Teologie


Oggi, certi teologi escludono la realtà del peccato originale, uno stato di purezza antecedente all’errato esercizio della nostra libertà. Io sono per l’ortodossia, per il negletto depositum fidei. Chi la pensa come me, potrebbe rimpiangere l’epoca in cui Dio, per così dire, passeggiava nel giardino, facendo visita all’uomo e alla donna innocenti, nella cornice simbolica del paradiso terrestre. Ma il Cristo ricorda a Gabrielle Bossis, l’ormai nota mistica francese, che è molto più appagante l’incontro attuale, nato dalla rivelazione di un amore capace di morire, pur di salvare chi si ama. Godiamoci dunque questa svolta, dimentichi del passato e protesi verso il dono gratuito del futuro.