La poesia delle Guerre Stellari

Intorno al libro Star Wars. L’epoca Lucas

di Guido Michelone

 

C’è un volume uscito di recente, dal titolo Star Wars. L’epoca Lucas, sottotitolo “I segreti della più grande saga postmoderna”, scritto da Giorgio Ghisolfi per le milanesi edizioni Mimesis, nella prestigiosa collana “Il caffè dei filosofi” che fa luce, come nessun altro testo finora pubblicato (rilevandosi, dunque, come il saggio più esaustivo sull’argomento), sul tema delle Guerre Stellari, intese come una serie di film che dalla fine degli anni Settanta a oggi hanno rinnovato completamente sia il genere science fiction sia l’immaginario collettivo americano (e di conseguenza mondiale).
Dal 1977, anno del punk e di tante altre rivoluzioni culturali, il regista e produttore George Lucas, già firmatario di pellicole sia cult sia da box office, presenta il primo omonimo Star Wars, la cui poesia intrinseca sembra destinata a cambiare il corso della storia del cinema sia hollywoodiano sia planetario. Tale magia viene generata da un autore allora giovane, in grado di mescolare al meglio, in circostanze anche fortunate, le tensioi positive della società americana, l’affacciarsi repentino di inedite tecnologie, la voglia spassionata di un mondo migliore, l’entusiasmo frenetico della circostante generazione post-adolescenziale.

A questo punto, Ghisolfi indaga su quali possano essere i segreti reconditi del successo planetario della saga medesima, spiegando via via perché Lucas crei Luke Skywalker, cosa sia l’Expanded Universe, come si realizzi la spada laser, cosa c’entrino i disegni animati con questi film, quando nascano la computer animation e gli attori digitali. Ghisolfi dunque analizza puntigliosamente da un lato il complesso universo costituito in origine dall’esalogia e dall’Universo Espanso e dall’altro lato l’eclettica figura di George Lucas negli stretti legami con la società nordamericana, con la cultura novecentesca, con il cinema animato, con gli effetti speciali, con l’arte moderna, con i simboli archetipi.

L’Epoca Lucas individua, alla fine, un momento fondante nell’iter della cinematografia: nell’incontro fra mitologia e informatica si assiste all’esordio del film postmoderno e dell’immagine digitale. Numerose immagini grafiche e fotografiche, una cronologia generale comparata, un esauriente glossario tecnico e un’appendice sui primi due film prodotti sotto la gestione Disney completano un libro indispensabile per conoscere e apprezzare quella che può definirsi la poesia delle Guerre Stellari.

 

Ghisolfi Giorgio, Star Wars. L’epoca Lucas. I segreti della più grande saga postmoderna, Mimesis Edizioni, Milano 2017, pagine 328, €. 22,00.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...