Luigi Maria Corsanico legge Bertolt Brecht

da qui

Bertolt Brecht
Ricordo di Marie A.
(Erinnerung an die Marie A.)
Lettura di Luigi Maria Corsanico

(Traduzione di Roberto Fertonani)
da Poesie d’amore del ‘900, a cura di Paola Decina Lombardi, A. Mondadori Editore, 2005

Claude Debussy : Beau Soir
Indulis SUNA – violin, Ilga SUNA – piano

Dipinto di Eugène Carrière

1

Un giorno di settembre, il mese azzurro,

tranquillo sotto un giovane susino

io tenni l’amor mio pallido e quieto

tra le mie braccia come un dolce sogno.

E su di noi nel bel cielo d’estate

c’era una nube ch’io mirai a lungo:

bianchissima nell’alto si perdeva

e quando riguardai era sparita.

2

E da quel giorno molte molte lune

trascorsero nuotando per il cielo.

Forse i susini ormai sono abbattuti:

Tu chiedi che ne è di quell’amore?

Questo ti dico: più non lo ricordo.

E pure certo, so cosa intendi.

Pure il suo volto più non lo rammento,

questo rammento: l’ho baciato un giorno.

3

Ed anche il bacio avrei dimenticato

senza la nube apparsa su nel cielo.

Questa ricordo e non potrò scordare:

era molto bianca e veniva giù dall’alto.

Forse i susini fioriscono ancora

e quella donna ha forse sette figli,

ma quella nuvola fiorì solo un istante

e quando riguardai sparì nel vento.

7 pensieri su “Luigi Maria Corsanico legge Bertolt Brecht

  1. Colpisce la presenza potente e leggera della nuvola, dall’alto.
    Dettagli della vita da cogliere con attenzione, amore che si fa presenza agli occhi che riescono a scrutare nell’oltre.

    Grazie!

    Liked by 1 persona

  2. Ritorna la parola “forse” in questo bellissimo pezzo. L’amore, troppo bello per essere vero a volte ci fa dubitare della sua stessa esistenza.
    Grazie sempre per queste belle emozioni.

    Liked by 1 persona

  3. detesto Brecht, ma questa poesia è innegabilmente bella (al posto del vento, nel verso conclusivo, avrei preferito l’aria.

    Mi piace

  4. Preziosa riflessione che recita la precarietà dell’amore umano, destinato a sparire al primo soffio di vento, senza lasciare traccia. Certezza invece che al di sopra delle nuvole quello spirituale si sublima di eternità.

    Liked by 3 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...