Van Gogh 3. La mostra di Padova

This image has an empty alt attribute; its file name is 3a_bacon_007..jpg

Settembre 1880, esattamente 140 anni fa, Borinage, regione carbonifera in Belgio. Fine di luglio 1890, Sud della Francia, 130 anni fa.
La folgorante parabola artistica di Vincent Van Gogh si sviluppa entro la durata tanto breve quanto esatta di dieci anni (e la sua conclusione, come è noto, è insieme esistenziale, biografica, coincidendo con la morte del pittore).

Continua a leggere

Van Gogh 2. Farabbi, Adlujè

This image has an empty alt attribute; its file name is default.jpg

Autoritratto

[…] La raggiera comincia dall’occhio (della ruota del carro), che è ciò di più determinante per l’inizio e la direzione e la durata del viaggio.

Sono venticinque anni che lavoro dentro il mio occhio. […]

Continua a leggere

Van Gogh 1. Farabbi, Favola

This image has an empty alt attribute; its file name is 26113166351c8622b99888ee6b7828ee.jpg

Me l’ha raccontata una vecchia. E quando ebbe affidato a me l’ultima parola della storia, si addormentò per stanchezza e passaggio di custodia. Il suo corpo, di colpo, sfilò l’arcobaleno e si chiuse nel sonno, davanti a me.

Continua a leggere

Sergio Calzone. Racconto 4

PIERRE 1_Fontaine de Vaucluse

«Pierre mi tira i sassi!»

In una mattina di maggio che conservava ancora un poco della pungente novità della primavera, una bambina bionda con le trecce e un vestito di cotone bianco a righe orizzontali blu toglieva dall’acqua di una fontana, a una a una, le foglie di platano cadute dopo il vento, prendendole per il picciolo.

Continua a leggere

Sergio Calzone. Racconto 3

This image has an empty alt attribute; its file name is muscat-1_tournesols.jpg

Muscat

Per una strada tra le dune e gli stagni arrivai a Frontignan. Dovetti fiancheggiare una grande raffineria della Mobil, sui cui serbatoi i gabbiani stavano appollaiati in cerchio, mentre, più in là, la fiamma azzurra delle scorie sembrava il tripode di un fantasma di olimpiade da Fahrenheit 451.

Continua a leggere

Sergio Calzone. Racconto 1

Lo scarto

È per loro che scrivo. Quelle vite così brevi, così facili da dimenticare. Sono l’unico essere nell’universo che ancora se li ricorda, a parte Dio.

J. M. Coetzee, Mattatoio di vetro

Finalmente sembra che rannuvoli: c’è del nero dietro i pioppi del canale e può essere che oggi butti giù un po’ d’acqua. La terra è una crosta sempre più dura, tanto che da giorni non mi riesce più di cavarne un lombrico e mi riduco a semi, a erbe e a qualche cavalletta presa appena dopo l’alba, quando non saltano ancora.

Continua a leggere