Imagine


Penso a cosa sarebbe il mondo, se non ci fossi Tu, se gli atei avessero ragione, se tutto fosse emerso per caso, per una serie di azioni e reazioni sprigionatesi dal nulla. Un mondo materiale, in cui parole come anima, fede, vita eterna fossero l’armamentario di poeti e sognatori, buoni solo a far sorridere un pubblico distratto. Penso, per un attimo, a una vita che finisse con la morte, in cui nulla restasse della nostra essenza di persone, in cui al massimo si potesse conservare la memoria delle nostre azioni. Mi metto nei panni di chi combatte battaglie che dovrà lasciare a terzi, di cui non vedrà l’esito, così come di certi progetti; che entrerà a far parte della terra come cellula dispersa in altra materia, in un oblio completo della propria coscienza. Penso al fatto che dovrei concentrare tutto in pochi anni: affetti, relazioni, piani esistenziali, scritture e letture, opere benefiche, campagne politiche di liberazione o promozione umana, sapendo che di tutto questo non saprò più nulla, non mi riguarderà mai più, come se non fosse stato, e tutto ciò che ho vissuto equivalesse al sogno di una notte agitata, senza il dolce risveglio dall’incubo dissolto.
Penso a questo e sono ancora più felice di essere cristiano, di avere un Dio che da sempre crede in me, mi dona un mondo da vivere, in attesa di un Regno dove sarò felice con Lui e con coloro che in Lui si sono scoperti anima, fede, vita eterna. Penso che l’ateismo, grazie a Dio, sia una cosa che non fa per me. E che forse, in fondo in fondo, non faccia per nessuno.

8 pensieri su “Imagine

  1. Da molti anni ho perso la fede in Dio, caro Fabrizio, ma non nel sacro che è una dimensione anche interna. Nutro una profonda “invidia” ( parola grossa che non ho mai semtito mia) per chi ce l’ha. Io non ci riesco più. Tutto quanto scrivi è vero, lo provo tutti i giorni sulla pelle. Vogliami bene ugualmente. Puoi? Ci tengo alla tua-nostra-amicizia. Ho voluto confessarti questo mia verità, ne sentivo il bisogno. Grazie.

    Liked by 1 persona

  2. a maggior parte degli uomini di oggi non sono tanto atei o non credenti quanto increduli. Ma colui che è incredulo non è fuori dalla sfera della religione. Lo stato d’animo di chi non appartiene più alla sfera del religioso non è l’incredulità ma l’indifferenza, il non saper che farsene di queste domande. Ma l’indifferenza è veramente la morte dell’uomo.
    (Norberto Bobbio)

    Liked by 2 people

  3. “E che forse, in fondo in fondo, non faccia per nessuno”

    L’ateismo, quando è radicale, è di fatto una vera e propria fede nel nulla, perché la ragione non può escludere con certezza l’esistenza di Dio.
    In effetti, è una scelta sorprendente quella di dare liberamente e consapevolemente alla morte l’ultima parola.

    Liked by 2 people

  4. Penso che non faccia per nessuno l’egoismo, lo sguardo circoscritto su di sé, che non si allunga nell’altro e nella speranza. E’ come rovinare e perdersi uno spettacolo: quello degli infiniti colori dell’essere.

    Liked by 3 people

  5. Chiarimento di Jan Twardowski
    Non sono venuto a convertirla, Signore,
    del resto tutte le prediche sagge mi sono uscite di mente.
    Da tempo ormai sono spoglio di splendore
    comeun eroe  al rallentatore.
    Non le farò venire il latte alle ginocchia
    chiedendo cosa ne pensa di Merton
    e discutendo non la rimbeccherò come un tacchino con la goccia rossa al naso.
    Non mi farò bello come un germano reale ad ottobre,
    non le verserò all’orecchio la teologia col cucchiaino.
    Mi siederò soltanto accanto a lei
    e le confiderò il mio segreto:
    che io, un sacerdote credo
    a Dio come un bambino!
    Padre Ermes Ronchi

    Liked by 1 persona

  6. …ed io sacerdote,credo a Dio come un bambino!…
    …che non è come credere o non credere a babbo natale o alla befana!
    Si tratta di credere o meno a quella “Epifania” dove il ”Mistero” viene svelato,
    anzi ci viene rivelato.
    Se poi a noi fa comodo tenerlo lì, in un cassetto,per tirarlo fuori al momento del bisogno…allora non è vero che non ci crediamo….;forse ci impegna troppo “frequentarlo” ,o ingombra ,a volte,i nostri personali progetti (dove magari rappresenta l’intruso da evitare!!!)…
    Se VOGLIAMO crederci ,fino in fondo,
    in quell’inventario di ogni personale programma, lasciamogli lo spazio per il ruolo che GLI compete…Forse,affidandoci alla Sua Opera,alla SUA partecipazione,ogni nostro progetto arriverà a buon fine!..
    …si,come un socio in affari…in affari di CUORE!

    Liked by 1 persona

  7. … al massimo si potesse conservare la memoria delle nostre azioni…
    “Al massimo”?; se solo il mondo riuscisse invece a considerare questa ipotesi “il massimo”; il massimo per ognuno singolarmente e il massimo per l’umanità intera. Ognuno, forse, cercherebbe di essere una persona migliore, di vivere solo costruendo la sicurezza di lasciare buoni ricordi di sé. E se tutti ci sforzassimo in questa direzione, pensate che mondo migliore si avrebbe generazione dopo generazione. Peccato che così tante persone preferiscano fantasticare su improbabili prosecuzioni esistenziali ultraterrene, invece di contribuire alla costruzione di un paradiso per tutti nell’attimo spazio temporale che abbiamo a disposizione. Sono sinceramente felice di credere in tutte le potenzialità di questa vita.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...