Il ricordo

Alcune cose bisogna soltanto sopportarle: il male, sulla terra, è inevitabile. Ma c’è un modo migliore per farlo: pensare a quanto ha sopportato per noi l’Uomo dei dolori, che ben conosce il patire. Condividere tutto, unirsi a Lui, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, come se fosse impossibile rimuoverne il ricordo: così è un’altra cosa.

3 pensieri su “Il ricordo

  1. Robertocarifi75

    carissimo don Fabrì, tra un pò vado a lavorà, ma queste tue parole, come sempre ci invitano alla vita, confermo, te sei già santo. Forse nn te ne rendi conto. I santi sono così, così fatti bene. Grazie! [Mercoledì delle Ceneri]

    "Mi piace"

  2. S&R

    È davvero un’altra cosa…in questo modo la rinuncia e la sofferenza diventano mezzi per entrare nel mistero dell’Amore redentivo. Un bellissimo spunto di riflessione da portare nel cuore in questo inizio di Quaresima, grazie.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.