Alla scoperta del pianeta Dante

Dante
Nel 750° anniversario dalla nascita

di Augusto Benemeglio

1. Dante e l’Europa

Dante aveva dentro di sé il poema essenziale delle cose, una memoria prodigiosa che non teme confronti neanche coi computer di oggi, e il senso profetico del mistero -, così mi disse uno dei massimi studiosi di Dante, il prof. Aldo Vallone, allora ordinario di letteratura italiana all’Università Federico II di Napoli e direttore de “ L’Alighieri” e “Casa di Dante”, mentre passeggiavamo per il Corso, a Gallipoli, in una sera di fine Giugno del 1995, col cielo che era un’incudine dalla fronte rosa, come capita spesso in questa stagione.
“Per conoscere l’Europa nella sua civiltà complessa e l’Italia nelle sue meravigliose contraddizioni – scrive Alessandro Masi , Segretario generale della Società Dante Alighieri – bisogna leggere Dante. Infatti, nessun poeta scava nell’uomo così a fondo come lui, considerandolo in ogni sfaccettatura, dal male della perdizione assoluta (Inferno) all’indecisione fra questo e il bene (Purgatorio), fino all’eroismo ideale e alla santità vissuta(Paradiso). E che Dante sia un fondatore di civiltà, universale in quanto non ha lasciato nulla di inesplorato dell’animo umano, indicando però la via d’uscita, come egli stesso l’ha trovata dalla selva oscura, è per tutti noi una certezza”.

2. Il degrado politico c’è sempre stato

Col Prof. Vallone ci fermammo al Bar Italia e prendemmo entrambi un caffè in ghiaccio. Ammiccava con quel suo sguardo buono e profondo, sorrideva un po’ ironicamente. Oggi parliamo del degrado etico politico morale dei nostri tempi, ma ci si dimentica del passato; è stato sempre così. Dante scrive anche per individuare le cause generali che avevano condotto al progressivo intollerabile degrado della situazione politica d’allora; mette sotto accusa la decadenza e corruzione dell’intera società del suo tempo, dove si commettevano nefandezze e atrocità d’ogni tipo. Pochi signorotti erano padroni della vita e della morte di migliaia di esseri umani, erano al di sopra di qualsiasi legge, altro che immunità parlamentare! Quei mali non avrebbero potuto essere eliminati se non attraverso situazioni politiche al di sopra dei particolarismi municipali, e attraverso una palingenesi di valori etici e umani. Per dire tutto ciò, e altre milioni di cose che gli affastellano la mente, gli irrompono da ogni dove e lo tengono sveglio, inquieto, ossessionato giorno e notte, Dante sperimenta altre forme di espressione e comunicazione letteraria.

3. Dante è inevitabile

Cerca un lessico più vario, un linguaggio che abbia la forza dirompente di un laser e che sia fatto di immagini; ogni immagine deve essere tesa, fulminante, concentrata, tale da permettere di riassumere il concetto, o il personaggio trattato, in una sola battuta. E’ qualcosa di unico, pazzesco, un vero e proprio miracolo che non potrà mai più ripetersi in tutta la storia della letteratura. Leggere Dante è come scoprire un pianeta affascinante e irresistibile, non c’è momento dell’esperienza esistenziale di cui la Commedia non rechi testimonianza; non c’è aspetto del sapere e quasi direi del lavoro umano che non sia in qualche modo evocato; non c’è potenzialità della lingua che non vi trovi una messa in atto; Dante è una miniera inesauribile, un’enciclopedia sempre da scoprire, la poesia più alta che io conosca.

“Sfuggire a Dante – prosegue Masi – è impossibile, sarebbe come sfuggire alla propria coscienza. Dante è ovunque! È nella luce dei vicoli delle nostre città medioevali, nel sapore antico dei vini delle nostre colline, nel profumo gustoso delle zuppe di campagna, nella terribile ascesa delle anime dipinte da Michelangelo e nelle pieghe riarse dei “sacchi” di Burri. Dante è nell’accecante bianco delle saline di Mozia e negli antri bui delle metropolitane e delle catacombe, nella sapienza artigianale dei fonditori di bronzo di Agnone. Dante è nelle parole d’amore e tra i suoni chiassosi di un mercato, rimbomba come una eco meravigliosa nei canti più chiari e in quelli ottenebrati dalla ragione. Dante è inevitabile, racconta di un mondo che ci appartiene perché è il nostro Dante, siamo noi, sono i nostri occhi, la nostra coscienza a giudicare ciò che siamo per ciò che vediamo. E dunque, un marciare nelle strade della contemporaneità significa sacrificare ogni orpello didattico e accademico per far spazio al nostro essere, qui, ora!”

4. La lingua di Dante

E mi tornano in mente ancora le parole di quel vecchio gentiluomo di Vallone, con la camicia bianca ardente di stelle, grande come un monumento alla pazienza, giusto, come la bilancia che pesa: ci si passa una vita intera, come ho fatto io, nel pianeta Dante, e non basta. Leggerlo, studiarlo è anche una fatica interminabile, in cui ogni successo ci allontana sempre più dalla meta. Io ancora lo studio e scopro sempre cose nuove, scopro ad esempio che i letterati di oggi sono ancora dietro Dante in quanto a modernità lessicali.
Alle mie timide obiezioni sulla difficoltà di leggere Dante oggi, per tutti, ma in specie per una persona comune, alle prese con quel linguaggio tosco-fiorentino del trecento, m’aveva risposto: caro amico, le stesse difficoltà l’hanno avute i suoi commentatori più antichi e anche i suoi contemporanei, che per orientarsi avevano bisogno di delucidazioni e di un nutrito glossario. La lingua di Dante, come disse Contini, è il suo punto più avanzato, e corrisponde esattamente al senso profondo che il poema racchiude e tramanda: il livello più basso dell’esistente – il caduco, l’effimero, come era appunto il volgare rispetto al latino – contiene in sé la stessa eterna realtà che abita i luoghi più alti e perfetti dell’universo. Dante ha inventato un linguaggio suo, nessuno ha mai parlato usando sistematicamente il vocabolario o la sintassi che usa Dante nella Commedia.

Intendiamoci questo vale per qualunque poeta, che usa un suo proprio linguaggio sempre diverso dal parlato comune, ma nel caso di Dante ci troviamo alle prese con uno che usa un repertorio lessicale incredibile, che ibrida termini vernacoli con latinismi elaborati sul lessico dei teologi della Sorbona, o un latino dei classici, mescola sciami di gallicismi con moduli scritturali, vocaboli della ultima tecnologia e spericolatissimi neologismi, con una spropositata varietà di verbi che trasmettono alla narrazione e alla sintassi un dinamismo irrefrenabile, per non parlare di altre peculiarità metriche e prosodiche o modulazioni che ci fanno pensare alle geometrie musicali delle sfere celesti e ai congegni di un orologio meccanico, alle architetture della luce e al sorriso furtivo di una dama, alla libertà morale, alle malattie della pelle, ai nomi dell’acqua, al disegno volubile di un volo di uccello contro il crepuscolo, e alla solitudine di Dio. La sua è la lingua della conoscenza e del canto, lingua erudita e popolare insieme, una lingua che dopo settecento anni continua a tentarsi e torcersi, e sperimentarsi sotto i nostri occhi. Non ne siamo venuti ancora a capo. Siamo rimasti più vecchi di lei.
Se la lingua di Petrarca continua a costituire un modello irraggiungibile per tutti i poeti , quella di Dante è ancora oggi una sorgente inesauribile di novità. Vedi, in fondo, ogni poeta scrive in una lingua “straniera” , ogni lettura è una specie di traduzione. E nella Commedia lo è ancora di più. Ma Leopardi diceva che è quello lo stile più forte, bello e dilettevole che si possa concepire. Perché ogni parola è un’immagine. Tu leggi Dante come un tuo contemporaneo, anzi un avanguardista, e non ti preoccupare se incespicherai in parole incomprensibili, sarà occasione per te di esplorare l’immenso bacino linguistico, storico, retorico , metrico, filosofico, teologico, da cui sono estratte queste parole, e i modi del loro incastro. Del resto, come disse Steiner, non si può leggere la Commedia senza lasciarsi leggere da lei. Ma l’io che legge Dante non è l’io mortificato dal consumo quotidiano di luoghi comuni, dall’assillante catechesi del mercato, è l’io interno e segreto che la tua voce conosce meglio di te. Insomma, lo spartito è questo. Praticamente divino. Prova a solfeggiare la musica del senso, e a suonarla , magari con un dito. Questo libro-mondo si candida a essere, per te , e ognuno di noi, un libro-vita”.

5. Dante uomo del suo tempo.

Ma scusi, professore, non si è sempre detto che Dante era uomo del suo tempo e che in fondo la sua opera è anche, sotto certi aspetti, una cronaca storica di uomini e fatti spesso misconosciuti (quasi nessuno dei mitici personaggi della Commedia sarebbero entrati nella storia se non fosse stato per Dante) di quell’epoca medievale in cui visse? E’ vero. Infatti, noi oggi ci stupiamo all’idea del cilicio, o dei flagellanti, ci indigniamo, rimaniamo inorriditi all’idea delle esecuzioni capitali, con o senza contorno di torture, organizzate o sponsorizzate addirittura dalle stesse Autorità civili e religiose come spettacoli pubblici; ci stupiamo all’idea di un mondo basato su cerimonie liturgiche, un mondo dove i libri si copiavano a mano e dove tante cose si imparavano a memoria; un mondo pieno di gente che viveva in obbedienza, in castità, in clausura. Ma allora, al tempo di Dante, queste cose erano normali, le vedeva tutti i giorni e molte di queste cose le riporta nella Commedia, altre gli vengono raccontate, come la morte dell’eretico Gherardo Segarelli, bruciato vivo sul rogo, a Parma, il 18 luglio 1300, “uno scurrile turpe stupido contadino, selvaggio come tutti i contadini”, disse il Salimbene. Ecco, quelle stesse parole le avrebbe potute dire il “cittadino” Dante, che detestava profondamente i contadini. Allora si viveva di classi sociali, di profonde divisioni , disprezzi e rancori. E Dante non ne era affatto esente, anzi, proprio per questo (essendo un guelfo di parte bianca, sconfitto dai neri) vivrà esule per oltre vent’anni, fino alla morte, in dolorosa povertà, quasi da mendicante, lamentandosene rabbiosamente nel Convivio. Era figlio del suo tempo e aveva un carattere per nulla conciliante, o cordiale. Anzi, aveva spesso travasi di bile per futili motivi, che gli facevano perdere il lume della ragione (ad esempio se la prese con quelli che disprezzavano il volgare, lingua in cui lui aveva deciso di scrivere, tacciandoli di essere bestie vili e dannosissime). Ecco, Dante è anche questo, spigoloso, collerico , violento, eccessivo. Ma sa essere anche dolce e pietoso. E la Commedia è una specie di summa tonale delle sue esperienze umane e letterarie, dalla eleganza elusiva delle rime di Stilnovo, alla sofisticata spigolosità delle “Petrose”, al virtuosismo osceno del “Fiore” , alle contese comiche e violente con Cecco Angiolieri e Forese Donati. Dante è quello che fa dire, non ai diavoli dell’inferno, ma a San Pietro, nel Paradiso , parole come “cloaca del sangue e de la puzza”. Tutto ciò non va dimenticato, come non va dimenticato che nei primi anni di esilio la sua mente è ossessivamente dominata da pensieri religiosi, filosofici e politici, i cieli e la nobiltà, l’immortalità dell’anima e la giustificazione dell’autorità, la celebrazione dell’Impero e il biasimo delle ricchezze. E’ ossessionato dall’idea di fare qualcosa di grandioso, di duraturo, di eterno. Vuole scrivere di tutto lo scibile umano, parlare delle radici della nostra cultura – della filosofia, dell’etica, della politica, della teologia, del papato e dell’ impero, della lingua -, valori su cui si reggeva (e tuttora si regge, anche se sotto altri nomi) l’umana convivenza. Dante vuole dimostrare la sua grandezza, il suo genio, vuole lasciare profonda traccia di sé.

6. Il poema sacro

Ma sono così tante le cose da spiegare al lettore che ci vorrebbe un enciclopedia. Progetta così il Convivio in quindici volumi, ma al termine del IV° capitolo (che gli viene il doppio del terzo, per lunghezza) capisce che non ce la farà mai. Allora decide di scrivere un altro libro, per dire quelle cose, e altre cose ancora, in modo diverso, con un linguaggio diverso, unico, capace di parlare, più di ogni altra lingua, al cuore dell’uomo. Ed ecco che nasce l’idea del “poema sacro/ al quale ha posto mano e cielo e terra”. Un poema epico, che non ha per soggetto il mito o la leggenda, né per protagonisti gli eroi, ma narra di eventi di tutti i giorni, con personaggi in genere ignoti o oscuri, per di più, in buona parte, conoscenti, o amici, o perfino parenti dell’autore. Ma ognuno di loro, anche nella sua oscurità, ha in sé una dignità assoluta, quella dignità che è propria dell’individuo, della persona umana, in quanto fatta a immagine e somiglianza di Dio. Siamo in Valpadana, ed è la fine del 1304: Dante è avviato verso il quarantesimo anno. Forse solo due o tre anni dopo porrà mano alla scrittura del poema, ma intanto lo elabora nella propria mente prodigiosa.

7. Dante e i vecchi marinai
Con il professore, diversi anni prima (1988) avevamo fatto una cosa strana, oserei dire unica, in quell’ambito, ovvero avevamo portato Dante all’Anmi di Gallipoli, grazie alla mediazione del suo grande amico, Avv. Felice Leopizzi. Era stata una serata estiva davvero memorabile, coi vecchi marinai a bocca aperta ad ascoltare la “lectio Dantis” del grande Aldo Vallone, che aveva attualizzato il nostro più grande poeta, ne aveva proclamato la modernità di pensiero e di vedute, nonostante fosse un uomo del suo tempo, perché Dante – disse – aveva una mente semplicemente divina, e non perché la sua fosse una originalità di pensiero, ma piuttosto per la sua eccezionale capacità di capire l’uomo in tutte le sue amarezze, in tutte le sue esaltazioni, nello squallore della sua solitudine terrena che l’Alto può illuminare. “Egli individua e chiarisce, armonizza i battiti eterni del cuore dell’uomo , il passionale, lo speculativo, il morale, fa nascere la coscienza estetica , ovvero il senso profondo dell’arte, con tutte le sue sottili difficoltà e i suoi tormenti, toccando tutti i tasti e i registri possibili del canto umano, attraverso i delicati tremori della nostalgia e della speranza, dalle rarefatte altezze del Paradiso, alle drammatiche profondità dell’Inferno. Egli è anche il poeta del nostro tempo, che racconta all’uomo insicuro il suo destino eterno, è da uomo immerso nella storia che della storia si fa carico, e della storia conosce tutti i dolori, e dell’uomo conosce – e ne è partecipe – la miseria e la grandezza. In questo poema ogni gesto dell’uomo è prezioso, ogni sua parola è contata.

8. I saggi di Borges

Tutta la realtà è guardata da Dante con appassionata cura e amore in ogni sua sfumatura”. E’ vero – conferma Jorge Luis Borges, nei suoi saggi danteschi -, non v’è cosa sulla terra che non sia compresa nella sua opera. Ciò che fu, ciò che è, e ciò che sarà, la storia del passato e quella del futuro, le cose che ho avuto e quelle che avrò, tutto ciò che ci aspetta in qualche punto di quel labirinto sereno. Un’opera magica, una miniatura che sia un microcosmo. Il poema di Dante è quella miniatura d’ambito universale. Ma se potessimo leggerlo in assoluta innocenza, l’universalità non sarebbe la prima cosa che noteremmo, e neppure la sublimità e la grandiosità; la prima cosa che noteremmo credo sia la varia e felice invenzione di particolari precisi; se l’uomo e un serpente si abbracciano, non basta dire che l’uomo si trasforma in serpente e il serpente in uomo; ma questa mutua metamorfosi è il fuoco che divora la carta, preceduta da un alone bruno in cui muore il bianco che ancora non è nero; nel settimo cerchio i dannati socchiudono gli occhi per guardarlo, e sono come uomini che si guardano sotto una luna incerta, o un vecchio sarto che infila l’ago; per Gongora e Petrarca ogni capello femminile è d’oro e ogni acqua è cristallo, per Dante no, ogni parola ha una sua giustificazione. Sembra quasi paradossale che Dante, narratore dell’oltremondo, sia in realtà uno dei più acuti descrittori di questo mondo

9. Poeta unico nel mondo

Infatti , conclude Masi – “Dante è poeta unico nel mondo; la sua opera è un documento provvidenziale; il suo scandaglio etico non risparmia nessuno, cosicché tutti ci troviamo coinvolti nelle immense o piccole passioni, nella speranza del superamento di noi stessi attraverso il suo insegnamento, nella certezza che là “dove abbondò il Peccato, sovrabbondò la Grazia”, per dirla con San Paolo. Ed ecco che è impossibile valicare l’antichità e il medioevo senza l’aiuto di Dante, il quale diventa per noi quello che Virgilio è stato per lui fino al Purgatorio, e poi Stazio, quindi Beatrice dal Paradiso Terrestre all’incontro con San Bernardo. Dante ha riempito talmente di sé il mondo, fino ai recessi quotidiani, da far parte del nostro dolore e del nostro riscatto: tutto l’uomo si ritrova in quel miracolo che egli titolò Commedia, e che poi Boccaccio completò con l’aggettivo Divina.

10. Il vero genio è rappresentativo.

Dante appartiene, scrive Daniele Mattalia, al multanime patrimonio della letteratura universale, alla weltliteratur dei tedeschi, cioè alla massima, alla classica, alla assoluta letteratura dei geni, che s’imprimono in noi come sigilli di potenza creativa, originalità, fecondità, lucido e avvampante dominio del tumulto ispirativo, di potere rasserenante, o capace di sommuovere tempestose sollecitazioni, una forza creatrice di tipo cosmogonico capace di generare dalla propria sostanza qualcosa che nell’ordine della grandezza e della originalità non ha altra misura che se stessa. Il vero genio non opera mai in un suo vuoto solipsistico, ma a raggio più o meno ampio, nel processo stesso del suo creare, recepisce gli elementi del reale, passato o contemporaneo, utilizzandoli secondo la ragione o la necessità e il fine della creazione. Il genio è rappresentativo, il genio è sempre universale, il genio opera con la misterioso potenza e fecondità di una forza cosmica, si dica Michelangelo, Galileo, Mozart, Beethoven , Verdi , Rossini, Wagner, Goethe, Tolstoj, Shakespeare.
E Dante fu un grande genio, un Omero del medio evo, secondo Vico, il padre per antonomasia della lingua e della letteratura italiana. E il primo autorevole sacerdote del culto dantesco fu un altro genio della letteratura: parliamo di Giovanni Boccaccio, e da allora in poi gli studi danteschi sono diventati per numero e mole un qualcosa di oceanico.

11. La Biblioteca di Galatina

Il solo prof. Vallone aveva nella sua biblioteca di Galatina, sua città natia, dove ero andato a trovarlo insieme all’avv. Leopizzi, qualcosa come trentamila volumi su Dante, scritti in tutte le lingue possibili. Ecco, questa, – e mi mostrò il libro con orgoglio – è una traduzione della Commedia in lingua coreana, ma ce n’è in tutte le lingue parlate nel mondo. Chiunque si occupi di poesia e di letteratura non può prescindere da Dante. Solo Shakespeare gli può star alla pari, con il vantaggio di una lingua, come l’inglese, che è parlata da mezzo mondo. Ma Dante, il terzo dei profeti, dopo Enea, fondatore dell’Impero e Paolo, fondatore della Chiesa, è il profeta della divina Poesia.
E Vallone, in poche battute , ne rifà la storia, dal giovane poeta della “Vita Nova” che intesse in dolcezza estatica di palpiti e poi con religiosa accettazione di un dolore sublimato in culto (la morte di Beatrice), una sua maliosa favola di amore e morte; al poeta-teologo, nel significato medievale del termine, ovvero di un uomo che ha raggiunto i gradi supremi del sapere del tempo, che allontanatosi progressivamente dal mondo, persegue nel fantastico itinerario a Dio un suo ideale di sublimante elevazione etica e intellettuale; e poi l’eretico occulto, il profeta e precursore della riforma nel suo ardito proposito di attivare in Italia una rivoluzione religiosa; il titano esagitato che si divincola con furore nei lacci di una passione amorosa senile; il politico ferocemente passionale, cresciuto (dice Foscolo) tra il papale furore e il ghibellino, e da guelfo bianco tramutatosi in ghibellino e indomito assertore dell’autonomia del potere temporale, contro le prevaricazioni temporalistiche di una chiesa divenuta fomite di disordine politico e morale. Il politico passionale e sconfitto, orgoglioso, che per un ipotizzato mandato divino, si autoassume, nel poema, il ruolo di vendicativo-giudice-giustiziere; l’eroe-poeta-profeta spiritualmente operante nella prospettiva di una missione eroica e sublime; il poeta-vate depositario dei destini della sua nazione, il nume tutelare, il grande santo della religiosità laica e patriottico-nazionale dell’ottocento. L’uomo ammirato per la vastità enciclopedica del cosmo culturale, per la sua potente carica psicologica–temperamentale che lo fa fine, selettivo, eccezionale psicologo di una umanità minore, ma con una sua immanente carica dialettica. L’uomo-Dante, l’esule, il dramma del giusto, latore di un grande messaggio, il perseguitato, ma anche per questo impegnato, per sé e per gli altri, a resistere caparbiamente, in attesa dell’ora di poter dire e fare, e anche di ricambiare quanto ricevuto.

12. L’esilio e il pianoforte

E allora conta l’esilio, Professore?
Certo che conta. E’ la radice etico-psicologica , l’impennata di un orgoglio profondamente ferito che lo impegna in un’opera di recupero del proprio prestigio personale, condotta in uno spirito di rivincita e insieme di rinfaccio nei confronti della patria matrigna e degli “scelleratissimi” concittadini; le vicende dell’esilio permeano sempre più il codice morale di Dante di quel radicalismo moralistico che lo spinge nel poema a congedarsi dal mondo con un gesto di pesante, apocalittica condanna globale. Poche volte ci sono vocaboli di requie, dolcezza, distensione, lieto appagamento, conciliazione, serenità e simili. Predomina la tematica della tensione dell’urto o scontro, della rampogna e della sferzante requisitoria, della rivincita, della reattività aspra, giustiziera, vendicativa, non senza punte malediche in cui rasentiamo vibrazioni di una certa oscurità temperamentale; dell’orgoglio immedicabile e incoercibile e prontissimo allo scatto e della relativa e conseguente scarsa vocazione per il perdono o il generoso oblio.

Dante è anche tutto questo: uno spartito musicale vasto e tempestoso; o sai leggere la musica, o è inutile che tu perda tempo a scrutarlo, tanto vale ricorrere a qualcuno in grado di suonare il pianoforte e ascoltare il suono che fa quella crittografia. Ma se credi ancora nel valore dell’individuo, nella sua storicità, nella sua libertà, nella sua redenzione, tutti valori che il cristianesimo portò con forza di sconvolgimento nell’universo culturale greco-romano, allora leggi (o ri-leggi) la Divina Commedia senza timore, con lo spirito dei tuoi nonni, che la conoscevano a memoria e la declamavano a voce alta, pur essendo analfabeti; rileggila con quella nudità e semplicità, innocenza del cuore, e la troverai diversa, così nuova e così fortemente insolita, così attuale e reale, così poetica, la più alta voce poetica mai esistita – forse la sola – che esprima in tutta la sua profondità l’idea cristiana dell’uomo.

Roma, 27 maggio 2015

9 pensieri su “Alla scoperta del pianeta Dante

  1. Grazie, Ema, del tuo intervento, in un silenzio e in un deserto…dantesco.
    E’ l’inizio di una canzone che Dante scrisse durante l’esilio, un esilio che lui immagina ancora “temporaneo”
    Riporto il commento di un esegeta:
    “Nella quarta e nella quinta stanza si concentra il significato polemico della canzone. Alla base del discorso è la convinzione (legata a una visione provvidenzialistica della storia) che l’esilio dei valori, dovuto a contingenze negative, non potrà essere eterno.
    È quanto afferma Amore nella sirma della quarta stanza (vv. 65-72); ma è soprattutto quanto proclama Dante nella fronte della quinta (vv. 73-80). Tornano in questi versi i richiami allo stravolgimento del mondo contemporaneo (simboleggiato dalla trasformazione dei «bianchi fiori in persi», v. 79).
    Nelle parole di Amore, cittadino «de l’etterna rocca», suona però la certezza nella restaurazione dei valori («noi pur saremo, e pur tornerà gente / che questo dardo farà star lucente», vv. 70-71). Nulla, è vero, garantisce al poeta di poter vivere personalmente la restaurazione di questi valori; gli resta però l’orgoglio di un esilio e di una sconfitta che, in un mondo stravolto, si capovolgono in segni di elezione spirituale («l’essilio che m’è dato, onor mi tegno», v. 76; «cader co’ buoni è pur di lode degno»,

    Ma il Dante che farò in recital non avrà nulla di tutto ciò, sarà un essere umano deprivato di tutti i suoi beni e i suoi affetti, leso nella sua dignità, ferito nel suo amor proprio, che vuole recuperare, intatta, la sua grandezza di poeta e di uomo. E, naturalmente, ci riuscirà,

    Liked by 1 persona

  2. Pingback: Alla scoperta del pianeta Dante | Paoloottaviani's Weblog

  3. cazzo cazzo…
    STUPEFACENTE INCREDIBILMETE MERAVIGLIOSO PIPPONE METAFISICAMENTE POTENTE UN CONCENTRATO DI BELLEZZA E VERITA’ FOLGORANTI
    SONO STREMATA DALLA FELICITA’ CHE MI FA BATTERE IL CUORE E SALIRE UN TURBAMENTO MISERABILMENTE DIVINO DALLE GAMBE FIN SU SU SU ALLA TESTA E GIU GIU NEL CUORE.

    Signor Augusto, lei è una persona speciale e degna!
    io l’amo e la sposo qui davanti a tutto il mondo, se lei vorrà accettare questo mio timido impacciato irriverente e modesto invito.
    porto con me cospicua dote sia in denari che in bellezza.
    ecco io le chiedo umilmente di prestarmi questa sublime sega mentale, così com’è, che manco l’errorino di battitura(…una chiesa diventa FOMITE di disordine politico e sociale) ci voglio togliere, e che userei come prologo al nostro Romanzo della sola vita possibile.
    la DIVINA COMMEDIA, venduta e interpretata, coi danari degli offesi dei violati dei crocefissi di tutto il mondo, da un giullare convertitosi alla corte dei corrotti, alla corte dei potenti, un fiorentino che ha rinnegato le sue origini, senza vergogna, senza pudore.
    CHE DOLORE
    e Dante stesso, povera gioia, che non ha bussato alla mia porta, ci aveva un po’ di vergogna e un mal celato orgoglio umano e sapeva che mi stava sulle palle per la sua VASTISSIMA VANITA’, quella che lui condannava alle fiamme dell’inferno,e rappresentava così divinamente bene, lui che si specchiava in quello che aborriva), dante stesso,dicevo, ha calpestato felicemente (anche i morti devono pentirsi e perdonarsi) e senza patimento alcuno il suo orgoglio, rivestendolo di ORGOGLIO, e ha trovato le Palle per venire a dire che LUI, LUI, NON SI VENDE E NON SI COMPRA, E NON SI USA NEL PALAZZO DEL’ORRORE E DEL PECCATO,
    E CHE FULMINI E SAETTE COLPISCANO IL TRADUTTORE CHE OSA IMBRATTARLO DI MERDA E PROPORLO AL VOLGO, IN UN CONTESTO CHE NE STRAVOLGE E DEPOTENZIA L’IMMANE FORZA
    LUI, INTERPRETATO DA UN OMETTO CHE HA PERSO IL SENSO DEL PUDORE E DELLA VERGOGNA E DELLA SUA GIOVENTU’
    LA VERITA’ DISSACRATA E BANALIZZATA COSI SPUDORATAMENTE, COSI FEROCEMENTE
    E MERCIFICATA COME UNA TROIA DI REGIME PREZZOLATA LAUTISSIMAMENTE
    E ANCHE LUI, COME FABRIZIO DE ANDRE’ E TUTTO L’ESERCITO DI MORTICI,( CHE ANVEDI PERCHE’ SE NE SONO ANDATI…DOVEVANO LASCIAR SPAZIO AL SOMMO, UN SOMMO COL CONTRO CAZZO, E L’IRA FACILE! STI CAGASOTTO DI MORTICINI MIEI CARINISSSSIMI!)
    insomma, caro fratello augusto, compagno di questa valle di lacrime, mi dai si o no questa liberatoria
    io te ne sarei grata a vita
    un bacio appassionato
    tua per sempre FU

    …senti un po’ per i diritti d’autore poi ci si mette d’accordo con faber, mi sta frullando in testa l’idea di un filmone, diversi registi viventi:)))) sono papabili, sto vagliando il loro CV,
    ora come ora il più convincente è kusturika, perchè visionario e perchè seme di una terra bellissima e martoriata, manca soltanto il critico, anzi no, il critico degno sei tu, e mancano alcune liberatorie, a gratis, si intende, di tutti gli artisti, cantanti, registi, poeti, scrittori, che hanno voluto entrare nel romanzo della sola vita possibile.
    e lì sarà il banco di prova
    lì vedremo i volti dei mille giuda che ci accerchiano
    lì vedremo se era solo arte, letteratura, poesia, cultura (tradotto:FINZIONE)
    O ERA ED è NECESSITA’ DI GRATUITA’
    NECESSITA’ DI VERITA’
    NECESSITA’ DI VITA

    NECESSITA’
    DELLA
    SOLA
    VITA
    POSSIBILE

    in trepidante attesa…continuo nella stanza del padre, del figlio dello spirito santo e della MADRE, che li riunisce tutti in un bel quartetto cetra che tu ,mio caro COMPAGNO DI STRADA AUGUSTO, mi par di capire
    sia loro abbastanza contemporaneo

    Mi piace

  4. questo regista, questo brav’uomo mi dice che sarebbe stato contento di montare questo film
    e lo avrebbe fatto gratuitamente, carinissima animella…
    magari, prova a farti venire qualche idea anche tu :))
    un bacio alle 01.18
    mezzanotte è passata, sei salvo!

    Mi piace

  5. soggiovannni! :)))

    chiederei anche l’aiuto di questa splendida creatura del dolore e della bellezza

    ehi babsi, se ci sei batti un colpo…io non ti ho mai dimenticata
    Donna con le palle…ecco, cara Sorella, sono quelle che ti hanno fatto inciampare nel tuo dolore
    ma ora è giunta l’ora del riscatto…io ti abbraccio e ti perdono per tutto il tuo smisurato orgoglio
    che hai trasformato in Orgoglio, in quel bellissimo libro che io non ho mai letto, ma mi è bastato il titolo e alcune tue chiacchere sull’ web, per FIDARMI E AMARTI E ACCOGLIERTI

    NOI SIAMO QUI E TI ASPETTIAMO FIDUCIOSI

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...