Ornithology 17. Loi e Lamarque

LOI Franco a-milano3441.jpg

Da Secondo le fasi lunari

Se un colombo vola, subito dietro un altro, e un altro
dalla gronda allarga le ali, e l’ultimo
che col becco si solletica e ad altro
sembra che pensi, o che lo chiami, dimmi e spiegami,
sì, tu, dio degli inferni, cosa mai gli pesa,
cosa gli lega l’ala, se triste come un flirt stanco,
lì, che sembra stia per levarsi in volo, guarda una siepe
di uccelli di passo dove garruli si allontanano?
Oh quanto cielo! quanta aria! quanta rovina!
Saper volare, saper cantare, ed è vana
ogni sapienza se nessuno ti chiama.


Da Secundum lüna

Se ’n culumbr vula, ’n olter dré, e ’n olter
da la grunda slarga l’ala, e l’
ültum
che cul becche el se galitta e volter
par che ’l pensa, o che le ciama, cüntum,
sì, tì, diu de l’inferna, sé mai ghe pesa,
sé ghe liga l’ala, se trist ’me ’n flìrtum,
lì, che par s’inala, varda ’na scesa
d’üsèj de pass due sgarr j se sluntana?
Oh quantu ciel! quant’aria! quanta lesa!
Savè vulà, savè cantà, e svana
ogne sapiensa, se nissün te ciama.

*

Franco LOI, Stròlegh
introduzione di Franco Fortini
versione italiana dell’autore
“Collezione di poesia”, Einaudi, Torino, 1975

 

Lamarque.jpg

Gallina malata

Dal giorno
che mi hai scritto così
mi è successo qualcosa
non m’interessa più niente
non è giusto non si fa così
ma non m’interessa più niente e allora
allora mi metto in un angolino
come una gallina malata
il cortile il pollaio le altre galline
vedo tutto ma non m’interessa niente
l’acqua fresca da bere
i chicchi gialli da mangiare
niente, col crapino sotto l’ala che bel buio
che bel caldino che fa
sembra di essere un pulcino dentro la sua mamma
che bello sentire i rumori lontano lontano
col crapino sotto l’ala che bel caldino
che bel caldino che fa.


Gajna malada

Da quel dì là
che te m’è scritt inscì
m’è capità ’n quaicoss
me interèssa pù nient
l’è minga giust se fa no inscì
ma me interèssa pù nient e alura
alura me mètti in d’un cantun
come ‘na gaìna malada
la cort ‘l pollé i alter gaìnn
vedi tuscoss ma m’interèssa nient
l’aqua fresca de bev
i granitt giald de mangià
nient, col crapin sotta l’ala che bèl scur
che bèl caldin ch’el fa
par de vèss un poresin denter la mama
che bel sentì i rumur luntan luntan
col crapin sotta l’ala che bel caldin
che bel caldin ch’el fa.

1975

*


Vivian LAMARQUE, La gentilèssa
a cura di Maurizio Cucchi
versione italiana dell’autrice
“La collana”, Stampa 2009, Azzate [Varese], 2009

Risalente agli anni Settanta e pubblicato nella raccolta La gentilèssa, il testo di Gajna malada viene ripreso dall’autrice, con una variante, nel recente Madre d’inverno (“Lo specchio”, Mondadori, Milano, 2016), dove in tema ornitologico si segnala anche la poesia Pappagallini.

3 pensieri su “Ornithology 17. Loi e Lamarque

  1. Pingback: Ornithology 17. Loi e Lamarque | Crudalinfa

  2. che bellezza!
    sono proprio contenta gentile Giovanna!
    ho pubblicato anche altre poesie uccelline, per esempio “insalata di
    pollo” dove invece di mangiare noi il pollo in insalata, ne offriamo una
    bella foglia alla gallinella…. ecc. ecc.
    graziegrazie, vivian

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.