Van Gogh 2. Farabbi, Adlujè

This image has an empty alt attribute; its file name is default.jpg

Autoritratto

[…] La raggiera comincia dall’occhio (della ruota del carro), che è ciò di più determinante per l’inizio e la direzione e la durata del viaggio.

Sono venticinque anni che lavoro dentro il mio occhio. […]

C’è un crogiuolo in cui confluiscono cervello pancia e cuore: da una parte, le architetture pazienti dell’autodisciplina; i lentissimi avvicinamenti lenticolari dentro cui il mondo osservato si fa grande tanto più il mio occhio è lavato e riesce a rimanere nudo e coscientemente piccolo, dall’altra parte le eruzioni passionali in cui scattano le fionde dei nervi mi accendono in lievitazioni laviche roventi e mi proiettano fuori, bruciando. In questo atanor interiore si compie il mio fragilissimo equilibrio. Fragilissimo perché devo faticarlo ogni minuto del giorno. È il mio orto e le mie mani vi entrano per impastarlo. La mia scrittura ha lì le sue radici.

[…] La scrittura non salva la mia esistenza.

Il mio bersaglio non è la scrittura ma l’opera interiore.

*

Giallo

Io sono un’esplosione gialla nel cervello muto
della solitudine. L’ape di luglio
che scotta.
Il miele.

Sono il miele che nevica
dentro la pancia della notte
ungendo di oro
il vento.

*

Viaggio giallo delle talpe

I ciechi sentono il giallo
perché odora.

S’infilano la spiga piena
dentro la narice
il tempo che dura
la vita.

Quando l’inverno crolla
sfondano la terra con il muso sotterraneo
dov’è posta la madia:
il granaio.

L’ambra febbricitante dell’estate.

La luminaria della brace.

*

Blu

Entro nella polpa della notte:
mi ci affondo come se tornassi dentro la pancia buona
della madre
dove le teste e le cose
si sono appena addormentate
sazie in pace
e non fanno più rumore.

Le mie ali sono più blu della notte
crescono
spingendomi il petto
incrostato di fossili intontito dai soli
dai tuorli dai venti
e dalle scintille di dio.

*

Anna Maria Farabbi, Adlujè, Il Ponte del Sale, 2003

I testi in versi qui proposti da Adlujè (dove non si nomina Van Gogh) sono bilingui, a fronte presentano la versione nel dialetto perugino della zona di Montelovesco che riporto di seguito.
Giallo «Io so nbotto giallo ntol cervello tsitto / della solitudine. L’epo de lujo / che coce. / Lmiele. // So lmiele che nengue / drent’a la trippa dla notte: / ogne d’oro / lvento».
Viaggio giallo dei topciechi  «I ciechi sentno lgiallo / perché odora. // S’enfilono la spiga piena / drento la frogia / ltempo che dura / la vita. // Quan l’inverno frolla / sfondno la terra ncol muso sottsotta / dua c’honno la mattra: / lgranèo. // L’ambra nfebbrita dl’istète. // La sbragièta».
Blu  «Mbocco la polpa dla notte: / mc’afondo come s’argissi drento la trippa bona / dla mi mamma / dua le teste e le cose s’enno apisolète / satolle npace / e nfonno più rimore. // Le mi ele en più blue dla notte / crescno / e me tseppono nfòra lpetto / ncrostèto de fossili intontito dai soli dai rosci / de l’ovo dai venti / e da le luje de dio».

This image has an empty alt attribute; its file name is van-gogh-paesaggio-con-covoni.jpg

Immagini: Vincent van Gogh, Autoritratto con cappello di feltro grigio, inverno 1887-‘88 olio su tela, 44 × 37 cm, Van Gogh Museum, Amsterdam; Paesaggio con covoni e luna nascente, 1889, olio su tela, 72 × 91 cm, Kröller-Müller Museum, Otterlo. In mostra a Padova, Centro San Gaetano: Van Gogh. I colori della vita, a cura di Marco Goldin, 10 ottobre 2020-11 aprile 2021

(a cura di Giovanna Menegus)

2 pensieri su “Van Gogh 2. Farabbi, Adlujè

  1. Pingback: Van Gogh 2. Farabbi, Adlujè | Crudalinfa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.