Che cosa vuol dire amare Gesù?


di Rosa Salvia

 

In primis mi soffermo su quanto affermano alcuni cristiani che declinano il loro amore per Dio dicendo “di essere innamorati di Gesù”. Quanti gruppi pullulano in alcune chiese di Roma (e non solo) ad esprimere con canti improvvisati, smorfie strane, tensioni corporee molto vicine a una sorta di orgasmo sublimato, imposizioni reciproche di mani, manie narcisistico-compulsive e via discorrendo, questa sorta di “innamoramento” dionisiaco. Lo stesso Papa Francesco non può che esprimere forte preoccupazione per questi eccessi. Io mi domando: “si può essere innamorati di Gesù?” Se con questa espressione si intende dichiarare la propria assoluta ardente dedizione alla causa di Gesù (che nulla ha a che vedere con sentimentalismi di bassa lega), alla sua cura degli ultimi, alla sua sete di giustizia, l’espressione è più che lecita. Ma se si intende (come nei casi sopra-citati) un innamoramento vero e proprio per la persona di Gesù, nella sua fisicità e nel suo carattere, a mio parere ci si trova di fronte a qualcosa di superficiale o peggio di malsano.

 

A differenza per esempio di Socrate di cui si hanno diverse sculture quasi coeve e tutte consonanti nel presentarlo con il naso camuso, la barba, l’ampia fronte, la tunica e i calzari, la persona fisica di Gesù non è in alcun modo ricostruibile, sicché ognuno pensando a lui non fa che esercitare la sua immaginazione proiettando nella mente il proprio personalissimo Gesù. Peraltro Niccolò Cusano,  filosofo neo-platonico del nostro Rinascimento, secoli fa affermava che non solo l’aspetto fisico, ma anche la personalità di Gesù non è ricostruibile dato che essa è diversa in ciascuno dei quattro Vangeli. L’autentico Gesù della storia, l’ebreo Yeshua ben Yosef, sarà stato più vicino al Gesù di Marco o al Gesù di Giovanni, al Gesù di Matteo o al Gesù di Luca, così diversi tra loro e a tratti persino opposti? Inoltre può darsi, come sostiene il teologo Vito Mancuso, “[…] che Yeshua non volesse poi tutti questi innamorati e innamorate accanto a sé, lui che spesso schivava le folle per ritirarsi da solo a pregare”. (Vito Mancuso, Io amo – Piccola filosofia dell’amore, Garzanti, Milano 2014)

 

Che cosa vuol dire quindi amare Gesù? Che cosa ama chi dice di amare Gesù? Rispondo citando Simone Weil: “tutto ciò che io faccio è cattivo, senza eccezione, compreso il bene, perché io è cattivo. Più io sparisco, più Dio è presente in questo mondo”. (Simone Weil, Quaderni, vol.II, Adelphi, Milano 1997)  

Se potessimo cancellare l’IO e il MIO dalla religione, dalla politica, dall’economia etc. saremmo davvero liberi, lucidi di intraprendere il cammino verso una matura consapevolezza dell’esistere gli uni insieme agli altri, esseri animati e inanimati, creature tutte con eguale dignità.

Questa è in sostanza la causa di Gesù, un percorso scomodo, impegnativo che comporta tanta reale attenzione. Forse per tale ragione sono veramente pochi coloro che prendono Gesù sul serio, al di là dei riti e delle processioni… Pochi lo scelgono, molti lo odiano, altri fanno finta di ignorarlo.

 

Il nostro don Fabrizio Centofanti in una delle sue pagine quotidiane scrive testualmente: “la poesia piace a pochi come Gesù”. Il paragone mi pare molto calzante. In effetti tutto quel che ho scritto ne è la conferma. Anche la poesia non cerca una miriade di innamorati mossi solo da futili emozioni estemporanee. La poesia è silenzio, ascolto, impegno difficile e continuo contro le catene della funzionalità. E’ una fonte di innocenza carica di risorse rivoluzionarie contro la prostituzione della nostra società globale. Forse per questo piace a pochi come Gesù.

A seguire due miei testi su Gesù e il Natale con i miei più cari auguri

 

Gesù

 

Non ha il suo volto tratti visibili,

è come noi lo vediamo. Come un’aquila,

un uomo. Senza orme. Reale. Assieme

agli agnelli scampananti e sparsi

 

Risponde al nemico senza armi

predicando amore nel deserto,

dove a sentirlo è come averlo udito

nell’attimo infinito a concepirne il senso

 

Camminando sull’acqua portata

dal suo peso rende la vista sostanza

che si srotola su questa paura nostra

di giunchi che una ditata spezza

 

In sogno è il piccolo Gesù in fasce

che gli appare, con la Madre la cui

muta sofferenza si nutre di se stessa

nel mistero

 

Pochi lo scelgono con l’attenzione

stupita che commuove, come bambini

su un campo scolare quando cade

il primo biocco di tiepida neve

 

(Inedito)

 

*

 

Non li avevo visti gli zampognari

a Matera

nella settimana di Natale

e nessuno aveva saputo dirmi perché

non fossero venuti, ma ecco che alla Befana

sono arrivati per salutare il presepe vivente,

con i loro mantelli neri e gli stivali.

 

Le zampogne hanno il suono delle cascate

e delle nuvole, come i miei pensieri.

Accolgono un mistero.  

 

Degli amici rimasti, qualcuno sta per morire,

e anch’ io potrei far parte dei più che se ne vanno,

con le ombre che girano sopra la meridiana del giorno –

eppure le zampogne incedono solenni

come se non le toccasse nessuna delle cose

mortali.

 

Talora persino le chiese rupestri

scompaiono nella foschia del primo mattino

come gli amici, a poco a poco,

ma, più la morte sorprende, più profondo è l’affetto

e difficile la vita.

 

Perciò sono felice che le zampogne siano tornate

come fa un ricordo, come una consuetudine.

 

Dalla raccolta poetica Dolore dei Sassi, postfazione di Manuel Cohen,

puntoacapo, Pasturana (AL) 2015  

2 pensieri su “Che cosa vuol dire amare Gesù?

  1. Ringrazio la poetessa per queste acute riflessioni e per la profondità e la dolcezza delle poesie. Mi sono ricordato di una poesia religiosa di Trilussa che riporto: Davanti ar Crocifisso d’una chiesa / una candela accesa se strugge da l’amore e da la fede./ je dà tutta la luce, tutto quanto er calore che possiede, / senza abbadà se er foco la logora e la riduce a poco a poco. / Chi nun arde nun vive. / Com ‘è bella la fiamma d’un amore che consuma, / purché la fede resti sempre quella! / Io guardo e penso. Trema la fiammella, / la cera cola e lo stoppino fuma…
    Bisogna consumarsi per avere una fede autentica così come scrivere una poesia che lasci il segno. Perdere per trovare. Mamma mia è difficile, eccome se è difficile!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.