La graphic novel o della vera poesia

fumetti-1

Venti libri tra parole e immagini dal messaggio artistico universale

 

di Guido Michelone

 

La graphic novel è un’espressione angloamericana che risale alla fine degli anni Settanta e che indica ciò che in Italia è tradotto (senza particolare successo, al punto che prevale ancor oggi la dicitura straniera) come romanzo grafico o come romanzo a fumetti. Sotto quest’ultimo aspetto, sarebbe forse meglio usare il neologismo ‘poema a fumetti’ che il grande scrittore Dino Buzzati impiega per se stesso nel lontano 1969 quando dà alle stampe un libro omonimo, dove il racconto è illustrato soprattutto dalle immagini pittoriche di stampo surreale da lui stesso disegnato, essendo la sua attività creativa da sempre ripartita tra penna e cavalletto (e qui unita per la,prima e unica volta per quanto riguarda il proprio lavoro). Benché rilevante in altri Paesi più evoluti sotto il profilo della lettura di libri e di fumetti come Francia, Inghilterra, Spagna, Nord America, Scandinavia, la graphic novel attecchisce in Italia in gran quantità soprattutto a partire dal Duemila, quando si cominciamo a tradurre e divulgare le opere straniere e quando emerge pure un buon numero di autori entusiasti e di editori impegnati a promuoverli. Senza entrare nel merito di analisi del fenomeno, si vuole qui semplicemente suggerire una serie di quindici letture anche eterogenee – dove accanto alla graphic novel vera e propria convive qualche raccolta di fumetti o vignette d’autore – che rappresentano alcune tra le migliori testimonianze dell’ultimo anno, per far capire insomma come talvolta persino la graphic novel possa assurgere al ruolo di vera poesia, dando a quest’ultima il significato nobile della massima aspirazione al lirismo interiore e al messaggio artistico universale.

 

  1. VV., Graphic novel. La Lettura, Fondazione Corriere della Sera.

Per chi è digiuno sull’argomento,,questa bella antologia potrebbe essere un’introduzione naturale, ideale, ottimale: vengono infatti qui raccolte (e all’inzio commentate) le prime graphic novel apparse sul supplemento letterario del ‘Corsera’ tra il 2011 e il 2015, a cura di Gian Luigi Colin e Antonio Troiano.

 

  1. VV., Bob Dylan Revisited, Arcana.

Un’altra bella raccolta per consentire al neofita di entrare nel nuovo mondo della graphic novel in questo caso inerente alla musica. Sono tredici canzone disegnate (tutte da artisti francesi), come afferma giustamente il sottotitolo, ovvero l’immagine che visualizza suoni e parole.

 

Marco D’Angelo, Fabrizio Di Nicola, Bruce Springsteen. Spiriti nella notte, NPE.

Operazione analoga a quella su Dylan, ma da autori nostrani che raccontano la poetica del ‘Boss’ evocando alcune canzoni fondamentali soprattutto agli inizi, nel passaggio cruciale da cantautore a rock star.

 

Paolo Baron, Ernesto Carbonetti, Punk Is Dead, 80144 Edizioni.

Restando ancora nel rock, ecco una serie di libricini di genere horror, dove i fumetti zombie hanno le fattezze di gran rock star del passato che si vorrebbe resuscitare. Per cultori della materia.

 

Alessandro Polito, Herr Kompositor. Scrivi una canzone, Curci Young.

Ecco una graphic novel didattica, ovvero un racconto per immagini (adatte tanto ai bambini quando agli adulti) dove il piccolo Phil vuole dedicare una nuova canzone alla sua innamorata ma non sa scriverla e si rivolge perciò a John e Alex…

 

Paolo Maggioni, Davide Barzi, Davide Castelluccio, Giacinto Facchetti. Il rumore non fa gol, Becco Giallo.

Anche lo sport è spesso protagonista di graphic novel e in Italia non poteva mancare il calcio qui simboleggiato dal terzino (e goleador) della grande Inter allenata da Helenio Herrera e dalla Nazionale di Valcareggi campione d’Europa.

 

Jim Ottaviani, Un pensiero abbagliante, Sironi per la scuola.

Dopo il rock e il calcio, ecco gli argomenti molto seri, ovvero come narrare la vita dello scienziato Niels Bohr e spiegare la sua fisica dei quanti. Non ci sono solo immagini ma tante parole necessarie perché l’argomento è davvero tosto per i non addetti.

 

Benvisto Simmat, Vincent Caut, Il club dei super economisti, Edizioni Clichy.

Sembra che la graphic novel abbia preso gusto a illustrare i temi difficili, quasi sostituendosi alla tradizionale divulgazione e alla manualistica popolare gigante: qui sono ben trentadue i vari studiosi, politici, filosofi che dal Settecento a oggi si occupano di teoria economica: una pagina di testo scritto e due di fumetti.

 

Alecos Papadatos, Abraham Kawa, Annie DiDonna, Democracy, Guanda Graphic.

Per spiegare il concetto di democrazia evolutosi nelle antiche Polesine greche (Atene in particolare) si ricorre a un disegno semplificato e a una storia figurativamente reinventata.

 

Mathieu Sapin, Manuale per vincere le elezioni, Bao.

Un timido giornalista (ignaro di politica) s’intrufola tra gli addetti ai lavori, per circa duecento giorno, onde poter seguire da vicino la campagna elettorale che porterà François Hollande a vincere le elezioni presidenziali francesi. Tenera graphic novel al servizio della realtà civile.

 

Hugues Barthe, L’estate ’79, Edizioni Clichy.

La prima parte di un romanzo autobiografico di drammatica intensità, dove l’autore – immerso nei sogni di gloria da liceale – rivive la propria infelice adolescenza nella profonda campagna francese. Si muore già dalla voglia del sequel…

 

Diego Bertelli, Silvia Rocchi, I giorni del vino e delle rose, Valigie Rosse.

Altro grande ‘poema a fumetti’ che oniricamente rilegge alcune vicende sentimentali, rievocando, metaletterariamente, fantasie e umori del titolo che a sua volta si rifà sia all’album dei Dream Syndicate sia a un film di Blake Edwards.

 

Kathryn & Stuart Immonen, Moving Pictures, NPE.

Un bianco e nero quasi cinematografico per narrare l’ambiguo rapporto tra un ufficiale nazista è una curatrice di museo sullo sfondo di un’autentica realtà storica, come la salvaguardia delle opere d’arte nella Francia della Seconda Guerra Mondiale.

 

Benito Jacovitti, Jacovitti proibito Kamasultra, NPE.

Tornano in edizione critica, quasi filologica, le immagini del grande illustratore, comico, vignettista (1923-1997), immagini che, a livello di contenuti, non sono certo quelle del mitico Diariovitt, ma che stemperano comunque la presunta volgarità in un quadro d’assieme goliardico e poeticamente boccaccesco.

 

Giancarlo Macrì, Carolina Zanotti, Puntino, Nui Nui.

Marito e moglie, italiani, comico lui, giornalista lei, per un editore svizzero compongono una poeticissima vicenda contemporanea – con uno stile degno di un Bruno Munari – che è anche un invito all’accoglienza e alla condivisione.

 

Koren Shadmi, Abaddon, NPE.

Libro americano in tutti i sensi: dalla stupenda veste grafica (e tipografica) fino alle vicende gotiche, horror, surreali che prendono vita in un luogo claustrofobico, forse a metaforizzare la salute collettiva degli Stati Uniti nel XXI secolo.

 

Mugabo Uwihanganye, Jean Claude Mandatville, Giro del mondo attraverso la fiaba, Mimep-Docete.

Un libretto illustrato con disco allegato (voce narrante in quattro lingue, più musiche del pianista jazz Dado Moroni) facente parte della collana ‘La rosa di Santa Teresa’ impegnata a propore una nuova pedagogia della fiaba.

 

Laura Pariani, Per me si va nella grotta oscura, Edizioni Didattica Attiva.

Altro volume pedagogico multimediale intento a illustrare l’Inferno dantesco con il supporto dei testi originali e delle filastrocche di Gianni Rodari, più le illustrazioni di Paolo Mottura e le musiche (in CD) del gruppo Malecorde.

 

Dante Alighieri, Don Alemanno, La Divina Commedia quasi mille anni dopo. Inferno I, Magic Press.

Ancora Dante, ma per adulti: una parafrasi del sommo Poeta, dove in realtà le vignette fanno solo da contorno a un testo fra il serio e il faceo.

 

Lina Maria Ugolini, William Shakespeare e la tempesta del guanto mascherato, Rue Balu Edizioni.

Il libro, assai bene illustrato da Pia Valentinis, è guida al grande drammaturgo per lettori giovanissimi; forse non è proprio una graphic novel, ma un classico volume per l’infanzia, anche se c’è da chiedersi come sarebbe senza questi dieci-vent’anni di ‘poemi a fumetti’ in Italia.

 

Cfr.:

  1. VV., Bob Dylan Revisited, Arcana.
  2. VV., Graphic novel. La Lettura, Fondazione Corriere della Sera.

Alighieri Dante, Alemanno Don, La Divina Commedia quasi mille anni dopo. Inferno I, Magic Press.

Baron Paolo, Carbonetti Ernesto, Punk Is Dead, 80144 Edizioni.

Barthe Hugues, L’estate ’79, Edizioni Clichy.

Bertelli Diego, Silvia Rocchi, I giorni del vino e delle rose, Valigie Rosse.

D’Angelo Marco, Di Nicola Fabrizio, Bruce Springsteen. Spiriti nella notte, NPE.

Immonen Kathryn & Stuart, Moving Pictures, NPE.

Jacovitti Benito, Jacovitti proibito Kamasultra, NPE.

Macrì Giancarlo, Zanotti Carolina, Puntino, Nui Nui.

Maggioni Paolo, Barzi Davide, Castelluccio Davide, Giacinto Facchetti. Il rumore non fa gol, Becco Giallo.

Ottaviani Jim, Un pensiero abbagliante, Sironi per la scuola.

Papadatos Alecos, Kawa Abraham, DiDonna Annie, Democracy, Guanda Graphic.

Pariani Laura, Per me si va nella grotta oscura, Edizioni Didattica Attiva.

Polito Alessandro, Herr Kompositor. Scrivi una canzone, Curci Young.

Sapin Mathieu, Manuale per vincere le elezioni, Bao.

Shadmi Koren, Abaddon, NPE.

Simmat Benvisto, Caut Vincent, Il club dei super economisti, Edizioni Clichy.

Ugolini Lina Maria, William Shakespeare e la tempesta del guanto mascherato, Rue Balu Edizioni.

Uwihanganye Mugabo, Mandatville Jean Claude, Giro del mondo attraverso la fiaba, Mimep-Docete.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...