La poesia di Billie Holiday


Attorno alla graphic novel Blues for Lady Day

di Guido Michelone

La graphic novel è un genere nuovo che, da qualche anno, trova nella musica jazz una fonte ispirativa notevole – in Francia ad esempio c’è una collana intera, BD Jazz Edictions Niocturne, dedicata ai grandi jazzisti raccontati dai migliori cartoonist locali – essendo il disegno a fumetti particolarmente indicato (come trame, forme, inquadrature, colori, scene) nel tratteggiare su tempi lunghi le vite dei musicisti nel privato o a contatto con il pubblico. Anche il trentasettenne Parisi già con il precedente Coltrane del 2009 (ristampato ora con una nuova quarta di copertina) si inserisce brillantemente in questo discorso, giacché il debutto del libro aveva fatto il botto, come provano le traduzioni in diversi Paesi europei, asiatici, sudamericani: e ci sono tutte le premesse per un felicissimo riscontro internazionale anche per questo Billie Holiday fresco di stampa. Tirare in causa Lady Day è andare sul sicuro almeno in apparenza, perché la cantante afroamericana (1915-1959) vanta ovunque il maggior numero di biografie, saggi, inchieste, romanzi, poemi e un’altra importante graphic novel d’autore (‘mmm). Di fronte a tale concorrenza, però, il libro di Parisi riesce nell’intento, proponendo un racconto visivo azzeccato, grazie a un racconto per immagini che emana subito intelligenza e originalità, nelle tecniche e nei contenuti. Partendo dei titoli di otto celebri brani interpretati dalla Holiday, nel corso del tempo, Parisi presenta altrettanti episodi fondanti della carriera artistica e del tran tran esistenziale, in cui talvolta si mescolano dramma e tragedia, euforia e depressione, successo popolare e valore artistico. Particolarmente toccanti i capitoli che riguardano il sax tenore Lester Young e il talent scout John Hammond ai quali la vocalist deve molto sul piano della valorizzazione umana.

Paolo Parisi, Blues for Lady Day, Coconino Press Fandango, Roma, pagine 112, euro 17,00.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...