La vita ritornerà di Yasmin Khadra ( Italia 2002)

A volte ci si prova ad adattarsi, abituarsi al presente ma il passato spesso fa troppo rumore in confronto e ti ritrovi a piangere più spesso di quanto non immaginavi. Spesso succede che hai voglia solo di addormentarti e non svegliarti mai più perché la realtà non ha più niente di bello da offrire e i sogni sono l’unica cosa ancora in grado di illuderti.

Ci sono vuoti che non puoi riempire in nessun modo. Tu ci provi, ci riprovi e straprovi ma l’oblio è solo temporaneo. Come una fitta dolorosa, il ricordo verrà sempre a trovarti anche nei momenti meno opportuni. E l’unica cosa che potrai fare è accoglierlo e subirne le conseguenze.

Ci hanno insegnato che i mostri si nascondono nel buio, nell’oscurità, nel dubbio. Eppure con gli anni ho scoperto che ognuno ha del mostro in sé, c’è chi lo nasconde con arguta precisione e c’è chi invece lo mostra, spavaldo. E fa paura.

Ci sono ricordi che restano nella nostra mente a lungo e tornano a galla in rari momenti per poi rintanarsi nuovamente in qualche angolo della nostra materia grigia. E poi ci sono altri che non ti lasciano in pace, che ti rincorrono dovunque tu vada, qualunque cosa tu faccia. Ti oppressano, ti tormentano, ricordandoti che non ne sarai mai libero, nonostante qualsiasi sforzo tu faccia. Ma tu rispondi loro che sei più forte, che se non puoi eliminarli, imparerai a conviverci.

Il sorriso di un passante non vedo più, il cane che scodinzola lo vedo di più.
Un saluto da lontano, fa strano a chi si prendeva per mano.
Candele sui davanzali, speranze gridate
Intravedo dalle tende di camera mia qualcuno meditare, qualcuno fare arte, qualcuno leggere e imparare.
Ho visto la gente guarire incontrando la propria ombra, stupendosi di ciò che vedevano.
Ho visto gente vivere giorni senza senso e senza cuore. Tristi, senza forze, troppo lontani.
Io, invece, ho imparato la mancanza di libertà che grava sulla nostra forza di indipendenza, un’imposizione che ci schiaccia e logora la nostra volontà.
Un tocco di mano ritornerà.
Il sorriso di un passante lo rivedrò.
Speranze che daranno luce a spente candele.
Vedremo arte, poesie, letture, libri, insegnamenti rinascere.
Passeggiate con la propria ombra.
Non si troverà un senso alla vita ma noi lo daremo ad essa.
Un Brindisi alla libertà.
La vita ritornerà, sarà meglio di prima.

Un pensiero su “La vita ritornerà di Yasmin Khadra ( Italia 2002)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.