Luigi Maria Corsanico legge Charles Baudelaire

da qui

da qui

Charles Baudelaire

Elevazione

Traduzione di Marcello Comitini
da “Spleen e Ideale”, in “I fiori del male”
Lettura di Luigi Maria Corsanico
Adagio – Domenico Zipoli (extrait)
Hautbois: Pierre Pierlot, violoncelle: Bernard Fonteny,
orgue: Anne-Marie Beckensteiner,
ORCHESTRE DE CHAMBRE JEAN-FRANCOIS PAILLARD,
CONDUCTOR: Jean-Francois Paillard
Fotografie di L.M.Corsanico

***********************************************************************

III.

Al di sopra di laghi e di montagne,
del mare, dei boschi e delle nuvole,
al di sopra del sole, oltre lo spazio,
al di là dei confini delle sfere celesti
navighi, mio spirito con agilità.
Nuotatore eccellente che gode dell’onda,
solchi allegramente l’immensità profonda
con un’indicibile e maschia voluttà.
Innàlzati ben lontano dai miasmi pestiferi
vai a purificarti nell’aria superiore,
e bevi, come liquore puro e divino,
il limpido fuoco degli spazi cristallini.
Abbandonando le noie e le profonde tristezze
che rendono pesante l’esistenza brumosa,
felice colui che può con ali vigorose
slanciarsi verso campi luminosi e sereni,
colui i cui pensieri, simili alle allodole,
liberi si slanciano verso i cieli al mattino,
– chi plana sulla vita e comprende senza sforzo
il linguaggio dei fiori e delle cose mute!

****************************************************************

Charles Baudelaire

Élévation

Les Fleurs du mal

“Spleen et Idéal”
Éditeur Auguste Poulet-Malassis, 1857
Lu par Luigi Maria Corsanico

III.

Au-dessus des étangs, au-dessus des vallées,
Des montagnes, des bois, des nuages, des mers,
Par-delà le soleil, par-delà les éthers,
Par-delà les confins des sphères étoilées,
Mon esprit, tu te meus avec agilité,
Et, comme un bon nageur qui se pâme dans l’onde,
Tu sillonnes gaiement l’immensité profonde
Avec une indicible et mâle volupté.
Envole-toi bien loin de ces miasmes morbides;
Va te purifier dans l’air supérieur,
Et bois, comme une pure et divine liqueur,
Le feu clair qui remplit les espaces limpides.
Derrière les ennuis et les vastes chagrins
Qui chargent de leur poids l’existence brumeuse,
Heureux celui qui peut d’une aile vigoureuse
S’élancer vers les champs lumineux et sereins;
Celui dont les pensers, comme des alouettes,
Vers les cieux le matin prennent un libre essor,
– Qui plane sur la vie, et comprend sans effort
Le langage des fleurs et des choses muettes!

11 pensieri su “Luigi Maria Corsanico legge Charles Baudelaire

  1. Le cose mute, la colonna sonora della vita.
    Versi che infondono speranza e senso di libertà. Una possibilità di vero riscatto dall’oppressione delle umane afflizioni.
    Preziosa, grazie.

    Liked by 4 people

  2. ringrazio Marcello per la traduzione e Luigi Maria per la splendida dizione di questi versi che dovrebbero con la loro sostanza permeare le nostre quotidianità,mentre invece lo spirito è costantemente provato da bel altre sollecitazioni…io nel mio piccolo mi ritaglio spazi della giornata proprio in funzione di questo tentativo e qualche volta ci riesco pure, e da lì mi accorgo quanto il mondo si sia allontanato dai valori primari importanti

    Liked by 2 people

  3. Spiritualità voluta cercata scelta ahimè prepotentemente venata di richiami carnali urlati dalle gabbie del piacere, serva e prona non conosce il volo libero come l’albatro illuso . La sofferenza graffia le corde del nostro speaker e la sua sensibilità. E’ poesia.

    Liked by 4 people

  4. Sì, poesia bellissima, ma se ho capito bene il commento altrettanto bello di “Gum”, totalmente astratta, nel senso di irreale, irrealizzabile, estranea all’umana materialità. Meschino l’essere umano che facesse di tali versi il proprio obiettivo di vita. Miasmi pestiferi, noia, profonda tristezza, siamo noi, trattenuti da gabbie del piacere apparentemente superflue. Certo siamo anche molto altro, ma la formula chimica della nostra essenza comprende anche gli atomi di tali elementi della vita. Deve comprenderli, proprio per sentire a il bisogno di innalzare il nostro sguardo e desiderio verso astrazioni alte, spirituali, oniriche. Perché il nostro essere meravigliosi comprende anche, appunto, la… poesia.

    Liked by 3 people

  5. L’ala leggera dello spirito permette di volare leggeri sui miasmi della vita…dall’alto la prospettiva è diversa, e tutto si ridimensiona e si colora di eternità.
    Ho sempre amato questa poesia, che bello sentirla interpretata così bene, e in entrambe le lingue!
    Grazie!

    Liked by 4 people

  6. Ringrazio il bravissimo Luigi Maria Corsanico per questa splendida lettura (come del resto sono splendide tutte le letture che ci offre). Lo so, che sono in ritardo, che avrei dovuto ringraziarlo molto prima, ma purtroppo WordPress non ha un sistema efficiente di comunicazione e diffusione. Mi scuso con Luigi Maria, e come già fatto altre volte ancora lo ringrazio delle sue sempre appassionate e competenti letture.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...