Il bel paradosso

Gesù tappa le nostre falle, reintegra quello che abbiamo perso per negligenza o per inettitudine. Solo Lui può soddisfarci, saziare la nostra fame; per questo dovremmo orientare verso di Lui l’energia dei desideri e la domanda di vita che urge nell’intimo come una libera necessità: è il paradosso dell’avventura umana, diventare ciò che già si è.

3 pensieri su “Il bel paradosso

  1. Non basta più il sacrificio sulla croce;
    Abbiamo creato le condizioni che costringono l’AGNELLO ad un nuovo sacrificio!
    Dopo  la resurrezione avremmo potuto pensare che si fosse rinnovata l’umanità, per tornare a SUA immagine e somiglianza…
    sta di fatto …che eccoci !…
    ma non possiamo ”innalzare un’altra croce”…
    Facciamoci prendete per mano,come dei bambini,…
    da GESU, per ritornare ad essere ciò che si era…Sue Creature !

    Mi piace

  2. “diventare ciò che già si è” si , ritrovare se stessi. La nostra immagine è stata offuscata, Lui è venuto per mondarla. A noi non resta che accoglierla. Ma abbiamo questo desiderio? O ci piace sempre trasgredire come un adolescente? Quando diventeremo adulti?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.