Vita Punskaja, “Miniature”, traduzione di Francesca Tuscano


Mentre te ne vai per strada, nel buio limaccioso,

Mentre disegni piccoli cuori, su di un vetro sporco,

Dimmi cosa cerchi su questa terra,

Cos’è che affonda nella superbia, nella menzogna, nel male …

***

Ognuno sulla terra è un pellegrino …

Ognuno veste il suo trucco …

Quante parole vuote che diciamo …

La strada è importante – ma verso di te … non verso Roma …

***

Il nostro mondo è una barca che si muove …

Solleva i confini del mare,

E dietro l’arabesco del vivere

Vedrai l’amore … Il tuo …

***

Dopo aver abbandonato la sala delle menzogne

Perdendomi nel merletto delle costellazioni,

Infilo piccole perle di notti

Lungo il filo dell’eternità .. E aspetto buone notizie …

***

Nei momenti del potere senza limite,

All’intelletto, che desidera in eterno,

Dedico una passione fredda –

Io gioco alle perle di vetro … Giorno dopo giorno …

***

Crescerà la schiuma dei giorni che passano …

La mente sarà più acuta … L’anima più intelligente …

Il mutare notturno dei fuochi del giorno

Scoprirà il segreto … E tu annegherai in esso …

***

Ricordi i primi gradini dell’infanzia?

Il gioco delle ombre sulla parete ..

Ma, forse, siamo noi delle semplici ombre sulla terra,

Tridimensionali proiezioni verso un fuori …

***
Vita Punskaja ha vissuto a Nižnyj Novgorod, San Pietroburgo e Mosca, ma anche lungamente a Mantova. Si è laureata in Lettere all’Università Linguistica Dobroljubov di Nižnyj Novgorod, e ha studiato storia della filosofia orientale e occidentale, e psicologia della religione. Parla italiano, inglese, francese e spagnolo, e traduce da queste lingue. Ha lavorato come interprete in russo, italiano e inglese per conto d’importanti aziende internazionali. Nel settore della pubblicità ha realizzato diversi slogan in lingua russa e italiana. Durante viaggi e soggiorni in vari paesi, ha avuto modo di approfondire la conoscenza di diverse religioni: l’Induismo negli ashram indiani, il Buddismo nei monasteri thailandesi, il misticismo europeo in Francia, Spagna, Italia e Germania. Si è quindi laureata anche in Scienze Religiose presso una diocesi lombarda, con una tesi dal titolo Esperienza mistica nel cristianesimo. Dal 2001 scrive opere di prosa e poesia pubblicate da diversi giornali e riviste russe. Dopo aver pubblicato poesie e racconti su giornali e riviste russe, ha scritto il suo primo romanzo, intitolato Lodočnik (Uomo di mare) e pubblicato nel 2008, alcuni capitoli del quale sono stati pubblicati in Internet.

La piccola serie di Miniatjury (Miniature) è centrata sull’esperienza del misticismo, basilare nella formazione e nell’esperienza esistenziale della Punskaja. Attraverso una forma attestata nella poesia russa ma che rimanda anche, immediatamente, alla sintesi buddista dell’haiku, la poetessa esprime sentite percezioni e riflessioni sul cammino di vita proprio e dell’intera umanità. La potenza che nasce dall’incontro della spiritualità orientale (a partire da quella ortodossa) e occidentale, si manifesta nitidamente attraverso un registro formale conciso e cristallino. Solo il piccolo riesce a riflettere realmente il grande. Questo ci hanno insegnato i grandi mistici, con i loro esempi di umiltà e di (complessa) semplicità. Questo si legge nelle Miniature di Vita Punskaja.

(Francesca Tuscano)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...