Zaccheo


La grandezza di Zaccheo è nel desiderio: nulla può fermarlo. Salendo sull’albero, si espone al ridicolo: ci rimette la faccia, ma guadagna il Cristo. Desiderarlo così, al punto da dimenticare chi sta intorno, disinteressandosi del giudizio altrui: questa è la lezione memorabile del pubblicano. Per eguagliarlo, invochiamo lo Spirito: scendi in noi, accresci il nostro zelo, donaci il sacro interesse di Zaccheo.

5 pensieri su “Zaccheo

  1. Mi piace immaginare questa di Zaccheo come un replay della chiamata al levita Matteo;
    Come lui anche Zaccheo agente delle tasse, anzi,quest’ultimo sembrerebbe proprio il capo dei gabellieri.
    E forse proprio ciò incuriosisce Zaccheo: chi sarà mai costui che sana,guarisce,perdona i peccati? parla di un Regno senza scettro e senza tesori? che annovera tra le fila dei suoi seguaci poveri,ammalati,reietti,insieme a faccendieri, ricconi più o meno onesti e possidenti convertiti alla buona novella che  propone?
    Si fida Zaccheo;la fama che precede il Nazareno lo tranquillizza, e per conoscerlo meglio lo riceve volentieri in casa propria…:lui si ricorda di aver sentito dire “chi lascia tutto dietro di se e mi segue ,riceverà una ricompensa mille volte più grande”…
    Ecco, e’ allora che nasce il desiderio; di cambiare se stesso,
    di somigliare almeno un po’ a questo Nazareno che tanto viene seguito e ascoltato!…
    Zaccheo “gran furbone”,ha capito da che parte sta la VERITÀ !

    Mi piace

  2. Desiderarlo così, al punto da dimenticare chi sta intorno, disinteressandosi del giudizio altrui

    Questo è quel che accade quando ci si innamora…credo che per seguire Gesù fino in in fondo non basti credere in Lui, bisogna amarlo appassionatamente e visceralmente.
    “Il mio amato ha steso la sua mano dalla porta. E le mie viscere si sono rimescolate per lui”
    (dal Cantico dei Cantici)

    Mi piace

  3. Quando nasce quel desiderio così forte di incontrare Gesù, non importa se se ci si mostra ridicoli, non importa il giudizio degli altri.
    Perchè per arrivare a questo , per desiderarlo cosi forte, vuol dire che abbiamo preso coscienza di quanto siamo soffocati da situazioni che ci appesantiscono e ci fanno diventare sempre più piccoli e ci impediscono ( come ZACCHEO) di vedere.
    Ecco che allora, proprio nell’istante in cui passa Gesù, con la forza della preghiera, bisogna andare oltre e prendere coraggio :salire sopra l’albero per cercare il Suo Sguardo.

    Grazie, come sempre Don Fabrizio!

    Mi piace

  4. Da cosa nasce questo desiderio? Evidentemente ci manca qualcosa, qualcuno…Qualcuno che ci risponda alle classiche domande…cerchiamo di incontrarLo e poi conoscerLo…i strumenti sono diversi: la Parola, la Traditio, il Magistero, i sacramenti…sta a noi …più lo conosci e più ti innamori…il resto passa in secondo ordine…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...