La poesia della settimana. Osip Mandel’štam

E il ramo a frastagli dell’acero
si bagna in angoli curvi,
e screziate farfalle si lasciano
trasporre in disegni sui muri.
Ci sono moschee ben vive,
e forse – l’ho appena intuito –
noi siamo un’Hagia Sophia
dal numero d’occhi infinito.

Osip Mandel’štam, Libertà al crepuscolo, Corriere della Sera, 2012, p. 159.

3 pensieri su “La poesia della settimana. Osip Mandel’štam

  1. l’immenso Mandeltam nel ‘viaggio’ in armenia ‘LA SUA “””P I E T R A’ [ibitem] dove aveva sognato una patria sociale europea a quella occidentale post-orientale, la scissione ‘bifronte’ alla derivante cosmpolita [che oggi fa ridere/bipolare] purtroppo questuata nella morte sua datata dal volto delle sue foto il il volto prorio. pena: NESSUN EPIGONISMO DEL SUO AMATO DANTE-

    "Mi piace"

  2. Gli occhi dicono la verità
    occhi che si aprono
    tirano via il superfluo
    occhi non parole
    occhi non promesse.
    (Alejandra Pizarnik)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.