Frammenti di Cinema # 2

Cosa unisce Victor Hugo, The Joker e la “Dalia Nera”? Un sorriso. Prima di ogni collegamento (iper) testuale, per istinto, ho sempre pensato che un sorriso stampato sul volto fosse la prima e visibile distanza (e difesa) dal mondo. Per questo la scoperta di questo legame è stupefacente.

“Perché sei così serio?”, questo ripeteva il padre ubriaco e sordido al figlio bambino. Così in preda ad un estremo delirio alcolico gli deturpa il viso con un coltello. Ecco che sarà costretto a sorridere per sempre. Questa è la genesi di Joker nella splendida versione di Christopher Nolan (Il cavaliere oscuro).

Penso che Nolan avesse in mente un film di Brian De Palma che con i supereroi della Marvel non c’entra affatto (almeno in apparenza).  In The Black Dahlia il quadro di un clown-joker ossessiona l’assassino di Beth Short, secondo la versione data dallo scrittore James Ellroy  del più tragico e allo stesso tempo popolare fatto di cronaca nera nella storia americana.

Anche Gwynplaine, il protagonista del romanzo di Victor Hugo, L’uomo che ride, porta sul volto la deformazione di un ghigno che è allo stesso tempo spregio vero il mondo e malinteso sorriso su di esso. Tutti e tre questi esempi sembrano dirci, pur dalle loro distanze storiche e formali, che la mostruosità è una variante dell’ironia, di una commedia tragica. Ed all’opposto, mettendoci in allerta, che l’impotenza umana di fronte all’umanità viva, l’incapacità di coglierne l’ironia e dunque la distanza, rende mostri capaci dei crimini più efferati.

Solo una risata potrà salvarci, appunto.

Un pensiero su “Frammenti di Cinema # 2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.