Uno spettacolo


Mi ha sempre colpito il rifiuto opposto da Gesù alla Cananea: lei gli chiede di guarirle la figlia e Lui risponde che non è giusto dare il pane dei figli ai cagnolini. Lo fa apposta, è evidente: vuole che la donna chieda ancora, che pronunci la risposta così bella e commovente: anche i cagnolini si cibano delle briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni. Dio ha bisogno di noi, per operare; le grazie sono un lavoro a due, perché Lui, che potrebbe, non si impone. Siamo chiamati a farlo vivere nel mondo, a metter su uno spettacolo gradito al Cielo. L’uomo non è un pazzo che si agita sul palcoscenico, come diceva Shakespeare; da genio qual era, però, aveva intuito che sempre di spettacolo si tratta.

4 pensieri su “Uno spettacolo

  1. La storia la si fa insieme…altrimenti saremo dei burattini…quello che serve è la fiducia…ma siamo sempre pieni di boria…umiltà…umiltà…umiltà…

    Mi piace

  2. a metter su uno spettacolo gradito al Cielo.

    Bellissima questa idea dello spettacolo teatrale! E’ vero, siamo chiamati ad ingegnarci, provare e riprovare per trovare il canovaccio più efficace, che riesca a trasmettere il messaggio che Lui ha inciso nei nostri cuori.

    Mi piace

  3. Il copione c’è il regista pure, gli attori
    non tanto, per lo più comparse e controfigure ed in tanti siamo già al primo atto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.