Viaggio tra il paesaggio e la memoria – Palazzo Strozzi, Firenze, 29 aprile

clip_image002
Carissimi, Vi segnalo questo bell’appuntamento, al quale spero verrete numerosi. Potrebbe essere una bella occasione anche per incontrarci tra noi di LPELS!

Un caro saluto,
Giovanni A.

——–

GABINETTO SCIENTIFICO LETTERARIO G.P. VIEUSSEUX

Mercoledì 29 aprile 2009, ore 17
Firenze, Palazzo Strozzi, Sala Ferri

Viaggio tra il paesaggio e la memoria

Incontro sui volumi


La ballata della piccola piazza

di Elio Lanteri
(Transeuropa Edizioni)

La tana degli Alberibelli

di Marino Magliani
(Longanesi Editore)

Partecipano

Marino Magliani, Giulio Milani, Giuseppe Panella

Introduce

Giovanni Agnoloni

Informazioni
Centro Romantico del Gabinetto G.P. Vieusseux, Piazza e Palazzo Strozzi, 50123 Firenze
Tel. 055 288342, fax 055 2396743, e-mail centroromantico@vieusseux.fi.it

L’evento. Falsa testimonianza di chi non c’era

Quanta bella gente stasera al Grand’Italia. Lo diceva Constance Maurice. E l’altra sera (quale?, l’altra, l’altra) in quel della Caputmundi si è svolto il primo raduno di LPELS. Lo potrò dire: io NON c’ero. Ma io ci sarò! E dunque, da falso testimone dell’evento, mi permetto con bronzea faccia it’s toasted (come le Lucky Strike) di pubblicare foto e didascalie della kermesse. Continua a leggere

Edizione straordinaria: resoconto ab imo pectore del primo raduno di LPELS

Roma, addì 22 settembre 2007.

[N.B. Chi scrive è stata autorizzata a postare dai papaveri di LPELS in persona. Mi scuso con chi ha pubblicato il proprio articolo distanziandolo adeguatamente dal precedente e dal successivo]

La prima emozione è stata conoscere di persona Fabrizio, Gran Mogol di LPELS. Voi vi domanderete: «Ma è davvero così inarrestabile, incontenibile e immarcescibile come sembra?» La mia risposta è: «No. Deppiù» (dicesi a Lambrate). L’uomo grazie al quale tutto ciò non sarebbe stato possibile – e dàgli con questi –bile! – è stato il vero motore dell’incontro che ci ha uniti in poesia (prosa) e in ispirito.
Ebbene, perché questo non sia uno dei soliti resoconti che si snodano seguendo rigidamente una fabula ho deciso di autorità di andare controcorrente e di procedere in modo miei generis (stamattina mi sento Cornelia Gracchia: bando alle facili battute sul mio tono di voce) per illustrare la serata di ieri.
Dunque, questi sono i miei gioielli: Continua a leggere