Azione poetica per Giordano Bruno

gg

Sabato 13 febbraio alle ore 17:00
Piazza Campo de’ Fiori – Roma

2016 EROICI FURORI
IL GIORNO 13 FEBBRAIO A ROMA IN PIAZZA CAMPO DE’ FIORI ALLE ORE 17,00 SI SVOLGERÀ L’AZIONE POETICA MITOMODERNISTA “2016 EROICI FURORI” IN MEMORIA ALL’EROISMO DI GIORDANO BRUNO.

I POETI CHE PARTECIPERANNO ALL’AZIONE AVRANNO IN MANO UN LIBRO DEL FILOSOFO E SONO INVITATI A INDOSSARE PREFERIBILMENTE UNA TUNICA BIANCA.

L’AZIONE SI SVOLGERÀ ATTRAVERSO LA LETTURA DI TESTI SUL TEMA DELL’EROICO E DELLA FEDELTÀ AI PROPRI IDEALI IN UN’EPOCA DI TRASFORMISMO GENERALIZZATO E DI DECADENZA MORALE.

CHI DESIDERA PARTECIPARE ALL’AZIONE È PREGATO DI INVIARE UNA EMAIL A grandtourpoetico@gmail.com

NON È GRADITA LA PARTECIPAZIONE DI MAESTRI DELL’ADULAZIONE, CULTORI DELLA PIAGGERIA E VIGLIACCHI E/O VENDUTI A BASSO PREZZO.

Su un’idea di:
Tomaso Kemeny, Paola Pennecchi, Angelo Tonelli, Pietro Berra, Flaminia Cruciani, Gianpaolo Mastropasqua.

Il Direttivo del Grand Tour Poetico

2 pensieri su “Azione poetica per Giordano Bruno

  1. Marò, Maronna mia beneritta, p’accummanzà nun sulo a penzare et sustenè
    cu studio e ragiunamiento ca lo munno è tunno tunno comme nu milo appiso

    ‘ncielo ‘nzieme a li stelle, li pianete e ll’ati cuorp’ brillantate pe’ ‘na questione
    di forzechist’, la matrea chiesa de li comunnante, me minacce assaje assaje.

    Chiesa ‘e ‘gnurante e violenti, vonno ca io, lo sottoscritto Giordano Bruno di Nola,
    dico e scrivo pubblicamente e annanzo a lo tribunale de l’inquisizione, m’annego

    tutto chello ca penso e sostengo: ma comme se fa a disconoscere lo studio de li
    cuorp’ celest’ e de li loro rotazione su se stessi e attorno a lu padre d’o firmamento

    annommenato sole; ‘o sole che cu li raggi tutto fa nascere e fa ridere la terra sana.
    Diciteme d’accidere a n’at’ommo, nu frate, nu monaco, ‘nu puveriello, ”na femmena, pure ‘nu

    criaturo appena nato;diciteme ‘e fa peccato mortale e di copulare femmine di malaffare, ma nun pozzo negare ‘a scienza d’e moviment’ d’a natura. Chesto si, è disconoscere Dio.

    Me vonno abbrucià mmiezo a la piazza. Da allora a mmò ve guardo comm’a nu figlio ca ha perz’a mamma, pate, frate e sore, Dio stesso, ma ‘a verità,

    ‘a verità vuje l’avite cunusciute: ‘na verità piccerella piccerella, ca nisciuno ommo ‘ncopp’a faccia d’o munno, pure chillo cchiù gnurante po’ disconoscere, ma a Chiesa d’e sapienti

    gnurant’, ‘nzerranno ‘e porte d’e libbre sacri, po’ ancora dicere: – No, nun è accussì. E ssapite ‘o pecchè. Nuje Chiesa tenimmo ‘a verità dint’o tauto. Simmo ‘o centro ‘e ll’universo. –

    Sto murenno e mentre more murenno appicciato, penzo ancora ‘e criature ca se moreno ‘e famme e moreno dint’a ll’ignoranza, sento i cumpagnielli miei di Nola ca me chiammano

    dint’o vico: Brù, jesce a lloca, jesce avimma j’ ‘a pazzià dint’a chiazza, dint’a campagna addò cresce ‘o grano. E pe’ fa crescere ‘o grano ce vò a fatica ‘e l’omini cuntadine.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...