21. Il viandante

Emmaus
La campana suonò le diciannove. Il Natale era a sole cinque ore e io ero seduto nella stanza davanti all’immagine del Cristo, a interrogare il futuro che ancora non voleva palesarsi. Ero un monaco di un’altra civiltà, chino sul tavolo ingombro di libri, penne, appunti sparsi. Da un momento all’altro, nel silenzio surreale, sarebbe arrivata la notizia intorno alla quale avevamo sognato così a lungo. Mi perdevo negli occhi di Gesù, nella luce misteriosa che emanavano, come se a un  tratto dovesse arrivarmi una parola, un segno, la certezza che lui ci fosse in corpo, sangue, anima e divinità, come tante volte mi avevano insegnato. Solo fissandolo negli occhi trovavo il coraggio di presentarmi in campo, sentivo il cuore battere, infiammarsi, come in un sussulto di memoria, un’idea platonica, un archetipo che emergeva dall’inconscio. Capivo sempre meglio le parole di san Paolo: non sono più io che vivo; dove in quell’io si annidava il deposito di male proveniente dall’orgoglio, dal peccato, come se la vita prendesse la rincorsa e trovasse finalmente pace nella ormai necessaria conclusione: è Cristo che vive in me,  mi trasmette la forza di lottare, di credere, di esistere. Era l’immagine che prendeva il posto di qualsiasi altra figura nell’universo debole, ignobile, malato delle illusioni umane, la caparra del mondo nuovo che bussava alle porte come un mendicante, un pellegrino, il viandante straniero che un bel giorno ti si ferma accanto e racconta la tua storia.

6 pensieri su “21. Il viandante

  1. Tutto passa e tutto rimane
    però il nostro è passare,
    passare tracciando sentieri
    sentieri sul mare.
    Mai ho cercato la gloria,
    né di lasciare il mio canto
    alla memoria degli uomini;
    io amo i mondi lievi,
    sottili, gentili
    come bolle di sapone.
    Mi piace vederle quando si colorano
    di giallo e carminio, volare
    sotto il cielo azzurro, tremare
    d’improvviso, poi rompersi.
    Mai ho cercato la gloria.

    Caminante* sono le tue orme
    il sentiero e null’altro;
    caminante non c’è un sentiero
    il sentiero si fa camminando.
    Camminando si traccia il cammino
    e volgendo lo sguardo alle spalle
    si vede il sentiero che mai
    si deve tornare a calcare.
    Caminante non c’è un cammino
    ma segni nel mare …
    Qualche tempo fa in questo luogo
    dove oggi i boschi si vestono di spine
    si sentì la voce di un poeta gridare
    “Caminante non c’è un sentiero
    il sentiero si traccia camminando…”
    Colpo su colpo, verso su verso …
    Morì il poeta lontano dal focolare.
    Lo copre la polvere di un paese vicino
    Al momento dell’addio lo videro piangere.
    “Caminante non c’è un sentiero
    il sentiero si fa camminando…”
    Colpo su colpo, verso su verso …
    Quando il cardellino non può cantare
    quando il poeta è un pellegrino.
    Quando a nulla ci serve pregare.
    “Caminante non c’è un sentiero
    il sentiero si traccia camminando…”
    (…)

    Caminante* sono le tue orme
    il sentiero e null’altro;
    caminante non c’è un sentiero
    il sentiero si fa camminando.
    Camminando si traccia il cammino
    e volgendo lo sguardo alle spalle
    si vede il sentiero che mai
    si deve tornare a calcare.
    Caminante non c’è un cammino
    ma solo segni … incisi nel mare …

    Antonio Machado

    Liked by 2 people

  2. …Se non avessi Giobbe!
    Io non lo leggo con gli occhi come si legge un altro libro, me lo metto per cosi dire sul cuore…
    Come il bambino che mette il libro sotto il cuscino per esser certo di non aver dimenticato la sua lezione quando al mattino si sveglia,così la notte mi porto a letto il libro di Giobbe.
    Ogni sua parola è cibo,nutrimento e balsamo per la mia povera anima.

    (S. KIERKEGAARD)

    Liked by 1 persona

  3. Bellissimo il messaggio d’amore e di speranza che segue leggendo il capitolo.
    Guardando Gesù: è Lui che infiamma il nostro cuore e non si può descrivere l’incontro con minuzia di particolari se non è realmente avvenuto, se non è frutto di una lunga esperienza di fede viva, vissuta ogni giorno con tenacia e desiderio,dalla quale scaturisce il “protocollo operativo” per intercettare lo Spirito Santo che ci unisce saldamente a Lui.
    Grazie per questo prezioso Dono.

    Liked by 1 persona

  4. Ho letto, non dico nulla, ma trascrivo a commento del racconto di Don Fabrizio i versi scritti la notte della Vigilia di Natale, mentre commossa ponevo sulla mangiatoia la statuetta di Gesù Bambino:
    Natale ed Epifania

    Un sussulto d’amore
    dopo un arido gravame
    di anni solcati dal dolore
    mi ridona la speranza
    nel Suo sguardo
    che ritorna dal passato;
    nella vita che mi resta
    e nell’altra che c’è forse,
    ma di cui non sono certa

    Solo aspetto, anch’io
    guardando con stupore
    quelle mani piccoline,
    ma di un Dio,
    che si tendono ai fedeli
    sotto gli occhi dei pastori

    Presto arriveranno i Re
    delle Scritture e sarà
    una grande festa con l’oro
    con l’incenso e con la mirra

    Li invidio tutti e tre, sempre uguali
    col vestito di ceramica dipinta
    col cappello prezioso dei Reali
    e lo sguardo fisso sul Bambino
    nell’attesa fiduciosa di Parole
    e del gesto di salvezza
    a conferma e come premio
    della fede nel Futuro.

    Mi piacerebbe leggere il tuo giudizio, Don Fabrizio. Prometto di tenerlo da conto, come quello dell’editore (religioso, ma a modo suo) al quale ho mandato i suddetti versi via mail a completamento di una raccolta di poesie (erano 99) che raccontano il mio lungo, a volte fiducioso, a volte ribelle, dialogo con Dio.
    Intanto auguri e preghiere per te da una che, anche lei come l’editore, ha uno spirito religioso a modo suo.
    Carla Spinella

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...