposa
    noi
    infami traditori
    dei Figli
    noi
    infami traditori
    dell’ Amore
    noi
    osiamo giudicare L’AMORE
    che Dolore!

    Mi piace

  218. Oggi
    6 Giugno 2015
    io ti Prendo in Sposa
    Funambola

    Oggi
    6 Giugno 2015
    io ti Prendo in Sposa
    Carla

    Oggi
    6 Giugno 2015
    io mi Consacro a Te
    Funambola

    Oggi 6 giugno 2015
    io mi Consacro a Te
    Carla

    e Giuro
    di Amarti
    e Rispettarti

    Per Sempre, Per Sempre

    Oggi
    6 Giugno 2015
    Noi ci Consacriamo

    Finalmente

    Evviva La Sposa!
    Evviva Lo Sposo!
    Evviva Gli Sposi!

    FINALMENTE!

    Mi piace

  219. IL MIO FALLIMENTO MINUTO PER MINUTO
    IL TUO FALLIMENTO MINUTO PER MINUTO
    IL VOSTRO FALLIMENTO MINUTO PER MINUTO
    IL NOSTRO FALLIMENTO MINUTO PER MINUTO

    NOI SIAMO ADDIRITTURA IL QUARTETTO DEL FALLIMENTO
    A NOI IL TRINO FA UNA SEGA

    ABBIAMO VINTO!

    ED IO NON SONO MORTA INVANO
    E TU NON SEI MORTO INVANO
    E NOI NON SIAMO MORTI INVANO
    E VOI NON SIETE MORTI INVANO
    E LORO NON SONO MORTI INVANO

    (qua addirittura osiamo una cinquina!)
    (ci manca la tombola?)

    PAZIENZA, IRRIDUCIBILI SANTOMMASI CHE NON SIETE ALTRO!

    QUELLA E’ PER TUTTI

    anvedi questa Parola, mi fa perfino il disegnino!

    che carinisssima!

    Mi piace

  220. LUI è Instancabile
    ti tira addosso
    di quelle badilate d’Amore
    che tu ti lasci Picchiare
    e vorresti che non smettesse Mai

    guarda guarda questa paroletta (che fa rima con porchetta)
    ci ha gusti sadomasi!

    coro:
    svergognata!
    pentiti

    Mi piace

  221. l’Incredibile
    è che tutto assume
    SENSO
    anche
    la merda

    e tutto
    è
    Straordinario

    straordinario, altra timida Paroletta da curare e assistere
    è malata, da tempo,tanto, troppo
    si dà al primo che gli capita a tiro
    non è che ci abbia
    qualche brutta malattia

    lo scolo?

    Mi piace

  222. e poi che progressi
    la Parola
    si presta
    a spiegarsi
    anche con sottofondi
    di “canzonette”
    e tutto la eccita
    e le parla d’Amore
    perfino
    Fin che la Barca va
    lasciala Andare
    che Poesia!
    è proprio di Bocca Buona

    comunque,
    sempre
    PINK

    Mi piace

  223. non ho fame

    HO SEMPRE FAME

    mi alleggerisco di chili e mi Strafogo d’Amore

    …mi ricorda qualcosa, mi ricordano delle sante isteriche… (cielo , mio marito!, poverino)

    bona, vado a “Farmi qualcosa da Mettere Sotto i Denti”
    (prima che mi metta a contemplare stupita questa ultima informazione della Divina Paroletta) prrrrrrrr

    insomma, l’è tutto una Meraviglia, peccato per quella mosca fastidiosisima
    che ogni tanto mi ronza intorno🙂

    Mi piace

  224. turbamento
    tutti
    ma proprio tutti
    sono stati turbati
    almeno una volta
    nella vita
    santiidddio
    fammi credere che
    è così
    e allora il segreto
    è facile facile
    andare a ri prendervi
    il vostro Turbamento
    andate a cercarlo
    se non ne avete o ne avete più uno sottomano
    fresco
    di giornata
    lui è la che vi apetta
    e voi lo avete lasciato
    solo
    a piangere
    al freddo
    al gelo
    e abbracciatelo
    e ditegli
    scusa turbamento
    non ti avevo considerato
    non ti avevo pre visto
    quando ti ho incontrato
    poi
    mi hai fatto stare un po male
    e io mi sono un po’ spaventato
    e ho voltato lo sguardo
    scusa
    scusa
    turbamento mio
    cosa ti ha turbato
    dimmelo
    possiamo andare a vederlo
    non aver paura
    io sto con te
    guarda
    ci stiamo confondendo
    dove arrivi tu? dove arrivo io?
    e se quel turbamento
    ti mostra cose
    e casi
    e dolore
    e presagi
    guarda turbamento
    siamo in due
    e gli possaimo parlare
    a queste cose “brutte”
    e possiamo
    aiutarle
    a diventar belle
    turbamento mio
    io ti ho
    RI CONOSCIUTO

    ma non ci avete un cazzo di turbamneto a cui rivolgervi per salvarlo e per salvarvi e per salvarmi e per salvarli e per salvarci

    turbati dove vi pettinate!
    vi meritate l’Inferno!
    e il dottor Morin

    INFAMI! IO VI ODIO!

    si fa sempre sul ridere nè tanto per far passare Tempo

    Mi piace

  225. questo era un caso irrecuperabile
    aveva raggiunto vette di Turbamento così Vertiginose
    da risultare restio a qualsiasi medicina ufficiale

    Mi piace

  226. questa non è letteratura
    questa
    è Vita

    la parola che pretende di porsi al di sopra dei propri atti
    è una parola bugiarda

    parola bugiara

    bruciate i testi
    scivete il vostro romanzo
    e
    regalate
    la libreria
    a chi
    muore di
    freddo

    è pur sempre legna! da ardere

    ma noi vogliamo ARDERE NO?

    Mi piace

  227. …e allora potrete dire

    IO CI SONO
    IO SONO

    NON
    io c’ero

    IO NON VI VEDO

    questa , giuro giuro, l’Ha scritta la Pazza
    io non voglio saperne nulla🙂

    Mi piace

  228. la mia dolce figliola mi ha portato un po’ di insalata del nostro orto santo pure lui e una bistecchina di pollo che sto mangiando con amore per il pollo che si è dato ammme!🙂
    per il bere , alza le chiappe sante, e vattelo a prendere mami!

    la Parola è giustamente Prudente con la mia Pupilla

    Mi piace

  229. perchè il miracolo
    non è un esibizonista
    non ha bisogno
    di folle piangenti
    di effetti speciali
    di scenografie
    di opere
    di cattedrali
    di luoghi sacri
    il miracolo
    io ce l’ho sotto gli occhi
    garzie vino, grazie pane, grazie pollo, grazie cetriolo, grazie datterino…
    siete un prodigi della natura

    VALETE MENO DI UNA MELANZANA!
    ERETICI CHE NON SIETE ALTRO!

    contadini del cazzo, aggiungo io, che raccolgo i frutti di quello che il mio sposo ha piantato.

    forniamo un Seme all’ateo e aprirà un’azienda agricola
    nel mio caso
    no ateo, no bio
    e soprattutto no orto
    io però osservo e dirigo🙂

    guardo il mio cedro
    CHE OPERA SUBLIME!

    Mi piace

  230. nel cuculo
    ai matti
    si offre musica classica
    ai matti?! ridicolo
    è una camicia di forza

    la classica sarà anche bellina
    ma
    salvo eccezioni
    e come tutte le eccezioni
    non fanno testo
    come lo strachino delle mie valli (per intenderci)
    la classica è troppo mediata
    dalla cultura
    dalla mente
    e una musica per aristocratici

    la mia è un una musica di Figa

    Mi piace

  231. fatevi
    selvaggiare da lei
    mie belle cavalline storne che portano colui che non ritorna
    (per dire, i treni passano, vuoi perderlo?)
    poesia che non mi ha devastata come il pastore
    ma mi ha leggermente turbata
    ai tempi

    Quella vita che fu tenuta a freno
    troppo stretta e si libera,
    correrà per sempre, con un cauto
    sguardo indietro e paua delle briglie
    Il cavallo che fiuta l’erba viva
    e a cui sorride il pascolo
    sarà ripreso solo a fucilate,
    se si potrà riprenderlo
    (1535)

    indizio 2005

    Mi piace

  232. …e poi dicono che fa perdere la memoria
    e crea assuefazione!

    è vero

    sti infami, a volte ci prendono
    senza saperlo

    Mi piace

  233. …e scusate se è poco
    ma il detto
    tira più un pelo di figa
    che un carro di buoi
    non vi appare
    ora
    in tutta la sua
    Sfolgorante Verità?

    Mi piace

  234. …che non è nenche parente del vostro dio
    denaro, paura, convenienza, profitto, sistemazione,fragilità, calcolo…mettiamoci anche noia va!

    Mi piace

  235. se ritrovo quel foglietto su cui ho scritto anni fa “del pompino metafisico”
    ve lo inoltro e ve lo faccio almeno immaginare

    Mi piace

  236. via le mani dal Santo!
    giù le mani dalla Santa!

    GUARDONI DIVINI CHE NON SIETE ALTRO!

    ve lo avevo detto che col DIVINO
    si rischiava di MORIRE dalle RISATE

    la Messa
    una OSCENA ORGIA DI AMORE

    …la mia amica mi ha detto che domani va a messa da sola, di non stare ad accompagnarla

    Mi piace

  237. bona…ci siamo AMATI E DIVERTITI ANCHE L’EIACULAZIONE PRECOCE C’HA IL SUO MERAVIGLIOSO PERCHE?

    ora beccatevi questa

    mai prima dell’uso, ve lo/la ammoscia (la Parola)
    che è una meraviglia

    Mi piace

  238. dare la parola all’impossibile
    desiderare l’assoluto
    dire quello che nessuno ha mai detto
    sfidare gli sguardi obliqui
    sfidare DIO

    Mi piace

  239. perduta quando ero già in salvo!
    E già sentivo il mondo ritirarsi!
    Mi accingevo all’assalto dell’eterno,
    Quando tornò il respiro,
    E verso l’altra sponda
    Udii ritirarsi le marea delusa!

    E sono come un reduce che narri
    Strani segreti equatoriali –
    Un marinaio che costeggiò rive
    lontane
    Ad un pallido araldo dalle
    tremende porte
    Prima che siano suggellate!

    Ma un’altra volta rimanere!
    un’altra volta restare, vedere le cose
    che orecchio non udì,
    occhio non vide
    (160)

    indizio 2005
    Ma un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanereMa un’altra volta rimanere…

    Mi piace

  240. un altra volta, sostare
    mentre il vento furtivo trascorre-
    Lenti e pesanti procedono i secoli
    Ed i cieli si congiungono

    pink (comfortably) a sfondamernto divino di orecchio santo

    Mi piace

  241. LIBERTA’

    la LIBERTA’ non ha aggettivi

    la LIBERTA’ SI BASTA

    L’ AMORE E’ LIBERTA’
    E SI BASTA

    basta definirlA, basta accostarle menzogna, basta umiliarla, basta violentarla, con i vostri Insignificanti aggettivi

    LA LIBERTA E’

    LIBERIAMOLA DA NOI

    Mi piace

  242. INDIZIO 2005 FEBBRAIO

    VADO AVANTI

    …e qui alla luce dell’adesso , leggo, dopo il dolore, un tentativo un pizzico di anAlisi ,sempre urlata, sempre MAIUSCOLO

    …finalmente ho capito
    mi ha punito per tutti questi anni che siamo stati insieme ed io ho ripetuto le stesse dinamiche senza accorgermene solo per bisogno.
    per avere il suo amore, una carezza, cercavo di essere come voleva lui, lo riempivo d’amore e lui dispensava un po’ d’affetto se lo gratificavo.
    m’ha laciata libera di fare, di cercare senza di lui, ma i suoi ritorni erano i silenzi, i musi, il lasciarmi piangere da sola, il non considerare il mio dolore…

    Mi piace

  243. …mi ha punita sempre come un padre cattivo, un padre padrone ti dò un po’ di affetto solo se tu corrispondi alle mie aspettative.
    altrimenti ti lascio lì a soffrire, tanto so che ritorni, ti pieghi in qualche maniera.
    come può un essere umano vedere tanta sofferenza e dirti che sei pazza, come può vederti allontanare e non fare nullaper fermarti. è un rapporto malato il nostro, era basato sul mio bisogno. ora la dinamica si è spezzata, io l’ho letta fino in fondo e mi rimane un dolore fortissimo, la consapevolezza che non si può più tornare indietro,
    io non sono più “la bmbina” chefa la brava per avere un po’ d’amore.
    non possdo più subire questo ricatto, non posso più sperare di non “sbagliare”, sempre con la paura di non meritarmi una carezza, un abbraccio.
    io voglio essere amata senza riserve ora
    lui non è conspevole di questo suo meccanismo, non ha colpa, forse non mi ha mai amata.
    lui non ama nessuno
    è umno vedere un essere andare alla deriva e non fare nulla, stare a guardare è peggio che uccidere……

    mi raccomando però, non odiate il mio sposo
    lui è la migliore persona di questa terra
    un ateo comunista fino al midollo e bravo artigiano e bravo padre e bravo figlio e bravo fratello e bravo amico…ha solo questa menomazione, questa infermità,che io ora, guarita, sto tentando di guarire, perchè lui, non può più uccidermi
    lui è una specie di zia nina col cazzo in mezzo alle gambe (e che signor cazzo! ) :))))

    Mi piace

  244. penso di non fargli leggere il Romanzo
    non è ancora “pronto”

    chissà…più avanti…quando sarò morta (perchè io morirò con lui quando lui morirà)

    Mi piace

  245. INDIZIO 2005 febbraio

    VADO AVANTI

    il bastardo deve pagare tutto deve pagare caro:)

    lui mi sta uccidendo piano piano ed io non ho la forza di staccarmi da questo padre cattivo, che non mi ha mai accolta veramente, in non l’ho mai sentito, mai
    lui deve allontanarsi da me, solo questo rimane.
    non c’è più possibilità di recupero, il cerchio si è spezzato. non si può più tornare indietro. devo resitere!! devo tenere duro!!
    da sola, con me stessa, posso ritrovare un po’ di pace.
    amo i miei figli, voglio mostrar loro la gioia, la dignità di essere soli. è tutto qui. la voglia di rinuncia è grande, per un momento è stata devastante. non posso permettermelo. non posso farmi questo regalo. chiedo solo, per non farlo, che lui non mi faccia più del male, gli chiedo solo di allontanarsi da me…

    Mi piace

  246. …quando si dice…banalizzare il Divino

    ma il divino sta negli occhi di guarda
    come cazzo hanno sentito queste Verità, la generazioni precedenti
    di padri e di madri
    distratti
    in seculaseculorum amen

    perchè i nostri letterati non si sono dedicati all’analii di questi capolavori?
    perchè
    sono
    andati dietro al Difficile
    facciamo i Facili dai
    Facile è bello e non ti fa cadere tutti capelli
    calvoni che non siete altro!

    Mi piace

  247. noi dobbiamo essere quello che siamo
    noi siamo dolore infinito
    noi siamo gioia infinita
    rischiate
    scoprite l’una e l’altra
    io non mi scandalizzo
    anzi
    mi sentirei meno sola

    (anche se, dopo la Rivelazione ,mi pare di essere inattaccabile, mi apre di essere bastante,mi sento una roccia, come la mia amica emili…ma un po’ più allegra, mi pare)
    (questa idiota continua ad urlarmi nelle orecchie le ho detto che le faccio assagiare un po’ di sposo che glielo presto volentieri e che si sollazzi con lui e che dia il meglio, e che lo faccia morire di piacere, e che lo sommerga di baci e cappottini di saliva, se smette di farmi il solletico ai piedi e se lo converte al suo Amore)
    ehmmm.
    per il bagno, sai la strada no? no, però usa salviettine pulite,sì quelle sotto il lavandino… va bene la santià, ma all’iggiene ci tengo e anche alle malattie

    io, sperando, temevo
    sono audace dacchè non spero più
    dovunque sola
    sto salda come pietra

    non mi minacciano spettri
    non mi incanta il serpente
    depone la condanna
    colui che l’ha sofferta

    guarda tè che scoperta, mi sento quel pelino più allegra della mia amica
    anvedi: l’allieva ha superato la maestra nelle vita :)))))

    (pare che la signorina emily dickinson abbia mai trombato)

    Mi piace

  248. lo so, siete sconcertati
    lo sono anch’io
    ma io non posso farci nulla
    io sono questa
    che non vuol dire
    “sono anche questa”
    no, no ,io sono proprio questa cosa qua, sono questi pensieri
    non esiste altra Funambola
    solo che mi adatto molto bene
    alle finzioni del mondo
    altrui

    che dolore arrivare a non provare più dolore ma solo amore! quanto spaventoso dolore, per giumgere all’Amore, che mi ha trafitta,di beatitudine, per sempre (spero)

    vi prego, pregate affichè non guarisca mai!
    Grazie

    povero sposo mio, la vedo dura, molto dura per lui

    Mi piace

  249. la Parola ti ri mette in riga
    lei è sobria
    severa
    leggera
    erotica
    bella
    invitante
    eccitante
    seduttiva
    sfacciata
    prepotente
    lusingante
    La Parola è Maliziosa
    Lei sfodera tutte le sue Armi
    per possederti
    e farsi possedere
    Lei vuole attrarti al Divino
    Lei vuole che tu Goda
    Lei vuole che tu impari
    attraverso Lei
    a far Godere gli altri
    che altro non sono che te
    a cui stai
    scrivendo
    questo Stupefavente Romanzo d’Amore

    chi gli dice questo al mio sposo? chi ha il coraggio di vederlo stramazzare al grido è andata, è definitivamente perduta (se non ha capito bene)
    perchè se capisce bene, e non è pronto, ci lascia proprio le penne
    chi mi fa questo piaceruccio? :)))))))))))

    Mi piace

  250. UN ROMANZO COSI’
    NON SI PUO’
    SCRIVERE
    SI
    PUO’
    SOLO
    VIVERE

    e per questo che si intitolera’

    IL ROMANZO IMPOSSIBILE

    vi annuncio l’uscita del prossimo

    LA SOLA VITA POSSIBILE

    Mi piace

  251. non molto tempo fa dovetti fare una firma
    e, lì dove dovevo apporla lessi (firma per esteso)
    ce la misi tutta per arrivare fino in fondo al foglio
    per dire…due schiaccianti verità da una penna ignara
    ignara della sua Potenza

    Mi piace

  252. se avete “compreso” anche solo una cosa sola ,in questo delirio di parole
    allora siete salvi o sulla via della salvezza
    perchè queste innumerevoli parole che sono sgorgate dal mio cuore, dalla mia mente, da una cosa sola , ecco queste parole , proprio perchè provengono da un Mistero, sono dettate da una necessità estrema ,vitale, di ONESTA’ che se ne sbatte i coglioni della grammatica e dello stile, e della legittimazione, perchè la Parola si autolegittima, si INVESTE DI AUTORITA’ , si assume delle Responsabilità Divine e si fa Essa stessa Stile
    se non vi “modifica” questa Parola allora andate Veramente e Santamente AFFANCULO!
    significherà solo che l’ Impulso Magico esiste ed è Praticabile, nel senso che si offre come strumento di azione sulla vostra tanto cazzuta realtà
    e la sua esistenza, l’esitenza del Mistero Svelato, prescinde dalla vostra credenza/ina
    (che fa una bella e sciocchina rimina)

    nulla da capire, tutto da “sentire” AMORE

    Mi piace

  253. PER LA MDONNA E TUTTI SANTI DEL PARADISO
    …adesso, ADESSO in questo momento preciso ho capito tutto

    è bastato che Uno solo credesse in me
    e mi amasse
    e mi accogliesdse
    e mi aspettasse
    per scatenarmi dentro il Paradiso

    ha un volto
    ha un nome
    ha una missione
    ha un bel portamento
    predica bene e razzola bene
    il nome?
    (maliziosi che non siete altro)
    è
    AMORE

    FANTASTICO INCREDIBILE STRATOSFERICO CELESTiALE DIVINO
    GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE grazie

    Mi piace

  254. …e ora tutto chiaro
    GRAZIE GARZIE FIDES

    LEGGERE E SAPER VEDERE, E’ COME SE …
    NONN RIECO A DIRVELO, NON RIESCO A DIRVELO , CAZZO CAZZO, MA è SCONVOLGENTE
    ERA COSI FACILE, ERA LI E TU TI OPPONEVI CON TUTTE LE TUE FORZE ALSUO VOLERE
    CAZZO CAZZO MA QUESTO AMORE FA IMPALLIDIRE IL MALE, LO TRAFIGGE SENZA LASCIARGLI SCAMPO ALCUNO

    “AMARSI E’ ACCORGERSI, E’ LA FOLGORAZIONE DELL’INCONTRO”: quando accade è il rovesciamento del tempo fin’ora vissuto che diviene evangelico, è il sobbalzo dell’essere nella liturgia del riconoscimento, è toccarsi le anime denudate penetrandosi le profondità.
    Da quanto, Signore, nel cuore ramificava inavvertita la tua gioia in attesa del grande silenzio per l’ora d’amore, ferirci, e non guarirne più!
    MA COME HO FATTO AD ESSRE COSI CIECA MA COME HO FATTO A NON CAPIRE MA COME HO FATTO BRUTTA FETETE INDEGNA AMERITARE TUTTO QUESTO AMORE

    Mi piace

  255. MA VI RENDETE CONTO CHE HO SCOPERTO
    LA RICETTA DELLA FELICITA’
    QUELLA DELLA MIA ZIA NINA,
    LA FELICITA’ SENZA MOTIVO
    LEI ERA “PRESCELTA” IO MI SONO FATTA DA SOLA, VOI DOVETE FARVI DA” SOLI” E “FARSI” INSIEME E’ DOVEROSO
    PAROLA DI DIOPICONE
    INCREDIBILE, CREDI IN UNA PERSONA E QUELLA TI SOLLEVERA’ IL MONDO.
    MOLTIPLICATE STA COSA PER TUTTE LE FORMICHINE, E’ FACILISSIMO CAZZO, AMARNE UNO PER CONVERTIRNE 100

    Mi piace

  256. ohiii
    vi si è fulminato il blog?
    ma dove cazzo siete tutti!
    ma ameno un brindisi
    vabbè sarà la scoperta dell’acqua calda
    però anche voi dai
    manco un accenno di saluto di bentornata
    sono una pecorella anch’io
    sono tornata a casa
    e nessuno ad aspettarmi?

    andate affanculo! :))))

    Mi piace

  257. far sentire il dolore, l’immensa Mia Martini ne aveva il dono
    io quel dolore lo Ri conosco
    e le sono grata per avermelo fatto sentire
    e farmelo sentire ora
    ora che
    sconfitta la disperazione
    rimane uno stupore che non so definire
    e una tenerezza infinita
    per quella povera creatura
    che sei stata
    povera fu
    come mimi

    lei è il Dolore
    mentre lo canta

    questo è stato un Indizio, un Turbamento

    La ia vita è lastricata da Turbamenti

    chiamiamoci Mimì

    Mi piace

  258. il sacrificio
    di mimi
    non è stato vano
    lei è qui
    viva
    con noi
    a mostrarci
    il suo calvario

    guardatelo
    guardatelo
    io vi prego
    guardatelo

    Mi piace

  259. non fatelo più soffrire
    il mio figlioo diletto
    vi prego
    vi scongiuro
    non mettetelo
    in croce
    io
    vi
    prego
    risparmiatelo
    io
    vi
    imploro

    Mi piace

  260. io vi prego

    fermatevi

    guardatemi

    solo voi
    potete
    accompagnare
    vostro figlio
    alla croce
    e aspettare
    fiduciose
    la sua resurrezione
    solo voi
    potete asciugargli la fronte
    e dargli da bere
    e sostenerlo
    voi
    che non sapete
    di quanto coraggio
    di quanta forza
    ci ha dotato
    il padre nostro
    la madre nostra
    il figlio nostro

    non abbasse lo sguardo
    non voltatevi dall’altra parte
    è solo così
    che il padre
    può consegnarci
    il suo
    immenso potere
    la sua
    immensa forza
    il suo segreto

    solo così

    solo se lo accettiamo

    solo se scegliamo
    di accettare il dono
    del sacrifico
    che lui
    ci dà
    piangendo
    e
    gioendo

    amore

    io vi prego
    io vi supplico
    non traditelo
    più

    Mi piace

  261. e poi
    che sia fatta
    la volontà
    del padre

    io sono pronta
    figlio mio diletto
    ti darò da bere
    io sarò lì con te
    io sono
    per
    sempre
    con te
    in
    te
    io so che tu lo sai
    tu sai che io lo so

    ciao, cara figlia mia diletta

    Mi piace

  262. sono rimasta senza sigarette cazzo dun cazzo
    mia figlia è appena rientrata dalla montagna col suo giacopone
    giuli mi vai a prendere le sigarette che sono rimasta senza maledeeetto il giorno che ho ripreso giuro che domani smetto , domani è il primo giorno da santa vera, da santa seria
    mamma dai smettila di fumare per oggi magari ti porto su un po’ di trinciato di iacopo
    non l’ho più vista
    lei è sottto io sono confinata nella mia piccionaia come la chiama lei, una bella mansardina che il mio sposo ha costruito e io arredato .
    lui la mano io la mente.
    sono provata oggi, fa un caldo aghiacciante, ma proprio in questi giorni il caldone, in questi santi giorni, fino alla fine, vigliacco,fino alla fine ,dio di un dio, mi hai bastonata! malefico.
    ci ho su una maglietta dello sposo che mi arriva alle ginocchia e un paio di fuseaux che mi arrivano alle ginocchia
    senza trucco, i capelli leggermente untini quel q,b. per fare schifo.
    ma la voglia dui fumare è tanta, calma un attimo questa isteria travolgente mi sta riprendendo.
    bona inforco la bici e vado in paese
    ùelllla, c’è una festa e la via principale, quella che porta in piazza, è gremita di gente e bancarelle , tipo fierina insomma.
    scendo dalla bici, acquisto le marlboro dall’angela, la tabacchina e finalmernte ASPIRO
    decido di tuffarmi nell’umanitaà questa sconosciuta, e seguo la mareina, fa caldo ma sto da dio.
    passo davanti a un gruppetto, 4 o 5 signore un po’ attempatine che in compagnia del tecnico, un uomo sulla settantina così a occhio, si esibiscono (parola grossa) inn un karaoke demenziale, infatti non si sente una cippa e manco riesci ad afferrare una strofa, dico una che ti rimandi alla misterioasa canzone che stanno cercando di cantare.
    mi fermo e le faccio( elsa dice sempre così .)), insomma le faccio ehi bella gente , non si senta una mazza!
    allora loro micheidono di unirmi al gruppo, ed io, io che sono timidina e mi faccio i cazzi miei, e al massimo mi esibisco con gli intimi ,ma intimi tanto nè, isomma volo da loro e insieme cantiamo (parla groosa ) non ricoedo neppure più che delirio di canzone.
    la gente passa, alcuni ridacchiano , altri vanno via dritti, solo la coda dell’occhio li tradisce e fa intendere che ti stanno osservando, altri ancora si fermano un attimo e nonostante i miei inviti calorosi a partecipare, dopo un po’ se ne vanno, non reggono lo strazio.))))
    SENTO CHE MI STO TROPPO DIVERTENDO, PROPONGO BELLA CIAO, UN CLASSICO, ma di chi è, insomma chi è il cantante,e io, dite giuro, non ci credo e allora la intono battendo la mano, bella ciao bella ciao,bella ciaoooociaociaoooo, niente, l’amico di una ragguardevole eta non ce la sa ,dice e non ce l’ha, va bene dico io, fammi bandiera rossa e non se ne parla più.
    Cazzo d’un cazzo manco quella ci sapeva e c’aveva.
    mi giro, tre delle sciure sisono dileguate senza manco salutare e l’ultima,no dai ,io no, io non bandiera rossa metti bandiera gialla! bandiera gialla! capito! ahooo ma stiamo a divertici qui!
    allora faccio cercami ciao amore, ce l’hai quella ciaooooooooamoreeeeeeeeeee ciao amoreeeeeeee ciaoamoreciaooooooooooo.
    CE L’HA , CE L’HA LO ABBRACCIO E GLISTAMPO UN BACIO SULLE GUANCIOTTE pizzicose e mi porto anche avanti con …..LA NOTTE
    HO SEMPRE DESIDERATO CANTARE LA NOTTE DI ADAMO A SQUARCIAGOLA, ME LO SOGNAVO DI NOtTE🙂
    parte la musica, seguo le parole e sto a tempo, non un tentennamento, non un singhiozzo, la canto alla cazzo ma la canto e saluto quelli che passano che poverini devono essere imbarazzati per me :))))))
    poi attacco LA NOTTE
    e li’ raggiungo vette di acuti da far impallidire qualsiasi timpano non santo e non compassionevole, è UN FALLIMENTO ASSOLUTO:))
    mi applaudo applaudo il mio esposito ,così mi ha detto lo bacio e lo saluto.
    ho la sensazione che si senta sollevato :))))))
    a casa racconto la cosa a giuli e iacopo e poi però giulia ti ho chiesto un favorino, sai a me importa una cippa , però qualcuno deve dirtelo, qualcuno che non abbia niente da perdere.
    se fatichi per un favorino cosa sarà quando la vita esugerà Sacrifici?
    rifletti gigliola, ciao rgazzi ci si vede domani, mi sono troppo divertita…la nottteeee tuuuuuuuuuuuuuuu mi faiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiimpazzirrrrrrrrrrrrrrrrr

    Mi piace

  263. mia figlia è salita a trovarmi dopo 10 minuti dal mio saluto, piange e mi dice che se credo che lei sia insensibile e che il fratelllo è quello che mi capisce di più lei ci soffre perchè non è vero che si è sentita una merda e che non voleva che io fumassi…l’abbraccio , tranquilla , mi spiace, sono andata giù un po’ dura ma io ti amo,sempre e comunque e non piangere anzi piangi così ci può metere dentro tante lacrime e anche tutte quelle che con me c’entrano nulla…le racconto un po’ quello che mi sta succedendo, mamma, me lo fai leggere…non lo so, vedremo, comunque sappi che tuo fratello è all’oscuro di tutto, non le (ELSA) ho detto nulla a lui, lei è più forte e più attrezzata, un po’ come suo padre, il fratello è “speciale” come me.
    iacopo mi aspetta , vado, ciao stronzetta che non sei altro🙂
    domattina non stare a rompermi i coglioni che non so a che ora punto la sveglia

    Mi piace

  264. trasgressori della domenica
    che vi vantate di appendervi all’uccello delle medaglie del cazzo
    che ci faccio sesso , e oddio è un po’ che non faccio più sesso, e che è solo sesso, e che la pausini che brava, è che io vengo anche 3 volte o perlamadonnnna!
    e l’addio al celibato coi vostri regalini per eccitare fighe morte fighe di legno
    cazzo dun cazzo, un giorno vengo anch’io a un addio se mi fate cantare quella bella canzoncina dei cristianucoli, quella che fa quando busserò alla tua porta, no bussate ad altre porte ,voi avete una senso della parola porta un po’ come dire…squallido la porta dell’amico che deve sistemarvi il figlio o la porta della vicina per fare due chiacchere e vedere come c’ha il pavimento, o la porta del dottore che a quello un salamino glielo porto che non si sa mai, una spintarella nel caso del bisogno, e neache la porta delle vostre chiese dove consumate inerziamente i vostri sacri riti che sono i riti di uomini e donne giustamente terrorizzate, e la porta del partito e del sindacato , fonte di guadagno e conoscenze e ci ho famiglia e due figli all’università, e ad altre smiliardate di porte, tante quante sono le vostre meschinità e mai, mai, che bussiate alla mia porta, che èm aperta PERDIO e ce’ scritto benvenuto anche a chi fa schifo un po’ a se stesso figuriamoci agi altri.
    ci vete paura eh vigliacchi che non siete altro,bussate a porte sbagliate FRATELLI traditori e lo sapete, figli di puttana che non siete altro ,che io non voglio che voi mi mettiate il mio unico, diletto, bello come il sole, tenero come la cellulite, il mio unico FIGLIO sulla vostra CROCE DIMMERDA!

    MADONNA SANTA CHE POTENZA!
    LA MADRE, LA SORELLA, E LO SPIRITO SANTO HANNO AIZZATO UN PO’ TANTINO QUEL DIO p….

    scusatelo, anche LUI soffre il caldo :)))))))
    e poi questa invettiva maligna l’ha partorita da quel sottofondo inquietante e turbante dii….
    comfortably numb, DIO è sensibile alla musica lui c’ha ORECCHIO
    anzi, e’ ORECCHIO

    Mi piace

  265. orecchioni! PENTITEVI!

    sentite questa vergine celestiale zitella che mai nessuno gli (sempre elsa) ha regalato un dildo, una cremina lubrificante, una cassetta di sigfrido, o quantomeno una foto della zona più intelligente e creativa dell’ometto in questione
    SENTITE voyeurs DEI MIEI STIVALI COME GODE ,DA FERMA , LA PERDUTA
    ASCOLTATE LA PAZZA

    Portatemi il tramonto in una coppa,
    numerate i flaconi del mattino,
    contate la rugiada
    ditemi dove il mattino si spinge
    ditemi quanto dorme il tessitore
    che ordì l’azzurra vastità!

    Descivetemi quante sono le note
    nell’estasi del nuovo pettirosso
    fra gli attoniti rami;
    quanti viaggi fa la tartaruga
    e quanti calici deliba l’ape –
    la dissoluta di rugiada!

    e chi fece i piloni delll’arcobaleno
    e chi conduce le docili sfere
    con incastri di tenero azzurro?
    Quali dita intrecciarono stalattiti
    chi conta i chicchi della notte,
    perchè nessuno manchi?

    Chi costruì questa casetta albana
    e così forte chiuse le finestre
    che il mio spirito nulla può distiguere?
    E chi mi farà uscire qualche giorno di gala,
    con ali per volare
    più bella d’ogni fasto?

    provateci voi, regolari, a farmi sentire una cosa qui
    e vi amero per sempre, tutti
    e vi ameròcome nessuna/o vi ha mai amato
    altro che sesso cibernetico!
    la emili ne sapeva di tecnologia e tecnica della comunicazione meglio di…
    non mi viene un cazzo di nome dei vostri nomi
    la emili ti tira fuori LA Trasgressione,
    la sua Obbedienza
    da far impallidere le meglio escort sulla piazza!
    e non si è mai mossa da quella fottutissima stanza che era, dice lei, la “Casa”
    e guardate che non c’ha guadagnato un euro dal suo tempo.
    (che valuta girava allora dagli amerikkioni?)
    Lei, gioia, tesorina bella, era felice così
    contenta lei…
    sti proverbietti mi intrigano più di una settimana in una SPA

    fffffffffffffffffffffffffffff guardate che se non vi ASSUMETE LE VOSTRE RESPONSABILITA’
    io potrei andare avanti finchè campo, (povero il mio sposo)
    IO ho un compito divino da portare fino alla fine
    TRITURARVI I COGLIONI, a sangue, se necessario

    CONVERTITEVI ‘RICCHIONI
    (come dice il mio sposo etero e un pelino, come dire…ragionevole dai) :)))))))

    Mi piace

  266. ad Emili piace questa,
    questa, che il Che le fa una sega (nel senso letterale del termine)
    e anche altro, per gentile libera uscita divina (sempre di venerdì)

    Mi piace

  267. insomma la emili si è stancata di fare quella che la sa lunga ma che non combina un cazzo e non si fa nessuno
    che lei vorrebbe uscire e spassarsela un po’ e che l’avete ammazzata sul serio, lei che la morte era un’ ospite fisso e graditissimo nella sua cameretta da suorina di clausura (glielo dico sempre di rinnovare un po’ la mobilia, che ne so ebay amazon ), che lei si sente viva e che la smettiate di indagare nella sua vita privata, e che non può dire una parola manco una paroletta, e subito giù critiche convegni libri che per altro non legge nessuno o ad andare bene uno sputo di Intenditori , che intuiscono la sua celestiale frivolezza divina.
    si sta un po’ a rompere le scatole e si sente incompresa e quando va alla grande (si sente) mal compresa.
    e poi si è offesa perchè se chiedete ad un ateo di lei lui ti rispode emili chi?
    e ha ragione allora a tirarsela anche se io rispettosamente le faccio presente che non sa stare al passo coi tempi che corrono e che la sua strategia di comunicazione è fallimentare perchè obsoleta.(con tutto il santo rispetto io mi faccio capire un po’ di più e la presento sempre, a tutti oppure la mando da sola in giro a esibirsi, presentando referenze divine, lo Ziopicone, tanto per chiarirci)
    lei mi guarda, allibita
    ma se ti ho telefonato io e non c’avevo manco uno straccio di telefono fisso e manco il tuo numero!?
    ma sei impunita dove ti pettini?
    anvedi questa che è rimasta ancora al mobile!
    .

    Mi piace

  268. se c’è qualche medico in ascolto , lo avverto di non stare a preouccuparsi per me, che ho seguito scrupolosamente le indicaziono del bugiardino, e che le ho scalate fino ad arrivare a 4, le goccine , le goccine del buon umore, citalopranino ,compagno fedele di 2 anni e passa, quello della serotonina mi pare e della sua ricaptazione…in breve il mio corpicino si stava abituando gradualmente a ri prendersi.
    questo per dire che non vi venga in mente di fare di testa vostra e buttare i flaconini nel cesso, perchè se una Santa ha faticato l’inferno per uscirne, a voi, che santi non siete, la cosa può risultare molto pericolosa.
    bona, ho messo le mani avanti prima che qualche gentile cagacazzi, mi indichi come la pazza scriteriata che istiga le anime doloranti a sperare più del lecito e dell’evidenza, solo nele propie forze.
    non ho manco un accenno di sonno, io che dormivo in piedi, dormivo come i cavalli, dormivo nell’acqua.(però vorrei vedere voi a conversare con giacopone leopardi, che ora tirereste!)
    (il mio sposo avrebbe l’abbioco immediato col sempre caro mi fu quest’ermo colle e amenità cantando)
    spero che tutti questi morticini che si affacciano alla mia porta capiscano che prima o poi la funambola ha necessità corporee e materiali terra terra e che mi fa piacere danzare con loro e scambiarci frasette ad effetto e cazzi e mazzi, ma loro scordano che il mio tempo non è il loro, belle gioie, spaparanzati nell’eternità.
    la mia amica, non la elsa, aveva anche lei la casa occupata da entità che apparivano a suo marito ed erano dipettose e paurose, poi però ho saputo che gli hanno dato una bella medicina e gi ospiti hanno alzato i tacchi.
    perchè…come dice il proverbio…l’ospite è come il pesce; dopo 3 giorni puzza
    proverbio leggermente brutale ma significativo! :)))))
    ora, il marito in questione, scrive libri sulla madonna di…non mi viene il nome ma Fabrizio,lo sa perchè è del mestiere ed è una madonna famosa che ha un nome che mi pare un po’ slavo,non garantisco però perchè non me ne intendo.
    pare che sia ritornato alla “realtà” e la mia carissima amica è un po’ più tranquilla
    anche il mio amico Sperandio, che andava su da Padre Turoldo, e assisteva alle sue messe, ai suoi sermoni, e faceva parte del coro, ecco anche lui è un’ anima in pena.
    ma come, mi frequenti quella STAR di PADRE TUROLDO e poi…passi che mi tratti male la mia amica, sua moglie intendo ,(non male fisico nè, che quello sarebbe il meno) passi che ti fai l’amica più giovane ,passi che ritorni all’ovile dopo un tot, sufficiente per fare ammalare la mia amica che poi si era ri presa un pochetto e stava cominciando a prenderci gusto, passi tutto, anche la faccia da culo santo ma che tu prend la tessera del PD (Privi di…Spirito’?), eh no, eh no, TUROLDO si rigira nella tomba e viene a spaccare il cazzo a me lamentndosi che lui non c’entra e che quel testone di un mio amico ha frainteo o letto male i suoi POTENTI PIPPONI .
    e poi , non ha più bussato alla mia porta, aperta sempre e comunque, anche ai compagni con la fetta di salame sugli occhi.
    le fette di salame son buone, sveglia, hai sbagliato a capirne l’utilizzo.
    Sti compagni di Sventure!
    loro hanno abolito marx perchè poco alla moda e hanno optato per la new age,
    quella che glielo ammoscia anche al sigfrido imbottito di viagra.
    anche la falce e il martello l’hanno fatta sparire sotto consiglio di quel patriota , eroe della resistenza, antifascista sfegatto di nome marchionne sergio.
    ma a voi risultas he qualche apostolo facessev di nome sergio?
    no perchè, lui ha grandi appoggi e riconoscenze anche in quelle alte e sante Sfere che il vostro blog rispetta , perlammordido, che ognuno in casa sua fa quelo che gli pare!

    Mi piace

  269. bene
    mettto su un po’ di classica, magari qualcuna di quelle che piacciono a Don Fabrizio
    confido in un abbiocco divino

    caro Fabri, se mi sto allargando troppo , fammi un fischio ed io obbedisco
    C.O.C
    CREDERE OBBEDIRE COMBATTERE

    baci

    ma l’alba è irresistibile e il canto degli uccellini in questo silenzio è pari a questa bellezza divina
    Cambiare? Quando cambieranno i monti
    Esitare? Se il sole
    dubiterà che la sua gloria
    sia la gloria perfetta

    Stancarmi? Quando la giunchiglia
    si stancherà della rugiada,
    allora, Amore, anch’io
    mi stancherò di te!

    c. 1863

    dormirò domani giuro

    Mi piace

  270. INDIZIO 2005 febbraio

    VADO AVANTI

    …lui non mi punisce, solo se sto bene, se gli dò. lui non mi ama quando sto male, lui si fa solo amare. è un muro di gomma. non ha fatto nessun percorso, si è fernato a 20 anni.
    con l’età si è incattivito, si è fatto più duro. non so cosa sia successo a lui da picolo. so che mi ha ringraziata per essere stata vicina a sua madre, lì mi ha dato qualche carezza. doveva morire sua madre per domostrarmi un po’ di affetto?
    in quella circostanza lui mi vedeva “brava” meritevole di un suo sguardo.
    io non posso essere amata solo perchè tu decidi o ti senti di darmi della gratitudine, come si fa un regalo ad un estraneo che ti fa un piacere.
    CHI DEVE MORIRE ORA PER SENTIRMI UN PO’ AMATA DA LUI ?
    io l’ho amato senza ricatti
    si può chiamare amore il fatto di non volere far vedere ai tuoi figli tua madre che muore. negargli questa possibiltà, perchè?
    al funerale, quando tutto era compiuto, lui non aveva più bisogno di me, lui si è allontanato, non mi ha aspettata. era come dirmi…ora non ho più bisogno di mostrarti gratitudine, ora se vuoi una carezza devi di nuovo conquistartela…

    Mi piace

  271. VADO AVANTI

    …lo so che il suo è un meccanismo inconsaspevole ma io non posso più stare con una persona arida dentro, spremuta, incapace di uno slancio affettivo, di un segno grande di amore.
    lui non sa accogliere è mostruosamente congelato nei sentimenti.
    solo la morte lo scuoterebbe per un attimo, ma io ho i miei figli che “devono” crederci all’amore…

    Mi piace

  272. VADO AVANTI

    …è sempre più arrabbiato verso di me.la sua rabbia, la sua stizza, crescono in misura proporzinale al mio dolore.
    quando ami accorri, son passati 4 giorni di buio e di silenzio e lui non ha tentato una carezza.
    mi sta punendo da 5 giorni, per questo dico che mi sta uccidendo piano piano……

    non osate giudicarlo, il mio sposo, poverino

    Mi piace

  273. VADO AVANTI
    …(sto cazzo di dolore appena lo rievochi si ripresenta bello fresco e baldanzoso, quanto Amore, che Gemito ancestrale…ma da dove arriva tutto questo meraviglioso Dolore…)

    (come sottofondo metteteci la musica del vostro Dolore, tutti abbiamo qualcosa o qualcuno da Amare, e da Patire…io comfortably e se voglio esagerare la povera Mimì)

    (gli scrivo una lettera)

    …la sua lettera è la risposta che sapevo, è quello che è lui. è una lettera piena di rabbia, di rancore, di stizza. è una lettera senza amore. non uno guardo, non una riflessione, non un indugio, non un dubbio di essere senza cuore.
    mi lasciava piangere tanto tempo fa, quando ero brava, quando ero più brava. mi lasciava sola nel mio dolore anche allora. mi lasciava giorni in punizione, senza parlarmi, mi abbandonava se gli urlavo il mio bisogno d’amore. non mi ha mai amata, non ha mai avuto amore da darmi. due fedi comprate da me, il posto scelto da me perhè lui non “poteva”, lui era “impegnato” a fare, a fare per sè.
    ora che sono stanca, ora che mi ha tolto tutta l’illusione, ora vuole che muoia, che faccia la brava, che vaghi come uno zombi, che mi pieghi al suo ricatto. non ho più amore, mi ha spremuta e ora chiede ancora, ancora.
    è finito, tutto è finito.
    in questi giorni ho elaborato il lutto, la perdita. sono stremata. sono come anestetizzata. non provo dolore ora, solo freddo.
    la sua lettera finalmente mi ha fatto toccare, vedere l’inganno, l’inesorabilità.
    non si torna indietro…

    Mi piace

  274. DIO SOFFRE!
    PERCHE’ GLI SPEZZATE IL CUORE!
    BASTARDI!
    VI MERITATE L’INFERNO CHE VI SIETE COSTRUITI DENTRO!
    SADICI ometti!
    QUANTA POSSIBILITA’ DI MALE IN UN VERME!

    Mi piace

  275. il mio sposo è tornato dalla montagna.
    ciao, che bello, ma non dovevi fermarti di più, allora come è andata, ti sei divertito, mi spiace per i lamponi, vabbè si è salvata una piantina, magari fa su un sacco di frutti, che ridere ieri sera ho fatto il karaoke, sei sputtanato a vita , è passato anche il sindaco ma chi cazzo lo conosce?, non mi sono mai divertita tanto, dovevi esserci, ahahhhah, no lascia che sistemo io dopo , metto tutto nella lavastoviglie, sai che mi sta venendo giù bene il mio romanzo,sento che è la cosa piu grande che abbia mai fatto in vita mia, sono proprio contenta, mia figlia è passata un attimo prima ,mamma, tutto bene benissimo giuli e allora perchè piangi ma sto benissimo giuli non preoccuparti, sono lacrime che non fanno male,vai un po’ a riposare dai sì dopo allora la elena non c’era , che strano col caldo che fa a milano, ah guarda che per il commercialista ci penso io, Cazzo te l’ho detto di non preoccuparti quelli lì del CNA non capiscono mai una minchia e sì che tutti gli anni è la stessa csa, chepppalle…

    Lo vedo inquieto, stranito, triste e mi spiace molto, non sai quanto mi spiace Amore mio, ma non posso aiutarti se non con la mia testimonianza di pace.
    e poi CAZZO VUOI DA ME, ora che non ti urlo più nelle orecchie, ora che Ti Amo mi sei così smarrito e sospettoso

    ma va a cagare và! 🙂

    Mi piace

  276. …gli dico, adesso , un ‘itante fa, quanto tempo mi dai per finirlo, il romanzo, intendo, quanto vuoi, non c’è nessun problema, non mi pare, dico io, mi sembra che ti senta un po’ abbandonato, e lui, ma figurati ci sto facendo l’abitudine ormai, tra una cosa e l’altra in questi due anni…e io ,candidamente acida, io da 20
    e torno alla MIA postazione di “lavoro”

    penso che devo resistere, ora o MAI PIU’
    è che prima pensavo a me, ora penso al suo bisogno e vorrei tanto aiutarlo
    ma non posso, non voglio

    CORO
    anvedi la crocerossina!

    crocerossina tua sorella!🙂

    Mi piace

  277. penso e sorrido…
    io non ti sto tradendo col mio romanzo, scimunito che non sei altro!
    IO TI TRADISCO PER NOI
    IO TI TRADISCO PER TE
    IO TI TRADISCO PER ME
    IO TI TRADISCO PER QUELLI DEL BLOG CHE ANCHE LORO HANNO TANTO BISOGNO DI ME :)))))))))))))
    FACCIO TUTTO LO SPORCO LAVORO IO
    IMBECILLE CHE NON SEI ALTRO
    ASPETTANDO CHE TI RIMBOCCHI LE MANICHE
    è facile
    LO CAPIRAI MAI!

    LEGOROT che non sei altro!

    ho constatato una cosa, ed è anche colpa mia, le anime che mi circondano scambiano la mia vivacità e ilarità per “stranezza”, piacevole, ma sempre di stranezza si parla, ed è per questo che banalizzano i mio Dolore!
    non ci credono fino in fondo stemerde!
    io sono molto ricercata sapete!
    è che io sono anche quel peletto Orgogliosa, e le anime belle che mi circondano lo sanno, ma non sanno capire la differenza fra orgoglio e ORGOGLIO

    urge un trattato sull’orgoglio e uno sull’ORGOGLIO
    chi mi dà una mano a mostrare il suo?

    Mi piace

  278. le dico, allo sposo, ti ricordi 3 anni fa quando abbiamo messo a posto la casa su in montagna, quella che mi hanno lasciato i miei genitori, quanto entusiasmo allora, e anche ora comunque, che prima del romanzo ho ricolorato la casa sotto , quella dei ragazzi, mamma però che schifo sti mobili e sti quadri e le pareti bianche, non state a toccare nulla infami mangia pane a tradimento che non capite un cazzo di estetica, e poi il soggiorno è diventato una discarica di tutto quello che cagate giù in una giornata, borse , zaini , prese sacchetti, biglietti treni, fogli, libri, cd, panni da ritirare, peli di gatto, scarpe maledetti che ci avete la lavanderia a portata di mano,la lavanderia piena dei panni di Aziz che ho capito figlio mio, mi fa contenta la tua solidarietà e fratellanza con lui, però porca troia porti a cassa sacchi pieni di roba da lavare del tuo amico che non ci ha la lavatrice e pensa che ho trovato uno scarafaggio, nei pressi dei sacchi, e va bene tutto ma un po’ di igiene, mi spiace per lui ma che si arrangi un po’ e poi guarda che io non stiro nulla al tuo amico, vuoi fare il san francesco, CAZZI TUOI, hai preso troppo alla lettera quelloche ti abbiamo detto, (il padre molto più testimoniato coi fatti, rispetto alla merda che vi sta scrivendo), fate schifo ma son cazzi vostri e l’arredamento non me lo deturpate che ci è comunque costato fatica.
    quando giuli è andata a londra e il figliolo a roma, colta da ispirazione mistica e da un’energia strepitosa ho dato vita alla casa che i cagacazzi desideravano.
    è venuta uno schianto senza spendere nulla o poco.
    mi sono armata di bombolette e ho chiesto al mio sposo di riverniciare l’inverniciabile,spostare mobili, ristrutturare quel bel deco’ scampato all’incendio, riparare le seggioline in vimini e riaccenderle, ordinare alcune cosette su ebay, io ci ho occhio per gi affari, infatti lo sposo non sa nulla di soldi e lascia fare tutto a me(l’infame comunista che ha un brutto rapporto coi soldi e camperebbe col minimo indispensabile)
    risultato un’arlecchinata raffinata🙂
    mi sono prsa il filo , ecco ricordi che immaginavo di mettere un tavolino in camera,quella che guarda sulle mie valli e desideravo una vecchia olivetti, e fantasticavo di scrivere un romanzo, come nei film, o in certi libri…
    insomma ridicolo! ::)))

    Mi piace

  279. indizi, maledetti indizi, paurosi indizi, scoppole, pugni, fantasmi, paura

    i poveri non vi faranno dormire

    mamma, Aziz non è un mio amico
    Aziz è mio fratello
    (cazzo che madre distratta, mi sono persa per strada un figlio) )))))

    mamma, guarda che bella intervista ho fatto alla mia amica trans, senti quando dice che suo padre l’ha finalmente accolta e lei si commuove

    mamma ho i miei mostri nella mente

    mamma io sto bene con Aziz

    mamma io mi sento come Aziz
    (vedi che c’era un motivo al delirio della sua camera)

    mamma non sai quanta sofferenza a volte nel mio cuore

    mamma se stai così male per colpa mia io sto male

    mamma non posso essere quello che vuoi tu

    mamma perchè devono esistere i poveri

    mamma Aziz ci ha 10 gatti te ne porto uno?
    (non stare a farlo, che mi basta e avanza la ruri, quella psicopatica devastata anaffettiva, ma che cazzo le avranno fatto da piccola, certo che anche tu però una gattina un po’ bellina no eh, che se non sono accecati o zoppi o sordi impiagati e puzzolenti a te non vanno bene)

    mamma ho paura

    mamma devo andare lasciami andare

    mamma la mamma di giadina è morta e io come faccio a laciarla ora?
    non ho il cuore di farlo ma io non sono più innamorato

    mamma io le voglio bene ma lei mi ha devastato col suo Dolore

    mamma ti voglio bene

    mamma a natale porto Aziz

    mamma quel capodanno che giadina mi ha detto che sua mamma era morta, e i suoi non glielo hanno detto, perchè lei era andata via di casa ed era molto arrabiata, e io le dicevo, vai da tua mamma se non la perdoni non ti perdonerai mai, fallo per te, e lei non è andata, e a capodanno , dopo 6 mesi che non sentiva più nenche la nonna, è tornata a casa e le hanno detto che per non farla soffrire hanno evitato di dirglielo. la sua mamma eramorta da 3 mesi
    mamma siamo stati non so quanto tempo al telefono ,lei non parlava, non piangeva
    mamma che Dolore, Mamma aiutami, Mamma nonn morire

    mamma c’è un posto sulla spiaggia pieno di gatti e cani che dormono tranquilli e beati dove si beve il tè🙂
    (marocco 2011, sta cercando la sua strada alla ricerca di gesù)

    mamma sono venute bene le riprese,nel furgone fa caldo, mangio comunque bene, vedo cose indescrivibili e le filmo

    mamma non preoccuparti sarò a Melilla domani ciao scoresuna fai a brava

    mamma mi hanno rubato le scarpe che avevo fuori dal furgone , viaggio con due tipi diversi di scarponcini .))))

    mamma non voglio che tu faccia venire giadina, non me la sento cazzo, come devo dirtelo, mi turba, mi fa stare male, mamma dille che devi scegliere far lei e me, dille che te l’ho detto io,mamma lei deve fare ilsuo percorso, io sono in cammino e lei non si è schiodata di un passo, mamma non sei la sua mamma, lei cerca una famiglia ma prima deve ritrovarsi, mamma il Dolore è vastissimo in giadina, non voglio più perdermi, non ora, non ora, non sono ancora pronto

    mamma lo sai che da bambino ero infelice e non so perchè

    mamma che bello le vacanze in sardegna

    carla se il tuo diletto è li vicino a te ti prego con tutto il cuore di dargli un bacio senza dirgli che è da parte mia (s ms giadina, la mia piccola figlia “adottiva”)

    carla tu sei testimonianza d’Amore. ti basti pensare a come tu, figlia senza amore sia stata una madre totale. a come tu sia riuscita a spezzare una catena di abbracci trattenuti per essere anello centrale di un nucleo di persone per le quali rimarraiinequivocabilmente testimonianza di vita ed esempio di forza. ti penso e porto con me e nel mio piccolo mondo il conforto che mi hai dato (giadina sms)

    mamma dai mammina questi ci vogliono eliminare psicoogicamente, ma sono dei superficiali e non sanno che mi hanno liberato. ora non devo più nascondermi e temerli, sono a viso aperto e molto più leggero. come nei lager il rifare il letto tutti i giorni, l’ufficio patenti con uno squallido pretesto mi vuole condizionare l’esistenza. ma non sanno che se uno interirizza l’assurda realtà di dover fare l’ultima pisciata a 41 anni invece che a 40 e ci fa una risata sopra, beh, il loro potere scompare . sarà una risata che li seppellirà ! non preoccuparti, non sono solo e c’è tanta gente che passa attraverso questa idiozia burocratico/immanente, ci siamo dentro tutti , ognuno a suo modo…io sto meglio di prima, e tutto andrà per il meglio . poi non è ancora detta l’ultima parola.
    ti voglio bene e ti prego di non piangere per una cosa così…irreale.🙂
    (sms 2009)

    mamma mettimi due soldi sulla post pay che devo fare la spesa ad Aziz

    MALEDETTI BASTARDI NON OSATE TOCCARE MIO FIGLIO BENEDETTO
    CHE DIO VI MALEDICA, CRIMINALI ASSASSINI, MALEDETTI MALEDETTI

    Mi piace

  280. indizio 2015

    Tu mi lasciati, mio Re, due retaggi
    Un retaggio d’amore
    Che appagherebbe anche il Padre Celeste
    Se a Lui venise offerto,

    E mi lasciasti regni di dolore,
    Capaci comeil mare,
    Fra’terno ed il tempo,
    La sua presenza e me

    Mi piace

  281. scusate…fra l’eterno e il tempo

    …che io voglio essere chiara, chiarissima, tanto da togliervi ogni alibi

    e quando sarete nudi io non vi sputerò addoso, non vi trafiggerò con una lancia, non offenderò vostro padre, non violenterò vostra madre, non perseguiterò i vostri fratelli…
    io piangerò e vi abbbraccerò
    Benvenuto Fratello
    Benvenuta Sorella

    Mi piace

  282. allora, tiene il ritmo il mio romanzo? ha delle cadute? vi annoia? vi viene voglia di vomitare?
    chi mi cura l’ortografia? chi mi analizza la struttura? chi mi interpreta? chi mi fa il contro canto?
    chi mi recensisce in poche parole :)))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))
    voi siete pochi, ma diventerete tanti, e alllora io devo sapere se vale la pena di andare avanti, ma di solito chi tace acconsente, e poi è vero che un buon tacere non fu mai scritto
    infatti, il nostro eroe non l’ha mai fatto
    lui non ha mai scitto e non ha mai taciuto
    LUI

    Mi piace

  283. mi piacerebbe che mi mandaste la vostra musica a commento delle mie parolette
    …anche la classica va bene, chè dell’amore non si butta via niente

    Mi piace

  284. …mi prende però un turbamento, che Lui mi abbandoni da un momento all’altro

    Sciocchina, quando avrai detto tutto,l’avrai insomma Spiattellata Tutta, lui toglierà la spina e tu ti sarai finalmente sgravata
    e sarai leggera come una piuma…

    (ehi stordita , io mi sono sgravata di 2 chili, questa è la realà…anvedi questa che pensa che siamo qui a fare della poesia, qui non si fa poesia ciccia , qui c’è da servireeee)

    …E luce sarà per sempe

    l’indizio dello sposo Elettricista sembrava insignificante invece si rivela man mano l’indizio per ECCELLENZA
    questa si chiama critica, e solo l’autore, cioè io, posso, farmela
    e non si tratta di immodestia, anzi, si tratta proprio di sua sorella Maggiore, la Modestona
    se mi sto cercando e fatico io a trovarmi, come può un altro sapere come sto, come sono messa?
    che solo dio e pochi eletti ci conoscono alla perfezione, tanto da risultr loro un po’ noiosi, direi pre vedibili, nanoiamortale :)))

    non mi lascia in pace un attimo,e scrivi mi dice e scrivi che mica muori di fame, guarda me che figurino che non mangio da un’eternità :)))))) questa è scema :)))))))) deve recuperare quasi un seolo e mezzo, capitela, la poverina, e ora (con la sua migliore amica FU) si prende le sue porche rivincite! :)))))))))

    Mi piace

  285. …ah
    vi piacerebbe che questo Romanzo fosse una finzione, vero canaglie che non siete altro!
    no carini, non è una finzione
    è la vostra vita
    ed è una cosa drammatica
    e se non la sapete leggere fino in fondo
    fifoni caga sotto

    sarà drammatica per voi e drammatica per i mio dolcissimo FIGLIO
    e di voi a questo punto me ne strafotto e vi FULMINO

    LA STORIA NON VI INSEGNA NULLA?
    CHE CAZZO VIVETE A FARE
    SE NON CONOSCETE ALLA PERFEZIONE QUESTO ROMANZO?
    DOVETE MORIRE
    METTETEVELO NELLA CAPOCCIA

    provate maledetti paurosi a mettervi solo per un istante, solo per un istante nei panni di un anima su un barcone che attraversa il mare per raggiungere la vostra merda
    capireste all’istante TUTTO

    allora basta teologia, basta cazzate, basta realismo politico, basta menzogna, basta psichiatria , basta sfruttamento, milioni di basta

    e e qualcuno mi dice che questa è utopia, io gli sputo in un occhio

    PENTITEVI.))))))))))))))))))))))))))))

    di esempi che bucano il video, di effetto insomma, cene sono tanti nè
    esempio più gettonato (MAGARI)
    …nei panni di un bambino che salta su una santa mina , ma mi fermo qui che la pappa proprio pronta no eh!

    ARRANGIATEVI FANNULLONI PERDI TEMPO :))))))))))))))))))

    Mi piace

  286. ARRENDETEVI ALL’AMORE
    SIETE CIRCONDATI DA TUTTI I MIEI MORTICINI
    CHE SONO ANCHE I VOSTRI
    C’E’ UN ESERCITO DI MORTI
    CHE RECLAMA LA VOCE
    LA VOSTRA
    CHE VUOLE GIUSTIZIA
    NON VENDETTA
    NON AVETE VIE DI FUGA
    LA PORTA E ‘SOLO UNA
    NON POTETE CONFONDERVI
    NON POTETE SMARRIRVI
    NON CI SONO DIVIETI
    POTETE TRANQUILLAMENTE VARCARLA
    ANCHE COL VOSTRO CANE
    ANCHE CON LA VOSTRA AMANTE
    ANCHE CON IL VOSTRO SPOSO
    E LA VOSTRA SPOSA

    LA PORTA E’ UNA SOLA
    E DA LII PASSERETE, VOLENTI O NOLENTI, IO SONO UNA MULA
    DA LI’ PASSERETE
    fosse l’ultima cosa che faccio su questa fottutissima stupefacente VITA

    A ME DOSTOIESCHI FA UNA SEGA

    coretto più che giustificato
    questa è da delirio, il TSO è PER LEI un’aspirina effervescente

    povero il mio sposo, quanto è Fortunato!

    Mi piace

  287. …e poi guardate che è semplicissimo, basta IMMEDESIMARSI nella PAROLA ed è fatta
    cioè…avete capito, mica vi si chiede di immedesimarvi , che ne so, nella treccani…mmmmm
    …che lì sarebbe più facile..ecco mi è venuto un esempio del cazzo

    ma i più svegli fra voi hanno capito, “di cosa si tratta” ne sono sicura, almeno un paio ne ho individuati! :))

    suvvia, cicci, una PAROLA SOLA

    e quale è la Parola in cui immedesimarsi?

    no, non proriamnte quello che state pensando, anche se è piacevole…:))))

    SE NON RISPONDETE GIUSTO ALMENO A QUESTA SEMPLICE DOMANDA SIETE
    DE.FI.NI.TI.VA.MEN.TE.
    CONDANNATI
    senza manco che il boia si sporchi le mani!

    Boia che non siete altro!

    gesù santissimo che bella festa c’è qui! e poi a me piace anche ballare da sola, lo faccio tutti i giorni, come del resto pregare

    che Cinema!

    Mi piace

  288. …il karoeke di ieri sera è un indizio FORTE 2015
    il debutto di un’ anima consapevole nel mondo della REALTA’
    un grande atto di Modestia e Fiducia

    ahi ahi ahi emily
    ecco il tuo tallone di achille

    va beh non prendertela, non si può essere perfetti
    solo la PAROLA lo è, mica tu che la porgi, asnona!

    vedo che non mi fido ancora di voi perchè maiuscolo e minuscolo e metto tra virgolette. e parentesi come dire…così fore capiscono di più
    cher fatica!

    quanto mi piacerebbe poter dire la parola amore, sicura che il mio significato sia uguale(ucuale coemdice mio cognato terrone) al vostro

    Mi piace

  289. però, però , lui mi alita sempre dietro il collo,non mi lascia molto respirare, e mi insinua il dubbio che la strada sia ancora lunga.
    ho bisogno di musica, come l’aria.
    la mia giornata è musica, sparata anche senza ritegno nelle cuffie che sono diventate parte integrante del mio look
    scrivo con le cuffie, mi sposto per la casa con le cuffie.
    la musica non mi tradisce mai, mi fa entrare nella situazione che voglio in quel preciso momento
    è un surrogato fantastico per sentirmi immediatamente “rispondere” sentirmi “sentita” “specchiarmi” in una emozione come la mia , per con dividere quella cosa sconvolgente, tremenda , paurosa,folgorante, che mi passa nella testa in quel momento e che io vado ad accendere, quasi a comando.
    insomma, è bellisimo tutto ciò, ma LUI è Silenzio ed io lo ho provato per 1 mese ed era il Top.
    questa necessità di inventarmi il mondo, di ammansirlo con la musica, di tenerne a bada la sua ferocia con la musica, esige un salto di qualità che si è abbozzata ieri sera col karaoke. riuscire a darsi pace e dare pace sempre , anche nel rumore, o nell’assoluto silenzio di quel Certosino Benedetto da Dio nella Vista

    sono presuntuosa, sì
    ho sempre chiesto molto a questa testa di cazzo che mi ritrovo piantata in testa
    dall’altro/a voglio solo amore
    ma come fa a darmi amore se non percorre la mia stessa strada, o si è fermato, o è lentissimo o non ce la fa più o sa il cazzo per quale smiliardata di altri motivi…
    ecco, allora carla datti pace, accetta i tuoi limiti e per dona, anche di un perdono impuro
    e fai scorte di amore che l’amore non è mai troppo
    ti servirà nei tempi di magra e di carestia

    queste sono le mie parole, sono solo mie
    mi ha già abbandonta?

    se fosse così significherebbe che sono guarita per empre e posso camminare sicura con le mei gambe
    se lui crede in me e mi rimette tutti i peccati di cosa devo temere?
    lui è il mio protettore potentissimo!

    a proposito di vomito…ruri, la mia gatta, ha vomitato diverse volte oggi e ora sta benissimo
    boh!

    Mi piace

  290. chissà perchè proprio me
    alle medie mi hanno fare il test dell’intelligenza
    credevano fossi molto dotata,di cosa ,non lo so
    e non so neppure se i miei prof sapessero cosa
    andavano a misurare
    insomma fu un totale fallimeto
    (INDIZIONE) (FOLGORANTE ORA ALLE 02.33)
    avevo risposto come una demente
    figuratevi che non capivo neppure le domande
    però non dissero nulla
    ma mi sembravano delusi
    quasi indipettiti
    e ame era un po’ spiaciuto deluderli
    mi avrebbero ancora “considerata”?
    dicevo
    non è che Lui si stia sbagliando
    come i miei professori
    e che si illuda come loro
    ma Lui non può avere preso un abbaglio!
    ma allora quei cazzoni di professori che cazzo di intelligenza sono andati a misurarmi
    perchè ora che ci penso a me mi hanno un po’ mortificata
    e ho fatto poi una fatica tremenda a Credere in me
    una fatica di una vita
    ma guarda quei poveri irresponsabili cosa mi hanno combinato inconsapevolmente!
    però se mi metto a testa in giù oserei baciarli per la possibilità che mi hanno dato
    di dimostrar loro che un po’ ci avevano preso e non me ne sarei accorta manco io, della mia Grandezza ,senza , anche, quel dolore

    la vita è un dispiegarsi di grazie

    Mi piace

  291. leggo e rileggo
    i miei pensieri
    e non mi stanco mai
    e mi fanno piangere ridere eccitare immaginare
    e ogni volta è uguale
    ma sempre diverso
    e attaco da dove voglio
    e sono subito nella storia
    e sono stupita
    e provo brividi di piacere
    e non penso
    mi perdo beata
    in questi mantra
    e se piango è dolce
    e se rido
    mi scompiscio
    e sembro proprio
    pazza
    e non ho fame
    e nonn ho sete
    e non ho sonno
    mi viene il sospetto
    che
    dio
    sia un orgasmo continuato
    l’ORGASMO
    io
    una mezza sega
    divina

    Mi piace

  292. …per favore toglietemi “sia un orgasmo continuato” e anche “l’)
    che
    dio
    sia
    ORGASMO

    e aggiungete dopo

    ” e se piango è dolce”

    e se mi incazzo
    mi Incazzo

    mi è venuto il pallino della forma, la voglio Perfetta :)))

    …e allora “comprendo ” questo:
    se qualcuno cade, ditegli che questo che ora è in piedi, anch’egli venne meno e capì di rialzarsi solo dai fatti, non perchè sentisse passare la stanchezza o ritornare la forza
    e ditegli che il peggio si placa in un momento; la paura è nel sibilo che precede la palla. quando la palla è entrata, con essa entra il silenzio.
    la morte annulla il potere di uccidere!

    cara emili qui eri conciata proprio malino, e lo hai vomitato, santiddio mica sempre si può tirare il carro della speranza, e anche tu ogni tanto “cedi”
    sai, così sei più bella e più accessibile, a noi ragnetti.

    perchè ci scandalizza di più la felicità che il dolore
    al dolore concediamo le stanze più capaci
    alla felicità
    uno sgabuzzino

    vieni emili , ti faccio io una carezza e sursum corda…op op op pedalare:)))

    tutti son capaci di star male
    difficile è star bene
    (questa, con tutto il rispetto, mi pare una cagata pazzesca) :)))

    Mi piace

  293. adesso ho capito!

    IO VOLEVO L’APPROVAZIONE DEL PADRE
    IO VOLEVO LA BENEDIZIONE DEL PADRE

    IO VOLEVO LA TUA APPROVAZIONE SPOSO
    E LA TUA BENEDIZONE

    e
    allora
    UN FIGLIO
    ha un passo sicuro nel mondo
    se il padre gli crede

    e
    lui
    il figlio
    crederà di meritare
    l’amore del padre

    e
    allorra
    le impronte
    del suo passo
    saranno sentiero
    per altri e altri ancora

    fino al compimento
    del mistero
    il tondo
    mistero

    negli occhi del figlio
    del figlio
    hai visto la supplica?

    la supplica
    di occhi di bimba
    che dice
    guardami
    guardami
    guardami

    e lui
    lsi oppone al padre
    perchè il padre
    si oppone al figlio

    ma un padre
    non giudica
    un padre accoglie
    e lascia che il figlio
    vada
    lui sa che tornerà
    per sempre
    a “casa”

    ti insegnerò ad amare
    sposo
    perchè
    io
    ti amerò

    però tu…mettici un po’ del tuo, portatore di pene che non sei altro!🙂

    sono piena di grazia
    vado, devo dormire, non devo temere
    lui non mi abbandonerà

    quando chiuderò gli occhi
    ci sarà
    un mattino
    a svegliarli

    che importa
    un mattino
    o un’eternità

    GRAZIE

    Mi piace

  294. cucù

    accendo mimì e sono nella storia
    sigarettina e 2 o 3 o 4 o 5 …..di scorta
    (la santa vera, domani)
    pronta per il “lavoro”

    ehi, anime belle
    CIAO
    ho trovato il titolo del romanzo

    IL ROMANZO POSSIBILE

    però potrebbe anche andare bene

    IL SENSO
    ( non …mi fai senso nè)

    oppure, ma questo è Impraticabile

    Il TITOLO NON C’E

    (sottotitolo:dagli il titolo
    dagli tu un titolo
    dagli sto cazzo di titolo
    di che Titolo sei
    di che si tratta?
    voglio un Titolo a tutti i costi
    datemi un Titolo e vi ribalterò il Mondo
    dal Titolo alla Pratica
    di che Titolo devo morire
    il Titolo, la tua radiografia
    fatti fulminare da un Titolo
    no Titolo, no Parti
    Un Titolo che non Tradisce, mai
    ma quanto tempo ti occorre per cagare fuori un Titolo (questo è Cioran, strepitoso nei Titoli
    e sbadilate di Titoli, ma mica posso stare qui fino a Domani no?
    ……
    che questi Morti Viventi prepotenti mi urlano nell’orecchio irregolare i loro titoli e che ve lo faccia sapere e e che ve li sciva per esteso, va bene, va bene però perdiosanto, uno alla volta per carità e poi adesso siete troppi, è che no, non fraintendetemi, siete tutti benvenuti e preziosi ma non posso dar Voce a tutte le Voci, anche perchè dite sempre e soltanto la stessa cosa, morticini cari, dite alla noia AMORE AMRE AMORE AMORE…per cui tranquilli che il messagio è arrivato forte e chiaro, chi ha Orecchio per intendere in Tenda (Stupefacente Palazzo dall’Architettura Divina) gli altri…ma gli altri non ci sono
    e poi è passato di qui i mio sposo, tranquilli non vi vede, e le faccio , madonnasanta come mi Viene via bene e lui un rimando leggermente, solo leggermente infastidito.

    MA IO VADO AVANTI (tiè)

    ( non si dice….avanti savoia!) :))))

    il sottofondo musicale potrebbe essere questo


    e l’Album Completo, mi raccomando, è meglio della Chemioterapia

    Mi piace

  295. Robysda sei Bello/a
    io ti slinguazzo d’Amore

    “Stiamo bene”
    Quale migliore fine si può sperare dopo una lettura così travagliata? Richiamo alla bellezza, il cammino dall’io al tu, esperienza di un equilibrio che rende possibile l’amore, il noi che compie il miracolo.

    Mi piace

  296. ehilà :)))

    queste/i si stanno ad allargare, adesso vi chiamano anche a partecipare alla loro festa! sfacciati!

    birichini, chi è stato?

    ah è il NOI robysda, è lui lo sfacciato che ti ha invitato/a alla festa

    Affidati ma non Contarci per quela cosa là, perchè, come dire, sei tu, sono io
    e fare l’Amore con l’AMORE è bellissimo ma un po’… come dire…ineffabile!

    Tu comunque sei stato chiamato, se vuoi ti passo il cell del Noi e così, se ne vale la Pena, per te, Combinatem magari un Ballo

    CAZZI TUOI IO TI HO AVVERTITO
    (che non c’è trippa per uomini e donne)

    ah…tanti mortini vorrebbero chiamarvi, ognuno ha il suo preferito, ma nessuno è escluso,ci siete dentro tutti, è che io mica posso mettere sù anche un’ agenzia matrimoniale, diobellino!
    Vedetevela/o un po’ voi!

    vi comunico che la Parola mi ha detto di Riferirvi, di prestare Attenzione, se non lo avete notato, del cambio di registro, che le pare che siate pronti e allora osa una parola più Poetica

    suggerimento

    Mi piace

  297. passare davanti al divino
    e sbadigiliare

    passare davanti al divino
    e non accorgersi

    passare davanti al divino
    e sputargli in faccia

    passare davanti al divino
    chi cazzo sei?
    chi ti conosce?

    passare davanti al divino
    e sbatterci il grugno

    passare davanti al divino
    e farsi una sega

    passare davanti al divino
    e farsi un ditalino

    passare davanti al divino
    scusa sono di fretta

    passare davanti al divino
    scusa, che ora è?

    passare davanti al divino
    mi pare di averti incontrato da qualche parte
    mah

    passare davanti al divino
    è una faccia familiare

    passare davanti al divino
    cazzo che figa

    passare davanti al divino
    anvedi che cazzo

    passare davanti al divino
    questo lo conosco benissimo

    passare davanti al divino
    scusa, mi dai il tuo cellulare

    passare davanti al divino
    mi indichi una tabaccheria

    passare davanti al divino
    ohi, scimunito, che cazzo fai?
    mi saluti
    ma chi ti conosce? anvedi questo
    si crede un dio

    passare davanti al divino
    sai che sei carinisssimo

    passare davanti al divino
    puzza

    passare davanti al divino
    è pazzo

    passare davanti al divino
    come hai detto di chiamarti

    passare davanti al divino
    c’ho la pasta da buttare

    passare davanti al divino
    c’ho il cane da pisciare

    passare davanti al divino
    zingaro che non sei altro

    pasare davanti al divino
    poverino, gli manca una gamba

    passare davanti al divino
    e pure un occhio

    passare davanti al divino
    ma come li porta male (gli anni)

    passare davanti al divino
    e scapparti da ridere

    passare davanti al divino
    e fargli – prrrrrrrrrrr –

    passare davanti al divino
    e fargli il solletico

    passare davanti al divino
    e dargli una pacca sulla spalla

    passare davanti al divino
    e slinguazzarlo a sangue

    passare davanti al divino
    quella figlia di troia mi ha lasciato

    passare davanti al divino
    quel figlio di puttana mi ha mollata

    passare davanti al divino
    anvedi questo!

    passare davanti al divino
    e dargli un euro, no 50 centesimi

    passare davanti al divino
    mi dispiace, ma non ti conosco

    passare davanti al divino
    e fargli su una cattedrale

    passare davanti al divino
    e aprirgli una banca

    passare davanti al divino
    e ricoprirlo d’oro

    passare davanti al divino
    e incularlo

    ………………………………

    passare davanti al divino
    e non DIRE
    e non FARE
    e non testimoniare
    e non morire
    e non piangere
    e non strapparsi i capelli
    e non ammalarsi
    e non implorare
    e non amare
    e farsi i fatti degli altri
    e farsi i fatti tuoi
    e cantare
    e ballare
    e far l’amore, lì davanti al divino,col divino davanti a tutti
    e denuciarlo alla polizia
    e farlo rinchiudere
    e legarlo
    e picchiarlo
    e affamarlo
    e chiuderlo in un ufficio
    e farlo cadere da una finestra
    e farlo saltare in aria
    e fargli raccogliere pomodori
    e fargli una carezza
    e masturbarlo
    e andarci a cena
    e invitarlo per natale
    e prestargli i tuoi soldi
    e dargli i tuoi soldi
    e sederti
    e scappare
    e urlare
    e costringerlo a imparare
    e costringerlo a farsi tagliare i capelli
    e costrigerlo a integrasi
    e costrigerlo a nasconderai
    e togliergli le vesti
    e derubarlo
    e mandarlo in fonderia
    e mandarlo a cagare
    e tendergli le mani
    e offrirsi
    e soffrire
    e farsi da parte
    e presentarlo ai tuoi
    e sposartelo
    mio dio come è nero
    mi dio quanto se la tira
    miodio come lo hanno conciato
    miodio è mio fratello
    mio dio è mia sorella
    mio dio è quel figlio di puttana
    mio dio non me lo ricordavo così sofferente
    mio dio non me lo ricordavo così bello
    mio dio che fortuna
    mio dio è la sfiga impersonificata
    mio dio che bruttte compagnie deve frequentare
    mio dio è amico di quel trans
    mio dio perde tempo
    mio dio , ma cura un po’ il look pperdio
    mio dio lo stanno arrestando
    mio dio perchè?
    mio dio è bello come il sole
    mio dio devo raccomandarlo a mio figlio
    mio dio come faccio a conoscerlo
    mio dio come faccio a raccomandargli mio figlio
    mio dio farò il sacrifico e mi concederò a lui
    mio dio perdonami
    mio dio è tale quale mio figlio
    ………………………………..
    ………………………………..
    ……………………………….
    ……………………………..
    TUTTO E’ DIVINO

    PASSARE DAVANTI AL DIVINO
    E
    FINALMENTE
    RICONOSCERLO

    ma quanti cazzi di divini (DIVINICAZZI)
    devono passarti davanti
    prima che tu li riconosca
    pecchi
    di memoria visiva

    Vaffanculo!
    fatti curare da uno bravo!

    in successione, io vi comando

    Mi piace

  298. lo sento, lo sento che vi sto conquistando

    ARRENDETEVI

    e voglio essere chiaro fino a farvi male, fino a farvi sanguinare, fino a farvi perdere il sonno, e vi farò dimagrire, grassi suini che non siete altro, e vi farò paura, profanatori che non siete altro, e vi insegnerò a parlare, e vi insegnerò a tacere, e vi insegnerò a vergognarvi, e a chiedere scusa al vostro carnefice

    tu che mi ascolti insegnami un alfabeto che sia differente da quello della mia vigliacheria

    passare davanti al divino
    scusa dre che sta morendoho mia madre che sta morendo

    passare davanti al divino
    scusa ho mio figlio che sta morendo

    passare davanti al divino
    scuaho mio padre che sta morendo

    passare davanti al divino
    scusa ma il mondo sta morendo

    idioti che non siete altro

    PASSARE DAVANTI AL DIVINO
    SENTI, MA HAI PAURA ANCHE TU?

    Mi piace

  299. E IL SETTIMO GIORNO
    SI RIPOSO’

    SI RIGUARDO’
    E PIANSE
    E RISE
    E
    FU
    PACE
    FINALMENTE

    E POTRO’ DIRE A MIA MADRE
    HO PAURA
    E POTRO’ DIRE A MIO PADRE
    HO PAURA
    E POTRO’ DIRE A MIO FIGLIO
    HO PAURA
    HO PAURA
    HO PAURA

    ragazzi, ragazzi, io devo andare in ferie, cazzo cazzo, a chi passo il testimone!?

    Mi piace

  300. passare davanti al divino
    e dirgli
    scusa
    ma devo andare in ferie

    ahahhahahha

    però devo andarci proprio e il mio lavoretto l’ho fatto per benone

    vedremo, vedremo

    Mi piace

  301. altri Titoli Possibili

    Corso di Scrittura Creativa

    Corso di Scrittura Creativa Online

    La Scrittura che vi farà Fallire all’Istante

    vuoi Scrivere
    prima Disimpara
    la parola

    Vuoi Scrivere ?!
    ahahhahahhaah
    ( questo me lo dettato il Vangelo in persona, non male, un po’ Arrogante ma va bene così)

    Per gli Scrittori
    che non devono Chiedere mai

    Hai presente la scrittura?
    ecco, questa

    Non scriverai più un cazzo
    dopo il nostro corso
    Astieniti

    Se scrivi cazzate Divine
    Questo è un corso di perfezionamento

    Lavorare di Parola
    Lavorare con la Parola
    per chi
    non vuole
    oziare nella parola
    vergognarsi della parola

    Scrivere?
    siete tutti capaci
    evitate le scuole di scrittura
    e comprate il nostro Prodotto

    non sai Scrivere
    noi ti daremo
    la Parola

    Riscopri la Parola
    che è in tè
    asinone

    Mi piace

  302. dai Fabri che realizziamo i Nostri Progetti e quelli di Don Mario!
    diamoci dentro
    la Provvidenza ti ha adocchiato
    da tempo
    e mi ha detto
    di dirti
    che
    VINCERAI!

    Mi piace

  303. la tua parola è smorta, insipida, flaccida, opaca,timida,senza voce,fragile, depressa, anonima,integrata, bulimica,anoressica, anaffettiva,sciocca, stupida,tremolante, indecisa,depotenziata, depressa,esaltata,ambiziosa, anemica,desolata, triste, angosciata,spaventata,insicura, per fighe di legno, per cazzi a riposo
    niente paura

    RIACCENDILA CON LA PAROLA

    il Corso è aperto a tutti, no numero chiuso
    accorrete numerosi

    e Tu, di che scrittura sei?
    Dimmelo
    senza vergogna

    Mi piace

  304. bona, Dio Cantante, ti sei sfogato?

    ora, dammi una pausa,
    voglio godere senza fretta
    e mi Ri leggo

    ci vediamo
    anzaèt| :)))

    Mi piace

  305. c’è un cazzo da fare
    va bene tutto
    come sottofondo
    musicale
    ma
    PINK
    è
    un’altra
    Cosa

    strano..
    che mi ricordi quella stanza rosa?!

    Mi piace

  306. LA PAROLA
    LENTE DI INGRANDIMENTO
    SUL FALSO

    LA PAROLA
    E’
    TUA

    VIENI PAROLA
    FAMMI GODERE

    AVVINGHIAMOCI
    ALLA PAROLA

    PAROLA
    PARLAMI

    PAROLA
    ASCOLTAMI

    PAROLA
    PERDONAMI

    PAROLA
    FATTI CARNE
    FATTI SANGUE
    FATTI MERDA
    FATTI PIANTO
    FATTI ORRRE
    FATTI FOTTERE, FATTI FOTTERE, FATTI FOTTERE
    TROIA DIVINA
    FATTI FOTTERE

    LASCIA
    CHE
    LA PAROLA
    VENGA

    LASCIA CHE LA PAROLA VENGA IN TE

    RIAPPROPRIATI
    DELLA TUA
    DI PAROLA

    DIMMI UNA PAROLA
    E
    SARO’
    SALV0

    DICIAMOCI UNA PAROLA
    E
    SAREMO
    SALVI

    Mi piace

  307. mio fratello mario
    se ne è appena scito
    l”ha invitato il mio sposo
    a far due chiacchere davanti a un po’ di… mi pare vino e sambuca
    pare stiano diventando amici!
    io gli avevo mandato sms con su scitto che mi spiaceva di averlo trascuralo
    è che sono troppo presa dalla stesura del Romanzo
    per cui che mi perdonasse se lo stavo trascurando
    e poi ho la casa piena di “amici”, sai com’è
    e lui, ciao sorella scrittrice a mia insaputa. ci sentiamo
    (da notare l’sms non finiva con bacio)
    è che lo so che mio fratello è un po’ tanto tardo
    a capire, ma lo aspetto fiduciosa, lo aspetto al valico pure lui
    però cazzo, sorella,dici e dici della tecnologia che può rimbambirti
    e guardati, sei sempre incollata a quel cazzo di PC
    ma che cazzo ci fai davanti al
    PC tutto il giorno.
    ma basta dimagrire, scusa ma non ti dona molto
    e poi svagati, esci, vai in bicicletta, ti piaceva tanto pedalare
    però scusa se te lo dico ma a te non piace faticare, vuoi sempre andare in piano, e a me che amo le salite, beh insomma, che noia aspettarti.
    ma no mario, tranquillo, non preoccuparti per me, io sto bene, benissimo (e un po’ di acidità santa avrei voluto schizzinargliela su quella testa di cazzo, terminando così…ragnettino mio, ri guardati, sei tutto da ri guardare anche se non trovo il tasto della tua luce, ma non di spero più ormai, fosse l’ultima cosa che faccio e poi i mio Sposo è elettricista, mi farò aiutare da lui)
    no no mica mi offendo, se devi andare davanti al tuo cazzo di PC per scrivere cosa? un romanzo( cognato…detto tra uomini…scusa se mi permetto…ma tu hai una pazienza a sopportare questa qui…io non la reggerei una settimana…insomma sei un santo!:)
    al che pensavo che il mio sposo, di tanta offesa si offendesse, e invece no, anzi, sembrava compiaciuto, al che ho detto, amori miei vi lascio per LA CAUSA, LA PATRIA MI VUOLE , ORA O MAI PIU’ E ANDATE SANTAMENTE AFFANCULO ahahhahahah
    cosa vuoi farci, è fatta così, io ormai non mi stupisco più di niente,è un po’ matta macontenta lei contenti tutti
    beh in effetti è vero, dice un barlume di luce del Mario
    mario è mio fratello più piccolo e confido in lui perchè è dell’acquario, che io sono fissata q.b. coi segni, per cui le basi ci sono,astralmente, sta tutto nel lavorarlo con amore ai fianchi
    se qualche anima bella lo vuole in sposo io lascio il suo numero di cell. con molto piacere.
    due piccini con una fava
    mi tolgo dale palle mio fratello
    lo affido in mani abbastanza sicure.e temprate
    e qui ce ne sono tante

    ho avvisato del mio temporaneo distacco solo 7 persone, e fra queste c’è il mio cazzuto fratello; gli atri 6 sono amici amiche figlia
    (io sono sorella e fratella di altri 3 fratelli e sorelle
    in tutto la mia mamma ha sformato 5 ragnetti
    3 femmine e 2 maschi)
    non ho avvisato gli altri, che sono tanti
    mi sono chiesta perchè
    e mi sono data una risposta
    Mario è duro ma posso reggerlo perchè, nonostante lo stupore degli altri fratelli, che lo ritengono un po’… come dire… inferiore?, ecco il Mario ci ha una marcia in più
    pensate come sono messa con gli altri :))))))
    ora devo essere concentrata e risparmiare un po’ di energia per il Romanzo, quando sarà il momento, e mi sentirò fortissima e beatissima, avrò il coraggio di affrontarli e amare tutti.
    a voi l’ho detto in diretta dela mia intezione di scrivere un Romanzo, e non siete neanche miei parenti
    lo sposo lo sa già, mio figlio lo ha letto in questi anni

    pettegolezzo
    mi hanno risposto in 4
    gi altri 3 tacciono
    l’sms Sperato non è arrivato
    e so il perchè
    ed è giusto così
    non è pronto/a

    Mi piace

  308. nel mio romanzo
    i personaggi
    sono tutti
    veri
    vivi e vegeti (no vegetali, che io nutro un rispetto per queste creaturine e creaturone che voi manco immaginate e poi con qualcuno in particolare, di vegetale, ci parlo e lei è contenta e cresce sana e forte e bella e stupefacente)
    dicevo
    non ho chiesto loro
    il permesso
    di appartenermi
    ma loro
    appartengono alla mia storia
    ed io non posso chiedere la liberatoria
    col rischio che me la neghino
    se vorrano farmi causa
    liberi
    e anche le musiche sono mie di diritto e anche tutti gli effeti speciali
    e anche i miei Amici sono veri, vivi, e vegeti
    per cui non state a infastidirmi con questi dettagli

    urge trattato sul dettaglio
    URGE TRATTATO SUL DETTAGLIO
    ammetto che addentrasi in questi significati, si può rischiare di perdersi, appunto, nei dettagli, e farsi sfuggire il DETTAGLIO
    che, se lo guardi bene, diventa indizio

    Mi piace

  309. la PAROLA
    mi prega di riferirvi che lei apprezza anche tentativi di Onestà
    lei è più buona di me
    e mi vuole sempre mortificare
    sta…P
    che dio mi perdoni🙂

    Mi piace

  310. però la Parola dice che
    non state a toglierle neanche una virgola
    neanche un’accento
    neanche un errore
    Lei, la Parola
    ci tiene
    o così
    o
    nulla
    lei non concepisce
    il
    Compromesso

    GUAI a chi osa

    Urge saggio sulla parola osare
    URGE SAGGIO SULLA PAROLA OSARE

    chi ha Osato, prego accomodarsi, verrete contattati immediatamente o al più presto
    lasciate il vostro cell
    e il Nome
    basta così

    Mi piace

  311. io ci ho messo una quasi vita
    per scrivere
    questo Romanzo
    anzi
    meglio
    io ci ho messo la Vita
    per scrivere
    questo
    tentativo
    di
    Onestà

    buttare giù due righe
    perdendo
    un q.b.di giorni
    per abbozarlo
    e chiedervi
    un parere
    beh, non è da tutti :)))))

    Mi piace

  312. buon giorno polli!🙂

    la vostra gallinella dalle uova d’oro, ha ripreso la sua postazione

    che le danze si aprino( mario , cazzo, i congiuntivi, gnorantù)

    chi mi invita in un giro di tango argentino?
    anche un ciaciaccià va bene

    fatevi sotto timidoni!🙂

    Mi piace

  313. a gentile richiesta…di Io

    questa non ce la sapevate nè
    bene, da rimandare tutto a memoria
    e tutto l’abum
    chissà che fine ha fatto questo splendore

    Mi piace

  314. che la rossana tutta nuda tutta panna è stato un indizio troppo divertente
    scopritela, andate a cercarla. ha lasciato parecchi signor indizi

    Mi piace

  315. l’ho trovata, cazzo che fortuna, non riuscivo, prima a trovarla e poi a caricarla
    ho ripetuto fiduciosa la formula: santantonio dalla barba bianca fammi trovare rossana che mi manca…e…olplà

    questa per ore, ore, ore
    è un balsamo un ‘indizio di quello che ci avete dentro
    atei che no siete altro!

    Mi piace

  316. maledetti assassini!
    e tutto
    col
    nostro
    consenso
    tutto
    col
    nostro
    schifoso
    silenzio
    anche ora
    anche adesso
    anche
    qui

    c’è da diventar pazzi!

    Mi piace

  317. …su garibaldi (MASSONE DI 1° categoria) i cari Compagni Anarchici ci hanno preso un abbaglio grosso come un casa! meglio, grosso come un manganello

    Anarchici delle mie palle!🙂 vi amo e amerò, comunque

    maledetto uomo dei due mondi! (indizio di globalizzazione già allora, roba da chiodi!)
    trombare di piu?…no eh
    …oh obamino di madre ignota, non quella del milite, fetente!
    impotente!
    ma chi ti ha mandato, a liberarci, noi terroni, che non ce la passavamo malissimo
    come ti sei permesso di non chiederci il permesso
    brigante che non dsei altro tu e ituoi mandanti
    chi?
    CHIIIIIIIIIIIII??????
    e
    VOI
    storici dei mie coglioni!
    VERGOGNATEVI
    si fosse fatto un par di canne,il vostro eroe del cazzo, non dovremmo farlo sorbire ai nostri poveri cristi di alunni e studenti e bambini delle medie e dell’asilo, costretti a star su una seggiola del nulla ,e forse saremmo tutti un po’ meno infelici!

    (ohi…esclusi i presenti,ovviamente, poche macchie di giaguaro, da non confondersi col traditore di turno, recente e presente e forse, forse di passato, perchè io lascio spazio al dubbio, al ripensamento, alla vergogna, alla umanità, all’onestà….cazzo non ne trovo una, una di parola che possa vestire con decenza questo qui, e tutti i suoi quisling mastini e bastardini

    però anche gli insegnanti dai, ci hanno le fette di salame sugli occhi
    ma dove cazzo sono stati fino ad ora
    ah si…alle manifestazioni se non ora quando, o a esorcizzare il demonio dal vecchio satrapo imbottito di vigra e silicone
    però.. però..sto fetente almeno si era opposto debolmente alla esportazione della democrazia in Libia e ci andava nel lettone con Putin e alla CULONA gli ha fatto CUCU’…anvedi che ganzo questo culo flaccido!

    ragazzi il re è quasi nudo, togliamogli anche le mutande, e seppelliamolo con una risata
    re dei disabili e dei primati, l’, l’ dove pisci, che a solo questo ti serve quello stuzzicadenti che hai in mezzo alle tue chiappette flaccide!

    QUI RADIO MARIA
    a tutti gli ascoltatori in ascolto, andate affanculo, o mandate AFFANCULO ma non quello delle stelle di vaffanculo, che quello è timido e marpione, e ambiguo e vaffanculo anche te e al tuo amico casa leggio…casa chi ?
    SE
    NON
    ORA
    QUANDO

    (tre pater ave gloria e tutte,dico , tutte le stazioni, ma proprio tutte, cialtroni)

    UTILI idioti che non siete altro!
    (SEMPRE IN SENSO METAFISICO nè)

    oggi sono troppo felice, ho fatto l’amore con il mio sposo,stanotte, migliora a vista D’occhio :))))))

    Mi piace

  318. vorrò vedervi
    quando mi arresteranno
    per un pretesto
    per uno spinello
    e mi metteranno dentro
    e sputerò sangue
    e merda
    e non ci sarà
    mia madre
    la mia dolcisima
    madre
    a proteggermi
    e non ci sarà
    neanche
    il dio cane
    di mio
    padre
    vorrò vedere
    da che parte
    starete
    sciagurati
    per tutte
    le lacrime
    mute
    e sorde
    che avete
    procurato
    alle Mamme
    che potrebbero
    essere la vostra di madre
    il vostro di figlio
    il vostro di fratello
    il nostro mondo
    che siamo
    NOI
    come
    fate
    ad assistere a tanto orrore
    e guardare
    una vespa
    alla
    tivvù

    Fabri caro,in cella, portami le arance e due cartine, che di TE MI FIDO (paroletta del Signore)
    (ehmm…se hai una limetta a portata di mano…sai in carcere non c’è lìestetista per la manicure)

    Mi piace

  319. …e chi è quel genio che distingue fra poesia di militanza e poesia……poesia? sì, quella… per sport, per passare il tempo, per farsi un bidè, per farsi un martini, per triturarsi i gioielli, quella che alla fine dici: ma che cazzo ha scritto questo qui! quella dei centrini alternativi, feste tra parenti insomma, quella che a scuola mi mandavano a memoria e grazzziaadddio e grazziealcazzo e grazzziegraziella, che almeno me le sono piantate in questa testa di cazzo e loro sono ri esplose NUOVE quai subito !🙂 (graziella è mia cognata che forse vi presenterò…mmm.non è bellissima, insomma cè da demolirla tutta poi, forse, qualcosa si può salvare e utilizzare per ri costruire)
    dicevo
    l’infinito di Giacopino è o non è poesia militante
    rivoluzionaria
    sovversiva
    farabutti che non siamo altro!
    nella scuola
    passa
    la
    RIVOLUZIONE
    e
    la scambiano
    la propongono
    la servono
    come fosse
    un
    happy hour
    la Poesia
    è nella parola
    che
    addolcisce
    e addomestica
    tutte
    le
    dissonanze
    la Poesia
    è nella vita
    la Poesia deve essere POESIA
    altrimenti che vita è?

    coglioni!🙂 vi meritate il PD

    Mi piace

  320. questa cos’è
    non è Poesia
    porcoddio
    perchè
    ce la siamo
    dimenticata
    perchè?
    perchè
    questa bellezza
    non
    è riuscita
    a
    roveciare
    il mondo

    ma stupidini…ce lo sta dicendo da giorni, mesi, anni ,un’eternità (almeno. io ho capito così ma se sbaglio Don Centofanti (che già il cognome promette bene) mi potrà correggere) il nostro gesù, Don Fabrizio, un rappresentante degno di Dio (e io ho da andare in ferie)
    ora,
    una volta che “comprendi” la fonte del tuo male, puoi rimediare e non ti devi scomodare
    è lì è AMORE e QUESTO DI AMORE SCONFIGGE ANCHE IL PAPA’

    Mi piace

  321. e questa cos’è. merda?
    cps’è se non un
    INDIZIONE
    sessantottinidimmmerda!
    dove siete
    dove eravate
    dove siete ora
    lo vediamo
    tutti
    dove ravate
    allora?
    A TITILLARVI LA VOSTRA MOSTRUOSA AMBIZIONE FNICHE’ IL VOSTRO SCHIFO DI SCHIZZETTO CI SOMMERGESSE TUTTI E SIAMOM ANCRA QUI A FARVI POMPINI
    idioti, che non sapete quello che fate!
    e cosa ha insegnato ai compagni che sbagliano, ai padri di famiglia, al papà
    ai nostri fratelli
    AHHHHHHHHHHHHHHH
    allora ditelo
    che stavate scherzando
    che
    era
    solo
    cultura
    era
    solo
    letteratura
    era
    solo
    materia
    di studio
    quella
    del
    diploma
    in tasca
    che
    sto cazzo di diploma
    aveva
    perfino
    cecato
    mio papà
    che
    per lui
    cultura
    era
    solo
    santuomo
    un posto di lavoro
    per non
    farti
    troppo massacrare
    dai
    vostri

    FARABUTTI

    Mi piace

  322. e la colpa di tutto sto casino
    è di un nano
    certo
    un nano
    solo
    un
    po’
    più
    furbo
    solo
    un pelino
    più furbo
    di voi
    nanetti

    MA BIANCANEVE VI ADDESTRERA’ VI PALESTRERA’ E VE LO FARA ALLUNGARE e ingrossare
    il cazzo
    dove ci avete la testa insomma

    ma un GIGANTE cazzo?! UNO CHE E’ UNO
    manco per il cazzo

    Mi piace

  323. ESPROPRIATORI E RAZZIATTORI E SACCHEGGIATORI DI SOGNI
    CALPESTATORI DEL SACRO
    ED ESALTATI DEL NULLA
    che non siete altro!
    falliti che non siete altro!
    che il FALLIMENTO e’ di pochi
    ma io confido in TE, gregge nero come calimero
    DIO INVECE E’MOLTO ARRABBIATO mia suocera che spinge per entrare in questo demenziale Romanzo, lo avrebbe definito, “leggermente alterato”
    io invece cerco di ingraziarmelo affinChè non sia troppo dura per i vostri figli, percorrrere il calvario che noi gli allestiamo ancor prina di nascere

    Mi piace

  324. a cosa sono servite queste Parole?
    a chi?
    allora Faber
    è morto
    invano
    ed
    è
    riapparso
    sotto forma
    di pescatore
    al festival
    di
    SAN
    REMO

    FABRIZIO DE ANDRE’ SOFFRE PER IL NOSTRO TRADIMENTO E PER QUELLO PIU’ DOLOROSO ( ANCHE PER UN MORTO E’ DURA) DELLA SUA FAMIGLIA PIU PROSSIMA

    Mi piace

  325. UN NUOVO EROE
    ABBIAMO BISOGNO DI UN CAPO
    UN GRANDE CAPO
    UN VALOROSO
    UN AUDACE
    UNO BELLO
    MA ANCHE BELLOCCIO VA BENE
    POSSIBILEMTE CONI CAPELLI LUNGHI
    ATTIRA DI PIU LE DONNE …EVABBè ANCHE QUALCHE CULATTONE
    UN “CHE” RI NNOVATO
    CIOE’ NOI

    (NOI) NICE CHE SI AVVITICCHIA AL PRAGMATISMO BUONO DI UN ELETTRICISTA Iluminato Q.B.
    versione soft
    (non appartenente però alla categoria degli illuminati indemoniati e tagati p con vari numeretti che non vi dò altrimenti diventate ricchi e vi trombate le figlie e le madri non troppo stagionate e quindi non venite più qui in massa a sentire IL VERBO :))))))

    (NOI) NICE CHE SI INCULA MARX E SONO RICCHIONI CONTENTI
    versione per comunisti evoluti

    (NOI) NICE CHE FA PACE CON GESU
    (infatti lo hanno rinchiuso perchè era dato fuori alla brutto di dio) (SE SAPESSERO CHE IO PARLO CON I SASSI ,E NON STO SCHERZANDO, GIURO SU DIO, NON OSO IMMAGINARE COSA POTREBBERO FARMI)
    versione mistica
    la più praticabile, a mio modo di vedere
    PERCHè SI SA
    DIO
    ha un occhio triangolare(poversa stela, ha difettuccio pure lui)
    mia moglie belli
    mio tiglio tondi
    gli
    occhi

    mi spiace, ma il vostro papà non sta facendo proprio una bella figura, come il mio sposo, d’altra parte, però, io, ho avuto almeno il coraggio di dirglielo e se non cambia, quella è la porta ?::::)))))) ‘tento…..

    Mi piace

  326. CHE NON MI SI OFFENDANO DEGLI UOMINI SESSUALI CHE IO NON MI OFFENDO SE MI DICONO CHE IL MIO SPOSO MI INCULA ANZI POTREBBE, USO IL CONDIZIONALE, POTREBBE FARMI PIACERE, E SE NON SONO PROPRIAMENTE CAZZI VOSTRI VABBE’ NON E’ CHE ALLORA PER DISPETTO AFFITTO L’UTERO DI UNA CREATURA INCONSAPEVOLE DI UNA SORELLA DI UNA sconsiderta PER IL mio BISOGNO DI FIGLIARE (ragnetti, che non siete altro)

    VERGOGNATEVI dice lui
    vergognatevi dico io, che sto qua ad intercedere anche per voi, che siete anche voi povere creaturine spaventate confuse vermi poverelli

    QUESTO PENSIERO LO DEDICO A UNO DEI PIU GRANDI RICCHIONI DELLA STORIA, POTENTE RICCHISSIMO ARISTOCRATICO SUPERBO SOLISSIMO AMATISSIMO FRATELLO PIER PAOLO PASOLINI.

    RI RI RI RI VEDERSI AMENO 3 VOLTE AL GIORNO
    NON PROVOCA CECITA’ ANZI LA CURA
    PERCHEEEEEEEEEEEEEE’
    iL MONDO è ALL’INCONTRARIO
    COME MI DICEVA SEMPRE IL MI BABBO
    ettepareva che non arrivasse anche lui a pretendere Voce
    sono stremata, vado amangiare
    a dopo
    non vi darò tregua
    bacioni

    Mi piace