Le voci per un presepe di Rocco Nigro e Wilma Vedruccio

img_1884
di Guido Michelone

L’editore Kurumuny di Martignano (Lecce) nella collana ‘Voci Suoni Ritmi della Tradizione’ presenta un libricino con cd allegato, dove, grazie ai curatori Nigro e Vedruccio, si offe all’ascolto e alla lettura un repertorio popolare che tratta la Natività in ogni aspetto, dall’invocazione religiosa alla convivialità di una festa di speranza e di rinascita, dall’antropologico rito di passaggio al canto di questua di remote origini; si tratta insomma di un’antologia di brani sia di tradizione sia d’autore, che vengono affidati a una lunga schiera di virtuosistici interpreti folk della scena musicale salentina.
«C’era una volta il Natale», scrive Raffaele Gorgoni nella prefazione all’opera. «C’era una volta un’idea del mondo e il Natale era uno dei cardini sul quale quell’idea ruotava». Anche per chi oggi vive tempi di realistico disincanto o di amaro esercizio verso una sorta di razionalità, il presepe e le sue figure di cartapesta conservano l’arcano inspiegabile potere di risvegliare la memoria del cuore: il ricordo incantato di colori, sapori, profumi e suoni delle feste dell’infanzia, quando «era pratica familiare che tramandava saperi e pupi».
Voci per un presepe è dunque un canto corale, in cui diversi armoniosi linguaggi, «legati dal senso dell’umano che si affaccia sulla soglia del divino», si fondono a raccontare un avvenimento millenario, che resta parte imprescindibile della memoria storica occidentale. Le parole di Wilma Vedruccio, le tavole di Marco Musarò, la musica di Rocco Nigro restituiscono al lettore/ascoltatore un Presepe dei Semplici, per trovare il bandolo, linguistico e musicale, che attinga il senso dell’originaria espressione devozionale. Ecco quindi spiegati – soprattutto nel disco – la vita di dodici personaggi erranti, orchestrati dall’affabulante lirica prosa di Wilma e dagli arrangiamenti quasi etnici di Rocco per un esito complessivo dalle atmosfere davvero arcane, magiche e seducenti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...