96. Altri segreti


Maggio era arrivato. Il centenario di Fatima entrava nel vivo, dopo tanta attesa, e noi preparavamo i nostri cuori agli eventi preannunciati, ben sapendo che non c’erano date da tenersi per sicure, né vicende scontate, ma solo la fiducia assoluta nell’azione del Signore, l’apertura del bambino che non sa, e ha tutto da imparare. Intanto il Cielo lavorava nella nostra terra accidentata: dall’ultima presa di coscienza sul senso profondo dell’umiliazione, che avevamo deciso non solo di accettare, ma di abitare con gioia, eravamo approdati al cuore del Vangelo, riassunto in uno dei messaggi della Gospa: “Avrà la pace vera solo chi, nel suo prossimo, vede e ama mio Figlio”. Non era facile: non solo scorgerlo in noi stessi, ma anche nelle persone che tutto parevano incarnare tranne il volto, l’opera, il pensiero di Gesù. Ma come eravamo pazienti per il nostro cammino personale, come sapevamo perdonarci inciampi e passi falsi, inevitabili nella via della fede, così dovevamo dare agli altri, a tutti, la possibilità di aprirsi al Progetto, fino all’ultimo respiro, riconoscendo che il giudizio decisivo spetta solo a Dio. La pace: era questo il bene supremo, che si stagliava sempre più nitidamente sull’orizzonte oscuro degli accadimenti, l’estremo appello rivolto dal Signore a un’umanità scivolata su altri piani, chiusa nel bozzolo oppressivo dell’io incapace di donarsi. Ed era maggio, il mese di Maria: ci sembrava di vedere il suo sguardo, di sentire la sua mano posata su di noi, la sua voce inconfondibile, in mezzo ai rumori del tempo che correva.

3 pensieri su “96. Altri segreti

  1. Ecco, il tempo designato è arrivato,tocca a noi, non si può prorogare,non possiamo tirarci indietro,delegare la generazione futura;se passiamo la mano rischiamo di non trovare più’ nessuna ‘anima viva’ per coglierla.
    L’annuncio del centenario ci vede coinvolti ,ed i messaggi dei tempi recenti continuano a sollecitarci…
    “E i Cieli si aprirono su di noi e vedemmo
    apparire il SIGNORE nella SUA GLORIA”
    La nostra guerra la possiamo vincere soltanto “con le tre sole cose che restano:’La Fede la Speranza e l’AGAPE”..ed in quella preghiera ripetitiva
    rivolta a LEI,la REGINA della PACE.
    Quella Pace nel nostro essere più profondo,che possiamo ottenere e gustare volgendo lo sguardo a quel SANTO VOLTO,il volto di COLUI che già inchiodato su quel LEGNO volle prendere su di SÉ il peccato del mondo….
    e all’Alba della DOMENICA vinse la Morte!…
    E venne La LUCE in mezzo a noi,e le tenebre non l’hanno sconfitta.

    Mi piace

  2. “……E noi confidiamo pienamente in Voi, ci gettiamo ai Vostri piedi ci abbandoniamo come deboli figli tra le braccia della più tenera fra le madri…
    Supplica alla Madonna di Pompei

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...