L’altra faccia


Proviamo a metterci dall’altra parte. Il mondo è qualcosa da distruggere; bisogna seminare zizzania, criticare con malignità, smontare il lavoro del prossimo, insinuare dubbi sulla buona fede. Programmare a tappeto una campagna di truffe, inganni, seduzioni: sembrare, ma non essere; fingere di collaborare, ma spargere sospetti e favorire delazioni; trasformare pettegolezzi, chiacchiere e calunnie in pane quotidiano, fino a minare l’integrità delle persone e dei gruppi, delle società, del mondo. Cercare i primi posti, farsi largo con le buone, le cattive e le pessime, non lasciare mai spazio né ascoltare, respingere ogni forma di dialogo e confronto. Mettere i bastoni tra le ruote, rendere impossibili gesti e pensieri di fiducia, d’incontro, di adesione. Pensare male ogni volta che si può e anche quando tutto dimostra il contrario, negare l’evidenza, misconoscere qualsiasi merito altrui solo perché altrui, distribuire generosamente invidie, gelosie, antagonismi, ogni forma di ostilità e sopraffazione, e poi urlare, straparlare, infastidire in ogni modo e luogo, come se di male non ce ne fosse mai abbastanza, e opprimere, schiacciare, stritolare con opere e parole, trasformare la Terra in un trivio irrespirabile, rovinare reputazioni ed esistenze, ignorare, irridere, esporre ingiustamente al pubblico ludibrio, disprezzare il deposito eternamente giovane della tradizione in nome di un “nuovo” vecchio e rancido come il peccato.
Questo è il pensiero del demonio. È lo scenario contemplato dall’altra parte della barricata. Si sconsiglia vivamente di allungare una mano, di sfiorare anche il minimo dettaglio, la più nascosta pennellata di questo disegno alternativo: ci si potrebbe trovare risucchiati nell’altra faccia del pianeta, quella che la sana teologia definisce ancora oggi “inferno”.

4 pensieri su “L’altra faccia

  1. Vorrei,
    E l’altra faccia,
    ma perché non completare il quadro in una trilogy mettendo come primo atto proprio ‘e vissero felici e scontenti’?!? (consentimi N&N)
    Sembra il crescendo  di un’ opera lirica,dove la musica esplode verso  un finale trionfante sia nel lieto fine del libretto che nel ridondante suono che l’accompagna,dove vieni travolto dalla forza di quella musica che da il senso, appunto,al trionfo gioioso del lieto fine..!!!
    …ma qui, però,  avviene tutto al contrario, tutto verso la direzione opposta alla Bellezza,alla Bontà,alla Verità.
    Ognuno è libero di scegliere quale direzione prendere; È il bello di una Fede che LUI ci propone, e non impone.
    Certi soggetti,con certi comportamenti,non si stanno scavando la fossa,…ci sono già dentro! e sembra proprio che ci si trovino a lora agio, e ci sguazzano, vista la  buona lena con cui si prodigano in certi esercizi;…
    Io nel mio piccolo cercherò di non sporgermi troppo per non rischiare di trovarmi ,mio malgrado, ad allungare la mano,
    come dentro ‘la bocca della verità …non si sa mai !

    Liked by 1 persona

  2. (P.s.)
    chiaramente allora,(come oggi in determinate circostanze!!!) il “boia incaricato ” nascosto nel retro del ‘mascherone’ era già stato istruito di volta in volta dal ‘giudice’ su quale disgraziato intervenire per il “trattamento”… (come oggi in determinate circostanze)!!!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...