“BUONA LETTURA”. Roberto Plevano, “Marca gioiosa”

Buona lettura 15 – Marca gioiosa, di Roberto Plevano

Buona lettura è una rubrica curata da Mara Pardini. Uno spazio per “assaggiare” libri buoni, ovvero utili, piacevoli, intelligenti, capaci di lasciare un segno nell’immaginazione di chi li sfoglia.
Un taccuino per catturare le impressioni, i messaggi e le parole che escono di pagina in pagina ma anche per incontrare scritture nuove e legate all’attualità.
Un angolo per parlare di libri e condividere il gusto di una buona lettura.

Romanzo vincitore della II edizione del Premio Nazionale di Letteratura “Neri Pozza”, Marca Gioiosa di Roberto Plevano si presenta come un libro largo e maestoso, in linea con la storia e i tempi narrati, quando Impero e Papato si sfidavano senza esclusione di colpi.

Il giovane studioso Amalrico torna a Besièrs, città della Provincia, dopo l’apprendistato dal suo maestro di Tolosa e, purtroppo, al rientro trova morte e distruzione, segni lasciati in nome di un “dio folle e criminale” che pare aver preso possesso di ogni cosa e non risparmiare neppure i bambini.

L’intellettuale Almarico capisce che deve trovare una via di fuga. E così, in compagnia del giullare Uc de San Sir, inizia il viaggio nel Nord Italia e va incontro al compiersi del suo destino, segnato dalla lotta e dall’amore.

Attraverso guerre di religione, dissidi, barbarie ma anche scambi di esperienze umane e incontri preziosi, Amalrico percorre un lungo cammino che lo porta dalle terre d’Occitania agli antichi territori della Marca, regalandoci un affresco del Medioevo davvero avventuroso.

Plevano scrive un libro che scommette di camminare sul limite del reale e dell’invenzione, rimanendo saldamente attaccato a terra – ovvero alla storia – ma senza farsi tentare dal dettaglio eccessivo.

La pacatezza dello sguardo che spazia nei luoghi e nei tempi e l’intenzione di ripercorrere i fatti dell’epoca riproponendo anche personaggi storici, si concretizza in un quadro dei primi anni del Duecento capace di ospitare anche l’inatteso, e dove il controllato lirismo della lingua, chiara e precisa, sottolinea quella verità umana che sta alla base del racconto di Plevano.

Le vicende di Marca Gioiosa (Neri Pozza) vivono della forza linguistica ed espressiva dei singoli episodi mentre la lettura si dipana tra incastri e attese, in quello che è a tutti gli effetti un riuscitissimo romanzo storico.

Mara Pardini

Roberto Plevano è nato a Vicenza nel 1960. Dopo la laurea in Lettere conseguita all’università di Pavia, ha collaborato con università e istituti accademici di tutto il mondo. Ha tenuto corsi di Medievalistica all’Università di Toronto e ha lavorato come ricercatore alla St. Bonaventure University (NY) e come professore associato alla Catholic University of America (Washington, D.C.). Insegna storia e filosofia a Vicenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...