Giuliano Mesa

chissà dove. arriverà del vento,

con una pioggia fitta, le folate,

anche, per fare prima, scrosci,

fole di meraviglia, come a vigilia,

a fare impacchi, bende, beveroni.

nessuna banda a fare chiasso, o sí,

anche, facendo prima, due tamburi,

due chiostre di denti che scongiurano,

quattro mani che fanno giochi d’ombra,

così, per divertire. chissà dove,

nitrire, frinire, facendo in fretta,

nutrire un’altra fine che si stanca.

fa, chissà dove, molto caldo,

fanno dei fuochi, altrove, per scaldarsi.

due o tre sospiri, forse, non di più

[da chissà, PDF PRESS, 1999 (a cura di Nanni Cagnone)]

Emily Dickinson [Morii per la Bellezza]

449

I died for Beauty – but was scarce
Adjusted in the Tomb
When One who died for Truth, was lain
In an adjoining Room –

He questioned softly “Why I failed”?
“For Beauty”, I replied –
“And I – for Truth – Themself are One –
We Bretheren, are”, He said –

And so, as Kinsmen, met a Night –
We talked between the Rooms –
Until the Moss had reached our lips –
And covered up – our names –

*** Continua a leggere

Nanni Cagnone

Quando un attimo si scioglie

dai doni del tempo

per una tregua, una luce

non rassomigliante,

noi, perduti senza desiderio

nel concavo dialetto

dell’infanzia, in venerati

nascondigli, nel pettine

dai denti disuguali,

ingannati sappiamo

di avere diritto.

da : Anima del vuoto, Bari, Palomar, 1993

Charles Baudelaire, da: Les fleurs du mal

SPLEEN

Quand le ciel bas et lourd pèse comme un couvercle
Sur l’esprit gémissant en proie aux longs ennuis,
Et que de l’horizon embrassant tout le cercle
Il nous verse un jour noir plus triste que les nuits;

Continua a leggere