Natura o Persona?

Oggi prevale l’idea che l’essere umano sia istintivo, che viva assecondando ciò che sente, senza mediazioni. È un equivoco grave, perché manca il dato che lo rende “umano”: un io che sceglie dove andare, cosa fare, se rivolgersi alla carne o allo spirito, in termini teologici. In una parola, non è la natura, ma la persona l’elemento decisivo. La natura è necessitata, la persona è libera. Per il credente, la Persona per antonomasia è Cristo: se vive di Lui, partecipa della sua libertà.