60. Iride

image
Ci capitava spesso di considerare la grandezza del Progetto a cui tutti siamo chiamati. Mi tornavano in mente le parole conclusive della catechesi sulla carità, predicata da don Mario, a cui ci ispiravamo: “Questa nostra catechesi, in realtà, non può finire: la conclusione deve essere scritta con la nostra vita, perché tutti siamo stati convocati e a tutti il Signore ha prospettato il suo disegno.”
Il percorso era denso di prove, difficoltà e sofferenze di ogni tipo: una guerra all’ultimo sangue tra la luce e le tenebre, Dio e il demonio: potevamo ben dire d’averlo visto in faccia e di comprendere tutta la portata del suo potere distruttivo. Ma era proprio da qui, dall’accettare di passare per l’abisso restando fedeli, che i frutti erano giunti, e il cuore di pietra si mutava in un cuore di carne.
Sentivamo ormai nostre le parole del salmo: “ho creduto anche quando dicevo: sono troppo infelice”. Rimanere e credere, aiutarsi reciprocamente a non indietreggiare, aspettare la chiarezza che sarebbe sopraggiunta, guardandoci dai falsi bagliori delle tentazioni: era questo il compito che il Cielo ci invitava a vivere. E questo era il contesto in cui l’intera umanità veniva immersa: profezie di provenienza diversa indicavano l’inizio di millennio come il punto preciso dello scontro decisivo tra il bene e il male. Era in corso il crollo di una civiltà che mostrava palesemente le sue falle: gli eventi previsti da più parti rappresentavano il preludio necessario all’emergere di un mondo nuovo, annunciato da un’iride di pace, come la preghiera delle lodi mattutine ci spingeva a proclamare, per tenere accesa la speranza

4 pensieri su “60. Iride

  1. Quando l’umanita’ non riesce nei compiti di base della giustizia, il Padre celeste deve infliggere la giustizia divina per rimuovere le tenebre e ristabilire la VERITA’ sulla terra.
    Durante questo tempo,i miei figli devono rimanere nella speranza e nella luce.
    Quando la Giustizia Divina rimuovera’ gli architetti delle tenebre ,io porro’ dei figli della luce sul candelabro. Fino ad allora,devono vivere nella fede fino na quando le potenze delle tenebre non saranno rovesciate.
    (“comprendere la purificazione divina”; Da Locuzioni al mondo)
    E ognuno di noi,dal giorno del Battesimo,e’ investito dal mandato all’Evangelizzazione,
    anche nelle difficolta’ che il mondo oggi ci pone innanzi.
    FEDE SPERANZA e CARITA’, nella preghiera possono aiutarci in questo servizio;
    noi siamo tra i chiamati,…agli ELETTI il compito di guidare il GREGGE del SIGNORE.

    Mi piace

  2. Dio, vado chiedendomi sempre di più
    quanto Tu abbia fede in me
    E’ forse più facile ch’io creda in Te
    che non sia viceversa.
    Conosci bene la mia ipocrisia
    i miei bui tradimenti
    e già qui in terra m’infliggi castighi
    e mi dai patimenti.
    Cosa mi aspetta dopo il Giudizio
    se non l’eterno fuoco?
    Ti prego, ricorda che sono un uomo
    e di satana schiavo.
    Se non mi liberiTu dal peccato
    il nostro patto cade
    ed in perpetuo sarò condannato
    alla gogna dell’ade
    e d’Armageddon l’estrema battaglia
    l’avrà vinta il Demonio.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...