Dieci romanzi per il Natale 2018

di Guido Michelone

Regala o regalati un libro a Natale: credo che potrebbe essere uno slogan vincente per questa imminente festività, anche se forse l’idea – abbastanza evangelica – di donare agi altri e a se stessi oggi viene purtroppo svilita dall’eccessivo mercantilismo che si produce da novembre a gennaio, tra panettoni, gingilli e pacchi sorpresa tra i più variegati, strani, inverosimili. Ecco quindi, secondo me, la necessità di tornare a un qualcosa di utile e dilettevole, come direbbe Alessandro Manzoni; e un libro, sia per la modica spesa sia per i valori in esso contenuti, assolve perfettamente al compito di celebrare e trascorrere le feste natalizie, dalla Vigilia alla Befana, in modo intelligente, dando il giusto spazio a ciò che io personalmente chiamo cultura, sia essa una poesia, un romanzo, un quadro, una musica, un film, un fumetto o altro ancora. Propongo quindi dodici titoli, raccolti tra quelli da me letti lungo l’intero 2018, che consiglierei volentieri al lettore attento, curioso, interessato. Non c’è un ordine preferenziale, ragion per cui li commento brevemente in ordine alfabetico per autori. 

Mario Bramè, La notte dei ragni d’oleandro, Transeuropa

I ragni d’oleandro sono stupidi parassiti infestanti al Terra, nell’ottica dei terroristi che il 13 novembre 2015 compiono l’attentato al Bataclan di Parigi: da qui, dalla voce di un batterista in procinto di gareggiare a un concorso, prende il via un singolare romanzo d’esordio per un noto saggista, filosofo, editore, nonché vocalist e drummer di rock.

Christian Cavaciuti, Blowjim, Mursia RTL 102,5

Storie di fantasmi in chiave moderna, in cui a Parigi la giovane Melanie scopre un redivivo Jim Morrison, leggendario cantante dei Doors, scomparso nel 1971 proprio nella Ville Lumière in circostanze misteriose. Per l’autore l’incontro fra la ragazza e la rock star è semplicemente il pretesto per narrare i sogni infranti di un’intera generazione.

Silvia Corsi, Fieno Falciato, Stampa Alternativa

Originale esordio narrativo per la giovane attrice e brillante drammaturga: si tratta del cosiddetto romanzo di formazione che però si traveste da giallo, nel senso che una morte sospetta diviene il cammino a ritroso nei ricordi metropolitani e generazionali che occupano circa mezzo secolo, andando dalla Guerra Fredda al Grande Fratello.

Valentina Ferri, Le straordinarie bilocazioni di Lily Bells, L’Iguana

L’autrice, collocabile all’interno della cosiddetta letteratura femminista, racconta di Lily Bells, eccentrica single quarantenne: tra le passioni conclamate i gatti domestici, gli abiti in pelle, i quadri di Bosch e le agiografie delle sante. In più, la protagonista ha il potere della bilocazione, ovvero essere in due posti simultaneamente.

Lucia Tilde Ingrosso, Una sconosciuta. Thriller, Baldini+Castoldi

Giornalista e firmataria di una ventina di libri di argomento eclettico, l’autrice pure nel romanzo spazia fra generi diversi: in questo caso, la storia di Carmen, insegnante di lingue del ceto medio e con famiglia borghese si trova a fare i conti con Vincenzo Campisi, maresciallo dei Carabinieri, per via di uno strano investimento notturno.

Franz Krauspenhaar, Brasilia, Castelvecchi

Tra i più controversi, imprevedibili, sottovalutati esponenti della letteratura contemporanea, il milanese d’origini tedesche presenta la vicenda di Ernesto Erkens Moreria, giornalista Italo-brasiliano, che viene catapultato nell’avveniristica capitale della nazione verde-oro, dove sarà costretto a indagare su assurdi inverosimili segreti.

Roberto Moliterni, Storie in affitto. Romanzo a racconti, Dino Audino Editore

Sceneggiatore e saggista, il giovane romanziere setaccia Roma intera, quando è alla ricerca di un alloggio, facendosi raccontare tante cose dagli inquilini che popolano via via sontuose dimore, monolocali per turisti, salotti à la page o camere per studenti, con una fauna umana incerta e versatile, spesso tratteggiata con humor e leggerezza.

Antonio Moresco, Fiaba bianca (illustrazioni di Nina Bunjevac), Rizzoli Lizard

Ecco da parte del maggior romanziere italiano, stando almeno ai giudizi di certa critica letteraria, una fiaba per adulti, dove il nonno Stucco e la nipotina Bianca risultano il punto di partenza per disquisire delle età dell’uomo tra infanzia e vecchiaia, non senza il coinvolgimento poetico di amore e paura, abitudine e stupore.

Massimiliano Nuzzolo, L’agenzia della buona morte, Marlin Editore

Vicenda in tempo reale, contemporanea a un programma televisivo, con l’antefatto del produttore discografico che perde la moglie in un incidente: da qui l’idea della singolare agenzia – per aiutare le persone tristi – subito cannibalizzata dal carrozzone mediatico, a eccezione della intervistatrice Carla, la quale ispirerà al protagonista un altro bizzarro pensiero.

Laura Pugno, La metà di bosco, Marsilio romanzi

Nota soprattutto come poetessa, la scrittrice romana ha già all’attivo altri cinque romanzi più una racconta di racconti: la sua prosa densa si accompagna ad atmosfere immaginarie, talvolta surreali: mediante l’allusione agli schemi del giallo classico, il medico Salvo Calvi, in vacanza ad Halki (Grecia) è alle prese con una ragazza scomparsa.

Enrico Remmert, La guerra dei Murazzi, Marsilio racconti

Con soli tre romanzi in vent’anni è già il miglior narratore torinese della sua generazione: qui è invece alle prese con quattro racconti di cui uno breve (Otto progetti per la costruzione di una nuvola) e tre lunghi (Havana 3 a.m., Baal e quello iniziale che dà il titolo al libro). Ed è una Torino notturna e amorosa (o innamorata) a emerge tra sogno e realtà.

Adriana Zarri, La gatta Arcibalda e altre storie, Graphet.It Edizioni

Sono qui raccolti gli articoli ‘animalisti’ che la grande teologa, con stile coinvolgente, pubblica su riviste dal 1984 al 2010 (il giorno prima della morte a 91 anni), spesso in forma narrativa, condividendo con le bestie tanto le sofferenze quanto i sentimenti. La prefazione è di monsignor Luigi Bettazzi, Vescovo emerito di Ivrea. 

Riepilogo alfabetico per titolo dei 12 romanzi:

Blowjim, Christian Cavaciuti, Mursia RTL 102,5.

Brasilia, Franz Krauspenhaar, Castelvecchi.

Fiaba bianca (illustrazioni di Nina Bunjevac), AntonioMoresco, Rizzoli Lizard.

Fieno Falciato, Silvia Corsi, Stampa Alternativa.

L’agenzia della buona morte, Massimiliano Nuzzolo, Marlin Editore.

La gatta Arcibalda e altre storie, Adriana Zarri, Graphet.It Edizioni.

La guerra dei Murazzi, Enrico Remmert, Marsilio racconti.

La metà di bosco, Laura Pugno, Marsilio romanzi.

La notte dei ragni d’oleandro, Mario Bramè, Transeuropa.

Le straordinarie bilocazioni di Lily Bells, Valentina Ferri, L’Iguana.

Storie in affitto. Romanzo a racconti, Roberto Moliterni, Dino Audino Editore.

Una sconosciuta. Thriller, Lucia Tilde Ingrosso, Baldini+Castoldi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.