Come si cambia


A un certo punto, nella vita, si affaccia la mania per i manuali. Cerchiamo regole che facilitino la vita quotidiana: come intessere buone relazioni, come imparare a cucinare, come scrivere un best seller. La manualistica è tra i generi editoriali di maggior successo. È il fascino, ad esempio, della Somma teologica di Tommaso d’Aquino: una trattazione cristallina della teoria e prassi cristiana della vita, che orienta pensieri, azioni e sentimenti.
In noi c’è un meccanismo creativo che ha bisogno di essere avviato: entra in azione quando diamo uno scopo all’esistenza, e usiamo l’immaginazione per vederlo realizzato. Non sono le idee a cambiarci, è l’esperienza; e un’esperienza immaginata nei dettagli è reale, per il cervello umano. È così che si produce ciò che potremmo definire il generatore automatico di virtù: si tratta di lasciare che a condurci sia la vera identità, permettendo allo Spirito di prendere la guida, di fare, detto in sintesi, la volontà di Dio, come un frutto prodotto spontaneamente dalla pianta.

3 pensieri su “Come si cambia

  1. La questione è: scopo dell’esistenza e/o senso della vita. Qual è la risposta che diamo a questo interrogativo? Da qui, il nostro stile di vita. Spesso e volentieri non lo sappiamo, o meglio, lo diciamo, ma non siamo convinti più di tanto. Ci facciamo trascinare dalla corrente. Quando veramente ci crediamo, utilizziamo tutti i mezzi, ascolto, immagini, video…ma se non si fa esperienza (fare) …rimane ben poco. L’approccio che abbiamo con tutto ciò che ci circonda è il tipo di risposta che diamo alla nostra vita. Scoprire Chi ci può guidare è trovare il nostro tesoro…non è facile seguirLo..ma con Lui lo troveremo di sicuro…

    Mi piace

  2. Grazie Don Fabrizio. Si. E’ vero. Sei una conferma continua e costante. Una presenza in noi ( in me) che ti vogliamo veramente bene, insostituibile, coerente e di grandissimo sostegno. Grazie.

    Mi piace

  3. Una sorta di tzimtzum dell’io che lascia spazio al sé. Esperienza immaginata, magari prodotta da incontri comunitari, da letture della Scrittura, da esempi di vita buona di persone buone, tutti elementi che concorrono a rendere bella la nostra vita, a riportarla nella propria condizione di origine, che “vorremmo ri-fare nostra , ma non sempre riusciamo”. Esperienza immaginata, non fosse che per la bellezza del Creato di cui ci è dato di far parte, senza nulla in cambio. Esperienza immaginata, perché ogni giorno non si dimentichi mai di dire grazie di Te.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...