18. Albe

IMG_0380
Da un poco di tempo a questa parte fotografavo albe. Era un’attrazione irresistibile, un richiamo che a quell’ora variabile, ma esatta, mi risucchiava sul ponte dello Spirito Santo, a inquadrare lo sfondo ora sgombro di nuvole, ridotte a pochi strati diafani, sottili, che prendevano un colore rosso, o rosato, o giallo oro; ora cosparso, invece, di grigi e bianchi affastellati, gettati quasi a caso su una tela in cui spiccavano un cedro dalle larghe braccia pelose, l’appendice in cemento del Santuario antico, il camminamento angusto e quasi rettilineo che portava alla torre del primo miracolo. E poi, naturalmente, i colli, punteggiati di luci bianche e rosse, come un presepe d’altri tempi, o avvolti in una nebbia fina, che ne faceva un paesaggio irraggiungibile: il sogno radicato, nel profondo dell’uomo, di trovare uno scenario nuovo, sorprendente, che rivelasse, tutto in una volta, il senso della vita. Ecco, forse era questo il moto interiore che mi spingeva a uscire dalla stanza, entrare in ascensore quasi in stato di trance, passare davanti alla cappella, affacciarmi col fiato sospeso per puntare lo sguardo sullo sfondo sempre uguale, eppure sempre diverso. Sì, adesso mi era chiaro: ero stato trasformato in un collezionista d’albe, un messo del cielo che scrutava ogni segno, ogni traccia del futuro che si stava avvicinando.

12 pensieri su “18. Albe

  1. emozione pura, questa di partecipare al nascere delle albe narrato da Fabrizio. con lui sentiamo di cercare senso in qualcosa che ci sovrasta e comprende, annullando ogni muro. perché l’alba nasce per noi dall’intero orizzonte. indica unione nella luce.
    per questo sempre ti ringrazio, Fabrizio.

    Mi piace

  2. Is.21
    “La caduta di Babilonia”
    …ho visto una tavola imbandita, tutti mangiavano e bevevano. ..
    …la sentinella ha gridato:Signore,ho fatto la guardia al mio posto, ogni giorno,
    anche la notte sono stato di sentinella. ..
    Edom.
    12)…sentinella, quando finisce la notte? Dimmi, quanto manca all’Alba?….
    Arabia.
    15)….il SIGNORE ha detto:
    “Passerà un anno esatto e la grandezza della tribù di KEDAR sara’ distrutta…
    …il SIGNORE DIO di Israele,ha parlato”
    GEN 1
    4)….DIO vide che la Luce era cosa buona
    e separò la Luce dalle tenebre.
    ….e fu sera (notte), e fu mattina!!!
    e dall’orizzonte….eccola…la prima luce dell’Alba
    ….di “Un Mondo Nuovo”
    GRAZIE!

    Liked by 1 persona

  3. che bel testo,Fabrizio,forse anche perché mi tocca molto da vicino….Scusa l’autoriferimento ma…ho scritto da poco un poemetto intitolato “Ho tante albe da nascere” pubblicato su http://www.perigeion.it e puoi facilmente indovinare di cosa parlo….Un grande AUGURIO per un Alba semprenuova come un Natale quotidiano!

    Mi piace

  4. Condivido tutto lo scritto di don Fabrizio, con l’emozione che suggerisce e comunica e la riflessione a cui invita. Grazie anche a Marilena per la citazione dei versi della Dickinson. Che dire, poi, ad Annamaria, che, commentando le parole di don Fabrizio, sembra parlare delle mie poesie più riuscite sull’alba? Non ho nominato Alfonso che mi ha permesso di rileggere la pagina di Isaia, anch’essa bellissima e incisiva nella sua concisione. Grazie anche a lui. Grazie a tutti i commentatori precedenti. Buon Natale. Carla Spinella

    Mi piace

  5. “Com’è bello alzarsi la mattina presto” – dice una canzone. Così una volta alle sei di mattina ho mandato un sms a mia amica con queste parole. – molto divertente- mi aveva risposto.

    Mi piace

  6. Grazie Carla per gli apprezzamenti.
    Complimenti per le “Tue Opere “Letterarie”.
    ..a noi tutti,le parole,i racconti ,le escursioni letterarie del nostro don Fabrizio, ci stimolano a sciorinare in scritto tutto quello che nei nostri cuori “fermenta” dopo le letture dei suoi scritti accompagnati dallo “Shemah”delle sue lectio e catechesi;
    che ci fanno prendere coscienza del nostro “essere “.Nella Fede, nella Preghiera, forti nella Speranza della realizzazione dei Progetti che il Signore vuole realizzare per ognuno di noi.
    Buon lavoro,tantissimi Buon Natale…

    Mi piace

  7. ” Chi si alza la mattina, Dio lo benedica”- dice il proverbio.
    Per fortuna, la parola “mattina”, è un concetto relativo, e per alcuni le sei è la mattina, altri dicono che si devono svegliare presto, alle undici.
    Dio benedica tutti.

    Mi piace

  8. Ho visto tante volte come il Sole chiama il mondo per alzarsi dal sonno. Ma il più impressionante, il più spettacolare era alba che ho visto a Sahara. Tutto durava alcuni minuti. Si sembrava che qualcuno da sotto sta spingendo veloce una palla rossa dicendo: vai, il mondo ti sta aspettando.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...