Desideri


Mettiamo che non ci fossero i preti. Che il sacro fosse bandito. Che proibissero di parlare di Dio. Chi venisse trovato in possesso di una Bibbia, verrebbe passato per le armi, senza accesso al sacramento della confessione. Non ci sarebbero chiese, templi, simboli anche solo vagamente collegati a realtà trascendenti. Non si potrebbe pregare, perché leggerebbero i pensieri, né compiere alcuna attività connessa, magari con fili sottilissimi, alla prassi religiosa: fare l’elemosina, organizzare una lotteria benefica o una fiera del dolce. Sarebbe interdetto parlare male di qualcuno, diffondere pettegolezzi, dire guarda questo e guarda quello, in quanto abitudini diffuse in contesti religiosi, com’e noto. S’impedirebbe d’iniziare un discorso con cari fratelli e di concluderlo con sia lodato Gesù Cristo. Nessuno potrebbe pentirsi, sperare, perdonare, dire Oddio!, congiungere le mani, benedire, chiedere una cosa a una suora – non ci sarebbero suore – , fermarsi davanti a un’edicola della Madonna – non si troverebbero più edicole, forse nemmeno di giornali, e certamente sparirebbero Famiglia Cristiana, il Bollettino Salesiano e gli Araldi del Vangelo. Proibirebbero di credere in qualunque cosa: nell’onestà dei politici o in una vita dopo la morte.
In quel giorno, il desiderio di andare a messa, di dire un Padre Nostro, di affidarsi a Dio, sarebbe così forte che qualcuno potrebbe morirne, approdando in paradiso senza permessi, concessioni o certificati da esibire. Solo perché lo desidera davvero.

6 pensieri su “Desideri

  1. …e magari,arrivati LASSÙ, trovarsi davanti l’uscire travestito da s.PIETRO che per aprirti quella porta ti chieda “un’autocertificazione”!!! vidimata dal
    Ufficio pubbliche relazioni…
    (e che relazioni!!!)

    Mi piace

  2. Io desidero te, soltanto te il mio cuore lo ripete senza fine.
    Sono falsi e vuoti i desideri che continuamente mi distolgono da te.

    Come la notte nell’oscurità cela il desiderio della luce, così nella profondità della mia incoscienza risuona questo grido: “Io desidero te, soltanto te”.

    Come la tempesta cerca fine nella pace, anche se lotta contro la pace con tutta la sua furia, così la mia ribellione lotta contro il tuo Amore eppure grida: “Io desidero te, soltanto te”.
    R. Tagore

    Liked by 2 people

  3. Quanto sei contestabile Chiesa…
    […]Quando ero giovane non capivo perché Gesù, nonostante il rinnegamento di Pietro, lo volle capo, suo successore, primo Papa- Ora non mi stupisco più e comprendo sempre meglio che avere fondato la Chiesa sulla tomba di un traditore, di un uomo che si spaventa per le chiacchiere di una serva, era un avvertimento continuo per mantenere ognuno di noi nella umiltà e nella coscienza della propria fragilità.

    […]E’ come se il male non avesse potuto toccare la profondità più intima dell’uomo. E’ come se l’Amore avesse impedito di lasciar imputridire l’anima lontana dall’amore.

    […]In questo, Dio è veramente Dio, cioè l’unico capace di fare le “cose nuove”.
    Perché non m’importa che Lui faccia i cieli e la terra nuovi, è più necessario che faccia “nuovi” i nostri cuori.
    E questo è il lavoro di Cristo.
    E questo è l’ambiente divino della Chiesa.
    Fratel Carlo Carretto

    Liked by 2 people


  4. Ogni consesso umano racchiude in sé il bene e il male.
    Su quello religioso si potrebbe dire una serie di cose più o meno scontate: che, ad esempio, senza le religioni non esisterebbero più guerre sante, cosa non da poco viste le migliaia di morti che ancora oggi si contano in tutto il mondo. Ma ci si potrebbe anche chiedere: senza la fede in Dio, l’infinita schiera di missionari sparsa per i continenti, troverebbe ugualmente la forza di aiutare e assistere ovunque poveri e malati? E ancora: è un fatto che senza gli oratori milioni di bambini non avrebbero dove incontrarsi e giocare, ma si può anche affermare – lo dicono le cronache – che senza gli educatori religiosi una piccola percentuale di quegli stessi bambini non sarebbe rimasta vittima di pedofilia.
    Gli esempi e i paragoni tra il bene e il male legati alla religione potrebbero essere infiniti e, utilizzando una bilancia solo razionale, si potrebbe arrivare alla conclusione che, effettivamente, sarebbe meglio vivere senza: salveremmo le sicure vittime di guerre e pedofili e potremmo comunque sperare che missionari e moltissimi bravi educatori riescano lo stesso a esprimere il buono che di sicuro risiede in loro per vocazione.
    Del resto, la parte di vita che ho vissuto l’ho passata ritenendo che saper esprimere solo misericordia e carità, amore gratuito e fine a se stesso, valga più dell’amore espresso solo se in associazione con il credere e lo sperare.
    Tuttavia, è chiaro che, ove si parli di religione, non sia quello razionale il punto di vista che interessa. Del resto, io stesso non posso negare l’esigenza legata a un desiderio, un desiderio del tipo insopprimibile. Nel mio piccolo, ad esempio, non riesco nemmeno a immaginare una vita senza la notte di Natale; e attaccherei il poster in camera, nel senso che ne sarei seguace fino all’adorazione, di qualsiasi mio simile che per primo, in un mondo di violenti, inventasse concetti come “amore per il prossimo”, “porgere l’altra guancia”, e poi li difendesse coerentemente a qualsiasi costo, anche della vita.
    Ma tutto questo non basterebbe e alla fine tornerebbe il problema di sempre; dover chiamare il bimbo nato in quella notte magica e quel mio simile rivoluzionario nell’amore… figli di Dio.

    Liked by 1 persona

  5. La freddezza dell’amore è il silenzio del cuore, l’ardore dell’amore è il grido del cuore. Se resta sempre vivo l’amore, tu gridi sempre; se gridi sempre, desideri sempre; se desideri, hai il pensiero volto alla pace.
    S. Agostino

    Mi piace

  6. Credo che niente e nessuno, neanche nel “mettiamo che” più paradossale, possa impedire ad alcuno di alzare lo sguardo al cielo per credere, o no, ricercare, interrogarsi, confessarsi, e desiderare, che per suo stesso etimo contiene le stelle. Sarebbe come negare di esser nati.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...