Penoncini. Il fuoco e la paglia

download

Aŋ sò cóm at dòrmi
all ad crucàl intabarà
fum ad stéll ach ràna iŋ ziél
t’aŋ sà briśa quant vól
i và e i viéŋ
ogni nòt
ròd a tèra butà là
s’na strada séŋza vóś
tra spèć d’aqua
buscùra séŋza vént
e còrav curnàć
sturaŋ ślapanùal
a fàr śgaŋzèga
tra muć d’erba śgà
int la spagnàra
àltar vól raś a tèra
e rubarié
i và e i viéŋ
ogni nòt.

Non so come dormi
ali di gabbiano avvolte
scia di stelle cadenti
non sai quanti voli
vanno e vengono
ogni notte
pneumatici abbandonati
su una strada muta
tra scorci d’acqua
silenzi di un bosco
e corvi cornacchie
storni avidi
a fare baldoria
tra cunette d’erba falciata
nel medicaio
altri voli radenti
e rapine
vanno e vengono
ogni notte.

*

Indóv l’aqua la s’pèrd int al ziél,
aŋ gh’è àrźan al sal dal mar
e a s’iŋcróśa dnaŋzi a j’òć
i vól di śgarź e dill spurzlàŋn;
indóv na strìsa la lìga i cuŋfìŋ
e la mésćia aqua e tèra
lì a nàs di bòsch e intrìgh ad ram,
al źógh dill fój cól cant dal mar;
indóv aŋ só più stàr da par mi
iŋ sta val scà dal sól a tróv na tór
e a l’òmbra di so milanta àn
am arsòr ill gamb e i stus dal cuór.

Dove l’acqua si perde nel cielo,
non c’è argine al sale del mare
e si incrociano davanti agli occhi
i colori degli aironi e delle gallinelle;
dove una striscia unisce i margini
e mescola acqua e terra
lì nascono boschi e intrecci di rami,
il gioco delle foglie con il canto del mare;
dove non so più stare da solo
trovo per le strade di questa valle una torre
e all’ombra dei suoi mille anni
riposo le gambe e i battiti del cuore.

*

Aŋ gh’è gnént ad straurdinàrî
baiàr a la luna
e santìr al vód intóraŋ
ó qualcdùŋ ch’al scàpa
coll gamb iŋ spala
però l’è l’efèt ch’al fà
quél ch’as sént déntar
èsr’uŋ can da férma
ch’al nàśa l’aria
al fà la punta
iŋstiŋchì
a uŋ braŋch lagnóś
spaurì.

Non c’è niente di strano
abbaiare alla luna
e sentire intorno il vuoto
o qualcuno che fugge
di fretta
però è l’effetto che fa
ciò che si sente dentro
essere un cane da caccia
che annusa l’aria
fa la punta
immobile
a un branco belante
spaurito.

*

I peŋsiér j’è ŋ’graŋ vól
i viàźa śvèlt cmè ŋ’clómb
j’è l’spèć luśént d’un dì
cmè l’sól ad st’al témp chì;
mój, scà, batù dal vént
i śguàza int al siléŋzî
ad st’al méś d’aria e pióa
e i móstra iŋ ziél na cóa,
cmè quéla d’na vulandra
coi so culùr a sgnàr
là iŋ mèź al ziél na nav:
a gala ó dré fundàr?

I pensieri sono un grande volo
viaggiano veloci come un colombo
sono lo specchio luccicante di un giorno
come il sole di primavera;
bagnati, prosciugati, sferzati dal vento
guazzano nel silenzio
di questo mese d’aria e pioggia
e mostrano nel cielo una coda,
come quella di un aquilone
con i suoi colori a disegnare
in mezzo al cielo una nave
che galleggia o mentre sta per affondare?

***

Al paréa uŋ fógh ad paja / Pareva un fuoco di paglia del ferrarese Edoardo Penoncini, è la decima uscita di “AltreLingue”, la collana di critica e scrittura neo-dialettale diretta da Manuel Cohen per l’editore Puntoacapo. Volumetto molto curato nella veste grafica e nell’aspetto della trascrizione fonetica, è corredato – non appesantito – da una serie di note finali, utili a chi desideri approfondire aspetti di lingua e dati materiali implicati dai versi. Nella Nota conclusiva Penoncini, classe 1951, spiega così il titolo di questa sua terza raccolta di versi in ferrarese: «convinto che il periodo dialettale fosse chiuso […] ho scoperto che a bruciare non era paglia ma legno di noce dall’aroma intenso, che lasciava scie profumate, seguite fino a convincermi che una lingua si possiede se la si coltiva e si usa, forse l’unico modo per salvare i dialetti, soprattutto quelli come il mio ad alto rischio di estinzione». (GM)

*

Edoardo Penoncini, Al paréa uŋ fógh ad paja / Pareva un fuoco di paglia
Prefazione di Zena Roncada, “AltreLingue”, n. 10
puntoacapo Editrice, Pasturana (AL), 2019
pp. 144, € 15,00

2 pensieri su “Penoncini. Il fuoco e la paglia

  1. Pingback: Penoncini. Il fuoco e la paglia | Crudalinfa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.